venerdì 9 gennaio 2015

Due parole con John Mario



È un vero piacere aprire le interviste del 2015 con John Mario. Lo è perché lo conosco da alcuni anni, come musicista e amico di penna, l’ho visto suonare un paio di volte e parlato al volo le stesse. È un cantautore vero, capace di passare dall’italiano all’inglese senza falsi imbarazzi (è anche Dead Man Whatching, intervistato qui due anni fa), di creare una sua label (la Cabezon, che in soli 4 anni ha pubblicato una decina di album), di tornare con un album come questo, per chiudere i conti con il passato e ripartire pulito. Almeno questa è la mia impressione, dopo i primi ascolti di Per fare spazio, album intimo e vero.
La copertina del disco, immaginifica, favolistica (da favola nera?), ma con lo stesso John Mario a fissarti, è molto rappresentativa del suo contenuto: undici pezzi biografici, cantanti in modo diretto, tenendosi strettamente sul confine tra reale e surreale. Canzoni lasciate in sospensione per alcuni anni (l’ultimo lavoro firmato John Mario era del 2008), ricordi riaffioranti, sogni, scazzi, disillusioni, riferimenti a Pavese e Jack London. Temi da cantautore classico, tra il pop e il folk, con il grunge come trampolino di lancio. Ovviamente tutto targato Cabezon. Un bel Cabezon. Interroghiamolo! Pronti?

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

146 Commenti:

Alle 9 gennaio 2015 21:34 , Anonymous John Mario ha detto...

Here I am

 
Alle 9 gennaio 2015 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Bentornato in palude Mario.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se non siamo lontani, l'inizio dell'intervista è incerto ... ma poi ci riprederemo ;)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:37 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Eccomi

 
Alle 9 gennaio 2015 21:39 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Nella palude è un po' difficile muoversi... ma poi ci si fa l'abitudine :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, ora che sei loggato, potrai scrivere i commenti/risposte, senza mettere il captcha... direi allora che possiamo iniziare.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Se sei pronto, faccio partire il cd e vado con le domande...

 
Alle 9 gennaio 2015 21:40 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Andiamo!

 
Alle 9 gennaio 2015 21:40 , Blogger Elle ha detto...

Ciao a tutti ci sono anche io!
Fra una cosa e l'altra, direi che John Mario lo conosco pure io da circa tre anni ;)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Partito ... e allora ti chiedo, come è nato?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:41 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Ciao Elle!

 
Alle 9 gennaio 2015 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

1. Come è nato Per fare spazio?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

...ciao Elle ;)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao John! Ho ascoltato 16 anni che ci conosciamo e mi è piaciuta molto. A chi è dedicata (se lo è) e come è nata? M.R.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:42 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

“Per fare spazio” nasce più che per volontà mia, per merito di Sebastiano Festa, produttore artistico del disco e grande amico che ha insistito per riprendere tutte quelle canzoni che avevo negli anni lasciato da parte. Mi ha convinto della bontà dei pezzi ma soprattutto si è preso l’onere di produrre il disco e quindi mettersi in gioco con me. Il fatto di poter condividere un’esperienza importante come quella di fare un disco con una persona che stimo molto, sia da un punto di vista musicale che umano, mi ha fatto mettere da parte tutte le mie riserve.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:43 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

M.R. quella canzone è dedicata ai miei due migliori amici Mattia e Davide, che vive proprio a Londra e alla fine si è sposato :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? … è un proposito per l’anno appena iniziato?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:45 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Parla di quando abbiamo finito l'università e ognuno ha dovuto prendere la sua strada, ho scritto il pezzo per tenere vivo in me quel ricordo in cui nulla sarebbe stato più come prima, tranne la nostra amicizia...

 
Alle 9 gennaio 2015 21:46 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

il titolo...

 
Alle 9 gennaio 2015 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao M.R.
Bella quella canzone,vero...

 
Alle 9 gennaio 2015 21:46 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

...è la cosa che ho avuto chiara fin dall’inizio, e sì, si può dire che è a tutti gli effetti un proposito per il nuovo anno.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:46 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Se ascolti la titletrack dico “Questo è il mio regalo per me / sette anni passati che / io canto per fare spazio”… Il concetto del disco è proprio questo: resettare tutti i malumori accumulati negli ultimi anni, fare spazio nella mia testa così da permettere ai miei occhi e al mio cuore di essere di nuovo in grado di cattuare la magia dei momenti e delle senzazioni. Non ci riuscivo più e per “ripulirmi” ho dovuto mettermi a nudo, cantando.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:47 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Grazie M.R.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:48 , Anonymous Cantattore ha detto...

Mitico John Mario!
NO VR è un titolo che mi incuriosisce.Hai un rapporto difficile con la tua città, Mario?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:48 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Ciao Cantattore (Rocky?)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:49 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

È stata un’odissea :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:50 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Inizialmente doveva essere un side-project che oltre a Sebastiano Festa vedeva la partecipazione di un altro cantautore di Verona con il quale mi sono sentito sempre molto in sintonia, che è Fabio Fiocco. Poi qualcosa è venuta a mancare e non se ne è fatto più nulla. Questo succedeva nel 2009.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Cantattore ... mi pare di conoscerti :)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:50 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Due anni più tardi Sebastiano è tornato alla carica e siamo ripartiti da dove ci eravamo fermati, ossia un sound elettronico retrò su canzoni pop/cantautoriali.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:50 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Abbiamo impiegato dal 2011 al 2013 per trovare una formula che ci soddisfacesse, che riuscisse a far uscire l’anima musicale di entrambi senza sacrificarne nessuna. È stata dura ma alla fine siamo riusciti a far quadrare il cerchio. La persona chiave per questa riuscita è Davide Saggioro, ingegnere del suono con i controcazzi che ci ha aiutato a finalizzare i mix e ne ha curato il mastering.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:50 , Anonymous Cantattore ha detto...

Rocky è con voi :)

 
Alle 9 gennaio 2015 21:53 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Grande Rocky! NO VR è una critica feroce alla nostra bella città...

 
Alle 9 gennaio 2015 21:53 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

NO VERONA come NO NEW YORK

 
Alle 9 gennaio 2015 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:54 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

mi piaceva la citazione

 
Alle 9 gennaio 2015 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante questa su No Vr... poi ci arriviamo.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:54 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Più che un episodio mi piace ricordare come ho affrontato la registrazione delle chitarre elettriche.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:55 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Inizialmente mi preparavo le parti a casa e poi le replicavo in studio ma alla fine non ero mai soddisfatto del risultato, sentivo che non dovevo suonare in quel modo.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:56 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Fortuna vuole che allora stavo prendendo lezioni da Pietro Messina e grazie ai suoi preziosi suggerimenti sono riuscito a togliermi ogni inibizione sulla chitarra… non che io sia diventato tecnicamente un fenomeno, anzi, ma ho cominciato a sentirmi libero, Pietro ha cambiato il mio approccio allo strumento e così ho cominciato a improvvisare tutte le parti, nel modo più istintivo possibile… quello che veniva veniva.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

...a no?

 
Alle 9 gennaio 2015 21:56 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

È stato fantastico!

 
Alle 9 gennaio 2015 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante, perché è un disco dove le chitarre si sentono molto, direi primeggiano bene... si sente questo lavoro.

 
Alle 9 gennaio 2015 21:59 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

eh io le avrei volute ancora più alte :-) ma così facendo cambiava l'intenzione che volevamo dare al disco e quindi le abbiamo messe al giusto volume

 
Alle 9 gennaio 2015 22:00 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Da chitarrista non sono mai molto obiettivo he he

 
Alle 9 gennaio 2015 22:00 , Blogger Elle ha detto...

...è stato come spogliarti??

 
Alle 9 gennaio 2015 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche dal punto di vista chitarristico ti sei spogliato dunque ...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:01 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

è stato difficile

 
Alle 9 gennaio 2015 22:01 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

ma non avevo altra scelta, ero in una palude :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Risultato finale decisamente buono ...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:02 , Anonymous Nicola Cantattore Sartori ha detto...

A quanto pare ci sono marcate differenze rispetto ad "Embarcadero", o sbaglio Mario?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:03 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

ma... dal punto chitarristico più che spogliato mi sono scelto i vestiti senza pensare troppo al contesto

 
Alle 9 gennaio 2015 22:04 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sì Rocky

 
Alle 9 gennaio 2015 22:04 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

In Embarcadero come in Viaggiare! volevo un John Mario più accessibile

 
Alle 9 gennaio 2015 22:05 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

lasciavo i malumori nascosti dietro l'inglese dei Dead Man Watching

 
Alle 9 gennaio 2015 22:07 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

ma poi ho dovuto scoprire le carte, come se sentissi la necessità di essere sincero con me stesso e con chi mi ascolta

 
Alle 9 gennaio 2015 22:07 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

(parole grosse)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il “fosse”?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:08 , Anonymous Nicola Cantattore Sartori ha detto...

Anche l'approccio vocale risulta più aggressivo, quindi?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:09 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

In effetti definire “Per fare spazio” un concept non è poi così sbagliato, potrebbe essere un viaggio nel tempo dove il protagonista torna nel passato per rivedere alcuni passaggi della sua vita e nel momento in cui lo fa li cancella dalla sua storia, diventando a tutti gli effetti un’altra persona.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Un film, un romanzo magico, reale, ma anche fantastico...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:11 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Il cantato è più deciso ma non canto tanto diverso dal mio solito... non sono un cantante provetto e quindi faccio come mi viene :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:11 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sì, con la regia del Philip Dick di Valis

 
Alle 9 gennaio 2015 22:11 , Blogger Elle ha detto...

Uh! Adesso Cantattore lo riconosco pure io..

 
Alle 9 gennaio 2015 22:13 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Io sono un fan di Cantattore

 
Alle 9 gennaio 2015 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante questa del Philip Dick di Valis

 
Alle 9 gennaio 2015 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Cantattore già gradito ospite in palude...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:15 , Anonymous Nicola Cantattore Sartori ha detto...

Ciao Elle e ciao Alligatore, un piacere ritrovarvi e soprattutto parlare del nuovo lavoro di Mario.Non vedo l'ora di averlo tra le mani, sto disco!

 
Alle 9 gennaio 2015 22:16 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

e ce l'avrai presto!

 
Alle 9 gennaio 2015 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

... davvero una bella sensazione ascoltarlo.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora parliamo delle canzoni.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:18 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

è un album molto denso

 
Alle 9 gennaio 2015 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero di Per fare spazio?… che ti piace di più fare live?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:19 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Mah…

 
Alle 9 gennaio 2015 22:19 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sincermente non c’è un pezzo che preferisco

 
Alle 9 gennaio 2015 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo sul "denso" ...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:20 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

sono più altro affezionato a “Dalla tua Ford” e “Esprimi un desiderio” perché mi ricordano i tre mesi che ho passato per lavoro nelle langhe piemontesi. È stata una parentesi che mi ha rigenerato. Mi sono sentito nuovo e quando è così riesco a far “succedere” la vita.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie: Niente da dire autentico rock che sale dalle vene, gran voce/chitarra/testi gran ritmo, NoVR testo molto forte sur(reale), dove forse ti sei spogliato di più, la title track nella qualche dici moltissimo con poche parole, È venerdì (non avevo mai sentito un elogio del fine settimana più bello)...Vagabondo delle stelle bel modo di chiudere il disco con questo strumentale che omaggia un libro famoso di London (Elle lo ha letto).

 
Alle 9 gennaio 2015 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Non so se altri voglio mettere...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:26 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Ninete da dire e NoVR sono le canzoni più vecchie del disco

 
Alle 9 gennaio 2015 22:27 , Blogger Elle ha detto...

Sì, infatti Vagabondo delle stelle piace anche a me, poi Ghost Town e NoVR.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:27 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

non ho ma voluto utilizzarle, mi sembravano troppo pesanti

 
Alle 9 gennaio 2015 22:28 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

e poi una canzone come NoVR è veramente rischiosa perché mediamente l'ascoltatore non sa leggere tra le righe

 
Alle 9 gennaio 2015 22:29 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Ghost Town è la canzone gemella di NOVR

 
Alle 9 gennaio 2015 22:29 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

solo che lì mi riprendo la città :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

...e mi sembra giusto!

 
Alle 9 gennaio 2015 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Riprendiamola! ;)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con la tua Cabezon Records, label indipendente con un sacco di produzioni all’attivo. Sei fiero di quello fatto sino ad ora? Altri apporti importanti per questo cd?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:32 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

La title track è scritta su commissione, Sebastiano Festa (il produttore del disco) voleva un pezzo da mettere tra "NIENTE DA DIRE" e "E' VENERDì" perché c'era troppo stacco... così ho preso una melodia che mi girava da anni in testa e ho scritto il testo

 
Alle 9 gennaio 2015 22:33 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sì sono molto orgoglioso di quello che abbiamo fatto, soprattutto perché siamo partiti da zero, senza l’aiuto di nessuno.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:33 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Quello che abbiamo fatto per molti può sembrare poco ma per noi è tanto, anzi tantissimo. L’unica amarezza è quella di non essere riusciti a fare squadra come avremmo voluto…

 
Alle 9 gennaio 2015 22:34 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

“Per fare spazio” esce per Cabezon proprio perché, alla luce di quello che ho imparato in questi anni, non aveva alcun senso propormi ad altre etichette.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:34 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Affrontare la musica sia dal punto di vista dell’artista che del discografico ha cambiato radicalmete la mia visione delle cose, ho capito certe dinamiche che altrimenti non sarei riuscito ad afferrare.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:35 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Questa conoscenza mi fa avere delle aspettative adeguate al progetto musicale che mi ritrovo per le mani, che sia mio o di altri.
In poche parole me la vivo meglio.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che hai il controllo totale, e questa cosa è positiva sapendo dove si vuole andare (come un regista con il final cut).

 
Alle 9 gennaio 2015 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina molto originale, magica, da favola (nera). Ci seti tu, che sei l’unica cosa reale. O no? E il resto?Di chi è opera e come è nata?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:38 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Esatto, per quel che mi riguarda ho dovuto affrontare un'autoanalisi spietata

 
Alle 9 gennaio 2015 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra l’altro, deliziosi pure quei disegni che accompagnano ogni testo di canzone nel libretto interno. Piacerebbero molto al Tim Burton più acido …

 
Alle 9 gennaio 2015 22:39 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sì volevo un‘immagine nuova o meglio una visione che rappresentasse lo spirito dell’album manifestarsi dentro di me e intorno a me, diciamo il mio dark-side

 
Alle 9 gennaio 2015 22:39 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

o come lo chiamo io il “Demone del Rock” :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sono accavallate le domande, ma credo che valga anche per la cover...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

.... la cosa dell'autoanalisi spietata :)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:40 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Siamo partiti da uno scatto di Alice Ferrara che è stato elaborato per sembrare una vecchia foto, come quelle dei nostri nonni, che rimanda però a un passato recente, i “7 anni passati” cantati nella titletrack. In questo lasso di tempo disegno e collage (il presente) si stratificano innescando una metamorfosi: il mio corpo che esplode, la mia faccia si crepa… In sostanza potrebbe evocare una catarsi.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ecco, dicevo bene ...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:41 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

sì sì parlo della cover

 
Alle 9 gennaio 2015 22:42 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

L’illustrazione è di di mio fratello che tra l’altro ha curato anche tutti i disegni contenuti all’interno del booklet e, vista la tiratura limitita, rendono il digipack di "Per fare spazio" un prodotto unico.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Complimenti al fratello, che ben conosciamo, per essere passato di qua con il suo progetto musicale.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:44 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Tra l'altro anche la copertina di Viaggiare! (il mio primo disco in italiano) era di mio fratello

 
Alle 9 gennaio 2015 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ricordo bene anche quel disco... uno dei primi ascoltati da alligatore :)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterai l’album? … che ufficialmente non è ancora uscito, anche se già se ne parla in giro.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:46 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

una vita fa...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:46 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

intendevo Viaggiare! ...è uscito 10 anni fa

 
Alle 9 gennaio 2015 22:47 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Al momento non ho ancora deciso dove presentarlo, non avendo una band con la quale preparare uno show degno di tale nome preferirei un luogo intimo e abbastanza raccolto.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:47 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Le canzoni di “Per fare spazio” hanno bisogno di una certa attenzione per arrivare e io non ho più voglia di conquistarmi il pubblico, per questo sto valutando la possibilità di fare un home concert. Detto così suona un po’ male, lo capisco, ma è la verità.. La gente in questo momento non ha voglia di musica dal vivo e non sarò di certo io a imporgliela.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:49 , Blogger Elle ha detto...

Lo conosciamo?
Comunque complimenti, una roba dell'altro mondo, un mostro, quasi.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:51 , Anonymous Nicola Sartori ha detto...

E la gente compra sempre meno dischi purtroppo :(

 
Alle 9 gennaio 2015 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Intendi il disegnatore Elle?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:52 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

più che altro quello che è venuto a mancare è il senso critico, secondo me

 
Alle 9 gennaio 2015 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Si èpresentato in palude come El Matador Alegre ... il fratello di John Mario, vero Mario?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:53 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

right

 
Alle 9 gennaio 2015 22:54 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

quest'anno arriva il secondo capito della saga EMA

 
Alle 9 gennaio 2015 22:54 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

capitolo...

 
Alle 9 gennaio 2015 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Sul discorso meno concerti, meno dischi, meno senso critico, direi che ci hanno lavorato a lungo, ma noi non dobbiamo arrenderci... almeno non con le mani alzate :)

 
Alle 9 gennaio 2015 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

... e credo che questo disco qualcosa in questo senso dica.

 
Alle 9 gennaio 2015 22:57 , Blogger Elle ha detto...

Sì, sì, El Matador lo conosciamo, vero :D

 
Alle 9 gennaio 2015 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Secondo capitolo de El Matador Alegre?...la Cabezon vedo che non si arrende, giustamente (ne sforna di dischi).

 
Alle 9 gennaio 2015 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non ti ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 9 gennaio 2015 22:59 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Eccomi

 
Alle 9 gennaio 2015 22:59 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

avevo perso la connessione

 
Alle 9 gennaio 2015 23:00 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sì teniamo duro per tutto il 2015

 
Alle 9 gennaio 2015 23:00 , Blogger Elle ha detto...

Arrandersi? Giammai!
(spero sia una citazione colta)

 
Alle 9 gennaio 2015 23:02 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta chi ha permesso a quasto disco di vedere la luce: Sebastiano Festa, Davide Saggioro, Alice Ferrara, Giuseppe Vallenari, Alessandro Longo, Monica Cristini, Nicola Monti, Giovanni Massari, Andrea/Leonardo/Fabio di A Buzz Supreme e ovviamente te e tutte le persone che sono passate stasera in palude.

 
Alle 9 gennaio 2015 23:02 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Sto facendo spazio

 
Alle 9 gennaio 2015 23:03 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

...e non mi sono sentito mai così bene :-)

 
Alle 9 gennaio 2015 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran bel finale, grazie Mario!

 
Alle 9 gennaio 2015 23:04 , Anonymous Nicola Sartori ha detto...

Un saluto ragazzi!

 
Alle 9 gennaio 2015 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

... e grazie a tutti quelli passati in plaude. Troppi per citarli tutti...

 
Alle 9 gennaio 2015 23:05 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Grazie a te, è sempre un piacere!

 
Alle 9 gennaio 2015 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Nicola...

 
Alle 9 gennaio 2015 23:05 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

Ciao Rocky!

 
Alle 9 gennaio 2015 23:05 , Blogger Elle ha detto...

Vi saluto anche io tutti, grazie per la musica. Buonanotte!

 
Alle 9 gennaio 2015 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

...notte Elle ;)*

 
Alle 9 gennaio 2015 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a John Mario.

 
Alle 9 gennaio 2015 23:07 , Blogger johnmariovallenari ha detto...

notte!

 
Alle 12 gennaio 2015 21:27 , Blogger LaMente ha detto...

ciao!

 
Alle 12 gennaio 2015 21:31 , Blogger Alligatore ha detto...

... ciao, ora siamo partiti di là ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page