domenica 8 dicembre 2013

Mandela, un'altra politica è possibile

Per me Nelson Mandela rappresenta la politica. Quando ho letto della sua morte, ho pensato subito ad uno striscione messo all'inizio del paesello dove sono nato, dagli allora ragazzi di Democrazia Proletaria. Mandela Libero, c'era scritto. Erano gli anni Ottanta, Mandela era ancora in carcere, e rappresentava, assieme ad altri leader internazionali (Arafat, Sankara, Bobby Sands, el Che ...), un esempio di pensiero e azione in una persona sola, il classico rivoluzionario idealista, che metteva le proprie idee prima dell'interesse personale. Politica disinteressata, era infatti una delle convinzioni circolanti in quella sinistra. Ecco, Mandela è un uomo, che ha dimostrato il lato bello della politica. C'è ...

Etichette: , , , , , , , , ,

20 Commenti:

Alle 8 dicembre 2013 07:05 , Blogger Andrea ha detto...

Ciao Ally,
la morte di Mandela mi ha fatto pensare tantissimo a mia cugina che dagli anni '60 vive e svolge la sua opera di missionaria nella Repubblica Democratica del Congo e che ogni volta che torna mi racconta
storie di sfruttamento, violenza, razzismo che mi lasciano senza parole.

 
Alle 8 dicembre 2013 07:53 , Blogger Enrico Teodorani ha detto...

Sottoscrivo ogni parola del tuo post.

 
Alle 8 dicembre 2013 09:49 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Non so, a me invece Mandela sembra una figura eccezionale e quasi irripetibile. Guarda che tristezza che mettono i suoi successori...

 
Alle 8 dicembre 2013 10:09 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Bellissimo il disegno..
Penso a lui come un uomo libero,a dispetto di tutti quegli anni dietro le sbarre.Certi uomini dietro le sbarre, esaltano di più la libertà, mobilitano altre persone e le fanno lottare per i loro diritti. In questo sta la sua grandezza.

 
Alle 8 dicembre 2013 11:10 , Blogger Berica ha detto...

il tuo racconto mi ha risvegliato il ricordo di una scritta rossa su un muro vicino casa:
Soweto brucia, Pretoria brucierà
Si proprio brucierà... una piccola ingenuità scappata nella fretta di completare la scritta clandestina.

 
Alle 8 dicembre 2013 12:53 , Blogger bibliomatilda ha detto...

"Rivoluzionario idealista" che metteva in primissimo piano gli interessi degli ideali per i quali combatteva, dimenticandosi di sé. Certo! Ne esisteranno ancora?nel futuro, dico? Si ricreeranno condizioni possibili? e noi saremo di questo mondo per assistere ad un simile meraviglioso evento?

 
Alle 8 dicembre 2013 14:37 , Blogger Alligatore ha detto...

@And
Già, il messaggio di un rivoluzionario, se così possiamo dire, è valido se si può applicare a situazioni concrete, e credo che il suo lo sia ...
@Enrico
Grazie, ho cercato di sintetizzare, di cose da dire ne avrei avute, ma la fretta, l'essere sempre di super-corsa...
@Silvia
Vero, vero, ma io credo che la Storia non finisce, anzi, è un continuo ci corsi e ricorsi ... quindi, ci saranno altri Mandela, prima o poi (già ora, solo che non vogliamo vederli o sono nascosti).
@Mr Hyde
Sì, un disegno che bel lo rappresenta, l'ho cercato molto prima di metterlo. Poi ho pensato a quel grande disegnatore internazionale e l'ho preso al volto. Per il resto, condivido.
@Berica
Be', il messaggio è passato comunque.
@Bibliomatilda
Come dicevo sopra a Silvia, sì, la Storia non finisce davanti ad un portone, o davanti allo schermo di un pc, quindi sì, ne vedremo ancora, e alcuni, sono già attivi (ma nascosti dal potere).

 
Alle 8 dicembre 2013 15:52 , Blogger Sole ha detto...

Mi ha colpito la tua prima frase. "Mandela rappresenta la politica". Nel mio piccolo l'ho sempre visto visto come uno che credeva nei valori e nell'uomo, indipendentemente da razza, colore, religione e ideologie.
Mi piace ricordarlo come un uomo che è riuscito a sentirsi riconosciuto un "grande". Molto spesso le qualità vengono a galla quando si muore, nel suo caso invece la sua sofferenza è stata la chiave per portare la sua battaglia di fronte a tutto il mondo.
Grazie di averlo ricordato Alli!

 
Alle 8 dicembre 2013 16:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Questa è la politica, e i nomi citati accanto a lui, l'hanno fatta ... grazie a te.

 
Alle 8 dicembre 2013 16:03 , Blogger Sole ha detto...

Amarcord della bella politica allora! ;)

 
Alle 8 dicembre 2013 16:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Esatto la bella (o buona) politica, scaccia la cattiva. Nel passato, certo, ma perché no, anche nel futuro? ... o presente.

 
Alle 8 dicembre 2013 16:33 , Blogger cooksappe ha detto...

:D

 
Alle 8 dicembre 2013 18:35 , Blogger Felinità ha detto...

Questa è una di quelle figure rare, nella storia, ma quale esempio di libertà va coltivato , perchè raro non vuol dire impossibile. Baci.

 
Alle 8 dicembre 2013 18:52 , Blogger Alligatore ha detto...

@cooksappe
Hey banana! Benvenuta in palude...
@Felinità
Ben detto, lo penso pure io ...
Baci.

 
Alle 9 dicembre 2013 11:16 , Blogger irene spagnuolo ha detto...

A me la prima cosa che ha fatto pensare la morte di Mandela è il dopo...quando perdiamo Uomini così, oltre a sentirci più tristi e soli, ci guardiamo intorno terrorizzati. Ce ne saranno, altri?
Perderemo la sua memoria?

 
Alle 9 dicembre 2013 16:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Come dicevo sopra Irene, sono ottimista, la Storia non finisce (a meno che un asteroide non colpisca la terra), la Storia va avanti (e torna anche arretrando paurosamente), ma non si ferma: i famosi corsi e ricorsi storici, mi fanno pensare questo.

 
Alle 10 dicembre 2013 08:37 , Blogger Linda ha detto...

Quando è morto, per spiegare a mia figlia chi fosse, ho parlato semplicemente di conciliazione. Una parola bella che non indica la sottomissione forzata degli sconfitti, ma la misericordia dei vincitori, quando la vittoria è l'Unità di un paese.
Sicuramente ha indicato al mondo, con l'esempio del suo Paese, una nuova strada da percorrere.

 
Alle 10 dicembre 2013 12:42 , Blogger LYSERGICFUNK ha detto...

RESPECT !........

 
Alle 10 dicembre 2013 21:21 , Blogger Cirano ha detto...

hai scritto benissimo...Mandela è la dimostrazione, la testimonianza che è possibile un tipo di politica altro da quello che viviamo tutti i gironi....il suo testimone va raccolto!!

 
Alle 11 dicembre 2013 21:22 , Blogger Alligatore ha detto...

@Linda
Hai fatto bene, anche se io avrei calcato la mano sul suo essere stato un rivoluzionario, quando era l'unica cosa da fare ... già, una nuova strada da percorrere.
@LYS
Hai messo un video? ... dopo passo da te.
@Cirano
Giorni o gironi? ;)
Vanno bene entrambe le parole ... già, le parole.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page