mercoledì 15 maggio 2019

In palude con Effenberg

NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Cantautorato/Pop
DOVE ASCOLTARLO Spotify, Youtube, I Tunes e tutti gli store digitali. Se siete della vecchia scuola anche su cd
LABEL Curaro Dischi / A Buzz Supreme
PARTICOLARITA’ Se il disco fosse un colore sarebbe blu
FB
CITTA’ Lucca
DATA DI USCITA 05.04.2019
L’INTERVISTA
Come è nato Il cielo era un corpo coperto?
L’idea di fare un disco è nata dopo, ho scritto tanti pezzi e canzone dopo canzone mi sono accorto che avevo abbastanza materiale per tirare fuori un album.
Perché questo titolo? Che è anche il titolo di uno dei pezzi più vibranti del disco …
Ormai è tradizione. Ho fatto la stessa cosa con il mio disco precedente; mi piace che una canzone dia il titolo al disco intero. Il titolo è anche il titolo dell’ultimo brano del disco nonché una parte del testo della canzone. Mi sarebbe piaciuto aggiungere anche la fine della strofa “…ma con i piedi di fuori…” così, tanto per dare un po’ di speranza a chi ascolta ma era già talmente lungo che diventava impossibile presentarlo.
Come è stata la genesi dell’album, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Sono nate prima le canzoni singolarmente. Abbiamo registrato circa una ventina di brani. Piano piano mi sono accorto che non tutte stavano bene insieme e soprattutto alcune avevano un mood diverso o semplicemente non avevamo azzeccato a pieno  l’arrangiamento.
Successivamente è nata un’idea di arrangiamento, un mondo sonoro.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del cd?
Una volta il vicino di casa del chitarrista ci voleva picchiare perché disturbavamo il suo sonno.
Se Il cielo era un corpo coperto fosse un concept-album su cosa sarebbe?… tolgo il fosse?
Sul mare, la notte, l’amore e la morte.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fieri dell’intero disco? … che ti piace di più fare live?
Buddha Con Napoleone e Tergicristalli sono tra i miei preferiti perché credo di aver raggiunto un buon equilibrio tra tematica trattata e funzionalità del brano. Detto così sembra che stia vendendo una cucina ma insomma il senso l’hai capito no?  Sono facilmente fruibili ma trattano comunque tematiche profonde. Live mi piace fare Quello Che Voglio.
Copertina a parte, sur-reale, come le canzoni. Come è nata? Di chi è opera?
La copertina ha una storia piuttosto buffa.
Nelle ultime vacanze di natale degli amici hanno preso in affitto una casa in montagna. L’ultimo dell’anno gli ho raggiunti e mentre aspettavo di mettermi a tavola mi sono messo a curiosare tra gli album di famiglia del proprietario di casa, che nessuno di noi conosceva. Insomma a un certo punto mi imbatto in questa foto e subito capisco che è perfetta per la copertina del mio disco. Il giorno successivo me ne dovevo andare e quindi scatto una foto della foto con il cellulare, ma ovviamente viene uno schifo. Nella casa rimangono alcuni amici, che si trattengono qualche giorno in più.
Alla fine mi lascio convincere da un amico che mi dice: ”vai tranquillo te la porto io quando torno in città, figurati se qualcuno si accorge che manca una foto…”
Insomma per fartela breve dopo qualche giorno mi portano sta foto, la scannerizzo e la mando a Julia Wittmann, la ragazza che ha curato la grafica del disco, poi però mi viene in mente il karma. Cominciare un disco con un furto non è proprio il massimo, forse. Allora mi faccio dare il numero della padrona di casa, le dico che sono un musicista, che sto facendo un disco etc etc. Lei acconsente, mi dice che l’ha scattata suo padre in Norvegia e che quando voglio posso andare a prenderla. Non sapeva che avevo già con me la foto quindi mi sono inventato delle scuse assurde…Comunque alla fine è andato tutto bene, una settimana dopo le ho rispedito la foto per posta.
Come presenti dal vivo il disco?
Questo disco lo presentiamo in trio, siamo un po’ più sintetici rispetto ai live del disco precedente. Abbiamo dei sequencer, un paio di tastiere, basso chitarra elettrica e chitarra acustica.
Come è stato entrare nella colonna sonora del film Ricordi? di Mieli con dei pezzi del precedente disco?
Molto bello. Ho saputo di questa cosa l’estate scorsa quando ero al mare. Un editore e amico (Francesco De Santi) della Gabesco Publishing aveva mandato i pezzi alla Bibi Film, la casa di produzione del film, perché sapeva che cercavano dei brani che potevano essere in linea con le mie produzioni.
Dopo un mese mi chiama e mi da la bella notizia.
Altro da dichiarare?
Per ora è tutto, però ti aspetto a qualche concerto.

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

9 Commenti:

Alle 15 maggio 2019 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Ospito per la seconda volta Effenberg in palude e mi fa molto piacere.

 
Alle 15 maggio 2019 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Dopo il disco d'esordio Elefanti per cena, che molte soddisfazioni ha dato al cantautore toscano (non ultima, sentire un paio di sue canzoni in Ricordi? di Valerio Mieli, surreale film con Luca Marinelli e Linda Caridi, che vi consiglio di vedere), eccolo presentare qui Il cielo era un corpo coperto.

 
Alle 15 maggio 2019 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Dieci canzoni di pop cantautorale italico, surreali, malinconiche, personali, senza mai una caduta di tono ... il disco fila via liscio come l'olio, per usare un'espressione che rende.

 
Alle 15 maggio 2019 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra i miei pezzi preferiti Presepe, bozzetto moderno per un rock indignato a raccontare un presepe moderno, davanti a un supermercato (solo lui poteva fare un pezzo così).

 
Alle 15 maggio 2019 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Uccellino pop elettrico breve ma intenso, che apre il disco, Il cielo era un corpo coperto, pezzo che ha dato il nome al disco, cantautorato surreale, molto anni '80 nel ritmo e nel cantato ...

 
Alle 15 maggio 2019 23:43 , Blogger Alligatore ha detto...

... a chiudere il disco.

 
Alle 15 maggio 2019 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Altre cose degli abissi è un pop-rock onirico, dedicato a Beatrice La Visionaria, pittrice lucchese come lui, scomparsa prematuramente nel 2017.

 
Alle 15 maggio 2019 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Orietta è rock acido e malinconico, un amaracord di quando era bambino ... che solo lui poteva fare.

 
Alle 15 maggio 2019 23:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Ecco, Effenberg è un tipo di cantautore con una sua impronta inconfondibile ... un cantautore di oggi da tenere sotto stretta osservazione.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page