giovedì 20 agosto 2015

Vent'anni senza Hugo Pratt


Etichette: , , , , , ,

16 Commenti:

Alle 20 agosto 2015 16:24 , Blogger amanda ha detto...

Per fortuna prima c'era, ed ora resta

 
Alle 20 agosto 2015 16:55 , Blogger Elle ha detto...

E io so chi è!
Ciao Hugo...

 
Alle 20 agosto 2015 17:24 , Blogger G ha detto...

Quanto ho pensato a lui (chissà perché così tanto, poi), mentre ero a Malta... ogni tanto riguardo i poster di mio papà e penso a quanto mi sono persa...
Spero che le tue vacanze stiano andando bene, Alli! Perdona la mia assenza :)

 
Alle 20 agosto 2015 18:31 , Blogger Andrea C. ha detto...

quante lacrimucce ci ho versato e quante emozioni e quanta spensieratezza.
in assoluto io adoro Wheeling.

 
Alle 20 agosto 2015 22:53 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

ci manca...

 
Alle 21 agosto 2015 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

@Amanda
Certo, come molti grandi, le cose che hanno fatto, restano ...
@Elle
Già, sai bene chi è (abbiamo mangiato al suo ristorante preferito).
@G.
I suoi poster erano molto belli, anche se semplici... molto eleganti.
Non sono andato in vacanza, ci vado raramente (quest'anno qualcosina più avanti), grazie comunque dell'augurio, e buona continuazione a te.
@Andrea
Era un grande, più che lacrime, sorpresa per me...
@Serena
Ancora molto... anche se c'è, in un certo senso.

 
Alle 21 agosto 2015 07:06 , Blogger nonno enio ha detto...

non lo conoscevo, io sono uno che stravedeva e stravede per Bonelli, ma sono andato a documentarmi... molto bravo

 
Alle 21 agosto 2015 23:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì Enio, anche io leggo alcuni fumetti Bonelli, a Pratt era veramente bravo, anzi, uno dei migliori.

 
Alle 22 agosto 2015 06:58 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Cavolo, già vent'anni! :-O

 
Alle 22 agosto 2015 15:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, il tempo passa anche per le nuvole volanti e i padri di queste...

 
Alle 22 agosto 2015 18:42 , Blogger Vera ha detto...

Aih come mi fai sentire vecchia... leggevo sul Coriere dei Piccoli le sue storie... Una ballata del mare salato... Me ne sono innamorata. Ora ho una quindicina di volumi con i suoi racconti.
E Berardi e Milazzo li conosci? Si lo so non c'entra molto ma io li ho amati infinitamente quando pubblicavano Ken Parker. Accidenti me lo hai fatto tornare in mente, quasi quasi me lo rileggo tutto un'altra volta :)

 
Alle 22 agosto 2015 18:44 , Blogger Vera ha detto...

E Manara? quando si era scelto Prat come "maestro d'avventura"...

 
Alle 22 agosto 2015 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi spiace Vera, ma il tempo passa per tutti (per fortuna), e poi voi gatti avete sette vite :)

 
Alle 22 agosto 2015 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

@Vera2
Quanto a Ken Parker, anzi, Berardi e Milazzo, sono stato un loro lettore appassionato, e mi è dispiaciuto per la loro chiusura. Come Pratt, e lo stesso Manara, sono di una generazione che non gli ha vissuti proprio in diretta, ma con riedizioni e ristampe a fine ottanta, primi novanta e seguenti. Generazionalmente parlando, sono di quella del Dylan Dog di Sclavi, ma con la vera arte, parlare di "generazioni" ha poco senso: quello che vale, resta (non tutto, ad essere onesti).

 
Alle 26 agosto 2015 13:22 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

si...però quei momenti fuori dal tempo e senza nessun guai in testa a leggere Pratt sotto un castagno... non torneranno più...

 
Alle 27 agosto 2015 00:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Non c'è dubbio Serena :(

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page