giovedì 5 marzo 2009

Intervista ai Julie’s Haircut


I Julie’s Haircut sono questa sera in diretta sul blog e quasi stento a crederlo. Di solito ospito giovani al primo o secondo cd, raramente al terzo (uno o due al quarto), ma loro sono al quinto, chiapperi! E non un album qualsiasi, ma un goloso doppio di novanta minuti superbamente rock e psichedelico, con innesti di elettronica mai invadente e la volontà/capacità di andare al di là del semplice concetto di canzone. Our Secret Ceremony s’intitola, ed è un album kubrickiano nella forma e nella sostanza.
Rockerilla ha dedicato loro la copertina (una delle possenti foto di Ilaria Magliocchetti, che ringrazio per l’immagine di questo post) e ha fatto bene, perché se la scena indipendente di casa nostra vuole crescere e andare da qualche parte, è nella sperimentazione sonora, nella musica che si fa immagine, nella dilatazione del suono che deve puntare, e non in comparsate televisive e/o carine compilation promozionali. E qui mi fermo, perché non m’interessa fomentare sterili polemiche, ma solo parlare di musica. La band emiliana è la più adatta per fare questo. A parlare per loro è questa “cerimonia segreta” incisa su due dischetti metallici (ma hanno fatto pure il vinile): uno più forma-canzone (ma non troppo), l’altro più liquido, acido, da Alice nel paese delle meraviglie.
Ne parleranno tanto quest’anno e pure negli anni a venire. Lo citeranno tutti. Intanto sentiamo cosa hanno da dirci i diretti interessati, o almeno alcuni di loro. Julie’s ci siete?
VAI AL LORO SITO http://www.julieshaircut.com/
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/julieshaircut
ASCOLTA ESTRATTI DEL NUOVO ALBUM CLICCANDO QUI

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

142 Commenti:

Alle 5 marzo 2009 21:37 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Eccomi, ciao!

 
Alle 5 marzo 2009 21:37 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ciao ci siamo

 
Alle 5 marzo 2009 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Andrea, ciao Luca. Benvenuti nel blog.

 
Alle 5 marzo 2009 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Che faccia allegra Andrea...

 
Alle 5 marzo 2009 21:40 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Eh si, è il mio cane... il mio alter ego virtuale.

 
Alle 5 marzo 2009 21:40 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Io sono l'uomo senza volto, invece

 
Alle 5 marzo 2009 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

E io un Alligatore...

 
Alle 5 marzo 2009 21:41 , Anonymous Press Sheep ha detto...

Ciao Ally!
Ciao J'sH! E' un amore il cucciolotto nella foto: come si chiama? :)

 
Alle 5 marzo 2009 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche la pecorella

 
Alle 5 marzo 2009 21:42 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Kenny

 
Alle 5 marzo 2009 21:43 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ma che è il blog dei Teletubbies???

 
Alle 5 marzo 2009 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Quasi...

 
Alle 5 marzo 2009 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, ora che abbiamo fatto le presentazioni possiamo cominciamo con la prima. Difficilissima… È evidente, con 15 anni di pachi e 5 album ci vuole coraggio a farla, ma io ci provo lo stesso: chi sono i Julie’s Haircut?

 
Alle 5 marzo 2009 21:44 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 5 marzo 2009 21:44 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

un gruppo di persone per cui la musica (suonata e ascoltata) rappresenta una importante ragione di vita. Un collettivo esteso, che oltre agli elementi della band stessa comprende tanti altri "elementi" che da dietro le quinte con il loro apporto contribuiscono attivamente a questo percorso musicale.

 
Alle 5 marzo 2009 21:45 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Se Scarfo continua così serio io abbandono, ditelo subito.

 
Alle 5 marzo 2009 21:46 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

anche se ho quella faccia da tonto del mio cane come avatar sono uno serio!

 
Alle 5 marzo 2009 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Con quella faccia, come puoi?

 
Alle 5 marzo 2009 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Faccio io il serio...

 
Alle 5 marzo 2009 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

“Our Secret Ceremony” è il vostro quinto album. Si parla di coscienza e inconscio, si cita Carl Gustav Jung. È un omaggio indiretto al decimo anniversario di “Eyes Wide Shut” di Kubrick? Oppure non ci resta che Jung?

 
Alle 5 marzo 2009 21:50 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Di Jung ci interessa quella frase che abbiamo riportato sulla press sheet che accompagnava l'album per i giornalisti. "In ogni caos c'è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto"

 
Alle 5 marzo 2009 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Come la musica e lo scrivere musica...

 
Alle 5 marzo 2009 21:52 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ci interessa il rapporto tra ordine e caos, è alla base anche della nostra metodologia attuale nel fare musica.
Ci affascina l'idea di riuscire a ricavare strutture, melodie e armonie partendo semplicemente dall'improvvisazione.

 
Alle 5 marzo 2009 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, è questo che volevo sentire...

 
Alle 5 marzo 2009 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce una vostra canzone? Nell'inconscio?

 
Alle 5 marzo 2009 21:55 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

In un inconscio collettivo

 
Alle 5 marzo 2009 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

... e scaturiscono prima i suoni o le parole?

 
Alle 5 marzo 2009 21:56 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Ti racconto un aneddoto del disco precedente. Una notte ho sognato di andare da Luca per dirgli che avevo trovato un titolo per una canzone, questo titolo era Sister Pneumonia, che poi è diventata realmente una canzone di After Dark.

 
Alle 5 marzo 2009 21:56 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ognuno può anche sapere quello che sta facendo quando improvvisa, ma non può sapere cosa faranno gli altri, quindi il vero autore della maggior parte delle nostre musiche è il cosiddetto "inter-play", e il riferimento ai gloriosi colori nerazzurri è del tutto casuale.

 
Alle 5 marzo 2009 21:57 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Dipende, nel caso di Sleepwalker per esempio la canzone è nata partendo dal loop di drum machine che Nicola ha fatto partire, io ci ho suonato il riff di chitarra e l'abbiamo fissata così. Poi successivamente il Reverendo ha contribuito con alcuni tocchi che hanno caratterizzato e impreziosito l'armonia, è stata lavorata ed editata e per finire Nicola ha scritto il testo.

 
Alle 5 marzo 2009 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Da sempre così? Il modo di scrivere una canzone e le modalità di farlo sono cambiati nel corso degli anni? Le moderne tecnologie hanno influito in meglio o in peggio … o per nulla?

 
Alle 5 marzo 2009 22:00 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Nel nostro caso non credo più di tanto, non siamo molto legati alle nuove tecnologie...

 
Alle 5 marzo 2009 22:02 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Le tecnologie non hanno cambiato molto il nostro modo di comporre. C'è stato un deciso cambiamento della metodologia a partire da 3 o 4 anni fa, quando abbiamo iniziato a privilegiare l'improvvisazione rispetto alla scrittura tradizionale. Prima di "After Dark, My Sweet" eravamo soliti scrivere ognuno le proprie canzoni (io, Nicola e Laura) per poi rielaborarle insieme ed inciderle una volta ultimate. Ora tutto nasce in studio, lavorando d'intuito fin dal primo momento.

 
Alle 5 marzo 2009 22:02 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Ma la pecorella c'è ancora?

 
Alle 5 marzo 2009 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Pecorella?

 
Alle 5 marzo 2009 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è, in giro c'è... la sento. Poi ritorna online...

 
Alle 5 marzo 2009 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Continuando...
Come sono nate quelle del recente doppio cd? Sono nate in momenti diversi? Sono nate per far parte dello stesso doppio album?
p.s. Bravi a fare un doppio. Non lo fanno in molti oggi.

 
Alle 5 marzo 2009 22:06 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Sono nate con la stessa logica di quelle di After Dark, siamo andati in studio e abbiamo aperto i rubinetti registrando tutto. Poi su alcune c'è stato un lavoro di montaggio, editing ecc. Altre invece sono così, come sono state registrate, senza alcuna manipolazione.

 
Alle 5 marzo 2009 22:06 , Anonymous Press Sheep ha detto...

Ci sono ci sono... sto preparando una verifica sui dinosauri :)

 
Alle 5 marzo 2009 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Junior

 
Alle 5 marzo 2009 22:08 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Parliamo del Rhedosauro, inventato da Ray Harryhausen per The bEast from 20.000 phatoms!

 
Alle 5 marzo 2009 22:08 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Il mio dinosauro preferito: http://www.youtube.com/watch?v=GcjxwXCxBBU

 
Alle 5 marzo 2009 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari può essere utile per la verifica

 
Alle 5 marzo 2009 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Il tubo, poi vado a vederlo. Allora il web, con Internet che rapporto avete da utenti?

 
Alle 5 marzo 2009 22:11 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Io ne sono completamente schiavo, non ne potrei fare a meno.

 
Alle 5 marzo 2009 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Fratello mio allora.

 
Alle 5 marzo 2009 22:13 , Anonymous Press Sheep ha detto...

:D troppo divertente! ehheheh ma non è proprio il genere di dinosauro che cercavo. Comunque grazie!

 
Alle 5 marzo 2009 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono curioso, non vedo l'ora

 
Alle 5 marzo 2009 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Luca sul web si astiene.

 
Alle 5 marzo 2009 22:15 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Mi astengo.

 
Alle 5 marzo 2009 22:15 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

In realtà non è tossico come me ma si difende anche lui in quanto ad ore di connessione...

 
Alle 5 marzo 2009 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora... e da musicanti, il vostro rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 5 marzo 2009 22:16 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ho un rapporto conflittuale. Ma lo uso quotidianamente per diverse ore, sicuramente troppe. Comunque come strumento informativo e comunicativo lo trovo fondamentale. E' la deriva comunicativa dei social network che non mi fa stare troppo a mio agio.

 
Alle 5 marzo 2009 22:17 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Dal punto di vista musicale la rete mi ha dato il vantaggio di poter reperire strumenti di qualsiasi tipo e ovunque nel mondo. L'aspetto del P2P non mi interessa perchè ho bisogno di avere l'oggetto fisico da ascoltare, meglio se in vinile quindi non scarico musica.

 
Alle 5 marzo 2009 22:18 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ecco, come gruppo invece usiamo molto la rete e in questo senso trovo che sia uno strumento utilissimo e a basso costo per promuovere la nostra musica.

 
Alle 5 marzo 2009 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, sono in perefetta sintonia sull'aspetto fisico, sul supporto, sul profumo di vinile...

 
Alle 5 marzo 2009 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Una cosa concreta che si fa liquida, e non il contrario

 
Alle 5 marzo 2009 22:21 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Il nostro non va annusato troppo perchè oltre al vinile profuma alla grande la stampa della cover, visto che è serigrafica. Se lo annusi forte rischi il malore!

 
Alle 5 marzo 2009 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Psichedlica

 
Alle 5 marzo 2009 22:23 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Lo puoi dire forte!
Poi in vinile si parla di un tre ante... sei facciate di inchiostro fitto...

 
Alle 5 marzo 2009 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Un vinile di culto. Per fortuna stanno ritornando.

 
Alle 5 marzo 2009 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Prima si parlava dei social network. Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook?

 
Alle 5 marzo 2009 22:26 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Per fortuna si!
Io do sempre precedenza a questo supporto se ho l'alternativa.
Inutile che ne decanti le qualità rispetto al CD, sono troppe. Si parla proprio di due cose che non possono essere messe a confronto.

 
Alle 5 marzo 2009 22:26 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Per un gruppo musicale sono vetrinette e quindi cose serie per quel che riguarda la promozione. L'utilizzo a livello personale invece un po' mi disturba.

 
Alle 5 marzo 2009 22:26 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

MySpace è stato una moda che è esplosa in pochissimo tempo, ma come tutte le mode si sta esaurendo.
La novità da avere assolutamente ora come ora è facebook ma anche in questo caso credo che ci sia un limite temporale, in attesa di qualche altro grande social network ancora più evoluto.

 
Alle 5 marzo 2009 22:28 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Di fatto Facebook è un database dei gusti, delle relazioni, delle azioni di milioni di persone in tutto il mondo. Il controllo di unas mole tale di informazioni oggi è potenzialmente pericolosissimo. Ma d'altra parte è la gente che ci si trova a proprio agio a pubblicare il proprio privato senza pudori.

 
Alle 5 marzo 2009 22:29 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

A parte che ci sarebbe moltissimo da dire sul rispetto della privacy di persone che magari non vorrebbero esserci, su facebook.

 
Alle 5 marzo 2009 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, una versione malata del "privato è politico" anni '70 ...

 
Alle 5 marzo 2009 22:30 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Oggi le informazioni valgono decisamente più dell'oro, sono in assoluto la merce più preziosa e noi le stiamo regalando a degli sconosciuti. Lo sapete che se anche cancellate il vostro account di facebook, tutto quello che avete fatto sul network rimane imagazzinato nei loro database?

 
Alle 5 marzo 2009 22:31 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Potenzialmente è un organo di controllo di enorme efficacia.

 
Alle 5 marzo 2009 22:32 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

In realtà non puoi cancellare ma solo disattivare il tuo profilo, allucinante!

 
Alle 5 marzo 2009 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Un Gande Fatello al contrario.

 
Alle 5 marzo 2009 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

La pecorella è un'esperta.

 
Alle 5 marzo 2009 22:33 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

In ogni caso, sarò retrogrado, ma per me c'è qualcosa di genuinamente pornografico nell'utilizzo che viene fatto dei social network.

 
Alle 5 marzo 2009 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, cosa ne pensate di quello che ha scritto Aldo Nove su Facebook? “…su FB non si pensa. Su FB non si inventa? Su FB si fa esattamente quello che sotterraneamente ti viene detto di fare, nell’illusione che sia tu a sceglierlo.” Insomma, una democrazia assoluta “di facciata”. Perfetta metafora della società attuale, aggiungo io …

 
Alle 5 marzo 2009 22:35 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Sono assolutamente d'accordo, il fatto che tu non possa cancellare il profilo ma solo disattivarlo la dice lunga su quanto sia subdolo in realtà...
Fai quello che "loro" vogliono tu faccia, al 100%

 
Alle 5 marzo 2009 22:36 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Ah Ah! :D
"Loro"!
Scarfo "Fox" Mulder

 
Alle 5 marzo 2009 22:37 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Saremo mica troppo dietrologi?
Io mi limito a constatare i fatti. I fatti sono che lì stanno raccogliendo (regalate di spontanea volontà) informazioni su mezza popolazione mondiale.

 
Alle 5 marzo 2009 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse di più

 
Alle 5 marzo 2009 22:39 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Non ho dati aggiornati, forse è meglio che non lo sappia :D

 
Alle 5 marzo 2009 22:40 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

E' come unìenorme indagine di mercato in continua evoluzione.

 
Alle 5 marzo 2009 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Torniamo al territorio. Venite dall’Emilia, terra fertile per la musica e la cultura in genere. Se uno non suona in una band, scrive libri, oppure fa del cinema o corre con la moto… io, abitante in una regione vicina, ma molto diversa, ho sempre invidiato questa vitalità. È un bene per un giovane musicante nascere dove siete nati voi, oppure è indifferente? O un male …

 
Alle 5 marzo 2009 22:45 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Il nucleo originario del gruppo viene da Sassuolo, che ora è agli onori delle cronache sportive grazie ad una squadra che si sta facendo rispettare nel campionato di B, ma che in realtà è sempre stat una cittadina piuttosto grigia, dove ha sempre regnato l'interesse dell'industria ceramica sopra a tutto. Ora, poi, pure quell'industria è al tracollo. Se vieni da un posto così (che abbiamo ribattezzato Zombietown) o ti adegui oppure cerchi di fare qualcosa di nuovo, di creativo. E' la vecchia storia della creatività che c'è in provincia.

 
Alle 5 marzo 2009 22:45 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Concordo sul fatto che queste zone hanno prodotto tanto a livello musicale, tante cose buone e altre meno buone. Tuttavia non credo che oggi come oggi l'Emilia abbia più spazi di quanti ne può avere ad esempio la Puglia.
Credo che da queste parti la troppa offerta degli anni precedenti abbia generato una sorta di pigrizia generale, mentre nelle regioni dove c'è meno offerta la gente è più curiosa e attenta a quello che succede.

 
Alle 5 marzo 2009 22:47 , Anonymous Press Sheep ha detto...

Accipigna mi sono persa la discussione su faccialibro :(

 
Alle 5 marzo 2009 22:47 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

L'Emilia è percepita come una terra molto allegra, ma io credo che le appartenga allo stesso titolo una malinconia di fondo, che è la malinconia stanca del Po e della pianura.

 
Alle 5 marzo 2009 22:48 , Anonymous paola*hs ha detto...

fighissima questa idea dell'intervista in diretta nei commenti del blog! :D

ciao luca, ciao scarfo!
(ciao diego e grazie per la segnalazione in tempo reale)

 
Alle 5 marzo 2009 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Paola. Grazie, grazie dell'intervento.

 
Alle 5 marzo 2009 22:49 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Mitica Paola! :)
Abbiamo una nostra ex-discografica, caro alligatore, da qui in poi prende in mano le redini lei!

 
Alle 5 marzo 2009 22:49 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Ciao Pa!
Che piacere sentirti, voglio vederti presto però!!!
E' un sacco che non ti vedo, da Illuminati!

 
Alle 5 marzo 2009 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora ritorno a bomba,l’Emilia. Da Orietta Berti agli Offlaga Disco Pax. A proposito, avete contatti con altri artisti della vostra città o regione? Di altre? Ad esempio con gli Offlaga Disco Pax... se non sbaglio, uno di voi due (dicono) è il protagonista di una loro canzone cult?

 
Alle 5 marzo 2009 22:53 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Dicono in tanti che sia io, ma non saprei, è un po' un mistero (io ad esempio non ho alcun ricordo di quella vicenda raccontata da Max). In ogni caso è il loro pezzo migliore.

 
Alle 5 marzo 2009 22:55 , Anonymous paola*hs ha detto...

no, no, io sono mamma a tempo pieno. non sono autorizzata a lasciare interviste ;)

 
Alle 5 marzo 2009 22:55 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Qui a Reggio dove abitiamo ora viviamop tutti nell'arco di 200 metri. Io, Scarfo, Corrado e Jukka dei Giardini di Mirò. Enrico degli Offlaga invece sta verso le montagne, è un eremita. Ci sentiamo solo per punzecchiarci calcisticamente, ma ogni tanto viene a cena a casa mia, quando sono in vena mi esibisco in gourmet etnici.

 
Alle 5 marzo 2009 22:57 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Anche Andreino dei Julies vive dietro l'angolo rispetto a casa mia e in città ci sono tanti altri musicisti, come Olivier degli Ulan Bator e anche ben più importanti di noi, come ad esempio Philip Corner.

 
Alle 5 marzo 2009 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

...interessante come cucina.

 
Alle 5 marzo 2009 22:57 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Anche Daniele degli Offlaga e il nostro Andreino abitano in centro storico, a poche centinaia di metri da qui. Il centro di Reggio è un francobollo. Corrado Nuccini ad esempio è a 50 mt da dove stiamo scrivendo.

 
Alle 5 marzo 2009 22:57 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Eppoi i RIO!
E, ovviamente, il Lucianone nazionale, che da poco è tornato a vivere qui.

 
Alle 5 marzo 2009 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Stiamo dando troppe informazioni private...peggio di facebook.

 
Alle 5 marzo 2009 22:59 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Luciano è vicinissimo pure lui, saranno ... 150 metri?
Lui ha pure lo studio in casa, il fortunello!

 
Alle 5 marzo 2009 22:59 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Peccato che con tutti sti artisti in citàà in realtà non succeda mai nulla. Corrado per organizzare il suo bel festival di elettronica Ctrl+C è dovuto andare a Carpi.

 
Alle 5 marzo 2009 23:00 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Anche io ho lo studio in casa... Ma qualcosa mi dice che il suo è un po' meglio.

 
Alle 5 marzo 2009 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Non lontanissimo poi ...sempre terra fertile.

 
Alle 5 marzo 2009 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con l’indipendente A Silent Place. Come vi siete incontrati/trovati?

 
Alle 5 marzo 2009 23:02 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Il tutto è nato perchè avevamo materiale che volevamo pubblicare, preferibilmente in vinile, materiale inedito delle session di AfterDark con Sonic Boom. Luca ha segnalato l'ottimo lavoro fatto dai ragazzi di ASP insieme ai Jennifer Gentle.
Li abbiamo contattati, a loro il materiale è piaciuto e l'hanno pubblicato.
Successivamente abbiamo suonato nella loro città, ci siamo conosciuti, in quella occasione ci hanno visto dal vivo e abbiamo iniziato a parlare della possibilità di lavorare ancora con loro.
Cosa che poi è andata effettivamente in porto.

 
Alle 5 marzo 2009 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

La copertina di Luca Lumaca è stata da voi direttamente ispirata. Anche qui l’inconscio ci gioca molto. A me ricorda, in parte, “Freaks”, di Tod Browning. Quel film mostruosamente bello. È così, o c’è dell’altro dietro? Altre suggestioni cinematografiche? O di altro tipo …

 
Alle 5 marzo 2009 23:05 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

E' un pò difficle dire com'è nata. Nicola ha raccolto alcune immagini su cui voleva lavorare, Luca ha iniziato a maneggiarle e fotomontarle insieme.
La cosa ha iniziato a prendere forma e una sera dal mio ufficio abbiamo fatto la selezione e definito la logica di montaggio finale che poi Luca Lumaca ha realizzato generando i file definitivi.

 
Alle 5 marzo 2009 23:07 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

E' nata un po' come il disco, da una specie di improvvisazione collettiva, partendo da alcuni elementi e combinandoli in maniere diverse.

 
Alle 5 marzo 2009 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Vi sentite più una band da studio o da live? Oppure, in analisi finale, non c’è grande differenza …

 
Alle 5 marzo 2009 23:09 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

C'è molta differenza, ma noi non prediligiamo un aspetto sull'altro.

 
Alle 5 marzo 2009 23:10 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Direi 50 e 50.
Personalmente non potrei rinunciare a nessuna di queste due realtà, fondamentali entrambi per una band.

 
Alle 5 marzo 2009 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Voi bazzicate da un bel po’ la scena indipendente italica. Come la vedete in questo periodo? Si parla in giro, di crisi economica ... nella scena indi non sono mai girati soldi. Quindi non cambia nulla, per noi indipendenti?

 
Alle 5 marzo 2009 23:13 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Bah. Noi non è che apparteniamo veramente a nessuna scena. Ci sono gruppi di musicisti ai quali siamo legati da amicizia, ma le scene sono un'altra roba. Sulla crisi economica sarebbe ora che ci si rimboccasse le maniche ci si inventasse maniere nuove e valide di fare le cose invece di continuare a piangersi addosso.

 
Alle 5 marzo 2009 23:13 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

La cosa che cambia è che purtroppo ho la sensazione che ci sia meno interesse per la scena indipendente.
La gente fa fatica a staccare il culo dal divano per venire a vedersi un concerto e non credo sia colpa della crisi.
Se a questo ci aggiungi che i dischi ormai non li compra quasi più nessuno fai presto a tirare le somme.
Il nocciolo è che quasi nessuno di noi può fare solo il musicista.
Sarei curioso di capire se farlo full time possa rappresentare un beneficio o piuttosto un danno in termini di qualità musicale.

 
Alle 5 marzo 2009 23:15 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Siamo una Nazione sul divano.

 
Alle 5 marzo 2009 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Visti certi risultati, forse il full time è un danno.

 
Alle 5 marzo 2009 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Quanto al divano, avreste mai pensato di vedere gli Afterhours a Sanremo? Un segno dei tempi? Una cosa che lascia il tempo che trova?

 
Alle 5 marzo 2009 23:18 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Non ho considerato la loro presenza e la loro canzone così rivoluzionaria, di certo atipica per il palinsesto del festival ma francamente non saprei dirti se questa partecipazione gli ha fatto bene o no.

 
Alle 5 marzo 2009 23:19 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Per me hanno fatto bene ad andare, ma non credo che siano venuti fuori come avrebbero voluto o comunque come io credo che avrebbero meritato, a dirla tutta. San Remo non è proprio fatta per il rock. Ma se si fossero presentati con una di quelle ballate che Manuel sa scrivere, tipo "Quello che non c'è", per dire... avrebbero perfino potuto spaccare

 
Alle 5 marzo 2009 23:20 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Intendo dire... sfondare anche presso un pubblico che tradizionalmente non li ascolta, ecco.

 
Alle 5 marzo 2009 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è una sensazione diffusa questa.

 
Alle 5 marzo 2009 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Parliamo di cose belle. Perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 5 marzo 2009 23:23 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Però ci sono andati con dignità e hanno fatto quello che volevano fare. Cercando di dare visibilità non solo a se stessi ma anche ad una scena sotterranea completamente sconosciuta al grande pubblico televisivo.

 
Alle 5 marzo 2009 23:24 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Mah, no so.
Hanno testi troppo intelligenti per San Scemo...
Continuo ad avere qualche dubbio che gente che manda in finale Povia, Sal Da Vinci e Marco Carta li possa davvero capire.

 
Alle 5 marzo 2009 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, per me è un segno di questi tempi senza più nulla

 
Alle 5 marzo 2009 23:39 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Perchè il ruolo del musicista ha sempre avuto grande fascinazione e ho sempre avuto forte il desiderio di farlo, fin da bambino.
Mi è sempre piaciuto parecchio insomma e mi reputo fortunatissimo per le possibilità che ho con i Julie's.

 
Alle 5 marzo 2009 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Problemi con la connessione. Forse Manuel Agnelli tenta di sabotarmi … scherzo, scherzo.

 
Alle 5 marzo 2009 23:46 , Anonymous Luca - J'sH ha detto...

Per quanto riguarda la musica, potrei girarci intorno, ma la verità è che per me è un'ossessione. Io non penso praticamente ad altro, anche quando parlo con le persone. Direi che è una patologia.

 
Alle 5 marzo 2009 23:47 , Blogger Alligatore ha detto...

La mia droga si chima Julie...

 
Alle 5 marzo 2009 23:47 , Blogger Alligatore ha detto...

...la tua music

 
Alle 5 marzo 2009 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Concludiamo allora, con la marzullata finale: fatevi una domanda, datevi una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 5 marzo 2009 23:49 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

:-)

 
Alle 5 marzo 2009 23:50 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Cosa vorresti ti succedesse (musicalmente parlando) nei prossimi anni?

Vorrei poter far scrivere "musicista" sulla carta di identità.

 
Alle 5 marzo 2009 23:54 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Luca è scappato a casa, i suoi doveri di futuro papà lo chiamano...

 
Alle 5 marzo 2009 23:55 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Ti ringrazio anche da parte sua per lo spazio e per la chiacchierata... a prestissimo Alligatore!

 
Alle 5 marzo 2009 23:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene. Sarà un pesce come me, probabilmente. Ciao e grazie Julie’s Haircut, nella persona di Luca Giovanardi e Andrea “Kenny” Scarfone. È stato bello! E poi un grosso ciao e grazie a Press Sheep (pecorella) e ai suoi dinosauri, a Paola Homesleep (la press-mamma) … e chi ci ha letto e ci leggerà. Buona notte.

 
Alle 5 marzo 2009 23:57 , Blogger Scarfo - J'sH ha detto...

Buona notte a tutti!

 
Alle 5 marzo 2009 23:58 , Anonymous Press Sheep ha detto...

Ciao ragazzi! :) Ciao Ally!
Buona notte

 
Alle 6 marzo 2009 10:00 , Anonymous and ha detto...

grande gruppo...l'ultimo disco non l'ho ascoltato ma deve essere ostico a quanto si dice in giro"!

 
Alle 6 marzo 2009 15:45 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Mi piace questa musica :)))
gio

 
Alle 6 marzo 2009 17:30 , Anonymous Superlove ha detto...

Potete ascoltare estratti dal nuovo album qui:
http://www.julieshaircut.com/oursecretceremony/

 
Alle 6 marzo 2009 20:56 , Blogger Alligatore ha detto...

@And
Ostico non mi sembra il termine giusto. Ostico e agnostico, diceva Trapattoni nella sigla di "Mai dire gol!" di qualche anno fa.
Mi sembra un album che si stacca dalla media, si alza in volo, osa di più, straborda, inonda ... psichedelico, direi. Sì, rende bene quello che è: psichedelico.
@LaMentePersa
Gio non avevo dubbi in proposito. Musica per menti perse come noi.
@Superlove
Grazie della precisazione, sei un amore, anzi, un superamore ...
Non oso immaginare questa musica su vinile.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page