lunedì 29 novembre 2010

Ciao Mario, uomo libero ...


Etichette: ,

27 Commenti:

Alle 30 novembre 2010 00:16 , Blogger Harmonica ha detto...

un'altra voce libera che ci ha lasciato. un grande uomo.

 
Alle 30 novembre 2010 00:19 , Blogger Grace (ma nana) ha detto...

"Le grandi domande esistenziali non mi interessano. Chi siamo e dove andiamo sono cose su cui non mi sono mai soffermato. Quelle bischerate là servono solo ad alimentare l'angoscia"

Mario Monicelli

:-(

 
Alle 30 novembre 2010 00:31 , Blogger Ross ha detto...

Libero, nella vita e nella decisione della morte.
Addio Mario. Grazie per la tua intelligenza.

 
Alle 30 novembre 2010 00:44 , Blogger web runner ha detto...

"Non c'è libertà senza uguaglianza, giustizia, diritto al lavoro".
M.M.

Ciao maestro.

 
Alle 30 novembre 2010 01:17 , Anonymous Manfredi ha detto...

mi lascia un po' perplesso leggere tutta questa ammirazione per il gesto del suicidio di Monicelli. E' un gesto tragico che merita rispetto. Ammantarlo di epicità offende lo stato d'animo dell'uomo nel momento della scelta.

 
Alle 30 novembre 2010 02:05 , Blogger Alligatore ha detto...

@Harmonica
La più vera.
@Grace
Sul tuo blog si sarebbe divertito, anzi, si è divertito, in incognito veniva ...:)
@Ross
Sottoscrivo le tue parole, dalla prima all'ultima...
@Web Runner
Già, un Maestro anche in questo.
@Manfredi
Bentornato sul blog, anche se in una così triste ricorrenza. Già, è un gesto che merita rispetto, ma nell'Italietta morbosa vergognosamente persa da mesi sul caso Scazzi, che ti aspettavi? Io lo ricordo come un uomo libero, capace di indignarsi, farci ridere, piangere, eccitare.

 
Alle 30 novembre 2010 06:22 , Blogger patèd'animo ha detto...

:(

 
Alle 30 novembre 2010 07:16 , Blogger Kylie ha detto...

Un regista bravo e simpatico.
Di recente avevo visto una sua intervista.
Non avrei mai pensato arrivasse al suicidio.

 
Alle 30 novembre 2010 08:38 , Blogger Berica ha detto...

un altro grande italiano ci lascia...
restano quelli piccoli...

condoglianze a tutti

 
Alle 30 novembre 2010 09:33 , Blogger nico ha detto...

Grande Mario, hai voluto morire come cazzo ti pareva e piaceva, alla faccia dei Casini e delle altre merdacce di turno che stanno spopolando ultimamente! Un genio anche nell'ultimo atto! Chapeau, tanto di cappello!
Grazie Alli!

 
Alle 30 novembre 2010 10:45 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Io non chiammerei neanche suicidio il capire, con la saggezza dei vecchi elefanti, quando è il momento di andarsene. Altra lezione d'intelligenza e libertà, anche senza cinepresa.
Ciao grandissimo!

 
Alle 30 novembre 2010 12:08 , Blogger Virginia ha detto...

Grande uomo di cultura, di arte e di vita.
Mi piace ricordarlo un giovanotto di 90anni con la sua busta della spesa, che cammina verso casa, nel quartiere Monti a Roma.

 
Alle 30 novembre 2010 15:04 , Blogger Alligatore ha detto...

@patèd'animo
Sintetica, ma c'è tutto.
@Kylie
Già, un grande della commedia (e non solo, anche drammi nei suoi capolavori)...
@Berica
Sì, un amico mio, anzi di più, un compagno.
@Nico
Grazie a te... un padre, per dirla con le parole del tuo recente post.
@Zio Scriba
Saggezza, intelligenza, libertà, cinepresa ...è il suo ritratto.
@Virginia
Fortunata tu a ricordarlo così... io dal vivo l'ho visto solo due volte: una a Venezia, come giurato alla Mostra, e uno come ospite di un piccolo festival della mia città.

 
Alle 30 novembre 2010 18:19 , Blogger Maraptica ha detto...

In questo caso tre alligatorini non bastano, lo so lo so, è il massimo... ma lui era uno dei "top". Ciao Mario

 
Alle 30 novembre 2010 18:27 , Blogger petrolio ha detto...

facciamo tre alligatorini e un paio d'ali, perché si continuerà a volare alto con lui e con i suoi film e con il suo pensiero! :)

 
Alle 30 novembre 2010 19:51 , Blogger Alligatore ha detto...

@Maraptica
Hai ragione da stravendere, i 3 alligatorini sono lì solo a rendere omaggio. Ne servirebbero troppi di alligatorini, che occuperei tutta la memoria di blogspot...
@petrolio
Ottima idea, anche perchè i film di Mario, le idee, le zingarate, le sberle al treno, gli sberleffi, le incazzature rimangono, sono patrimonio dell'umanità.

 
Alle 1 dicembre 2010 23:27 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Sono iniziate le polemiche ma noi il suo ricordo ce lo teniamo ben stretto ;)

 
Alle 1 dicembre 2010 23:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai ragione Gio', io ho pure un ricordo particolare, alla Mostra di Venezia (1996?): una maschera voleva farlo sloggiare, lui che era seduto su una sedia quasi come un barbone; incredibile, non sapeva neanche chi era. Mario, un modesto, come solo i grandi sanno essere. "Sono della giuria," disse mostranado il cartellino attaccato alla giacca.

 
Alle 2 dicembre 2010 01:44 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Difficile per altri ricreare dei contesti per cui si potevano avere scambi di battute, attualissimi all'epoca e di valore storico sotto il profilo del costume, oggi, come il seguente, ambientato in unom scalcinato dancing: "Lui:-Balli?-. Lei:- No, ho fatto un fioretto!-"

 
Alle 2 dicembre 2010 01:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, di assoluto valore storico sotto il profilo del costume, come la migliore commedia (all'italiana, ma non solo).

 
Alle 2 dicembre 2010 15:27 , Blogger Ernest ha detto...

libero uomo!

 
Alle 2 dicembre 2010 18:21 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Bello lo scontro con Moretti.
Era Mario la nuova guardia.

 
Alle 2 dicembre 2010 20:53 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ernest
Ormai abbiamo detto di tutto e di più, SuperMario ne sarebbe felice.
@LaMentePersa
Non l'ho rivisto in questi giorni. Sicuramente una polemica vera e non una stupida litigata come quelle di oggi. Chi era più avanti? Monicelli o Moretti? Credo che sia dura dirlo ora. Due cineasti con una certa idea sul cinema e la vita, due generazioni diverse. Io sono legato ad entrambi dal punto di vista cinematografico. Politicamente più con il SuperMario degli ultimi anni, con il manifesto sotto al braccio.

 
Alle 3 dicembre 2010 22:52 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Allora era Monicelli ad avere le idee chiare sul futuro, del resto...
invecchiare servirà ben a qualcosa??

 
Alle 3 dicembre 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci penso e te lo dico dopo Gio' :)... anzi, quando sarò vecchio :)))
Ho già la barba, ma non è ancora bianca :))))))))))))))))

 
Alle 10 dicembre 2010 18:56 , Blogger Hol ha detto...

Mi mancherà moltissimo. Monicelli era come un cantante che aveva perso la voce, il suo gesto è estremo ma lo rispetto.

 
Alle 10 dicembre 2010 19:49 , Blogger Alligatore ha detto...

@Hol
Sì, va sicuramente rispettato, e poi è vero, Monicelli era un cantante, anzi, vista la sua forza fino all'ultimo, una vera rockstar senza volerlo.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page