lunedì 14 ottobre 2013

Due parole con i Threelakes and the Flatland Eagles

Arrivano in palude questa sera, per la prima volta, i Threelakes and the Flatland Eagles con questo album d’esordio uscito da qualche giorno: War Tales. Racconti di guerra, sì, un titolo molto esplicito, con il quale si fa riferimento alle guerre vere, lontane nel tempo e nello spazio, come ai piccoli conflitti quotidiani. Ispirato dai racconti di un nonno che scappò dai nazisti con la fisarmonica in spalla è Storia di tutti noi (ma anche attualità bruciante). Così, il folk intimo e acustico di Luca Righi, ha incontrato il rock dei the Flatland Eagles (Andrea Sologni, Raffale Marchetti, Lorenzo Cattalani, Marco Chiussi, Paolo Polacchini, nomi cult dell’underground italico), ed è nato questo gioiellino di cd, dato alle stampe per la bella indie-label Upupa Produzioni.
Prodotto, registrato, mixato da Andrea Sologni (Gazebo Penguins) all’Igloo Audio Factory, masterizzato all’Alpha Dept (ancora quello) da Andrea SurianiWar Tales  sembra un disco di grandi classici folk-rock già al primo ascolto. Titoli che restano come Wild Water, The Lonesome death of Mr Hank Williams, D-day. Canzoni che profumano di speranza, ma anche disperazione, follia e redenzione. Un disco importante, lanciato con questa frase molto esplicita: War Tales racconta le mille sfumature di chi le guerre le fa e di chi le subisce. War Tales racconta delle luce e del buio. Dove puoi nasconderti ma dove poi rischi di non trovarti più. Parliamone. Pronti?  
PERCONOSCERLI MEGLIO 

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

111 Commenti:

Alle 14 ottobre 2013 21:34 , Blogger Threelakes ha detto...

heilà a tutti gli abitanti della palude!

 
Alle 14 ottobre 2013 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuti in palude...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

... o dovrei dire benvenuto Luca? ;)

 
Alle 14 ottobre 2013 21:36 , Blogger Threelakes ha detto...

Beh direi di si, ho usato un nome istituzionale ma son poi sempre io...
Luca Righi

 
Alle 14 ottobre 2013 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora benvenuto a te, grazie di essere qui a parlare del vostro nuovo disco.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:38 , Blogger Threelakes ha detto...

Di niente figurati! Grazie a voi per lo spazio. Te dici ben venuti nella palude ma qui a Mantova stasera c'è un umido che fa spavento.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

... non siamo molto distanti, giornata umida anche qui, maledizione. Siamo nella palude padana ;)

 
Alle 14 ottobre 2013 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ci resta che parlare del tuo disco, di parlare di War Tales, pronto?

 
Alle 14 ottobre 2013 21:40 , Blogger Threelakes ha detto...

Oh beh, almeno non ci secchiamo. Devo stare attentoa quel che dico perchè è una intervista al volo nero su bianco. Mi scuso con il mostro della laguna se l'ho offeso...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:40 , Blogger Threelakes ha detto...

Pronto! Da dove vuoi partire?

 
Alle 14 ottobre 2013 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Partiamo dall'inzio ...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato War Tales?

 
Alle 14 ottobre 2013 21:43 , Blogger Threelakes ha detto...

Allora all'inizio c'è stato Andrea Sologni che ha deciso che una cosa bella da fare era produrmi un disco all'Igloo Audio Factory. Era autunno 2011 e faceva un freddo becco anche lì.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:44 , Blogger Threelakes ha detto...

A dicembre gli ho detto:" sai che c'è vecchio mio? un po' di canzoni le ho, facciamolo!". Da lì è partita una bella collaborazione che in quasi due anni ha portato a War Tales.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:44 , Blogger Threelakes ha detto...

Mi sembra superfluo sottilineare il lavoro maniacale che è stato fatto dietro il disco ma cambiando noi cambiava piano piano anche lui fino ad avere la forma attuale.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:45 , Blogger Threelakes ha detto...

E poi in studio c'erano anche due grandi personaggi come Marco Chiussi e Raffaele Marchetti a dare una mano e a mettere idee sul piatto.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Bel modo di raccontare come è nato ...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Nato per tappe, con molti corridori in squadra ...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:47 , Blogger Threelakes ha detto...

Ci son stati momenti in cui ci siamo divertiti, altri in cui abbiamo litigato forte ed altri in cui eravamo tristi e non si sapeva dove stavamo andando. Però credo che fosse più una reazione data dall'impegno nel progetto che altro. Insomma War Tales si può dire che è uno degli amori più complicati della mia vita.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Fantastico ... si sente ascoltandolo.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? …la guerra è sempre attuale, purtroppo.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Dietro, davanti, in parte ...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:50 , Blogger Threelakes ha detto...

Perchè è il filo conduttore che lega tutte le canzoni del disco. Noi nella guerra bene o male ci siamo nati, ci cresciamo e probabilmente in una qualche sorta di guerra andremo a morire. Il fatto che in più di un pezzo affronti il tema della morte è riflesso diretto della paura che nutro nei suoi confronti. Se ci pensi bene forse morire è l'unica cosa che fai da solo nella vita.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:50 , Blogger Threelakes ha detto...

Ecco, forse combattiamo per non essere soli.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:51 , Blogger Threelakes ha detto...

Però devi anche contare che è lunedì. I pensieri tristi vengono sempre di lunedì.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, Hemingwey diceva che ci sono due cose che si fanno da soli: morire e andare in bagno ... e lui se ne intendeva di guerre.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:52 , Blogger Threelakes ha detto...

Se mi facevi la stessa domanda prima di un concerto magari ti rispondevo in maniera diversa. Se era un concerto di lunedì una metà via.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:53 , Blogger Threelakes ha detto...

hahahah. eh si.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 14 ottobre 2013 21:54 , Anonymous Zino ha detto...

ciao, ci sono

 
Alle 14 ottobre 2013 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Zino, benvenuto in palude ...

 
Alle 14 ottobre 2013 21:56 , Blogger Threelakes ha detto...

Bella domanda. Non c'è stato un progetto dal punto 0. È stata più una camminata dove piano piano raccoglievo fiori attorno al sentiero fino a quando non sono arrivato al risultato voluto. Di fatti tutti i pezzi che ho scritto son finiti sul disco a parte uno, non ci son stati grossi scarti. Il tema della guerra è iniziato a venire fuori un anno fa, quando mi son reso conto che tutto il materiale parlava di quello.

 
Alle 14 ottobre 2013 21:57 , Blogger Threelakes ha detto...

Ciao Zino!

 
Alle 14 ottobre 2013 21:58 , Anonymous Zino ha detto...

Ciao Alligatore, ciao Luca!

 
Alle 14 ottobre 2013 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

... e tu, che ne dici del disco Zino?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di War Tales?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

... tra i tanti, immagino.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:04 , Anonymous Zino ha detto...

io sono molto di parte, sono un Flatland Eagles...posso dire che sono soddisfatto a livelli che non si possono scrivere o raccontare di come suona War Tales, anzi di come parla e racconta, a volte sussurra a volte alza la voce... vale anche se sono di parte come commento?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:05 , Blogger Threelakes ha detto...

Il più bello secondo me riguarda il riff di tromba nel finale di d-day. È un fatto da nerd ma molto carino secondo me. Emanuele Reverberi (trombettista e violinista dei Giardini di Mirò, ha collaborato a war tales registrando tutte le trombe e gli archi) quel giorno aveva un tasto incriccato. Allora ha deciso di fare il riff pitchato di modo che poi in missaggio lo si mettesse in tonalià. Preciso. Un fenomeno. Ci son rimasto di stucco per quel che ha fatto. Da un problema tecnico ha tirato fuori una delle più belle atmosfere del disco...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:08 , Blogger Threelakes ha detto...

Beh poi in generale è bellissimo il clima all'igloo audio factory. Si mangia bene, si beve bene, si ride e si scherza. Ma poi al lavoro! Precisione svizzera i regaz di laggiù.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo che vale anche se sei un Flatland Eagles ... voglio opinioni anche da quella parte del progetto.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Sto ascoltando ora D-day, un gioiellino di misura e atmosfere in salire ... deve ancora arrivare la tromba.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:10 , Blogger Threelakes ha detto...

Wait for it...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

... eccola, chiapperi, che bellezza.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:11 , Blogger Threelakes ha detto...

Eh manu spacca.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:12 , Blogger Threelakes ha detto...

ma anche la batteria di zino :D

 
Alle 14 ottobre 2013 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

GIà ;)

 
Alle 14 ottobre 2013 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo vostro cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 14 ottobre 2013 22:13 , Anonymous Carmine Vitale ha detto...

A proposito d'atmosfere, nel disco si respira un'aria talvolta sofferta. Volevo sapere se c'è qualche traccia che sia specchio di un episodio personale. Mi ha colpito molto l'introspettività di The day my father cried. Grazie

 
Alle 14 ottobre 2013 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Carmine, hai ragione ... e bella domanda.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:17 , Blogger Threelakes ha detto...

Ciao Carmine! Eh beh c'hai preso. La prendo larga. Mio padre è una di quelle persone un po' burbere, sempre attente a non svelare troppo i sentimenti e sempre impegnato nel lavoro e nella vita concreta di tutti i giorni. Quando ero all'università mi capitò l'occasione di ricevere una borsa erasmus e di passare un anno a madrid. Il 31 gennaio 2006 mio padre mi accompagnò all'aeroporto marconi di bologna e si commosse molto. Da qui the day my father cried. Il saluto, l'addio.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:19 , Blogger Threelakes ha detto...

Non approfondisco oltre perchè secondo me poi ognuno deve prendere queste atmosfere e possibilmente farle sue...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Bello, una partenza struggente ...come il brano in questione.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:21 , Blogger Threelakes ha detto...

eh beh in effetti i temi di war tales non sono allegrissimi. per fortuna noi ci teniamo su il morale! :D

 
Alle 14 ottobre 2013 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero album? … che vi piace di più fare live?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:23 , Blogger Threelakes ha detto...

pensa che quando abbiamo suonato al magnolia l'anno scorso durante la presentazione di Rose siamo scoppiati tutti a ridere al mio: "...e questo è un pezzo triste". Il bello è che anche il pubblico rideva con noi. Poi al quattro della batteria siamo entrati nell'atmosfera della canzone e ci siamo tutti un po' commossi. Ci commuoviamo sempre. Alla fine siam dei teneroni.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:25 , Anonymous Zino ha detto...

il progetto vissuto dalla mia parte si può riassumere forse in un piccolo racconto:
la prima data per i flatland è arrivata dopo solo un pomeriggio di prove all'igloo studio, era una domenica di giugno molto molto calda e abbiamo passato ore ed ore ad arrangiare alcuni dei brani che Luca stava già registrando. Ho incontrato quel giorno per la prima volta Raffaele e per la prima volta suonavo nonostante ci si conoscesse da anni con Luca e Andrea. Dopo una settimana esatta eravamo sul palco di Abbassa a suonare per una cosa bellissima come la raccolta fondi per il Lato B (sala prove di finale emilia danneggiata dal terremoto) ed è scattato qualcosa subito tra tutti noi, Marcho Chiussi al mixer e tutta la famiglia che ruota attorno allo studio Igloo...ecco è una cosa che mi piace sempre raccontare: suonare per tutti noi è qualcosa di profondamente legato all'emozione, al sentirsi parte di un progetto bello ed importante. Luca ha avuto il merito, oltre quello di scrivere gran belle canzoni, di unire tante persone attorno ad un'idea forte, attorno alla voglia di suonare e cercare la vibrazione giusta musicale ed umana.. questo vale anche per tutte le persone che sono man mano entrate nella squadra: Paolo Polacchini, Daniele...insomma tanto tempo è passato da quella prima volta, tanta strada è stata fatta ma la scintilla emotiva è ancora viva e forte e penso si senta...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:25 , Blogger Threelakes ha detto...

Il pezzo che mi piace di più fare live è wild water. condensa in un pezzo tutto war tales. Il sussurrato delle strofe, l'esplosione del ritornello e gli arrangiamenti complessi e delicati allo stesso tempo. Quando entriamo sul ritornello tutti assieme ed andiamo avanti come una locomotiva che prende velocità ho sempre un brivido lungo la schiena...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', Rose è un gran pezzo, un gran bel finale di album.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo con Zino, delle ottime canzoni, per delle altrettanto ottime vibrazioni, che si sentono anche su disco...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:27 , Blogger Threelakes ha detto...

Grazie! L'idea era quella di andare via dalle orecchie dell'ascoltatore in punta di piedi ed un po' sospesi di modo che da un finale possa cominciare una nuova storia...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Be, tra le mie preferite, oltre a Rose, anche The Lonesome death of Mr Hank Williams, By my side, D-day e March.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:32 , Anonymous Zino ha detto...

io ogni volta che suono To Do mi emoziono tantissimo, quando parte l'assolo verso la fine di Raffaele poi rido proprio di gusto perchè sono felice...nonostante il pezzo non sia proprio allegro ahaha...
ogni canzone ha il suo fascino ed ogni live prende nuove sfumature... il concerto del magnolia a marzo effettivamente è stato epico... mantova bologna- esplosione lunotto posteriore prima di partecipare ad un programma in radio-carglass-panino in bar con maglie del bologna calcio-milano-concerto-ritorno a mantova... ah e mentre guidavo la macchina di Luca di notte i regaz invece di darmi una mano si sparavano video rap a non finire dai loro congecni tecnologici ahahaha...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:32 , Blogger Threelakes ha detto...

praticamente tutto! :D

 
Alle 14 ottobre 2013 22:35 , Blogger Threelakes ha detto...

ti stavamo dando una mano, stavamo ampliando la tua misera cultura di black music e ti stavamo insegnando termini nuovi tipo: "smerdalo!". A nostra discolpa è tutta colpa della grappa di Capra.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Tutto ... tutte le tonalità del cd.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', To do è uno dei pezzi più srtruggenti dell'album.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

E quanto le avventure pre e post live, sembrano uscire da un romanzo dell'amico Morozzi ... sfegatato del Bologna, tra l'altro.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:37 , Anonymous Carmine Vitale ha detto...

Il modo delicato di raccontare mi ha fatto spesso pensare a Neil Young. Volevo sapere se ci son stati uno o più artisti ad influire sulla genesi dei pezzi e sul cantato. (Giuro che è l'ultima )

 
Alle 14 ottobre 2013 22:38 , Blogger e. ha detto...

ciao! si può entrare a tradimento nella discussione?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:38 , Blogger Threelakes ha detto...

come tonalià si ma come testo se ci pensi bene è the walk. Inizia con "far far away from my home, from my tears and my parents slowly die"...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:39 , Blogger Threelakes ha detto...

certo e. buttati!!!

 
Alle 14 ottobre 2013 22:40 , Anonymous Zino ha detto...

giusto Luca, lanciamo una chat dedicata solo a questo tema: quanto è buona e quanto aiuta la grappa di Capra? ahaha..
battute a parte, difficilmente ci si annoia quando si va in giro a suonare!

 
Alle 14 ottobre 2013 22:41 , Blogger e. ha detto...

ciao luca e zino! una delle mie preferite di war tales che forse non avete ancora tirato fuori è horses slowly ride. di cosa parla?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Vai puere e.
E pure Carmine, le tue domande sono gradite, non ti preoccupare.


 
Alle 14 ottobre 2013 22:41 , Blogger Threelakes ha detto...

zino guidi te a tornare a casa?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Faccio un po' di ordine nel caos, nel caso si fossero perse le domande degli amici Carmine e di e.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Carmine chiede: il modo delicato di raccontare mi ha fatto spesso pensare a Neil Young. Volevo sapere se ci son stati uno o più artisti ad influire sulla genesi dei pezzi e sul cantato.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:44 , Anonymous Zino ha detto...

Se vuoi guido io, nessun problema...però prima rispondi alle domande che ti fanno che mi sembrano belle assai... ed è proprio bello questo spazio alligatore

 
Alle 14 ottobre 2013 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

e.chiede: una delle mie preferite di war tales che forse non avete ancora tirato fuori è horses slowly ride. di cosa parla?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Andate pure entrambi con le risposte ... e la grappa ;)

 
Alle 14 ottobre 2013 22:45 , Blogger Threelakes ha detto...

Allora e. Horses Slowly rides parla di confronti tra le ambizioni e la realtà. Adesso ti dico una roba: quando canto "in that day I will cry for your sins for your eyes, my child you'd never come to life" si riferisce ad un progetto di vita. da lì hai una chiave per interpretare la canzone. A me comunque piacerebbe sentire di più cosa significa Horses Slowly ride per te e di cosa parla per te. Anzi te lo chiedo: di cosa parla per te horses slowly ride?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:51 , Blogger Threelakes ha detto...

Beh io ho due grandi punti fermi come ispirazione e sono Bob Dylan e Bruce Springsteen. Non ne ho mai fatto segreto. Mi piace il modo che hanno di affrontare le canzoni. Bob dylan riesce in pochi versi a portarti verso un'emozione profonda mentre Bruce Springsteen crea dei crescendo e dei racconti formidabili. Mi piacciono gli arrangiamenti della E street band e la poetica di bob dylan. Ecco. Neil young faccio un pelo più fatica. Adoro però David Crosby.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:51 , Blogger e. ha detto...

io ci sento aspettative, tempo che passa, notte. forse mi piace per quello, poi non sono fortissimo senza i testi davanti, dovreste metterli da qualche parte.

 
Alle 14 ottobre 2013 22:53 , Blogger Threelakes ha detto...

Diamine ma non ci sono su bandcamp? Vedo di rimediare il prima possibile!

 
Alle 14 ottobre 2013 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, i testi, per chi non conosce l'inglese, sono fondamentali ... io la sento una canzone corale, di speranza: i cavalli galoppano piano e c'è il sole...

 
Alle 14 ottobre 2013 22:55 , Blogger Threelakes ha detto...

Vedete che bello? Evviva! Son contento!

 
Alle 14 ottobre 2013 22:56 , Blogger e. ha detto...

sì, i testi ci vogliono. anche perchè credo che il bello di queste canzoni sia anche (e soprattutto) lì. molto spesso, quando canti in inglese, gli ascoltatori si fermano alla musica. non ti sei mai sentito in qualche modo incompreso?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Upupa Produzioni. Come vi siete incontrati e come avete lavorato insieme?

 
Alle 14 ottobre 2013 22:58 , Blogger Threelakes ha detto...

Mi sento sempre incompreso. L'unica volta che mi son sentito capito fino in fondo è stato quando ho suonato a berkeley per forza di cose. Quella in cui mi son sentito capito di meno è forse stato il release party di four days ep.

 
Alle 14 ottobre 2013 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa: il cd è uscito con Upupa Produzioni. Come vi siete incontrati e come avete lavorato insieme?

 
Alle 14 ottobre 2013 23:01 , Blogger Threelakes ha detto...

Beh Giorgio di Upupa è un caro amico da tanti anni. Condividiamo la (s)fortuna di vivere nella bassa e quindi ci siamo beccati subito al volo. Si è fatto avanti per stampare war tales e mi sembrava bello lavorare con un amico. Oltretutto si sta facendo un mazzo assurdo per spingere il disco anche all'estero. Ecco, se devo dire una roba che mi ha fatto propendere per Upupa è che ero sicuro che Giorgio avrebbe dato il 1000x1000 per war tales. Lo fa sempre.

 
Alle 14 ottobre 2013 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

. Copertina decisamente in tema con il contenuto del cd. Chi è l’autore e come è stato scelto? È nata appositamente per questo cd oppure era un’opera preesistente?

 
Alle 14 ottobre 2013 23:05 , Blogger Threelakes ha detto...

ho messo tutti i testi sotto la sezione lyrics: http://threelakesmusic.com/

 
Alle 14 ottobre 2013 23:06 , Blogger Threelakes ha detto...

L'autore della copertina è il mio migliore amico nonchè eccellente illustratore: Patrick Aleotti in arte Makkinoso. Eravamo in classe assieme alle elementari e da allora ne abbiamo combiante di cotte e di crude assieme. È un mio fratello acquisito via...

 
Alle 14 ottobre 2013 23:08 , Blogger Threelakes ha detto...

La copertina è una vecchia fotografia ricalcata. stop. no comment.

 
Alle 14 ottobre 2013 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', molta sintonia con il tuo fratello acquisito ... andremo poi tutti a leggere i testi poi, ben fatto...

 
Alle 14 ottobre 2013 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete l’album? …

 
Alle 14 ottobre 2013 23:11 , Blogger Threelakes ha detto...

l'album lo abbiamo presentato sabato scorso davanti ad un mattatoio (storico locale di carpi) gremito di amici. È stata una festa bellissima! Adesso lo portiamo un po' in giro. Partiamo venerdì. Ecco un po' di date:
18-10-2013 —- Albatross, Pisa - Threelakes and the Flatland Eagles

19-10-2013 —- No Cage, Prato - Threelakes and the Flatland Eagles

20-10-2013 —- Magazzino delle Idee, Orvieto - Threelakes duo

24-10-2013 —- Secret Show, Bologna - Threelakes and the Flatland Eagles

25-10-2013 —- Arci Tom, Mantova - Threelakes and the Flatland Eagles

09-11-2013 —- Patchanka, Ferrara - Threelakes and the Flatland Eagles

16-11-2013 —- Arci Acropolis, Vimercate (MB) - Threelakes and the Flatland Eagles

23-11-2013 —- Officina 34, Foligno - Threelakes duo

27-12-2013 —- Vinile, Bassano del Grappa (VC) - Threelakes and the Flatland Eagles

Non son precisissime perchè ne mancano un po'. Prima di andare a letto aggiorno.

 
Alle 14 ottobre 2013 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Seguiremo l'evolversi del tour nei vostri spazi web ...

 
Alle 14 ottobre 2013 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 14 ottobre 2013 23:15 , Blogger Threelakes ha detto...

Beh io saluto e ringrazio te che mi hai dato questo spazio. Gli altri lo sanno. Ogni persona che ha investito anche solo 5 minuti della sua vita su Threelakes ha un pezzo del mio cuore.

 
Alle 14 ottobre 2013 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Luca, e a Zino, Carmine, e. e a tutti quelli che sono passati e passaeranno ...

 
Alle 14 ottobre 2013 23:18 , Blogger Threelakes ha detto...

Grazie a voi ed una buona notte!!!

 
Alle 14 ottobre 2013 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Threelakes and the Flatland Eagles ...

 
Alle 14 ottobre 2013 23:19 , Anonymous Carmine Vitale ha detto...

Notte a tutti. Vi aspettiamo al Sud e più precisamente a Salerno!

 
Alle 14 ottobre 2013 23:20 , Blogger Threelakes ha detto...

Arriviamo Carmine!!!

 
Alle 14 ottobre 2013 23:20 , Anonymous Zino ha detto...

sarebbe bello sapere che le persone che ascolteranno il disco o verrano ad un concerto con tutta la banda o ad un solo show di Luca si emozionino quanto capita a me ogni volta che parte la musica e le parole di Luca iniziano a raccontare queste storie...ecco...forse è contorto ma si capisce.. grazie mille per lo spazio, davvero. cmq l'alligatore con le cuffie è super figo!

 
Alle 14 ottobre 2013 23:22 , Anonymous Zino ha detto...

a Salerno super...però non guido io! ciao!

 
Alle 14 ottobre 2013 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Zino ;)
... e vai con il tour (gran belle date, veramente).

 
Alle 15 ottobre 2013 11:49 , Blogger Ernest ha detto...

:-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page