domenica 14 novembre 2010

Cinema – stagione 2010/2

Il segreto dei suoi occhi di Juan Josè Campanella
Giallo con alti e bassi, è la storia di un impiegato del Pubblico Ministero, che scrive oggi il romanzo su di un caso di 25 anni prima: stupro e uccisione di una donna, arresto del colpevole poi liberato dai militari per ripicche interne. Già, perché siamo in Argentina, poco prima che i generali prendessero il potere. Senza voler fare un film di denuncia, il regista mostra come sia stato il passaggio dalla democrazia alla dittatura, per la passività della classe media, il terrore e la violenza di certe istituzioni. Scena d’antologia nello stadio, all’inseguimento dell’assassino (già, gli stadi, poi utilizzati come macelleria). Scena hard durante l’interrogatorio, con l’assassino che mostra a noi e al PM donna la sua virilità, da lei messa in discussione per farlo palesare. Scena cinefila, con i protagonisti in fuga alle prime avvisaglie del cambio di regime, in un romantico saluto sul treno, Dottor Zivago-style. Vincitrice dell’Oscar come miglior film straniero 2010. Chi l’ha visto?
VAI AL SITO UFFICIALE DEL FILM
Benvenuti al sud di Luca Miniero
Remake italico del francese Giù al nord, rovesciato geograficamente ma con intatto lo spirito e il voler giocare con i luoghi comuni. Se nella versione originale, l’impiegato postale che si fingeva invalido per passare avanti nella graduatoria e andare a Parigi, finiva in uno sperduto paese del nord della Francia, qui si finge invalido per andare a lavorare a Milano e viene trasferito in un paesino del napoletano. È terrorizzato, si scontra con l’ospitalità del sud, che scambia per ruffianeria, ma alla fine non vorrebbe più tornare a casa. Film riuscito, grazie anche al cast perfetto a partire da Bisio nel ruolo della sua vita, all’eccezionale Angela Finocchiaro, alla giovane Lodovini, procace bellezza del sud (anche se è toscana) … scritto bene, si ride parecchio, è da vedere.
VAI AL SITO DI Benenuti al sud
Inception di Chistopher Nolan
È un film che mi ha deluso. Forse mi aspettavo troppo: il trailer era stupendo, ne avevo letto bene da amici di blog e sui giornali, c’era di mezzo il sogno e la realtà, temi a me molto cari. Insomma, ero pieno zeppo di attese, pure troppo, invece… Se la prima parte, più teorica e filosofica, mi ha preso bene, la seconda, tutta colpi di scena, mi è sembrata un videogioco impazzito dentro al quale mi sono perso (sto invecchiando?). Dopo lo Scorsese dello scorso anno, un altro film psicotico e labirintico per Leonardo Di Caprio. Spero non si specializzi nel genere. Meravigliose le scenografie.
VAI AL Sito Italiano DEL FILM
LEGENDA
Colpo di coda

Coda tesa
Codì, Codì
Nella palude
Affondo

Etichette: , , , , , , , , , , ,

25 Commenti:

Alle 14 novembre 2010 23:08 , Blogger robydick ha detto...

inception non so dire.
benvenuti al sud è la classica cagata all'italiana, tipo basilicata coast, altra minchiatissima, non ci perdo tempo.
il segreto dei suoi occhi invece è un ottimo film, visto ed apprezzato in lingua originale (i doppiaggi quando posso li evito): http://robydickfilms.blogspot.com/2010/03/el-secreto-de-sus-ojos.html

 
Alle 14 novembre 2010 23:17 , Blogger Harmonica ha detto...

dei tre al primo posto il film argentino, sorpresa dell'anno e visione indispensabile nell'era del 3d; una storia solida che fa piazza pulita di tanta fuffa hollwwodiana.
Al secondo posto Inception; film che necessita di più di una visione e che ridà un senso alla fantascienza.
Il film italiano è "carino" come tanti altri film italiani; buono per passare due ore e niente più.

 
Alle 14 novembre 2010 23:28 , Blogger Lucien ha detto...

Il Segreto dei suoi occhi da vedere e consigliare a tutti: uno dei film migliori dell'anno.
La commedia con Bisio la evito: già mi era piaciuta poco l'originale francese.
Su Inception se n'è parlato a lungo in rete, non sei l'unico a non averlo apprezzato; a me è piaciuto parecchio, però non come "The Prestige".

 
Alle 14 novembre 2010 23:52 , Blogger Alligatore ha detto...

@robydick
Be', complimenti per l'onestà e benvenuto nella palude. Ovviamente non concordo per "Benvenuti al sud", commedia divertente e ben fatta, per me; su "Il segreto dei suoi occhi" siamo molto vicini, io lo considero un buon film e ora andrò a leggere il tuo pezzo. Vecchia storia quella dei doppiaggi ... apriremmo una discussione lunga come tutti i nostri blog. Meglio non questa sera.
@Harmonica
Concordo quasi totalmente con il primo punto e in buona parte sul secondo (da vedere almeno un paio di volte per cercare di non perdersi); il film italiano è carino, ma forse un po' di più di altri film italiani comici.
@Lucien
Sul film argentino siamo sulla stessa lunghezza d'onda, mi pare tutti: da vedere. La commedia di Bisio, la consiglio, ma se non ti è piaciuto l'originale francese (a me sì), meglio che la eviti. "Inception" sì, ho letto qualche parere negativo, ma mi sembra prevalgano quelli positivi, come il tuo. The Prestige" mi manca ...
@TUTTI
Tre bei pareri autorevoli, mi piace questo confronto. "Il segreto dei suoi occhi" pensavo di averlo visto solo io, e invece guarda che successo... anche questo mi piace. Credo sia già uscito in dvd, io l'ho visto al cine.

 
Alle 15 novembre 2010 00:05 , Blogger robydick ha detto...

vedi alligatore, io quei film commediuoli italioti non li sopporto più, si fanno quasi solo quelli, con gli attori legati più alla loro immagine pubblica che invece ad interpretare ruoli veramente tosti. poi come dice Lucien, anche giù al nord o com'era, dopo 20' finì direttamente nel cestino. se dobbiamo fare le cover ai francesi andiamo a scegliere le porcherie? bhaaa

senza polemica eh, de gustibus :)

 
Alle 15 novembre 2010 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

@robdick
Certo, ho capito il senso delle tue parole. Vediamo se rimango il solo ad aver gradito "Benvenuti al sud", ovvero, se è rimasta solo la mia di "coda tesa" durante la visone del film ...

 
Alle 15 novembre 2010 08:12 , Blogger Maraptica ha detto...

Io continuo a fissarmi su "affondo" (mi piace troppo) e non riesco a concentrarmi su tutto il resto. E poi... ho una sfilza di film in arretrato da vedere. Dovrò fare necessariamente selezione!

 
Alle 15 novembre 2010 15:06 , Blogger Alligatore ha detto...

@Maraptica
... oppure ti affondi nella poltrona del più vicino cinema.

 
Alle 15 novembre 2010 16:45 , Blogger MaryA ha detto...

Questi film non li ho ancora visti, ma vorrei dare un'occhiata a Devil, l'ultimo di Shyamalan, che ne pensi?

*°*Baci*°*

 
Alle 15 novembre 2010 18:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Bentornata nella palude MaryA. Devil non l'ho ancora visto, ma ho letto rece altalenanti. Merita una visione, visto il nome del regista, sempre spiazzante ...
(:-*

 
Alle 16 novembre 2010 07:46 , Anonymous and ha detto...

Non ho visto i tre film ma ormai è tantissimo tempo che non vado più al cinema. Un peccato davvero.

 
Alle 16 novembre 2010 20:23 , Blogger Silas Flannery ha detto...

Ottimo. Ho scelto: Il segreto dei suoi occhi.

Benvenuti al sud no, temo sfaceli.

Inception mi attirerebbe, ma se dici che è codì codì mi fido.

 
Alle 16 novembre 2010 20:52 , Blogger Marte ha detto...

Il segreto dei suoi occhi: non l'ho visto. A Milano lo danno solo in una sala, solo in lingua originale e solo in due orari impossibili.

Benvenuti al sud: magari aspetto una cinerassegna.

Inception: se ci risparmiavano la parte del "videogioco impazzito" forse si poteva essere più clementi.

piccola nota personale: Basilicata coast to coast. Non l'ho affatto trovato una "cagata italiana". L'ho trovato poetico nel suo essere itinerante e forse anche un pò ingenuo lungo i confini di una regione bellissima e dimenticata. Personalmente l'ho trovato insolito, e l'ho promosso.

 
Alle 16 novembre 2010 21:26 , Blogger Alligatore ha detto...

@and
Già un peccato ... io, come ti scrivevo, leggo meno libri del solito. Il mio modo di peccare è questo, ma non Me lo perdonerò mai.
@Silas Flannery
Benvenuto nella cinepalude... sì, il primo, come vedi, anche dai primi commenti di cinefili esperti, è da non perdere. Il secondo, si ride, questo nessuno lo può negare. Il terzo è piaciuto tanto a molti, codì-codì per me ...
@Marte
"Basilicata coast to coast" non l'ho ancora visto, ma credo mi sarebbe piaciuto e l'avrei promosso pure io (forse un giorno lo vedrò e ti dirò ... ma è dura, guardo poco o niente dvd, tv, pay o gratis ... praticamente vedo i film solo al cine).

 
Alle 16 novembre 2010 21:27 , Blogger Alligatore ha detto...

@TUTTI
Scusate la latitanza... problemi con posta elettronica, dimenticato le password, dimenticato dove ho messo il bigliettino con le password (nascosto troppo bene nel mio caos).
Disgusto, fastidio, e i porchi che tiro giù ...(modo dialettale per dire "dico paroline delicate")

 
Alle 16 novembre 2010 21:53 , Blogger Stefania248 ha detto...

Ahahahhah!
:D

 
Alle 16 novembre 2010 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai poco da ridere... mi è tornata in mente la pass, e ho visto il tuo messaggio nella mia casella sul portale... non è outlook ma per ora mi può bastare...in attesa del soccorso rosso del fratellino (come sai, con le tecnolgie, sono una schiappa... è un miracolo che riesca a gestire il blog.)

 
Alle 16 novembre 2010 22:08 , Blogger Stefania248 ha detto...

Ahahhahahhah
:D
Se vuoi una mano, a disposizione!
:)

 
Alle 16 novembre 2010 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Stefy, ma quando "tiro giù porchi" è meglio starmi lontano. Un alligatore che tira giù porchi, non è uno spettacolo per stomaci deboli.

 
Alle 16 novembre 2010 22:22 , Blogger Stefania248 ha detto...

Aiuto!!
Mi dileguo. Ciao.
:)

 
Alle 16 novembre 2010 23:59 , Blogger nico ha detto...

Grande Alli, bellissima la LEGENDA, ho iniziato a ridere solo per quella!
Inception non penso di andarlo a vedere, Il segreto dei suoi occhi invece ci stiamo pensando.
Invece su Benvenuti al sud ci sono io che concordo con te Alli, più che con gli altri. Mi è piaciuto, e molto! Ma forse perché sono di parte, visto che con accanto una moglie napoletana che anticipava ogni battuta mi sono divertito il doppio :-) Ho visto anche Giù al nord, ma sicuramente ritengo che non sia possibile paragonarli, anche se praticamente uguali. Infatti parlavo proprio ieri con i colleghi francesi qui a Montpellier, e ho capito che loro con "Bienvenue chez les Ch'tis" in lingua originale ridono come noi con Benvenuti al sud, ma non avviene invece il contrario. Ed è esattamente quello che è successo a me e Maria vedendo prima uno e poi l'altro.
Buonanotte Alli, a presto :)

 
Alle 17 novembre 2010 00:57 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Io leggo. E ringrazio per le informazioni. Sarà l'età, ma anche sul cinema mi sento, invero, un po' arrugginito. See you later!

 
Alle 17 novembre 2010 01:42 , Blogger Alligatore ha detto...

@Stefy
...paura!
@Nico
Grazie per le risate sulla Legenda, ormai una leggenda (freddura, passatemela). Quanto ai due film “Benvenuti ...” io ho visto entrambi al cine a distanza di un anno, trovandoli entrambi divertenti; sono molto simili, come vuole un vero remake. Mi pare di capire che i francesi non ridono alla versione italica. Forse per loro è uno scippo? Non capiscono la realtà del nostro paese? Non c'è ...
@Adriano Maini
Come arrugginito? ... forse è la pioggia di questi giorni? In effetti la cinefilia è una malattia che uno ha oppure no. Forse non è la tua, preferisci, come l'amico And i libri...
Credo che "Il segreto dei tuoi occhi" dovresti vederlo.

 
Alle 6 dicembre 2010 11:28 , Blogger Marte ha detto...

Il segreto dei suoi occhi, concordo con Lucien: un film da vedere e far vedere.
La mia scena d'antologia? Poco spettacolare ma densa, quella dell'osteria. Quando il collega ubriacone dimostra cosa sia la Passione, quel marchio che rende riconoscibili gli uomini. E li ti colpisce che non c'è bene o male che tenga, ma solo uno schieramento casuale di cose, che si mischiano poi sotto il gioco dell'impeto e dell'istinto.

 
Alle 6 dicembre 2010 13:15 , Blogger Alligatore ha detto...

@Marte
Be', scherzi, io metto la locandina dei film "da vedere assolutamente".
Quanto alla scena d'antologia, è un film pieno zeppo di scene d'antologia, come tutti i film che restano.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page