venerdì 2 settembre 2011

Paolo Villaggio, il Benpensante

La fine della II guerra mondiale è stata festeggiata con Churchill con la V a Piccadilly come un grande momento della storia inglese e con MacArthur che firmava il trattato di pace a bordo della "Missouri" nella baia di Tokio. Un momento di gioia e di euforia per tutto il mondo occidentale, però il prezzo da pagare è stato 62 milioni di morti. Ci siamo illusi tutti: da lì sembrava che le guerre sarebbero finite per sempre. Niente da fare: tra guerre in Corea, Vietnam, Golfo, Afghanistan e Libia, il prezzo finora è solo di 12.850.000. A questo punto non riusciamo a capire qual è l'obbiettivo fondamentale delle "missioni di pace" occidentali. A chi possiamo chiedere: «A chi servono queste guerre?» Vogliamo fare un ultimo tentativo, convincere gli animalisti di non proteggere solo le balene e i panda, ma anche i maiali, le pecore, le mucche e i cavalli del Palio di Siena, ma anche gli uomini. Perché di questo passo rischiano l'estinzione, come i brontosauri.
Paolo Villaggio su il manifesto del 28.08.2011 nella sua rubrica Il Benpensante.

Etichette: , , , , ,

16 Commenti:

Alle 2 settembre 2011 21:40 , Blogger ReAnto ha detto...

Ciao caro :)

 
Alle 2 settembre 2011 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Sole, dove sei stato per tutta l'estate? Pioggia, pioggia, pioggia ... e la chiamano estate ...

 
Alle 2 settembre 2011 23:04 , Blogger mark ha detto...

Io voto l'estinzione, sono un anticonformista con le palle nella centrifuga, quindi ho perso il contatto con la parte di me che pensava all'evoluzione...potrei optare per la trasformazione in un gorilla o in un lupo...poi gli abientalisti...quali quelli che da greanpeace poi vanno a presiedere i consigli di amministrazione delle multinazionali? Alloro si voto l'estinzione, la stessa sul quale stiamo procedendo...
se vedemu ;-)

 
Alle 2 settembre 2011 23:26 , Blogger Zio Scriba ha detto...

il guaio è che il mondo è sempre più in mano ai nonpensanti... e la tendenza è al peggioramento... basti pensare che le prossime elezioni americane rischiano seriamente di venir vinte da qualche test* di cazzo bigotta, creazionista, omofoba e guerrafondaia proveniente dal texas o zone limitrofe... :-(

 
Alle 3 settembre 2011 07:45 , Blogger mr.Hyde ha detto...

...Paolo Villaggio è un uomo di buon senso, uno in gamba....Il" buon senso"...tanti non sanno nemmeno cosa sia, tanti hanno smesso di averlo, così,.. come se glielo avesse prescritto il dottore..
..hai ragione: l'umanità è lanciata a velocità folle verso lo zero..

 
Alle 3 settembre 2011 08:09 , Blogger Maraptica ha detto...

Ovviamente io continuerò a proteggere maggiormente gli animali, perchè loro pagano con la loro vita grazie alla NOSTRA specie. La differenza è tutta qui. Se poi parliamo di sfruttamento, minoranze, manovre brutali... c'è sempre un sottomesso, un'ingiustizia, un sopruso. Ma io, forse sono stufa e spero nell'estinzione... il più presto possibile.

 
Alle 3 settembre 2011 09:14 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Ma quanto pessimismo, da queste parti!

 
Alle 3 settembre 2011 11:08 , Blogger Alligatore ha detto...

@mark
Come sai io sono un ottimista (della volontà), e mi rassegnerò solo da morto, o forse manco allora. Spesso, chi difende gli animali, difende pure il pianeta e l'animale uomo (senza entrare in sigle di associazioni). L'appello paradossale del Benpensante Paolo Villaggio, mi è piaciuto per l' excursus storico e la speranza di fondo. Per questo l'ho ripreso. A volte è più viscerale, ma sempre bello da leggere.
@ZioScriba
Questo è vero, e mi preoccupa. Poi però mi chiedo cosa ha fatto Obama in questi anni? O le cosiddette sinistre al potere in giro per il mondo? Hanno cambiato il mondo come sarebbe loro dovere? No, hanno amministrato l'esistente, facendo una politica un po' meno di destra delle destre. Nessuno ha detto basta guerre, riduciamo le spese militari (lo dice ogni tanto Calderolo, ma poi non lo fa). Insomma, qui c'è bisogno di un cambio radicale, altrimenti non ci salveremo più ...e la destra continuerà a vincere (con qualche pallida parentesi di "sinistra").
@mr Hyde
Paolo Villaggio è un grande. Sono abbonato a il manifesto da anni, e mi piace sempre di più. Questa sua rubrica è ancora meglio della jena di una volta, vado subito a leggerla appena trovo il quotidiano nella bussola delle lettere.
@Maraptica
Fai bene, come dicevo sopra, chi si batte contro lo sfruttamento e le violenze contro gli animali, spesso e volentieri difende anche l'animale uomo. La parte finale del pezzo di Villaggio dice questo: non guerre, non violenze contro gli animali (e tra questi, c'è anche l'uomo). Del resto la logica delle guerre, è la stessa logica industriale delle violenze contro gli animali, e chi produce armi da caccia produce anche armi da guerra ... sono con te Sarah.
@AdrianoMaini
Già, non ci assomigliano questi amici blogger. Lo dico sempre, non lasciamo l'ottimismo nelle mani sbagliate, è un errore che ci è costato e ci costerà caro.

 
Alle 3 settembre 2011 16:44 , Blogger pOpale ha detto...

i brontosauri si sono estinti?

 
Alle 3 settembre 2011 17:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Dicono di sì ... qualcuno ha visto volare gli pterodattili. Leggi la mia intervista ai Mariposa
qui

 
Alle 3 settembre 2011 17:14 , Blogger pOpale ha detto...

corro!

 
Alle 3 settembre 2011 18:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Visto? ... è vero ;)

 
Alle 4 settembre 2011 01:21 , Blogger Harmonica ha detto...

Faccio il tifo per il pianeta delle scimmie...

 
Alle 4 settembre 2011 01:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Io adoro la versione di Tim Burton ;)

 
Alle 4 settembre 2011 13:28 , Blogger Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Facciamoci difendere dagli animalisti, ma non estinguiamoci, su, forza..non diamola vinta a cacciatori e macellai :(

 
Alle 4 settembre 2011 13:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Non ci avranno mai ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page