lunedì 13 febbraio 2017

In palude con i Julie’s Haircut


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Neo-psychedelia / Alternative Rock
LABEL Rocket Recordings
PARTICOLARITA’
CITTA’: la band è stata fondata a Sassuolo, ma ora include anche membri dalla provincia di Reggio Emilia e Bologna.
DATA DI USCITA 17.02.17

L’INTERVISTA
Come è nato Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin?
Il disco nasce principalmente da due sessioni in studio al Vacuum di Bologna in cui abbiamo registrato molte ore di improvvisazioni. Poi in un secondo momento abbiamo selezionato le parti che più ci interessavano, le abbiamo editate, prodotte e ne sono uscite le otto canzoni che formano l’album.
Perché questo titolo? … mistico e sensuale, si potrebbe dire.
Il titolo contiene un giocoso doppio riferimento alla canzone Invocation and Ritual Dance of the Young Pumpkin di Frank Zappa e al film Invocation of My Demon Brother di Kenneth Anger. Nella forma che gli abbiamo dato ci affascina questa idea del “doppio”, l’idea junghiana che ognuno di noi abbia una parte nascosta, un’”ombra” con la quale fare i conti.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Direi che per lo più ti ho già risposto prima. Nello specifico la lavorazione ha poi preso una direzione più precisa nel momento in cui abbiamo deciso di tornare ad utilizzare dei cantati.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco
La mattina che registrammo Zukunft. Eravamo appena arrivati in studio, prendemmo in mano gli strumenti e Bruno Germano fece partire il registratore. Un quarto d’ora dopo eravamo in regia ad ascoltare il risultato, tutto registrato in presa diretta e senza accordarsi su nulla. Il pezzo era praticamente finito così com’era.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? Togliamo il se? … è?
No, direi decisamente che non lo è, anche se poi a posteriori troviamo affascinante andare a scoprire se può esserci un tema in ciò che abbiamo fatto. E alla fine forse è un po’ sempre lo stesso: l’indagine sull’uomo. Ermanno Olmi ha scritto: “Dovessi rinascere cercherei di capire gli alberi, le stagioni, i colori, il giorno e la notte. Perché gli uomini rimarranno sempre un enigma”.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin?… che vi piace di più fare live?
Non direi, sono tutti pezzi molto diversi - come nostro solito - per cui ognuno ha un suo ruolo importante nell’economia dell’album. Li stiamo arrangiando proprio in questi giorni per portarli dal vivo.
Come è nato produttivamente il cd? Come sono stati scelti gli apporti dei molti altri musicisti presenti … per esempio, il ritorno di Laura Storchi alla voce nel pezzo che chiude il disco.
Be’, Laura insieme a me e Nicola è stata fondatrice dei Julies. Ha smesso di suonare con noi nel 2006 per dedicarsi alla famiglia, ma è sempre bello averla con noi in ogni occasione possibile. Per il resto non ci sono altri musicisti al di fuori della band, che per la prima volta comprende anche Laura Agnusdei ai sassofoni. Quando si segue il nostro metodo di lavoro ci vuole una certa disciplina, soprattutto nella misura in cui ogni singolo musicista deve capire di essere solo un pezzo del puzzle. Ci si deve ascoltare molto vicendevolmente, suonare l’essenziale, si deve affinare un certo interplay nel corso degli anni. In questo modo anche quando improvvisiamo riusciamo il più delle volte ad evitare la cacofonia involontaria. Poi c’è un secondo momento nella produzione, in cui si inizia ad impostare il mixaggio e quindi si tagliano alcune parti in favore di altre, si porta in primo piano un determinato elemento, si taglia e si cuce e si sovraincide qualcosina. E lì la canzone inizia a prendere la sua forma finale.
Altrettanto mistica e sensuale la copertina … come è nata e chi è l’autore?
Del design se ne è occupato Chris Reeder della Rocket Recordings, che cura buona parte delle grafiche dell’etichetta. La foto risale agli anni ’20 e raffigura due artiste gemelle ungheresi. Ci ha colpito subito, e da quella foto è nato poi tutto il concetto della duplicità, rappresentata anche dagli elementi romboidali e dalla foto sul retro.
Come presentate dal vivo questo album?
Stiamo provando le canzoni in questi giorni. È un disco decisamente meno cerebrale del precedente, per cui credo che saranno concerti un po’ più diretti ed energici.
Altro da dichiarare?
Potrei risponderti come Oscar Wilde, ma ahimè non sono Oscar Wilde.

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

18 Commenti:

Alle 13 febbraio 2017 00:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Ecco qui, ancora una volta, i Julie's Hiarcut in palude ... terza volta consevutiva, che mi fanno l'onore di presentare, in anteprima il loro disco in uscita.

 
Alle 13 febbraio 2017 00:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Quasi metà dei loro dischi (sono ufficialmente sette), presentati qui, e non è male :)

 
Alle 13 febbraio 2017 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Disco molto interessante, inscindibile in pezzi, anche se ogni pezzo suona diverso dall'altro questo "Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin".

 
Alle 13 febbraio 2017 00:13 , Blogger Alligatore ha detto...

“Zukunft” apre le danze in modo dilatato/dilatante: 11 minuti e rotti, con una tensione tenuta a bada magnificamente, il sax della nuova Agnusdei a fare faville, improvvisazione pura (a sentire quanto dice Luca il pezzo è in presa diretta, buona la prima).

 
Alle 13 febbraio 2017 00:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Poi si passa a “The Fire Sermon” con tamburi in primo piano e le tastiere a fare a gara, mentre una voce demoniaca si fa largo nel subconscio, “Orpheus Rising”, dove ritroviamo un sax più sensuale, lascivo, per un pezzo che ti intrappola subito.

 
Alle 13 febbraio 2017 00:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Rock acido con un’elettricità di fondo abbagliante per “Deluge”, rock dilaniante con voce impietosa, chitarre taglienti, organi a dare il ritmo per “Gathering Light”, forse il mio pezzo preferito (tutta la band suona come un uomo solo).

 
Alle 13 febbraio 2017 00:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Il disco si chiude con “Koan”, in una parola: trascendentalismo (puro), con i Julie’s che ritrovano alla voce Laura Storchi (tra i fondatori della band da alcuni anni lontana dai palchi), mentre noi ci perdiamo nei meandri della mente e ci sentiamo poi costretti a far ripartire il cd … ancora, ancora, e ancora!

 
Alle 13 febbraio 2017 00:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Fatelo anche voi, e poi ditemi l'effetto che fa!

 
Alle 13 febbraio 2017 09:30 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Caro Alligatore, nei prox giorni leggerò con attenzione il post intervista.
A me piacciono molto, ho ascoltato molto l'album precedente Ashram Equinox.
Intanto 'stasera mi leggerò l'intervista e credo proprio che acquisterò l'album. Graz!

 
Alle 13 febbraio 2017 15:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te per l'attenzione. Credo che i dischi dei Julie's siano sempre preziosi. Senti dentro qualcosa di più, rispetto ad altre band (anche di successo, in particolare di successo), della loro epoca.

 
Alle 13 febbraio 2017 21:22 , Blogger Elle ha detto...

Mi piacciono sempre i Julie's Haircut, conosciuti qui in palude, che è una garanzia.
Bello l'album, ed è interessante scoprire che è nato da improvvisazione spontanea, pur ammettendo di avere una certa disciplina. Io lo metterei su anche adesso, per dire. Spontaneamente :)

 
Alle 13 febbraio 2017 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ... e allora mettiamolo su anche adesso. Pronta? ;)*

 
Alle 14 febbraio 2017 02:27 , Blogger giovanotta ha detto...

ora è tardi provvedo al più presto. ciao!

 
Alle 14 febbraio 2017 07:38 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

Intervista interessante!
Serena giornata.

 
Alle 14 febbraio 2017 08:12 , Blogger Alligatore ha detto...

@Giovanotta
Non è mai troppo tardi :)
@Cavaliere oscuro del web
Grazie, serena giornata anche a te.

 
Alle 16 febbraio 2017 00:14 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Fra l'altro mi piacerebbe vederli dal vivo.

 
Alle 22 febbraio 2017 18:56 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Ecco in palude mi sto dondolando sull'amaca con i nostri Julie's Haircut e la loro ultima fatica discografica. Grazie.

 
Alle 22 febbraio 2017 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te ... ottimo dondolare.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page