venerdì 17 aprile 2015

Due parole con Not a Good Sign


Torna il progressive-rock in palude, torna con i Not a Good Sign, interessante giovane band milanese che sa giocare con i generi, ha le giuste citazioni e le buone vibrazioni. È da poco uscito il loro secondo disco, From a Distance, con l’etichetta regina nel settore a livello europeo, Fading Records/AltrOck Productions, come per l’esordio omonimo del 2013. Una collaborazione che conferma la giusta direzione per entrambi, riconoscimento delle capacità dei Not a Good Sign nel destreggiarsi con un genere mitico, rinnovandolo profondamente. A differenza di molta produzione prog-rock del passato e del presente, questo lavoro dei Not a Good Sign, non presenta lunghe suite virtuosistiche, ma dieci pezzi di media lunghezza (per cinquantun minuti e rotti di musica).
From a Distance offre un rock a volte melodico, a volte molto hard, senza però mai abbandonare le radici profonde del progressive. La band milanese, nata nel 2011 per volontà di Paolo 'Ske' Botta (tastiere), e Francesco Zago di Yugen insieme al produttore Marcello Marinone, in occasione del concerto/festa del 28 febbraio, ha presentato al pubblico il nuovo chitarrista, Gian Marco Trevisan, al posto di Zago, uscito dalla band dopo la realizzazione dell’album. Completano il gruppo Alessio Caladriello (voce), Alessandro Cassani (basso), Martino Malacrida (batteria). Ottimi ospiti hanno arricchito tutto il disco, del quale ho una gran voglia di parlare. Facciamolo. Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , ,

126 Commenti:

Alle 17 aprile 2015 21:03 , Anonymous Not A Good Sign ha detto...

Ciao a tutti gli amici del blog dell'alligatore ! Not a Good Sign presenti !

 
Alle 17 aprile 2015 21:04 , Blogger Elle ha detto...

Progressiv-rock? Non posso mancare!
Ciao a tutti ci sono anche io!!

 
Alle 17 aprile 2015 21:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Not A Good Sign, ciao Elle ...
Benvenuti in palude.

 
Alle 17 aprile 2015 21:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Vi sto già ascoltando in cuffia ;)

 
Alle 17 aprile 2015 21:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci siete? ... ben sintonizzati?

 
Alle 17 aprile 2015 21:10 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Ciao Elle e ciao Alligatore, è un piacere condividere con voi una chiacchera sul nostro progetto, ci presentiamo, siamo Alessandro e Gianmarco, basso e chitarra dei Not a Good Sign

 
Alle 17 aprile 2015 21:11 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Dovremmo esserci :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Piacere Alessandro e Gianmarco... benvenuti in palude.

 
Alle 17 aprile 2015 21:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci siete, ci siete....

 
Alle 17 aprile 2015 21:12 , Blogger Elle ha detto...

Ci siamo!

 
Alle 17 aprile 2015 21:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, vado allora con le domande...

 
Alle 17 aprile 2015 21:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato From a Distance?

 
Alle 17 aprile 2015 21:14 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

allora....l'album è nato durante il tour promozionale del primo disco

 
Alle 17 aprile 2015 21:15 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

durante il tour abbiamo eseguito al vivo come TEST sul pubblico 2 brani nuovi, NOT NOW e OPEN WINDOW

 
Alle 17 aprile 2015 21:15 , Blogger Elle ha detto...

Il primo disco non si è ingelosito?

 
Alle 17 aprile 2015 21:17 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Dopo il tour abbiamo continuato a scrivere il resto dell'album, provando ed arrangiando fino alla registrazione...

 
Alle 17 aprile 2015 21:18 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

No dai Elle (piacere), il primo e il secondo disco sono andato da subito d'accordo, sono due fratelli diversi ma complementari ;)

 
Alle 17 aprile 2015 21:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, mentre suonavata un disco, già pensavate all'altro... rischio di ingelosire, come dice Elle :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Capito, come spesso accade, per gli artisti le proprie opere sono come dei figli :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:20 , Blogger Elle ha detto...

Complementare.. una bella parola :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:20 , Blogger Alligatore ha detto...

2. Perché questo titolo? …

 
Alle 17 aprile 2015 21:22 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

In realtà quando si suona dal vivo un disco così "strutturato" significa aver passato già molto tempo su quel progetto. Vien da sè l'esigenza di scrivere cose nuove...

 
Alle 17 aprile 2015 21:23 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Froma a Distance è il titolo ideale per questo disco perchè riassume bene i temi trattati dai vari brani, Distance come la distanza che intercorre tra narratore e il paesaggio apocalittico descritto in flying over cities...è il brano numero 3 se vi fa piacere ascoltarlo...

 
Alle 17 aprile 2015 21:24 , Blogger Elle ha detto...

Ma è vero! A sentire un disco così strutturato (altra bella parola), non si pensa mai che dietro ci sia un lavoro di creazione e strutturazione, sembra magia ;)

 
Alle 17 aprile 2015 21:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Un di-venire naturale ...

 
Alle 17 aprile 2015 21:25 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Distance come l'oblio che allontana dalla realtà in going down (traccia 2)...

 
Alle 17 aprile 2015 21:26 , Blogger Alligatore ha detto...

La traccia n. 3 è una delle mie preferite, ma ci arrivo poi alle canoni preferite...

 
Alle 17 aprile 2015 21:26 , Blogger Alligatore ha detto...

3. Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 17 aprile 2015 21:27 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

ne sono lieto, è il brano che ho scritto insieme a Paolo (keyboards) e quindi vi sono particolarmente legato

 
Alle 17 aprile 2015 21:28 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

(alessandro Bass)

 
Alle 17 aprile 2015 21:28 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

(alessandro Bass)

 
Alle 17 aprile 2015 21:29 , Blogger Elle ha detto...

Mi aggiungo per votare la tre :D

 
Alle 17 aprile 2015 21:30 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

fin da subito con la scrittura delle prime idee, c'era la voglia di scrivere un disco moderno e cupo nel quale tutte le parti degli strumenti e della voce dovevano essere ben curati, dalla scelta dei suoni alle dinamiche.

 
Alle 17 aprile 2015 21:32 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

in particolare ci piaceva l'idea di fare un disco più melodico del precendente, infatti ci sono più parti cantate.

 
Alle 17 aprile 2015 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

"Sfida" vinta ....

 
Alle 17 aprile 2015 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

4. Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 17 aprile 2015 21:39 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

ce ne sarebbero molti da raccontare, a partire dalle prove (estenuanti).
Sicuramente quello più tragicomico è stato nella fase finale del master dove ci sentivamo a fasi alterne via chat tra di noi e con il tecnico del suono

 
Alle 17 aprile 2015 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Immagino che siano molti, e immagino che sempre di più si possa fare dischi essendo in posti distanti, grazie a tutte queste nuove "diavolerie" tecnologiche ...

 
Alle 17 aprile 2015 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 17 aprile 2015 21:43 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

il tecnico si trova ad Israele (!)
Siamo stati al pc ore ed ore ad ascoltare minimi dettagli, il tutto vicino alla deadline della consegna del disco...abbiamo messo a dura prova il nostro sistema nervoso...ma alla fine siamo soddisfatti

 
Alle 17 aprile 2015 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

From a Distante ;)

 
Alle 17 aprile 2015 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 17 aprile 2015 21:45 , Blogger Elle ha detto...

Diavolerie tecnologiche ;)
Siete stati bravissimi, il risultato è soddisfacente, confermo.

 
Alle 17 aprile 2015 21:45 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

sarebbe sulla situazione attuale di crisi socio culturale ormai prolungata che ha certamente influenzato in larga misura il mood e il respiro dei brani .

 
Alle 17 aprile 2015 21:47 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

grazie Elle, ci fa piacere che ogni tanto qualcuno riconosca gli sforzi che abbiamo fatto nel curare i suoni e i dettagli...

 
Alle 17 aprile 2015 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Decisamente forte, del resto il prog, è sempre stato programmatico.

 
Alle 17 aprile 2015 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

E adesso arriviamo alle canzoni ...

 
Alle 17 aprile 2015 21:49 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

he si...direi proprio che è un clichè del genere la ricerca e la cura dei suoni e dei praticolari

 
Alle 17 aprile 2015 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di From a Distance?… che vi piace di più fare live?

 
Alle 17 aprile 2015 21:52 , Blogger Elle ha detto...

La mia domanda preferita! :D

 
Alle 17 aprile 2015 21:53 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

del disco nuovo o di entrambi ? In generale però devo dire che ci piacciono tutti ugualmente e in modo diverso...ognuno ci rievoca sensazioni diverse ma importanti...sia come ricordo della sua genesi, sia come sensazione che regala nel momento dell'esecuzione

 
Alle 17 aprile 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Del nuovo direi ...

 
Alle 17 aprile 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Se non fate nomi, gli facciamo io e Elle :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:57 , Blogger Elle ha detto...

Del nuovo direi anche io ...

 
Alle 17 aprile 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Andiamo Elle^? :)

 
Alle 17 aprile 2015 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie: Not Now pezzo molto ricco, dal cantato (sofferto e ispiratissimo) ai suoni (organo in primis), poi con questa elettricità di fondo, i cambi di ritmo, chitarra intima quasi, I Feel Like Snowing fenomenale, anni '70, un pezzo che sale, cambia e ti cambia. Anche la classicheggiante e strumentale AruHi No Yoru Deshita (che lingua è? che vuo dire?), non è niente male, ed è messa al posto giusto.

 
Alle 17 aprile 2015 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi è saltato il titolo, ripeto il pezzo allora: Flying Over Cities con questa elettricità di fondo, i cambi di ritmo, chitarra intima quasi, I Feel Like Snowing fenomenale, anni '70, un pezzo che sale, cambia e ti cambia. Anc

 
Alle 17 aprile 2015 22:01 , Blogger Elle ha detto...

A me piacciono Flying over cities, I feel like snowing, The diary I never wrote e Not now e Open window :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:03 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

AruHi No Yoru Deshita è giapponese e si traduce come

"la sera di quel giorno"

un modo giapponese di incominciare un racconto...

 
Alle 17 aprile 2015 22:04 , Blogger Elle ha detto...

Alli siamo d'accordo!

 
Alle 17 aprile 2015 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

La sera di quel giorno ... bel modo di iniziare una storia.

 
Alle 17 aprile 2015 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo Elle, come sempre su tutto, e non cè niente sottobanco, le diciamo all'ultimo momento.

 
Alle 17 aprile 2015 22:06 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

il nostro tastierista e compositore Paolo Botta studia giapponese ed è un appassionato di cultura nipponica...è sua la composizione della maggior parte dei brani del disco compreso AruHi No Yoru Deshita

 
Alle 17 aprile 2015 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella questa cosa interculturale...

 
Alle 17 aprile 2015 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Fading Records/AltrOck Productions. Come vi siete trovati a lavorare con loro? Altri nomi/gruppi importanti attorno a questo lavoro?

 
Alle 17 aprile 2015 22:08 , Blogger Elle ha detto...

No basta giapponese! Ho ancora il grappino sulle guance..

 
Alle 17 aprile 2015 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, Elle questa sera ha mangiato giapponese, e non è stata contenta...

 
Alle 17 aprile 2015 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Succede, a volte ... con qualsiasi cucina, ovvio :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:10 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Lavorare con Marcello e Fading REcords ci dà la possibilità di esprimerci liberamente sotto ogni aspetto...dalla produzione alla promozione. DAll'impronta sonora del disco alla grafica della copertina.

 
Alle 17 aprile 2015 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Buona cosa avere un bel gruppo compatto...

 
Alle 17 aprile 2015 22:11 , Blogger Elle ha detto...

Ho bevuto Shōchū d'orzo :| mi ha trasformata in Heidi :/

 
Alle 17 aprile 2015 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, con le guancette rosse :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina strana e sofisticate, con questa foto di angeli e demoni … o sbaglio? Come è nata e chi è l’autore?

 
Alle 17 aprile 2015 22:13 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Insieme a Marcello troviamo sempre la giusta strada da seguire, a volte con idee e punti di vista differenti, ma sempre con la stessa voglia, ambizione e determinazione di lavorare per i Not a Good Sign nella migliore maniera possibile. Possiamo dire tranquillamente che Marcello è il sesto mebro della band.

 
Alle 17 aprile 2015 22:13 , Anonymous Cristall ha detto...

Ma quindi non è vero che il prog è come la parrucchieria: "un ambito un po' morto"!

 
Alle 17 aprile 2015 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Cristall ...no, era solo svenuto :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:15 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

la copertina è stata ideata e realizzata da Paolo Botta. La copertina è derivata da una foto fatta durante un suo viaggio.
In realtà inizialmente il gruppo era orientato sulla scelta di un'altra copertina, poi un giorno paolo ha proposto questa ed io (Alessandro) me ne sono innamorato subito, allora ho convinto Marcello e gli altri e alla fine devo dire che ne siamo tutti soddisfatti

 
Alle 17 aprile 2015 22:17 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

amo l'archittetura europea, il senso immobile ma allo stesso tempo urlante del marmo che trasmette quella nostalgica sensazione di immutabilità...per me riflette bene il senso del disco

 
Alle 17 aprile 2015 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi ottima scelta, colpisce veramente ...

 
Alle 17 aprile 2015 22:19 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

ciao Cristall, benvenuta nella palude !

 
Alle 17 aprile 2015 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterete l’album? …

 
Alle 17 aprile 2015 22:22 , Blogger Elle ha detto...

"Nostalgica sensazione di immutabilità" detta così fa quasi paura.. ma la copertina è bella ;)

 
Alle 17 aprile 2015 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero: paura!

 
Alle 17 aprile 2015 22:23 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

il disco lo abbiamo presentato come anteprima assoluta il 28 febbraio in Casa di Alex a Milano, suonando live tutti i brani. Poi a marzo abbiamo portato From a Distance live in diversi palchi e raio . Ora ci fermiamo un mese per permettere a Paolo di dedicarsi alla nascita di sua figlia Margherita.

 
Alle 17 aprile 2015 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

E dopo la nascita primaverila di Margherita (giusto nome per la stagione), via ancora con il tour :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:25 , Anonymous Cristall ha detto...

Ciao! Io vi ho visti già 2 volte e devo dire che avete proprio spaccato! Forse vi ricordate di me: sono venuta tutte e 2 le volte a farvi i complimenti a fine serata!

 
Alle 17 aprile 2015 22:25 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

poi a maggio torniamo a roma (il 28) al live experiment festival, il 10 luglio saremo ospiti a Radio Cernusco per un concerto acustico e il 20 agosto al Crescendo Festival in Francia.

 
Alle 17 aprile 2015 22:25 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

poi altre date in via di definizione :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:26 , Blogger Elle ha detto...

Casa di Alex è un locale o è davvero la casa di un Alex?

Benvenuta Margherita :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Insomma, buone date in Italia e fuori ... staremi attenti all'evolversi del tour.

 
Alle 17 aprile 2015 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella domanda Elle: casa di Alex è un locale o è davvero la casa di un Alex?

 
Alle 17 aprile 2015 22:27 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

aggiorneremo tutte le date sulla nostra pagina fb ;)

 
Alle 17 aprile 2015 22:27 , Blogger Elle ha detto...

Non è ancora nata Margherita?

 
Alle 17 aprile 2015 22:28 , Blogger Elle ha detto...

Io vi seguo su fb allora.

 
Alle 17 aprile 2015 22:31 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

casa di Alex è un locale di milano, dedicato alla figura di Alessandro Iriondo

 
Alle 17 aprile 2015 22:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io c'ero alla Casa di Alex: è davvero casa sua! Un posto bellissimo! E' una sorta di filantropo che mette a disposizione questo posto molto grande per fare concerti!

 
Alle 17 aprile 2015 22:32 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Margherita non è ancora nata...siamo tutti in trepidante attesa, cmq il termine è vicino...questione di giorni

 
Alle 17 aprile 2015 22:32 , Blogger Daniela Atzeni ha detto...

ciao a tutti

 
Alle 17 aprile 2015 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 17 aprile 2015 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Daniela, benvenuta in palude anche a te ...

 
Alle 17 aprile 2015 22:35 , Blogger Daniela Atzeni ha detto...

ciao alligatore!!!!!ho comprato il cd alla casa di alex...
è sicuramente un ascolto impegnativo. ..come vivete la vostra identità di musicisti impegnati di fronte al dilagare della musica facilissima di mtv e company???

 
Alle 17 aprile 2015 22:36 , Blogger Elle ha detto...

Xabier Iriondo? Ma io lo conosco! Conosco l'album Irrintzi :D

 
Alle 17 aprile 2015 22:37 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

ah ah...no dai un saluto doveroso a Francesco Zago, fondatore dei Not a Good Sign, musicista incredibile e prima di tutto amico. Le strade con lui si sono divise perchè Francesco ha deciso di dedicarsi maggiormente ad altri progetti come la scrittura del nuovo disco di Yugen.

 
Alle 17 aprile 2015 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

In coda, forse si è persa, Daniela Atzeni, vi ha fatto una domanda, forse difficile su due piedi, ma se volete ... e credo che Alex della casa, non sia Xabier Iriondo Elle ...

 
Alle 17 aprile 2015 22:40 , Blogger Elle ha detto...

L'ho trovato su internet.. Non mi dovevo fidare :(

 
Alle 17 aprile 2015 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

O è lui? :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:43 , Blogger Elle ha detto...

Ho proprio sbagliato casa.. non rispondono più.. o sta nascendo Margherita??

 
Alle 17 aprile 2015 22:43 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Daniela, grazie per essere venuta alla presentazione...in realtà non ci sentiamo in relazione o in concorrenza con la musica pop in generale, apparteniamo a due mondi diversi e, se vogliamo, complementari...
certo è che il nostro sentimento di inadeguatezza verso questo momento storico comprende anche la volontà di proporre una musica che non sia immediata e popolare per nascita. Vorremmo lasciare spazio alle idee e non solo alla ricerca di consenso.

 
Alle 17 aprile 2015 22:45 , Blogger Daniela Atzeni ha detto...

eccoli!!!!

 
Alle 17 aprile 2015 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', finale decisamente molto bello, grazie ragazzi... ma Alex è quello che ha detto Elle? ... o un altro?

 
Alle 17 aprile 2015 22:47 , Blogger Daniela Atzeni ha detto...

infatti...mi sembra che non ci sia quasi più spazio per proporre cose nuove. o cose senza il video ammiccante. una volta la musica di nicchia...non era così di nicchia

 
Alle 17 aprile 2015 22:48 , Anonymous Cristall ha detto...

Curiosità: ma Margherita chi è?

 
Alle 17 aprile 2015 22:49 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Alex Iriondo era un politico ex leader dei DS di milano...Xabier Iriondo è un chitarrista. La casa di Alex è dedicata al primo dei due

 
Alle 17 aprile 2015 22:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

Uff! Allora mi hanno preso in giro quando mi hanno detto che era davvero la casa di un filantropo! :(

 
Alle 17 aprile 2015 22:52 , Blogger Elle ha detto...

Un altro Iriondo!!
Per punizione spengo From a distance.
Scherzo.

 
Alle 17 aprile 2015 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Non fustigarti così Elle :)

 
Alle 17 aprile 2015 22:53 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Cara Daniela, purtroppo hai ragione, il momento non è dei più felici per proporre musica inedita che si distacchi dalle forti guide del mainstream...però anche per margherita (che è la figlia in arrivo di Paolo il nostro tastierista) dobbiamo contribuire per far si che alla sua nascita ci sia maggior pluralità di offerte musicali...ci piace l'idea che esista un mercato musicale che offra cose diverse, ben venga la la possibilità di scegliere

 
Alle 17 aprile 2015 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Svelato tutto ... direi che per questa sera può bastare. Grazie a Alessandro e Gianmarco.

 
Alle 17 aprile 2015 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie anche a Elle, Cristalle Daniela Atzeni.

 
Alle 17 aprile 2015 22:57 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

Grazie a te Alligatore ! E grazie a tutti i partecipanti della chat...speriamo di vedervi presto magari ad un nostro concerto ;)

 
Alle 17 aprile 2015 22:57 , Blogger Daniela Atzeni ha detto...

ciao NAGS spero di rivedervi presto...da una rarissima nerd del prog!!!!

 
Alle 17 aprile 2015 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Cercheremo una data vicina alla palude, grazie a voi!

 
Alle 17 aprile 2015 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Not a Good Sign.

 
Alle 17 aprile 2015 23:01 , Blogger Elle ha detto...

Grazie per la musica, buonanotte a tutti!!

 
Alle 17 aprile 2015 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Notte Elle ;)*

 
Alle 17 aprile 2015 23:07 , Blogger Not a Good Sign _ ha detto...

NOTTE A TUTTI !

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page