sabato 7 maggio 2011

In bici al Trento Film Festival per vedere il camminatore Brizzi

Anche questo fine settimana sono andato al Trento Film Festival. Grazie al tempo perfetto, ci sono andato in bici. Non potevo fare altrimenti, visto in programma della giornata, con Enrico Brizzi e le sue storie di camminatore. Doppio Brizzi, con la presentazione del film documentario Italica 150 e l’incontro con l’autore, in carne ed ossa per parlare di questo viaggio, del documentario di Serena Tommasini Degna (c’era anche lei) e del romanzo Psicoatleti di imminente uscita (sarà presentato a Torino la prossima settimana).

Il film è un viaggio in Italia (non riesco a chiamarlo road-movie), dalla Vetta d’Italia a Capo Passero, come dice il sottotitolo, nel 150° anniversario dell’unità nazionale. Un modo di festeggiare l’unità italica in maniera brizziana, con i suoi amici psicoatleti, le piccole storie di gente comune, documentari in bianco e nero presi nei posti dove sono stati, scherzi, vesciche ai piedi, neve in Alto Adige dove inizia il viaggio il 7 aprile, sudore e bagno nel mare in Sicilia, 90 giorni dopo, dove la camminata finisce…

Il viaggio è stato fatto da Brizzi nella primavera estate del 2010. Novanta giorni, oltre 2000 km, sempre e solo a piedi, lui e il fido amico Francesco Monti (pure lui a Trento), il classico compagnone da commedia all’italiana (ne combina tante, dal primo volo in paracadute ai tatuaggi). Durante il tragitto si sono uniti per alcuni pezzi altri amici dell’associazione Francigena XXI per portare conforto ed essere testimoni partecipi dell’evento.

Perché questo viaggio? Per vedere a piedi l’Italia. Viaggiando in auto non consoci i posti dove vai. Me ne sono accorto io, da quando ho cominciato a fare lunghe distanze con la bici. Brizzi si è inventato un percorso, non una pista già battuta, ma alcune tappa fondamentali (la più bella, densa di significati, è quella ad Asiago, per ricordare Mario Rigoni Stern). Perché l’idea di Brizzi era proprio quella di ritrovare il volto del nostro Paese negli scrittori che abbiamo letto, nelle canzoni che abbiamo cantato, negli avvenimenti sportivi …cioè un fattore unificante, oltre alla lingua.

Particolare la colonna sonora, con alcune canzoni del nuovo disco uscito di recente per Irma Records. La vita quotidiana in Italia, fatto da Enrico Brizzi e Yuguerra, più altre canzoni di vecchie collaborazioni brizziane (Numero6, Frida X ed altri amici). Il recente disco fatto con Yuguerra è un gioellino, che continuo ad ascoltare in auto. Anche qui ci sono storie d’Italia private, ricordi di bambino (da morire Lettera a Pertini). Spero di averli ospiti sul blog nella blog-intervista, come ho cercato di strappare la promessa a Brizzi mentre firmava autografi; io mi sono fatto firmare il biglietto del cinema della prima di Italica 150, finito proprio in tempo per il Trento Film Festival, nell’ultimo giorno di proiezioni ufficiali. Un bella edizione, varia, con molte pellicole di montagna. Il film di Brizzi di montagne ne ha dentro alcune. Lui, nella divertente chiacchierata con Carlo Martinelli del festival trentino, si è definito uno scalatore orizzontale, a differenza degli alpinisti, scalatori verticali.

PER VEDERE I FILM PREMIATI IN ATTESA DELL’EDIZIONE N.60

http://www.trentofestival.it/it/index.htm

PER VEDERE IL SITO DEL PROGETTO ITALICA 150

http://www.italica150.org/italica/Home.html


Etichette: , , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 8 maggio 2011 19:24 , Blogger Baol ha detto...

eBBravo!

 
Alle 8 maggio 2011 19:25 , Blogger Alligatore ha detto...

:)

 
Alle 8 maggio 2011 19:50 , Blogger Cirano ha detto...

Ottimo Brizzi, scout e scrittore, ingiustamente dimenticato da pubblico e critica.

 
Alle 8 maggio 2011 20:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Ne fa tante, anche dei bellissmi dischi e se ne fotte di quello che dice la critica. A Trento, chi l'ha intrervistato, ha osannato "L'Inattesa piega degli eventi" e si è fatto autografare una copia.

 
Alle 8 maggio 2011 22:46 , Blogger Maraptica ha detto...

Che bei passeggi :)

 
Alle 8 maggio 2011 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, bei passeggi e bei paesaggi ;)

 
Alle 8 maggio 2011 23:11 , Blogger Maraptica ha detto...

Le cose sono spesso collegate ^_^

 
Alle 8 maggio 2011 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

... già, spesso.

 
Alle 9 maggio 2011 12:36 , Blogger Ernest ha detto...

Che spettacolo in tutti i sensi!

 
Alle 9 maggio 2011 20:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai ragione, un spettacolo in tutti i sensi e in molti settori dell'umano: arte, letteratura, cinema, sport vero ...

 
Alle 11 maggio 2011 09:11 , Blogger Silvia ha detto...

Gran bel modo per festeggiare l'unità d'Italia :)

Sono contenta che siano passati da Bojano...In Molise abbiamo dei bei paesaggi anche se purtroppo un po' dimenticati.

Un caro saluto Ally! :)

Ti auguro una buona giornata. A presto!

 
Alle 12 maggio 2011 20:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Prova

 
Alle 12 maggio 2011 20:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

1-2-3-prova

 
Alle 13 maggio 2011 19:45 , Blogger Alligatore ha detto...

BLOGSPOT IERI E' ANDATO IN TILT, CANCELLATI TUTTI I MIEI COMMENTI, CHE RIPETO ...

 
Alle 13 maggio 2011 19:45 , Blogger Alligatore ha detto...

@Silvia
Grazie del passaggio. Sì, a Bojano, in una bella campagna, Brizzi e l'amico Monti si perdono. Sicurameente uno dei meriti del viaggio è anche quello di riscoprire luoghi poco visti.

 
Alle 22 maggio 2011 17:29 , Blogger iggy ha detto...

questo commento è da leggere come un enorme GRAZIE per avermi ravvivato la memoria di approfondire la conoscenza dell'artista e. brizzi (ascolto sempre con estremo piacere il pellegrino dalle braccia d'inchiostro, unica sua creazione che conosco)

 
Alle 22 maggio 2011 17:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi fa molto piacere il tuo commento iggy. Brizzi, come tu sai, non si è fermato al "Jack Frusciante", e la sua esperienza di camminatore, rocker, oltre che scrittore sempre in evoluzione, credo sia da seguire. Questo cd, lo ripeto ancora una volta, è grande. Lo consiglio come semplice ascoltatore, prima che critico ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page