lunedì 31 ottobre 2011

Due parole con Etta Scollo

Ritorna nella palude una voce di donna, e che voce! Solo quella basterebbe per mettere sul lettore i suoi cd, ma aggiungeteci i contenuti: delle canzoni della nostra storia irraggiungibili, delle canzoni meno note, ma che insieme alle altre non sfigurano. Be’, meglio cominciare a fare alcuni nomi. Lei è Etta Scollo, ragazza di Catania in giro per il mondo a suonare. Da Amburgo a Berlino, Torino, Vienna, Palermo …queste solo alcune città toccate nel suo percorso artistico, tra musica classica e pop, cantautori, riscoperte.

Ora vive tra la Sicilia e Berlino (chissà da dove sarà collegata questa sera?), ed è qui per parlare di Cuoresenza, cd uscito recentemente per Trocadero, pieno zeppo di canzoni. C’è per esempio Canzone dell’amore perduto di De Andrè, per me la canzone d’amore più bella in assoluto, c’è Se telefonando, pezzo che ha segnato un’epoca, La cura di Battiato, altra epoca, Der Novak dal forte testo cantato in tedesco …e poi Modugno, Jannacci, Conte. Un viaggio nel tempo e nello spazio, che ora fa tappa anche nella mia palude. Pronta? Pronti? Pronto …

VAI AL SUO MYSPACE

http://www.myspace.com/ettascollo

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

125 Commenti:

Alle 31 ottobre 2011 21:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

si sono quà... a Berlino

 
Alle 31 ottobre 2011 21:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, allora benvenuta nella palude...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Wow, da Berlin.

 
Alle 31 ottobre 2011 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Che tempo fa a Berlino?

 
Alle 31 ottobre 2011 21:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma... così così..grigio ma non freddo, è già un lusso. L'anno scorso di questi tempi era molto natalizio

 
Alle 31 ottobre 2011 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari con la neve.

 
Alle 31 ottobre 2011 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

infatti, anzi no, solo il gelo. Dunque adesso è un gran lusso. C'è il sole quasi tutti i giorni e si può andare in bicicletta senza guanti, ancora...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Se non esistesse la Musica, che cosa farebbe Etta Scollo? Quale altra professione o arte?

 
Alle 31 ottobre 2011 21:40 , Anonymous giovanna ha detto...

cosa si dice li dell'Italia?ridono ancora di noi?o ci hanno già dimenticati?

 
Alle 31 ottobre 2011 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenute nella palude, ah, ah, ah

 
Alle 31 ottobre 2011 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Wow, allora città fredda da riscaldare con la musica, abbiamo capito ... se sei pronta faccio partire il cd e vado con la prima domanda.

 
Alle 31 ottobre 2011 21:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

se non ci fosse la Musica Etta farebbe qualcos'altro, boh...la sognatrice, la tassista..quì non si ride affatto dell'Italia, forse si piange o ci si stupisce. Proprio in questo momento il circolo berlinese "Mafia nein danke!" fa una serata-dibattito su Peppino Impastato. Dunque si pensa e si parla, quì a Berlino

 
Alle 31 ottobre 2011 21:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Partiamo pure... ma una domanda alla volta ;))

 
Alle 31 ottobre 2011 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Però, bella cosa ...grande Peppino, mi piace.

 
Alle 31 ottobre 2011 21:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

Si, stano ma quì c'è attenzone per questi temi, forse perchè c'è una grande presenza di giovani italiani, consapevoli, politicizzati...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, fa piacere, da Berlino un messaggio di speranza.

 
Alle 31 ottobre 2011 21:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

decisamente

 
Alle 31 ottobre 2011 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora vado con la prima ...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

vai

 
Alle 31 ottobre 2011 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato “Cuoresenza”?

 
Alle 31 ottobre 2011 21:51 , Anonymous Etta ha detto...

Nasce dal una crisi personale… dalla fine di una lunga relazione sentimentale

 
Alle 31 ottobre 2011 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Capisco...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:53 , Anonymous Etta ha detto...

cosa...? ;)

 
Alle 31 ottobre 2011 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Anzi, posso capire ...

 
Alle 31 ottobre 2011 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo?

 
Alle 31 ottobre 2011 21:58 , Anonymous Etta ha detto...

Ho fatto questo album e gli ho dato questo titolo perchè (nel bene e nel male) non è mai il cuore a “tradire” i sentimenti, o ad abbandonare una situazione, la persona..., ma è il corpo, la testa, i conflitti che ci coinvolgono, sconvolgono e travolgono i nostri piani, i nostri programmi di vita e di convivenza. Il cuore dunque resta solo nel tentativo di sopravvivenza, di integrità. Mentre aspettavo la tua risposta ho letto il tuo commento sul film di Almodovar che condivido pienamente... anche se non ha nulla a che vedere con il mio album, o forse si..per il motivo di cui sopra

 
Alle 31 ottobre 2011 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, in effetti lo chiamiamo cuore, ma è la testa e il corpo che entra in tutto ... e anche Almodòvar qualcosa ne sa, e può entrare benissimo in questo argomento.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Come mai un disco di cover? Come le hai scelte?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:05 , Anonymous Etta ha detto...

Lui in quanto artista e omosessuale credo si ponga molto tutti quei dubbi e i desideri inerenti all'identità dell'essere umano, credo..

 
Alle 31 ottobre 2011 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, nella sua totalità ... in questo caso molto significativa la locandina spagnola.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse sì è persa: come mai un disco di cover? Come le hai scelte?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:06 , Anonymous Etta ha detto...

Uhps... sono un po lenta nelle risposte "incrociate", penso troppo? Comunque: per me non esistono i cover, esiste la musica. Se avessi scelto di registrare “Vaga Luna” di Verdi, mi si chiederebbe …forse…come mai mi dedico alla musica classica. Ma nessuno definirebbe questo brano un “cover” di Verdi…anche se ..lo sarebbe! ;) Ma ...devo ammettere che ho sentito la forte necessità di cantare canzoni che fanno parte del mio trascorso, della mia crescita personale e musicale, e che dunque sento mie, con il dovuto rispetto e gratitudine per chi le ha composte.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Vai bene, ogni tanto ci si incorcia ... è il bello della diretta (G. Minà).

 
Alle 31 ottobre 2011 22:09 , Anonymous Etta ha detto...

si..

 
Alle 31 ottobre 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale sei più fiera, o che senti più tuo?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:11 , Anonymous Etta ha detto...

Sento molto “Dinuovoedinuovo” perché positivo e solare nel bel testo di Marthia Carrozzo, adoro il testo di Stefano Benni “E se non ti basta” (Io ti amo) e “La cura” di Battiato autentica dichiarazione d’amore. De André poi… è stato il primo cantautore che ho imparato a suonare alla chitarra.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, poi di De André hai scelto un pezzo molto bello, tra i suoi più belli. Una delle canzoni che ho ascoltato di più ...

 
Alle 31 ottobre 2011 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi ha colpito molto il trittico "Nina te ti ricordi", "La donna riccia" e "Der Novak", 3 "lingue" diverse, 3 epoche ... e nell'economia del disco ci stanno alla grande.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:15 , Anonymous Etta ha detto...

diciamo che è un classico. Uno di quei brani che anch'io ascoltavo da ragazzina con l'orecchio appiccicato al giradischi. Ma De Andrén ne ha composti talmente tanti e tutti stupendi che in realtà ho scelto questo perchè legato alla mia storia.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:18 , Anonymous giovanna ha detto...

mi piaceva molto sentirti cantare "agnese"di Ivan Graziani,Ti ricordi?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi chiededo dove fosse finita Giovanna. Riesci a seguirci o andiamo troppo veloci?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:22 , Anonymous giovanna ha detto...

perfetto!come averVi qui(quasi)

 
Alle 31 ottobre 2011 22:23 , Anonymous Etta ha detto...

Anche il trittico "Nina te ti ricordi", "La donna riccia" e "Der Novak" è autobiografico. Questo CD è in qualche modo un diario. Forse per questo non "stonano" ma si armonizzano. Nina è del periodo in cui mi occupavo della canzone impegnata (avevo 14, 15 anni) "la donna riccia" ce la cantava mio padre, suonando la chitarra, Il Novak è del mio periodo viennese. "Agnese" me la ricordo...

 
Alle 31 ottobre 2011 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene,Giovanna citava "Agnese", appunto, classico di Graziani, allora io ti chiedo ...

 
Alle 31 ottobre 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche altro pezzo che avresti voluto mettere, ma per qualche motivo non sei riuscita ad inserire?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:26 , Anonymous lucia ha detto...

ciao,ho sempre considerato de Andrè difficile da cantare, essendo genovese anzi per me De ANdrè può essere cantato solo da uomini, invece Etta Scollo mi ha mostrato che anche una voce femminile può "quasi"superare il maestro:-)

 
Alle 31 ottobre 2011 22:26 , Anonymous Etta ha detto...

…Migliaia! Di cui alcuni in inglese: “Wath are you doing the rest of your Life” di Alan e Marilyn Bergman, oppure “They can’t take that away from me” di George e Ira Gershwin, ma questo cd sarebbe diventato un’insalata gigantesca…, una torta nunziale..., ho preferito circoscriverlo a quello che mi sembra essenziale, necessario.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Lucia ... De André, argomento gigantesco, difficile da affrontare senza cadere nella retorica. Io lo consco poco, sono molto ignorante in materia, però la versione di Etta de "Canzone dell'amore perduto", di sicuro è molto vicina all'orignale (che ho ascoltato tanto, ma tanto, è il suo pezzo che conosco meglio).

 
Alle 31 ottobre 2011 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Se fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:32 , Anonymous Etta ha detto...

Cara Lucia, hai fatto bene a scrivere "quasi" che è già un grande complimento!!! :) Infatti non è stato facile! E... non è stato facile cantare QUELLA canzone di De Andrè così stracantata. Ma soprattutto ho voluto cantarla a voce bassa, volutamente su un registro "quasi maschile" poichè è una canzone sommessa, mentre purtroppo molti la cantano a squarciagola, in quel ..."sarà la prima che incontri per strada..." mentre questa è una situazione in cui tutti in qualche modo inciampiamo...che ci accomuna

 
Alle 31 ottobre 2011 22:33 , Anonymous Etta ha detto...

ormai mi sono scoperta..credo ;) questo è, per me, un concept-album

 
Alle 31 ottobre 2011 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

In effetti ne abbiamo parlato fino ad ora ... questo è un concept-album.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ci piove.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:37 , Anonymous lucia ha detto...

Ho capito solo ora che devo riaggiornare, altrimenti non riesco a seguire....
La malinconia di De Andrè è resa benissimo dalla voce della Scollo,quell'amore diventa ancora più "perduto" dell'originale.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:37 , Anonymous Etta ha detto...

Mi piace molto lavorare su un tema, il filo conduttore tra un brano e l'altro, come fosse un libro, un film, un racconto..

 
Alle 31 ottobre 2011 22:39 , Anonymous giovanna ha detto...

ognuno lo perde a modo suo,diciamo la verità.Ma Etta canta,interpreta e recita contemporaneamente

 
Alle 31 ottobre 2011 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi sono fermato un attimo a riascoltare "Canzone dell'amore perduto" ... in effetti è cantata senza enfasi, come dovrebbe essere, se ci pensiamo bene.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Morgan alcuni anni fa, aveva rifatto completamente un disco di De André, “Non al denaro non all'amore nè al cielo”. C’è qualche disco del passato che ti piacerebbe rifare? Di De Andrè, o di altri …

 
Alle 31 ottobre 2011 22:42 , Anonymous Etta ha detto...

Lucia, qualcuno una volta mi disse "in fondo non ci si lascia mai", io credo che ci si lasci sempre, nelle piccole cose quotidiane, il difficile è tenere il tutto insieme, l'abbandono che continua a legare due persone così come l'unione in cui in fondo ognuno va per la sua strada...

 
Alle 31 ottobre 2011 22:42 , Anonymous lucia ha detto...

Hai mai pensato di fare un disco in tedesco? Per il pubblico italiano ovviamente!

 
Alle 31 ottobre 2011 22:45 , Anonymous Etta ha detto...

No.. all'inizio non ci ho pensato a fare un album in tedesco, perchè non mi ci sentivo a mio agio. In realtà basta stravolgerla e lavorarci con un po di incoscienza, (come fece la prima Nina Hagen) e questa lingua cambia... si reinventa

 
Alle 31 ottobre 2011 22:48 , Anonymous Etta ha detto...

Caro Alligatore, sinceramente ..non ci avevo pensato fino a qualche anno fa,…E personalmente trovo l’album di Morgan davvero molto bello! Trovo che solo un artista così in gamba come lui, così musicalmente preparato e dalla personalità così “forte” può permettersi un tale rischio, e lui ha superato “la prova del fuoco” alla grande! Comunque si, ultimamente ho pensato di fare un’album dedicato al “suo” autore, ma di più non ti dico, per non rovinarti la sorpresa quando tra qualche annetto ci riscriveremo (…spero!).

 
Alle 31 ottobre 2011 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono curioso ma voglio lasciare il mistero ... e poi io sono sempre qui, quando sarà pronto avvertimi.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Produttore e arrangiatore assieme a te è Peter Hinderthür (fondatore del gruppo Culture Perls), con il quale hai già collaborato.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stato lavorare con lui a questo cd? Qualche episodio?

 
Alle 31 ottobre 2011 22:53 , Anonymous Etta ha detto...

Si ti avverto volentieri :) e a proposito dell'enfasi: è difficilissimo cantare "semplicemente"...

 
Alle 31 ottobre 2011 22:55 , Anonymous Etta ha detto...

È stato semplicemente entusiasmante! Appassionante! Peter Hinderthür è un creativo, ha competenza e fantasia. E ovviamente una grande musicalità che esprime pienamente negli arrangiamenti, soprattutto quelli orchestrali (ad es. “Sopra i vetri” e “Io ti amo”). Bisogna solo mettergli un freno, poiché ha fin troppa energia e troppe idee. Ed è stato davvero uno spasso lavorare insieme.
Per questa produzione abbiamo deciso di comune accordo che avremmo lavorato non più come “partner” di produzione (in genere curo le registrazioni, l’editing e gli arrangiamenti) ma nello stile classico produttore-artista. Dunque io ho fatto un po..per dirla con un'immagine..la parte di Nana Mouskouri e lui quella di Quincy Jones dell’Album in New York “The girl from Greece sings”. Lui mi aspettava con il tappeto rosso steso sul pavimento e un mazzo di fiori e lo champagne davanti al microfono (ovviamente tutto immaginario ;) )

 
Alle 31 ottobre 2011 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Però, bella immagine, che rende l'idea.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:58 , Anonymous Etta ha detto...

Qualche episodio? Per registrare “Der Novak” abbiamo scelto una mattina piovosa, dopo una nottata di lavoro (a registrare le percussioni in "La cura" in una vecchia fabbrica adattata a studio) . Ricordo che fumai una sigaretta (puah!) alle 10 di mattina, prima di cantare… per entrare meglio nel ruolo della donna perduta…, ci divertimmo un mondo.

 
Alle 31 ottobre 2011 22:58 , Anonymous Lucia ha detto...

Il distacco si accompagna all'amore. E ad ogni nuovo inizio lo aspettiamo, almeno, io mi chiedo sempre quando arriverà. Per questo la triste quasi dolce consapevolezza di De Andrè mi colpisce tanto.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Un tema universale, tradotto mangificamente Lucia. Per questo colpisce ad ogni latitudine e qualsiasi sesso.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con la label Trocadero. Come è avvenuto l’incontro? Come hai collaborato con loro?

 
Alle 31 ottobre 2011 23:01 , Anonymous giovanna ha detto...

una sigaretta per fare la donna perduta!Meglio uno spinello......

 
Alle 31 ottobre 2011 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ...in effetti.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:04 , Anonymous Etta ha detto...

Si Lucia..., e mi torna in mente un libro, "Frammenti di un discorso amoroso", che rilessi varie volte...bellissimo

 
Alle 31 ottobre 2011 23:05 , Anonymous Lucia ha detto...

Devo andare a dormire, a proposito di distacco e rispondo a singhiozzo, questo blog ancora non mi è familiare. Grazie per la simpatica occasione:-)Aspettiamo il disco in tedesco, voglio dire, lo ha fatto Milva, con tutto rispetto...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:09 , Anonymous Etta ha detto...

... se fumo uno spinello alle dieci di mattina mi riaddormento davanti al microfono... non ho il fisico per queste cose. Diciamo che reggo poco le dddroooge ;) o forse sono "drogata" di natura, e non mi serve il fumo per sentirmi "fuori", ci vado anche senza.

L’incontro con Trocadero? Era inevitabile. La sede della label è proprio sotto lo studio di Peter Hinderthür. Al più tardi ci saremmo incontrati quando uscivano a portare fuori il cane….e poi noi lavoravamo con le finestre aperte e in cortile si sentiva eccome, la musica. Essendo Trocadero una label sensibile a prodotti particolari e un debole per la musica italiana, diciamo che … insomma, era nel destino che lavorassimo insieme. Già al primo incontro Rüdiger Ladwig chef di Trocadero disse “si” a tutte le mie proposte. Il suo cane mi prese in simpatia, mi scodinzolava quando mi vedeva, dunque era cosa fatta!

 
Alle 31 ottobre 2011 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Lucia, grazia di essere passata di qui. Buonanotte.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:12 , Anonymous Etta ha detto...

Cara Lucia, buona notte :) si ci penso al cd in tedesco.. ma tu sai che "dobbamo fare qualcosa prima .." noi due vero? ;) A presto

 
Alle 31 ottobre 2011 23:14 , Anonymous giovanna ha detto...

E' cosi' Etta,la Tua è "un'attraenza"naturale

 
Alle 31 ottobre 2011 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Scusa, mmi sono assentato un attimo, causa una leggera scossa di terremoto in diretta ... non so se si sia sentita anche a Berlino. Forse siamo troppo distanti.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:18 , Anonymous giovanna ha detto...

mamma mia!tutto a posto?

 
Alle 31 ottobre 2011 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Tornando calmo dopo un bicchiere d'acqua ...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, sì, è leggerissimo, per fortuna, ma viene dopo uno stesso colpo di qualche giorno fa. Terribile. Scusate.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:20 , Anonymous Etta ha detto...

diciamo che mi attraggono cose "forti" da cui mi lascio coinvolgere volentieri. Con Lucia stiamo lavorando ad esempio, ad un audiolibro molto molto bello. È una novella di Vincenzo Consolo...ecco cosa mi coinvolge ed appassiona!

 
Alle 31 ottobre 2011 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

A Berlino... ci siamo ancora?

 
Alle 31 ottobre 2011 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Lunaria ...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:22 , Anonymous Etta ha detto...

una scossa di terremoto..?? ..

 
Alle 31 ottobre 2011 23:23 , Anonymous Etta ha detto...

Si, Lunaria! A proposito di scosse, è "quasi" in tema! Mamma mia...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:24 , Anonymous Etta ha detto...

A Berlino da casa mia, non si sente nulla, se non i ragazzi giù del ristorante che se la contano...prima di chiudere...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

... l'Italia è un paese simico del resto. Sì è trattato di una scossetta, come sempre sgradvole. Sul lago di Garda ogni tanto succede.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Quelli che parlano del grande Peppino Impastato?

 
Alle 31 ottobre 2011 23:26 , Anonymous Etta ha detto...

ne so qualcosa (vero Giò?) venendo dalla Sicilia, l'Etna ci ha fatto spesso brutti scherzi

 
Alle 31 ottobre 2011 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche noi stiamo chiudendo... ultime due domande mie.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è vero ...io ho una fifa terribile.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, cercando di ricompormi ...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterai “Cuoresenza”? Qualche data …

 
Alle 31 ottobre 2011 23:30 , Anonymous giovanna ha detto...

verissimo!anche se io mi fido dell'Etna,non so perchè.Forse perchè sto a Torino?(battutaccia)

 
Alle 31 ottobre 2011 23:33 , Anonymous Etta ha detto...

Ho dato in anteprima un concerto in Sicilia, nell’ambito del Film Festival MITO a Milazzo. E ho nuove proposte di concerti, sempre in Sicilia, tra Catania e Palermo, ma nell'ambito di altri progetti. Al momento non ci sono date per Cuoresenza. Ho appena finito il tour in Germania. Forse per la prossima estate ..vedremo

 
Alle 31 ottobre 2011 23:34 , Anonymous Etta ha detto...

Giovanna...non ti smentisci mai ;)

 
Alle 31 ottobre 2011 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Altra scossetta... chiapperi, mi tocca chiudere qui.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domande che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 31 ottobre 2011 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se questa notte dormirò a fatica ;)

 
Alle 31 ottobre 2011 23:38 , Anonymous giovanna ha detto...

adesso vado sull'ANSA,sto cominciando a preoccuparmi

 
Alle 31 ottobre 2011 23:39 , Anonymous Etta ha detto...

...una domanda te la faccio io: quando esci dalla tua palude e vieni a farti una nuotatina nella Sprea? Ti auguro che queste scosse finiscano subito! E anche se ti sarà difficile... buona notte!

 
Alle 31 ottobre 2011 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella domanda ...Berlino è una città molto bella, con della bella gente, da quello che sento e ho sentito questa sera.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:42 , Anonymous Etta ha detto...

..anch'io cerco adesso l'ultimo notiziario..buona notte.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:42 , Anonymous giovanna ha detto...

Buona notte e ricordateVi,anche se non ci si fa caso,Torino "è di passaggio",oltre ad essere una città bellissima.E poi ci siamo i triscollo.Buona notte

 
Alle 31 ottobre 2011 23:42 , Anonymous Etta ha detto...

berlino ti piacerà. Ti aspetto

 
Alle 31 ottobre 2011 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie, grazie di essere passata di qui... tu e le tue amiche che hanno riavvivato il blog.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho apprezzato molto la vostra presenza ...

 
Alle 31 ottobre 2011 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a Etta, a Giovanna e Lucia.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Etta Scollo.

 
Alle 31 ottobre 2011 23:45 , Anonymous etta ha detto...

grazie della chiaccherata... Etta

 
Alle 1 novembre 2011 20:28 , Blogger Blackswan ha detto...

Ho letto con piacere l'intervista a un'artista che,sono mortificato,non conoscevo.Ma ho fatto ammenda e oggi mi sono ascoltato tutto quello che ho potuto su youtube.Brava,brava,bravissima!E una voce sublime.Spero che Berlino apra gli occhi su un'Italia diversa,che è talento,cultura,capacità di sognare ancora.Grazie Alligatore e grazie Etta.

 
Alle 1 novembre 2011 21:29 , Blogger Alligatore ha detto...

@Blackswan
L'ho cominciata ad ascoltare da poco, ma penso non la mollerò più ... e sulle tue considerazioni finali concordo: anche a Berlino un'Italia diversa c'è ...

 
Alle 2 novembre 2011 14:20 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Piede rotto o meno ci fai sempre sentire buona musica :P
Auguroni per la tua guarigione!

 
Alle 2 novembre 2011 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

@LaMentePersa
Grazie ... è solo storto, come sono io di solito. Adesso è quasi tornato sano, grazie anche alla buona musica.

 
Alle 3 novembre 2011 11:51 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Adoro Etta Scollo! Ho avuto la fortuna di sentirle aprire un concerto di Franco Battiato, e... WOOOW!

 
Alle 3 novembre 2011 15:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Adriana
Capisco e... WOOOW! ;)

 
Alle 3 novembre 2011 23:12 , Anonymous Anonimo Berlinese ha detto...

Ciao Alli, mi permetto una proposta di correzione per il tuo Blog: all'inizio nomini erroneamente il titolo dell'ultimo CD di Etta Cuorescenza, in realtá si chiama Cuoresenza (una "c" di troppo).

Tanti saluti da Berlino

Anonimo Berlinese

 
Alle 3 novembre 2011 23:15 , Blogger Alligatore ha detto...

@Anonimo Berlinese
Non lo vedo ;)

 
Alle 3 novembre 2011 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

@Anonimo Berlinese
In realtà avevo sbagliato ... e hai fatto bene a dirmelo. A volte si legge e rilegge lo scritto e non ci si accorge di certi errori/orrori. Grazie, dal cielo sopra Berlino ci si vede bene ;)

 
Alle 3 novembre 2011 23:39 , Anonymous Anonimo Berlinese ha detto...

Era quasi un dovere conoscendo Etta e avendo letto il Blog gradevolissimo ...
Spero che nel frattempo Mercalli (o Richter) si sia calmato e che la terra stia buona buona sotto il piede giá guarito ... ;-)

Ciao & Buonanotte

 
Alle 3 novembre 2011 23:47 , Blogger Alligatore ha detto...

La terra non trema più da quella sera (è stato l'incontro con Etta a farla tremare?) e il piede sta cominciando a cammianre come si deve, grazie del "gradevolissimo" ... sei un angelo wendersiano.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page