martedì 28 settembre 2010

Intervista ai Johnnie Selfish & the Worried Men

Johnnie Selfish & the Worried Men Band (da ora in poi JS&WMB) al completo stanno pregando perchè l’Alligatore sia buono con loro. Non c’è pericolo, non mordo JS&WMB. Abbandonate il tempio e raggiungete la palude. Del resto, come potrei essere cattivo mentre ho in sottofondo il vostro cd, nuovo di balla? Committed, s’intitola questo, ed è blues come non ne sentivo da un bel pezzo. Autoprodotto per giunta. Parla di amore e rivoluzione, del fuoco nelle vene, del riscatto sociale, del lavoro e del nonlavoro e c’è un pezzo dedicato al filosofo Pekka Himanen. Perfetti per la mia palude virtuale questi JS&WMB.
In realtà la foto è stata scattata in Giappone, di fronte ad un tempio durante una pausa del tour orientale fatto nella recente estate (non stanno mai fermi questi giovani bluesman lombardi). Ora, per far conoscere Committed, loro secondo cd, hanno in programma numerose date nella loro regione. Spero attraversino i confini e raggiungano pure la mia: banjo, steel guitar, ukulele, una voce forte e calda, voci femminili non di contorno, insomma del blues con i controfiocchi, per locali fumosi, alligatori pensierosi e impegnati. Potrei commuovermi questa sera bevendo del calvados. Meglio partire… pronti JS&WMB?
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/johnnieselfish

Etichette: , , , , , , , , , ,

98 Commenti:

Alle 28 settembre 2010 21:36 , Anonymous JS&WMB ha detto...

Ciao!

 
Alle 28 settembre 2010 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, benvenuti nella palude Johannie ...

 
Alle 28 settembre 2010 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, siete pronti? ... o state ancora facendo qualche preghiera? ...

 
Alle 28 settembre 2010 21:39 , Anonymous JS&WMB ha detto...

ci siamo!!!

 
Alle 28 settembre 2010 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora accendo il vostro cd e partiamo ...

 
Alle 28 settembre 2010 21:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Va bene...goditelo

 
Alle 28 settembre 2010 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Con in sottofondo "Song for the working' class" (che titolo, ragazzi!) vi chiedo: chi sono i Johnnie Selfish & the Worried Men Band?

 
Alle 28 settembre 2010 21:44 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

E' un gruppo country blues da lambrate milano composta da Johnnie Selfish in person, the chieftain, little harp lawrence, Mr.Time Machine

 
Alle 28 settembre 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Cambio di nome in corsa ... chi è l'anonimo? ... siete sempre voi?

 
Alle 28 settembre 2010 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

a proposito di nome, perché questo nome così imponente?

 
Alle 28 settembre 2010 21:46 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

si ci siamo registrati!

 
Alle 28 settembre 2010 21:48 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Johnnie Selfish è un omaggio al grande Johnny Cash e Worried men band si spiega da solo...siamo effettivamente degli uomini preoccupati

 
Alle 28 settembre 2010 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

... fate bene, per entrambe le cose.

 
Alle 28 settembre 2010 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nascono le vostre canzoni?

 
Alle 28 settembre 2010 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Prima la musica e poi le parole o è il contrario?

 
Alle 28 settembre 2010 21:52 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

nascono contemporaneamente...trovare le parole è più semplice che trovare le melodie, perchè abbiamo molte fonti d'ispirazione come ad esempio Hank Williams, Johnny Cash, The Beatles e Bob Marley

 
Alle 28 settembre 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Grandi nomi, già sentiti ...

 
Alle 28 settembre 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Se non sbaglio.

 
Alle 28 settembre 2010 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate quelle del recente cd “Committed”?

 
Alle 28 settembre 2010 21:58 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

alcune erano vecchie canzoni, ma la maggior parte sono state scritte nell'ultimo anno...addirittura un paio di queste sono state partorite direttamente durante le incisioni in studio. Per quanto riguarda i testi comunque abbiamo cercato di fare un disco eterogeneo perchè tratta argomenti diversi ma comunque incentrato sul senso di malessere causato dal mondo del lavoro...

 
Alle 28 settembre 2010 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Una tematica calda, incandescente direi ... bravi nell'averla affrontata.

 
Alle 28 settembre 2010 22:00 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

grazie

 
Alle 28 settembre 2010 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Del resto è un tema che c'è nell'aria ... basta saper respirare e ispira.

 
Alle 28 settembre 2010 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Appunto, parliamo di ispirazione.

 
Alle 28 settembre 2010 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione?

 
Alle 28 settembre 2010 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

…A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 28 settembre 2010 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato?

 
Alle 28 settembre 2010 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 28 settembre 2010 22:05 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

L'ispirazione è fondamentalmente l'osservazione della realtà, anche da parte di altri. Ad esempio per la canzone "Dignity" ho citatoil discorso di un filosofo finlandese che ho sentito a un convegno. Altre canzoni nascono più da sensazioni del momento

 
Alle 28 settembre 2010 22:06 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

caipta spesso di dimenticare melodie...più raramente i testi perchè son più facili da ricordare. Fortunatamente il cellulare è dotato di registratorino che mi permette di salvare le ispirazioni del momento canticchiandole.

 
Alle 28 settembre 2010 22:07 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Se le lascio da ubriaco però poi le cancello..eheh

 
Alle 28 settembre 2010 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Peccato ...magari come coda finale del cd potresti metterlo ... pensaci per il prossimo.

 
Alle 28 settembre 2010 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Pekka Himanen, è il filosfo, vero? Vogliamo dire due cose su di lui o sarebbe riduttivo? ... o cosa ti ha colpito per scrivere la canzone.

 
Alle 28 settembre 2010 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

...

 
Alle 28 settembre 2010 22:11 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Himanen è un filosofo che ho sentito parlare all'univesità di Helsinki. Ha fatto un discorso commovente sul significato delle parole "creatività" e "dignità". Ho provato a contattarlo dopo aver scritto la canzone ma non mi ha mai risposto...

 
Alle 28 settembre 2010 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari legge il blog dell'Alligatore e vi contatta...

 
Alle 28 settembre 2010 22:15 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

speriamo! eheh

 
Alle 28 settembre 2010 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Se non succederà chiederò alla mia vicina di casa finlandese...

 
Alle 28 settembre 2010 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari lo conosce.

 
Alle 28 settembre 2010 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Ritornando a noi ...

 
Alle 28 settembre 2010 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta il Johnnieselfish&theworriedmenband-sound?

 
Alle 28 settembre 2010 22:21 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Sul nuovo disco la canzone I got two, che è un cavallo di battaglia. Poi ci sono altre vecchie canzoni a cui siamo affezionati, come This machine kills fascists che è dedicata a Woodie Guthrie

 
Alle 28 settembre 2010 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Bel titolo davvero ... bella dedica.

 
Alle 28 settembre 2010 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Woody Guthrie ne sarà onorato ... domenica prossima è l'anniversario della sua morte, tra l'altro (3 ottobre 1967).

 
Alle 28 settembre 2010 22:29 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Non lo sapevo! Stapperò una bella bottiglia anche per lui!

 
Alle 28 settembre 2010 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Alla sua e alla nostra ...

 
Alle 28 settembre 2010 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

E per quanto riguarda la nuova "I got two" c'è un bel gioco di voci maschile/femminile ...

 
Alle 28 settembre 2010 22:31 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Sì, ci hanno aiutato i nostri amici Red Wine Serenaders, ovvero Max De Bernardi alla chitarra e mandolino e Veronica alla voce

 
Alle 28 settembre 2010 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

... è Veronica Sbergia, che voce! ... Un gran bell'accostamento con la tua voce.

 
Alle 28 settembre 2010 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

“Commited” è un’autoproduzione.

 
Alle 28 settembre 2010 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questa scelta?

 
Alle 28 settembre 2010 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

... è facile autoprodursi oggi?

 
Alle 28 settembre 2010 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Consigliereste ad altri giovani musicanti di autoprodursi? Avete avuto qualche aiuto?

 
Alle 28 settembre 2010 22:35 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

grazie! Registrare quella canzone è stato molto bello. Ha dato un senso all'intero album.

 
Alle 28 settembre 2010 22:36 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

La scelta dell'autoproduzione è stata dettata dalla necessità. Inoltre oggi come oggi bisogna sapersi arrangiare da soli

 
Alle 28 settembre 2010 22:38 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Siamo forunati perchè abbiamo potuto registrare il disco con i tempi che volevamo e senza spese considerevoli. Ci sentiamo di consigliarlo solo perchè estremamente gratificante

 
Alle 28 settembre 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

... un po' saltare tutte le mediazioni e prodursi in libertà, da etica hacker quasi. Pekka Himanen sarebbe contento di saperlo.

 
Alle 28 settembre 2010 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

A prposito con Internet che rapporto avete da utenti?

 
Alle 28 settembre 2010 22:46 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Lo utilizziamo principalmente per promuoverci e per documentarci. Una delle cose positive della rete è che permette di conoscere e ascoltare artisti che fino a qualche anno fa sarebbero stati difficilmente reperibili.

 
Alle 28 settembre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, è un vero e proprio oceano ...

 
Alle 28 settembre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma in dettaglio, da musicanti il vostro rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 28 settembre 2010 22:52 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Nonostante il nostro "sguardo" sia prevalemtemente rivolto al passato, non possiamo ignorare i vantaggi delle nuove tecnologie. Resta il fatto che si è comunque creato grande spazio per l'autoreferenzialità e risulta di conseguenza più difficile distinguere i prodotti di qualità rispetto a quelli amatoriali e manieristi (musicalmente parlando ovviamente...).

 
Alle 28 settembre 2010 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook?

 
Alle 28 settembre 2010 22:57 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Myspace è fondamentalmente un "curriculum" on-line, accessibile in ogni momento, quindi molto utile per avere rapporti con gli addetti ai lavori e le altre band. Facebook, invece, ha indubbiamente più presa sul pubblico e sui "fans". Solitamente preferiamo quest'ultimo per sponsorizzare date ed eventi specifici.

 
Alle 28 settembre 2010 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma torniamo al territorio, come dicono i politici oggi...

 
Alle 28 settembre 2010 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Venite da Lambrate, vicini a Milano dunque, un tempo la capitale morale d’Italia, dicevano. Un tempo, si diceva, l’unica metropoli italiana. Paroloni? Questo vi ha aiutato e vi aiuta nel vostro essere musicanti?

 
Alle 28 settembre 2010 23:04 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Il nostro Paese, Milano non è esclusa, sta subendo un impoverimento culturale inesorabile. Rimane comunque il fatto che la nostra città è ancora meta ambita di molti musicisti, forse anche per la sua storia. Ma possiamo assicurarti che, almeno per la musica dal vivo, la provincia riesce sempre a riservare sorprese.

 
Alle 28 settembre 2010 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, e ci sono un sacco di posti dove suonare ... vedo un tour molto ricco, per voi ...

 
Alle 28 settembre 2010 23:09 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Si, suoniamo molto spesso dal vivo...è la parte più divertente..

 
Alle 28 settembre 2010 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete contatti con altri artisti della vostra città o regione? Di altre?

 
Alle 28 settembre 2010 23:16 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Si, anche in Committed abbiamo racchiuso alcune collaborazioni con grandissimi artisti della scena blues italiana: i già citati Red Wine Serenaders, Mauro Ferrarese, il duo abruzzese Papaleg Acoustic Duo, the BigSoundOfCountryMusic...ci piace molto confrontarci con gli altri, soprattutto se più bravi ed esperti di noi.

 
Alle 28 settembre 2010 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del giovane musicante indipendente? Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie?

 
Alle 28 settembre 2010 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica …

 
Alle 28 settembre 2010 23:21 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Non è facile: lavorare di giorno, provare e scrivere di sera e suonare il week end. Ovviamente si tratta di sacrifici, ma li facciamo perchè di fatto "investiti" di una missione.
Siamo comunque contenti di mantenere la nostra indipendenza, pur di non dover cedere a compromessi artistici di sorta.

 
Alle 28 settembre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella missione ...spero abbia successo.

 
Alle 28 settembre 2010 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita? Quello acquistato intendo.

 
Alle 28 settembre 2010 23:25 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Un album live degli Aerosmith (J.Selfish)

 
Alle 28 settembre 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

The Worried Men Band lo diranno in un'altra occassione...

 
Alle 28 settembre 2010 23:29 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Loro non ricordano..

 
Alle 28 settembre 2010 23:30 , Blogger Alligatore ha detto...

... una sorta di autocensura, di solito il primo disco è un disco-vergogna.

 
Alle 28 settembre 2010 23:31 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

forse...ti lasciamo nel dubbio

 
Alle 28 settembre 2010 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 28 settembre 2010 23:34 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Innanzitutto ci piace e poi è parte della nostra vita. Nel nostro piccolo speriamo di riuscire a cambiare qualcosa in una società che non funziona...

 
Alle 28 settembre 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ve lo auguro, intanto cambierete l'umore di chi vi ascolta ...in meglio, ovvio.

 
Alle 28 settembre 2010 23:39 , Blogger Alligatore ha detto...

... e per finire, fatevi una domanda, datevi una risposta e poi tutti a nanna, anche se è presto.

 
Alle 28 settembre 2010 23:42 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

DOM: pensate di riuscire, con questo lavoro, a far sentire la vostra voce al grande pubblico, o quantomeno a quello rivolto alla vostra "nicchia"?
RISP: sinceramente NO, ma noi ci proviamo...

 
Alle 28 settembre 2010 23:42 , Blogger Johnnie Selfish & The Worried Men Band ha detto...

Goodnight!

JS&WMB

 
Alle 28 settembre 2010 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', l'importante è provarci, sempre.

 
Alle 28 settembre 2010 23:43 , Blogger Alligatore ha detto...

... e poi l'Alligatore porta bene, dicono, non dovrei dirlo io, ma dicono ...

 
Alle 28 settembre 2010 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi JS&WMB.

 
Alle 28 settembre 2010 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Selfish & the Worried Men Band ...

 
Alle 28 settembre 2010 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

... e pure a Johnnie.

 
Alle 29 settembre 2010 18:12 , Blogger Stefania248 ha detto...

Mi devi tenere informata...
:)

 
Alle 29 settembre 2010 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Se me lo dici con quell'espressione sulla faccia e il dito medio puntato non so come prenderla ...

 
Alle 29 settembre 2010 22:54 , Blogger Stefania248 ha detto...

Se te lo dico cosi?
:)

 
Alle 29 settembre 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

... è già meglio.

 
Alle 30 settembre 2010 09:09 , Blogger petrolio ha detto...

cambiare il mondo con le canzoni con quel nome? sì si può! :)

 
Alle 30 settembre 2010 20:23 , Blogger Alligatore ha detto...

@petrolio
Si deve, chiapperi, pure GoodyGoody Afternoon lo dice sempre ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page