martedì 11 maggio 2010

Intervista ai Velvet Score

Ritorna un gruppo della città di Firenze sul blog, ritornano i Velvet Score a fare musica, ritorna la Black Candy a produrre dopo un breve periodo di inattività. Tutte cose che mi fanno piacere, perché ho sempre trovato vicini al mio gusto i cd di questa label indipendente (oggi ha pure aperto un negozio di dischi per veri appassionati), perché i Velvet Score hanno fatto un oggettino di culto curato nei minimi dettagli (Goodnight Good Lovers, copertina rossa con un occhio impressionante), perché Firenze è un serbatoio inesauribile per la nostra musica più viva.
Punto forte dei gruppi toscani, come ho notato spesso, è la cooperazione e la profonda amicizia tra le tante ottime band della zona. Prendete i Velvet Score ad esempio: alcuni di loro collaborano con il progetto Canemorto (passato di recente su questi schermi), hanno suonato in altri gruppi (ad esempio i May I Refuse), ospitano nel loro recente cd la voce di Serena Altavilla dei Baby Blue (passati sul blog circa un anno fa). Forse più di un ospite, vista l’intensità della sua interpretazione in alcuni pezzi di questo concept-album sulla guerra. Sì, un disco con canzoni dedicate alla guerra, da Waterloo ai bunker antiatomici, senza voler dare giudizi morali, ma raccontando delle storie…
Come farlo? Già il fatto di “raccontare” la guerra è un prendere posizione. Almeno per me. Sentiamo i Velvet Score. Pronti?
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/velvetscore

Etichette: , , , , , , , , , , ,

117 Commenti:

Alle 11 maggio 2010 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Yuu-uuh. C'è nessuno?

 
Alle 11 maggio 2010 21:39 , Blogger martino ha detto...

eccoci!

 
Alle 11 maggio 2010 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Martino, benvenuto nella palude...

 
Alle 11 maggio 2010 21:40 , Blogger martino ha detto...

eccoci!

 
Alle 11 maggio 2010 21:41 , Blogger martino ha detto...

eccoci!

 
Alle 11 maggio 2010 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Vi vedo, vi vedo...

 
Alle 11 maggio 2010 21:42 , Blogger martino ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 11 maggio 2010 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se piove a dirotto e la palude è impressionante ...

 
Alle 11 maggio 2010 21:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao, grazie mille per l'invito.

 
Alle 11 maggio 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Prego, chi sei anonimo?

 
Alle 11 maggio 2010 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

... partenza movimentata, tipo il Palio di Siena.

 
Alle 11 maggio 2010 21:46 , Anonymous emanuele ha detto...

Ciao, io sono emanuele... ho fatto un po' casino col log-in!!ahahah

 
Alle 11 maggio 2010 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Emanuele, allora voi due rappresenterete la band, o ci sono pure gli altri in giro?

 
Alle 11 maggio 2010 21:51 , Anonymous Leopoldo ha detto...

ci sono anche io, ciao alligatore.

 
Alle 11 maggio 2010 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Ecco il terzo... ciao Leo.

 
Alle 11 maggio 2010 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Possiamo partire allora?

 
Alle 11 maggio 2010 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Io vado con la prima domanda...

 
Alle 11 maggio 2010 21:56 , Anonymous emanuele ha detto...

vai pure!

 
Alle 11 maggio 2010 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi sono i Velvet Score?

 
Alle 11 maggio 2010 21:59 , Anonymous emanuele ha detto...

Siamo quattro ragazzi di Firenze (Martino, Emanuele, Marco e Leopoldo) che hanno in comune la voglia di fare musica senza preconcetti.

 
Alle 11 maggio 2010 22:01 , Blogger martino ha detto...

Ci ruotano attorno anche Lorenzo, Leonardo Tommaso e Serena..

 
Alle 11 maggio 2010 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho visto e sentito che c'è una ruota che gira bene.

 
Alle 11 maggio 2010 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome dalle suggestioni rock?

 
Alle 11 maggio 2010 22:06 , Blogger martino ha detto...

Il nome viene dalla prima canzone che abbiamo composto ancora adolescenti che si intitolava "A Velvet Score..."

 
Alle 11 maggio 2010 22:07 , Anonymous emanuele ha detto...

... ma siamo sicuri che il velluto sia una cosa così rock??

 
Alle 11 maggio 2010 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Alla fine lo è diventato...

 
Alle 11 maggio 2010 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Basta citare i Velvet Underground ed un film decisamente rock, come Blu velvet ...e poi c'è un gruppo toscano...

 
Alle 11 maggio 2010 22:11 , Anonymous Leoplodians ha detto...

già...

 
Alle 11 maggio 2010 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Blue Velvet...

 
Alle 11 maggio 2010 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce un vostra canzone? Prima le parole o prima la musica?

 
Alle 11 maggio 2010 22:16 , Anonymous emanuele ha detto...

E’ bello pensare che dentro un grappolo di note esistano già delle parole. E che dentro delle parole esistano già delle note con cui intonarle. Si tratta di tirarle fuori. L’una dall’altra e viceversa. Crediamo che sia così che funzionino le cose… Almeno per noi lo è.

 
Alle 11 maggio 2010 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

... è una bella teoria, u po' zen.

 
Alle 11 maggio 2010 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate le canzoni di “Goodnight Good Lovers”, questo vostro nuovo concept-album?

 
Alle 11 maggio 2010 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche queste così, in maniera new-age?

 
Alle 11 maggio 2010 22:24 , Anonymous leopoldo ha detto...

La nascita delle canzoni di questo disco è strettamente legata ad un luogo che ci sta a cuore: il nostro studio. E’ lì che il disco è stato prodotto e, per la prima volta, in totale indipendenza.

 
Alle 11 maggio 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, da quello che capisco, nel vostro studio nascono le canzoni, da un lavoro comune, però entriamo nel dettaglio...

 
Alle 11 maggio 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Si parla di concept-album sulla guerra per il vostro cd.

 
Alle 11 maggio 2010 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Voi dite, nella presentazione, che volete parlare della guerra mettendo una lente d’ingrandimento su alcuni scenari, senza dare giudizi morali/etici. Come riuscire a farlo, con un argomento così importante e che, bene o male, obbliga a schierarsi?

 
Alle 11 maggio 2010 22:30 , Anonymous Leopoldo ha detto...

discorsone!

 
Alle 11 maggio 2010 22:30 , Blogger martino ha detto...

Si è obbligati a schierarsi quando si vuol soppesare conseguenze positive o negative di una potenziale scelta. La guerra c’è. Non certo per decisione presa da noi. E soprattutto per motivi ben più radicati nella natura umana di quanto potrebbe esserlo un nostro possibile schieramento a riguardo. Per noi la musica è soprattutto emozione. Certo, non solo quello, ma soprattutto quello. Di conseguenza, ciò che per noi era più naturale fare, affrontando questo argomento in un disco, era provare a delineare alcuni degli scenari emotivi che vanno inevitabilmente a crearsi in un contesto bellico. Vedere cose piccole dentro ad una cosa grande. Per far questo ci vuole una lente d’ingrandimento. E la musica un po’ forse lo è.

 
Alle 11 maggio 2010 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, questo è vero. Voi con queste canzoni "osservate" con questa lente molti aspetti, anche lontani, della guerra: c’è Waterloo, c’è un bunker, ci sono i giochi dei bambini …ne parliamo?

 
Alle 11 maggio 2010 22:37 , Blogger martino ha detto...

In realtà a noi sembra più il contrario. Descrivere la soggettiva di un personaggio coinvolto è per noi un avvicinamento, non un allontanamento. All’interno di un’ enorme tragedia globale esiste un microcosmo di piccoli gesti, di piccoli desideri svaniti o esauditi, di piccole volontà e speranze apparentemente quasi fuori luogo dato il contesto, di piccole consapevolezze raggiunte. E’ questo il mondo esplorato in “Goodnight good lovers”.

 
Alle 11 maggio 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è vero, io, con "lontani", intendevo lontani tra loro...

 
Alle 11 maggio 2010 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Un vostro conterraneo, Tiziano Terzani, ha passato la vita nei territori di guerra: dal Vietnam all’Afghanistan. Mi è venuto in mente ascoltando il vostro cd. Avete qualche ricordo di lui? Vedete qualche relazione con il vostro attuale cd o è stata solo la mia passione per questo grande uomo a farmi fare questo parallelo?

 
Alle 11 maggio 2010 22:48 , Anonymous Leopoldo ha detto...

La verità è una cosa sacra. E le persone che lavorano per scovarla meritano tutto il rispetto e l’ammirazione possibile. A noi non spetta certo questo. Non ci meritiamo niente di tutto ciò. Nel disco non c’è nessuna verità. Non abbiamo neanche provato a cercarla. Abbiamo descritto delle cose che ci siamo solo immaginati, e le abbiamo messe dentro ad un contesto verosimile. Un disco non ha da esser vero, ha da esser bello.

 
Alle 11 maggio 2010 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, Terzani è stato un uomo che senza volerlo, percorrendo molte strade, ha trovato una sua verità... sulla guerre. Un percorso molto zen, anche lui, e in questo vi assomiglia.

 
Alle 11 maggio 2010 22:58 , Blogger martino ha detto...

Magari un po' di rispetto ed ammirazione li meritiamo comunque, anche solo per l'impegno nel provare a donare piccole emozioni..

 
Alle 11 maggio 2010 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi grandi emozioni... partendo dal particolare si possono sviluppare molti discorsi, sia con le parole che con la musica...

 
Alle 11 maggio 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma parliamo d'ispirazione...

 
Alle 11 maggio 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito di scrittura e ispirazione, mi piace citare Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 11 maggio 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 11 maggio 2010 23:05 , Anonymous emanuele ha detto...

Capita continuamente. E’ anche vero però che, quando non c’è la possibilità di “buttar giù” le idee, viene anche a mancare il confronto tra la cosa creata e la cosa immaginata, che è ciò che serve per sapere se tale idea era effettivamente una “cosa grandissima”. Chissà, avendo avuto la possibilità di buttarle giù, di registrarle e di farci uscire un disco, probabilmente Eddie Vedder avrebbe scoperto che le sue “idee migliori” non erano in realtà troppo migliori di altre. O forse no. Quadernetti e registratori sono cose che utiliziamo molto. Ma tali metodi aumentano solo la quantità di idee in archivio, non la loro qualità.

 
Alle 11 maggio 2010 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Sicuro, grandi idee che si hanno la notte, poi il mattino possono sfiorire ... anche quelle di Vedder.

 
Alle 11 maggio 2010 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone che rappresenta meglio il velvetscore-sound?

 
Alle 11 maggio 2010 23:11 , Blogger martino ha detto...

Anche la Maria fa il suo sporco lavoro.. ahahahahah

 
Alle 11 maggio 2010 23:13 , Anonymous emanuele ha detto...

Essendo il nostro sound molto eclettico dovrei forse rispondere di no. Ma siccome la domanda esige una risposta, potrei dire "Ride the Oxygen", pezzo di chiusura dell'ultimo disco. Si tratta infatti di un pezzo eclettico di per sè, che parte con un' atmosfera intima, acustica e cupa, muta in un crescendo psichedelico e visionario e si conclude con una fine rock ma molto melodica.

 
Alle 11 maggio 2010 23:13 , Blogger martino ha detto...

Secondo me Waterloo.

 
Alle 11 maggio 2010 23:18 , Anonymous Leoplodians ha detto...

per me Pollen Under Cement.

 
Alle 11 maggio 2010 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Entrambi mi piacciono molto. Waterloo per il testo e il bel gioco di voci maschile/femminile con Serena Altavilla...

 
Alle 11 maggio 2010 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

"Ride the Oxygen" mi ha ricordato in parte,"The end" dei Doors...indimenticabile in un grande film sulla guerra come "Apocalypse Now", tra l'altro.

 
Alle 11 maggio 2010 23:20 , Anonymous leopoldo ha detto...

grande la serena altavilla

 
Alle 11 maggio 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Comunque avete ragione, tutte sono da citare ...non per nulla si parla di concept.

 
Alle 11 maggio 2010 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

“Goodnight Good Lovers” esce con la label indipendente Black Candy, che ritorna a pubblicare dopo un periodo di pausa. Diciamo che è la vostra label da anni.

 
Alle 11 maggio 2010 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è il rapporto con loro? Ho sentito che hanno creato anche un bel negozio di musica in Firenze…

 
Alle 11 maggio 2010 23:25 , Anonymous emanuele ha detto...

guerra!

 
Alle 11 maggio 2010 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Come guerra? Siete in guerra con la label?

 
Alle 11 maggio 2010 23:27 , Anonymous emanuele ha detto...

scusa, il commento è arrivato dopo i fuochi...

 
Alle 11 maggio 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Immaginavo che non ti riferissi alla Black Candy...

 
Alle 11 maggio 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

... è il bello della diretta, direbbe Minà.

 
Alle 11 maggio 2010 23:31 , Blogger martino ha detto...

Il rapporto con BlackCandy è ottimo.
Dura ormai da diversi anni e potremmo dire di avere fatto lo stesso processo di crescita. Stiamo evolvendo di pari passo, dopo anni di fatiche e sacrifici abbiamo raggiunto degli obiettivi concreti come lo studio per noi e il negozio di dschi per loro.

 
Alle 11 maggio 2010 23:32 , Anonymous emanuele ha detto...

Che fra l'altro è una figata! http://www.facebook.com/pages/Firenze-Italy/BLACK-CANDY-Store/189002936007?ref=ts

 
Alle 11 maggio 2010 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho visto le foto.... se passo da Firenze mi fermo un bel po' in quel negozio; un vero negozio di dischi che apre... una bella notizia.

 
Alle 11 maggio 2010 23:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Dopo vado su facebook a vedere.

 
Alle 11 maggio 2010 23:35 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, con Internet che rapporto avete da utenti?

 
Alle 11 maggio 2010 23:37 , Blogger martino ha detto...

i dischi ci vogliono

 
Alle 11 maggio 2010 23:37 , Anonymous emanuele ha detto...

Ci piace veramente molto la possibilità di poter arrivare in modo semplice a una quantità di informazioni sconfinata. Le nostre ricerche, principalmente, hanno come oggetto musica, videoclip, film e documentari... per farti capire bene direi che il sito più visitato dai velvet score è sicuramente youtube.

 
Alle 11 maggio 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, youtube sta prendendo sempre più piede, in silenzio, senza i clamori di facebook o le lentezze di myspace...per chi fa musica oggi poi, è l'ideale.

 
Alle 11 maggio 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi da musicanti, il vostro rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in generale? Myspace... Facebook...Youtbe...

 
Alle 11 maggio 2010 23:44 , Anonymous emanuele ha detto...

Ovviamente cerchiamo di tenere aggiornati il più possibile i nostri social network con informazioni e curiosità per invogliare le persone che vi gravitano a seguire il nostro progetto. Per quanto riguarda il confronto fra myspace e facebook bisognerebbe vedere su quali parametri si vuole fare il confronto. Io posso dire che mi sembra che le singole persone siano molto più attive su facebook a discapito di myspace, che è diventato più un'importante vetrina per artisti che un vero e proprio social network.

 
Alle 11 maggio 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, in parte ci ha guadagnato...

 
Alle 11 maggio 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Siete di Sesto Fiorentino, Firenze, città non proprio lontana dai grandi centri. Anzi, Firenze (e la Toscana in genere) è ricca di etichette e di esperienze imprenditoriali nel campo della musica. Questo vi ha aiutati? Oppure è solo apparenza?

 
Alle 11 maggio 2010 23:52 , Anonymous emanuele ha detto...

Indubbiamente camminiamo su una strada già battuta e popolata, che è una grande fortuna. Non credo che la scena fiorentina possa competere per quantità e possibilità con quella milanese (per non parlare di realtà straniere). Però ho la netta sensazione che ci sia molta più "genuinità" dalle nostre parti.

 
Alle 11 maggio 2010 23:53 , Anonymous emanuele ha detto...

ciccia, olio e vino di sicuro..

 
Alle 11 maggio 2010 23:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', non c'è confronto. C'è molta più carne al fuoco a Firenze e in Toscana... più musica vera, per dirla alla Celentano.

 
Alle 11 maggio 2010 23:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Label, locali, gruppi...ora un negozio... sono molto preso e invidioso di questa vostra bella realtà.

 
Alle 11 maggio 2010 23:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete contatti con altri musicanti della vostra città o di altre? Serena Altavilla, dei Baby Blue ha contribuito al cd, l’abbiamo già citata (le fischieranno le orecchie, che baciamo rispettosamente) ... alcuni di voi sono anche nel progetto Canemorto ...altri?

 
Alle 12 maggio 2010 00:00 , Anonymous Leoplodians ha detto...

La collaborazione con Serena è stata una cosa estemporanea, lavorando ad alcuni brani in pre-produzione abbiamo pensato all'inserimento di una voce femminile. Non la conoscevamo personalmente, conoscevamo i dischi dei Baby Blue. E' stata un piacevolissimo incontro. In più io e Martino siamo all'interno del progetto cantautoriale "Canemorto" alias Antonio Nardi cui hai avuto modo di intervistare qualche mese fa.

 
Alle 12 maggio 2010 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Mim ricordo, mi ricordo ...

 
Alle 12 maggio 2010 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cartonato che racchiude il cd è curato nei minimi dettagli: un occhio che ti osserva (dio e la guerra?) immerso in un rosso vivo, come nelle schede con i testi di ogni canzone, con l’occhio che si chiude sempre di più e piange … c’è dietro un bel lavoro, a occhio.

 
Alle 12 maggio 2010 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

È così? Di chi è opera?

 
Alle 12 maggio 2010 00:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Saltato il satellite?

 
Alle 12 maggio 2010 00:13 , Blogger martino ha detto...

Si, è molto bello il lavoro, sin dal primo momento abbiamo visto che era la suggestione giusta da abbinare al contenuto musicale del disco.
E' opera di Jacopo Lietti, cantante dei Fine Before You Came e cogliamo l'occasione per ringraziarlo di nuovo.
Tornando all'"occhio": non ha un signficato particolare, è evocativa e ambigua. Ci è subito piaciuta.

 
Alle 12 maggio 2010 00:15 , Anonymous emanuele ha detto...

l'occhio ti guarda

 
Alle 12 maggio 2010 00:15 , Anonymous emanuele ha detto...

sa tutto

 
Alle 12 maggio 2010 00:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, come i miei due occhietti...ho visto che avete messo la mia faccina d'alligatore sul vostro sito e accanto all'occhio della copertina sta bene... c'è una cert somiglanza a parte che non ho gli occhi azzurri e i miei sono più tondi (alla occhialetti John Lennon...).

 
Alle 12 maggio 2010 00:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Qui sta diluviando ...ho la palude sempre più zuppa. Sembra di essere in Vietnam.

 
Alle 12 maggio 2010 00:18 , Anonymous emanuele ha detto...

sono difori come un culo

 
Alle 12 maggio 2010 00:18 , Blogger Alligatore ha detto...

ah, ah, ah...

 
Alle 12 maggio 2010 00:18 , Blogger martino ha detto...

dobbiamo esser sinceri, caro amico.
siamo tutti completamente sbronzi, in compagnia di toni. pretzel.

 
Alle 12 maggio 2010 00:19 , Blogger Alligatore ha detto...

pretzel? Tirolese. E che vino?

 
Alle 12 maggio 2010 00:20 , Anonymous Leoplodians ha detto...

Però il tuo logo è proprio carino! Lo dicevamo giusto prima...

 
Alle 12 maggio 2010 00:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie ...è un mistero su chi ne sia l'autore.

 
Alle 12 maggio 2010 00:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Per chiudere, se non mi volete dire che vino state bevendo, una domanda che non vi ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 12 maggio 2010 00:26 , Anonymous Leoplodians ha detto...

Domanda: Riesci a mantenere un rapporto sereno con la musica?
Risposta: No

 
Alle 12 maggio 2010 00:27 , Blogger martino ha detto...

Domanda: Ce la fai a guidare?
Risposta: Chiaro

 
Alle 12 maggio 2010 00:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Chiaro come quel whisky della pubblicità ...

 
Alle 12 maggio 2010 00:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Be' è stata una serata bagnata...

 
Alle 12 maggio 2010 00:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Lunga e bangnata...

 
Alle 12 maggio 2010 00:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Se non avete altro da aggiungere io vi ringrazio...

 
Alle 12 maggio 2010 00:33 , Blogger martino ha detto...

Grazie a te!

 
Alle 12 maggio 2010 00:34 , Anonymous emanuele ha detto...

Buonanotte... a presto.

 
Alle 12 maggio 2010 00:34 , Blogger martino ha detto...

grazie alligatore, di nuovo.
complimenti per il tuo lavoro.
ti allego un paio di link:
www.velvetscore.com
www.myspace.com/velvetscore

cercateci pure su facebook.

grazie a presto!

 
Alle 12 maggio 2010 00:34 , Blogger martino ha detto...

Grazie a te

 
Alle 12 maggio 2010 00:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi Velvet Score.
Buonanotte e buonafortuna ...

 
Alle 14 maggio 2010 16:56 , Anonymous manu ha detto...

quante cose mi sono persa, amico. non so neanche bene il perché... un bacetto. :-)

 
Alle 14 maggio 2010 23:17 , Blogger Lindalov ha detto...

Santoddio, bonazzo lui in primo piano.

 
Alle 15 maggio 2010 20:20 , Blogger Alligatore ha detto...

@Manu
Be', dai puoi recuperarle. Bentornata.
@Lindalov
Mando subito una mail al ragazzo e organizzo l'incontro :-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page