lunedì 17 novembre 2008

Il Cinema


Chiapperi che film. In cielo c’è la luna piena e io vorrei ululare. Una volante della polizia gira davanti al cinema e a me viene da ridere. Ho appena visto un film dove dei poliziotti corrotti e violenti finiscono dietro le sbarre tra gli applausi della gente (una specie di mani pulite negli States pre-crisi del ’29) e mi viene da ridere. Voi direte, è il cinema bellezza, queste cose non succedono nella realtà (invece è una storia vera) … ma a impressionarmi, più che il contesto socio-politico-criminale o l’intreccio, è il cinema che emana questo ultimo (ultimo?) capolavoro di Eastwood, un film da vedere assolutamente nella buia sala cinematografica (in televisione perderà tutto il suo fascino).
Lungo ma non pesante, Changeling ti inchioda alla poltrona, incanta per la fotografia seppiata, le musiche dello stesso regista, i personaggi perfetti, ognuno nella parte sua (dovrebbe essere scontato, ma non è sempre così); è veramente impressionante, ogni attore sembra nato per fare quella parte e solo quella.
Non ho mai sopportato Angelina Jolie e i suoi labbroni, ma qui è perfetta, maschera di dolore di madre alla quale viene rapito il figlio e qualche mese dopo riconsegnato dalla polizia di Los Angeles, la più corrotta e violenta della storia, guidata da dei capi incapaci e reazionari al servizio di un sindaco-sceriffo che pensa solo alla sua rielezione (ma non si ricandida, l’Era Roosvelt è in arrivo). Non è il suo bambino, ma la polizia vuole convincere la donna a tutti i costi. È più basso (un medico le spiega che un shock può far restringere la colonna vertebrale), è circonciso (il medico le spiega che è una buona pratica sanitaria e probabilmente i suoi rapitori volevano farlo crescere forte e sano), la sua maestra unica non lo riconosce, il suo dentista pure ma per la polizia deve convincersi. Lei insiste nel negare la (loro) evidenza. Bene, è pronto un ricovero coatto in clinica psichiatrica con violenze, elettroshock e un mondo brutale alla donna sconosciuto. Per fortuna ha dalla sua parte un predicatore presbiteriano, che dal pulpito e dalla radio predica contro la corruzione e la violenza (un John Malkovich mai così riccioluto/risoluto), e alla fine uscirà come un’eroina, simbolo del popolo che si ribella e caccia la corruzione e le falsità del potere. Nonostante questo happy end, non si può parlare di cinema consolatorio, anzi. Rimane un’amarezza profonda. Eastwood non ci risparmia nulla (dalle morti violente dei bambini rapiti all’impiccagione del bruto, dal manicomio dove vengono commessi dei crimini orribili, al terrore sui volti delle vittime).
Ennesimo film da parte di Clint sulla perdita dell’innocenza? Ennesimo, ennesimo, come sappiamo è tipico dei geni fare sempre la stessa opera, lo stesso film, lo stesso cd …
VAI AL SITO DEL FILM http://www.changelingmovie.net/

Etichette: , , , , , ,

22 Commenti:

Alle 17 novembre 2008 15:40 , Blogger Lucien ha detto...

Mi hai già fatto voglia di andarlo a vedere. In rete girano anche pareri più critici, però Clint è Clint, ha firmato capolavori indimenticabili e gli si concede fiducia a priori.

 
Alle 17 novembre 2008 18:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, ho letto pure io pareri altalenanti, ma tu fidati del mio naso che ha sentito profumo di celluloide fin dalla prima sequenza; e te lo dice uno che non è mai stato un eastwoodiano puro (anche se ha sempre apprezzato i suoi film) e non ha mai avuto simpatia per la Jolie (è una questione di pelle, mi sta sulle palle). Eppure ...

 
Alle 17 novembre 2008 21:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Clint è Clint e la Jolie è la Jolie .)
ReAnto

 
Alle 17 novembre 2008 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

@reanto
...e, come diceva Jean-Luc Godard ,il cinema è il cinema.

 
Alle 18 novembre 2008 16:50 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Dovevo andarlo a vedere ierisera e non sono riuscita. Non vedo l'ora di andareeeee :)))
se poi riprende Mystic River :)
gio

 
Alle 18 novembre 2008 18:49 , Blogger Luka, back on the corner. ha detto...

e giù oscar... ???
Spero di vederlo presto.
ciao Luka

 
Alle 18 novembre 2008 20:27 , Blogger Alligatore ha detto...

@lamentepersa
A me ha ricordato molto I ponti di Madison County , nel senso che è un film tra/con/per le donne, un film femminino/femminista, come solo a Clint riesce. Certo, c'è la tematica sulla violenza sui minori, ma non è predominante. Se dovessi riassumere in due battute: un film su di una donna sola che lotta contro il sistema...
@luka
Potrà prendere tanti Oscar o manco uno, ma rimarrà comunque nella Storia del Cinema. Vai, vai, nella nostra città c'è ancora.

 
Alle 18 novembre 2008 23:00 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Guarda che quando sono riuscita a vederlo passo a raccontarti la mia nei commenti :)
gio
PS: adesso mi riguardo Diaro di un curato di Campagna.

 
Alle 19 novembre 2008 00:15 , Blogger Alligatore ha detto...

@lamentepersa
La tua è più che una promessa, ci conto: non appena riuscirai a vederlo scrivi ... quanto al curato, fai bene a ripassare i classici.

 
Alle 19 novembre 2008 00:52 , Blogger Xtiana ha detto...

Non voglio sapere nulla di questo film. Voglio solo vederlo e godere...

 
Alle 19 novembre 2008 00:58 , Blogger Alligatore ha detto...

@xtiana
Allora meglio che non leggi il mio pezzo, ho il brutto vizio di svelare troppe cose, andando contro il settimo comandamento del buon critico di famiglia.
Avendolo già visto, io voglio solo godere :)

 
Alle 19 novembre 2008 15:38 , Anonymous manuela ardingo ha detto...

ma che bello. così condividiamo anche l'amore per le recensioni, eastwood e godard... sai che l'estate scorsa sono stata a carmel? sai che nei giorni scorsi era impossibile commentarti? baci.

 
Alle 20 novembre 2008 00:52 , Blogger Silvia ha detto...

Mi fido anch'io di te, pur non amando Angelina...Cercherò di vederlo il prima possibile ;)

Notte Notte...A presto Alligatore!

 
Alle 20 novembre 2008 01:33 , Blogger stellavale ha detto...

E'da troppo che non vado al cinema...

 
Alle 20 novembre 2008 01:47 , Blogger Alligatore ha detto...

@manuela
Già, Godard, Carmel, Eastwood ... tante cose mi fai venire in mente. Potremmo ripensare la celebre frase di Jean-Luc Godard a proposito di John Wayne riferita a Clint? "Perché odio John Wayne quando fa -I berretti verdi- e lo amo quando prende in braccio Natalie Wood alla fine di -Sentieri selvaggi-?". Forse no, anzi no di certo, visto che Clint non ha mai fatto film come -Beretti Verdi-, e Robertino Silvestri ci ha spiegato mille volte che la visione del cinema di Clint non è per niente di destra, come si pensava all'inizio, anzi, è una visione ultraprogressista. Mi rendo conto che potrei provocare un'interminabile discussione, ma lo scrivo lo stesso. Leggetevi Silvestri su -il manifesto-, non posso spiegarvi tutto in due righe. E poi Clint, da quanto si dice in giro, si è stufato da un bel pezzo dei Repubblicani... Bella Carmel? Me la immagino sempre con il sole.
p.s.
Non sapevo che era impossibile commentarmi. Problemi tecnici?
@silvia
Sì, come ormai è noto a tutti, non amo Angelina, ma per onestà intellettuale dico che ha fatto un grande film, veramente una grande interpretazione, che prenda l'Oscar o il David o il Jean-Luc o non li prenda...
@stellavale
Pure io non ci vado da molto. Quasi una settimana ...

 
Alle 20 novembre 2008 09:01 , Blogger Pupottina ha detto...

wow!
lo volevo vedere questo film, ma nel multisala nella mia zona, dove vado io, non c'era ... uffffffffffff

ora sono ancora più curiosa.... ma non lo faranno nemmeno questa settimana né la prossima... hmmmmmmmmm! devo cambiare zona...


buon giovedì

 
Alle 20 novembre 2008 15:47 , Blogger Alligatore ha detto...

@pupottina
Che tristezza le multisale, luoghi non luoghi vicini a negozi di cellulari, patate fritte e magari aria fritta. Purtroppo, anche nella mia città, i vecchi cinema sono sempre più rari, ma qualcuno resiste. Io il film di Clint l'ho visto in un bel cinema di quartiere, vicino al cinema all'aperto attivo d'estate. Cambia zona, se puoi...
Buon tutto.

 
Alle 20 novembre 2008 15:51 , Anonymous manu ha detto...

bene, colpita. carmel è molto molto bella. silenziosa e con una spiaggia di un selvaggio innamorante. piena di artistici rami secchi appoggiati tra le piccole dune e di onde. il cielo, poi, te lo giuro, è a sedici noni.

 
Alle 20 novembre 2008 18:01 , Blogger Adriano Smaldone ha detto...

ciao sono adriano smaldone l'autore del blog www.smaldoneadriano.blogspot.com facci un salto se ti va se lasci un commento t'inserirò nei "blog amici" cosi potrò sempre commentare il tuo blog spero che farai la stessa cosa anke cn il mio

 
Alle 20 novembre 2008 21:10 , Blogger Melina2811 ha detto...

volevo informare in rete che la proposta di legge che poteva far chiudere tutti i nostri blog, è stata ritirata ieri quindi per il momento possiamo tirare un sospiro di sollievo. Ne ho anche scritto in piccolo post. Ciao da Maria

 
Alle 20 novembre 2008 21:29 , Blogger Alligatore ha detto...

@manu
Insomma, non sembra manco vera...
@Adriano
Grazie per l'intervento. Non appena ho un attimo arrivo!
@melina2811
Bene, festeggeremo con un bicchiere di quello buono, ma continueremo ad essere vigili. Verrò a leggerti.

 
Alle 27 dicembre 2008 19:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mi ero scordata di venir qui dopo averlo visto...mi è piaciuto, e condivido il tuo parere (pre e post Changeling) sulla Jolie. Nel film è brava e bellissima.

Mara

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page