lunedì 23 settembre 2013

Due parole con Kalweit and the Spokes



Kalweit and the Spokes per la seconda volta in palude. Non potevo farmeli sfuggire, perché il nuovo disco, Mulch, in imminente uscita (come il precedente per Irma Records), è una delle più piacevoli sorprese dell’autunno in musica. Anzi, una conferma del loro gran talento. Con Mulch Georgeanne ci racconta storie del suo Minnesota e della sua Minneapolis, dopo vent’anni vissuti in Italia. Lo fa con il respiro dolce e i colori nostalgici della copertina, il sorriso di ragazzini in palude (palude?) a fine estate. Accanto a lei, nel disco, ancora Giovanni Calella (chitarra), mentre alla batteria c’è il nuovo Mauro Sansone, subentrato dal 2011 a Leziero Rescigno.
Mulch sembra un viaggio a ritroso nel proprio io, fatto in modo poetico, raccogliendo i detriti di una vita in modo decisamente lucido, sapendo cosa si vuole dire. Non mancano poi, prese di posizione decise. Stupendo il video di Hank’s Hour, che sarebbe piaciuto un sacco al nostro amato Bukowski: girato nella fredda Stoccolma da Marco Balletti, gioca sul vero e sul falso, sui luoghi comuni uomo/donna, sull’alcool rivelatore dei nostri lati più nascosti, ed ha un finale decisamente caldo (mi piace rivederlo spesso, per questo l’ho messo tra i preferiti sul mio canale YouTube ALLYDIEGO cliccate sopra e godetevelo). Ma tutto l’album gioca sui chiaroscuri della vita, per questo vi invito ad ascoltarlo (sarà possibile sentirlo in anteprima streaming fino a mercoledì 25 su Rockit, cliccate e godete). Ma prima, seguitemi nella blog-intervista. Pronti?  

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

78 Commenti:

Alle 23 settembre 2013 21:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao da georgeanne, giovanni ci raggiunge dopo se riesce

 
Alle 23 settembre 2013 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao benvenuta in palude ...

 
Alle 23 settembre 2013 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Sento già la tua voce ;)

 
Alle 23 settembre 2013 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

.. e anche Giovanni che suona.

 
Alle 23 settembre 2013 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

... e non solo lui.

 
Alle 23 settembre 2013 21:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

sono qui pronta per immergermi nel palude

 
Alle 23 settembre 2013 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

... è partito il disco, è partito Mulch.

 
Alle 23 settembre 2013 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, se sei pronta parliamone, vado con le domande.

 
Alle 23 settembre 2013 21:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

va bene ci sono

 
Alle 23 settembre 2013 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato il disco?

 
Alle 23 settembre 2013 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato Mulch?

 
Alle 23 settembre 2013 21:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Prima di tutto avviso che il mio Italiano non è il massimo ma ci provo! Direi che Mulch è nato mentre era a Minneapolis un paio di anni fa e guardavo delle foto dalla mia infanzia, in particolare una di mia madre e la sua cara amica, tutte due madre di tante figlie femmine, nessun maschio e riflettendo sul come il mondo è cambiato, sopratutto per noi donne, mi senti spirata a scrivere una micro storia/poesia su questo. Mulch è nato anche insieme a Mauro Sansone, il batterista che ha sostituito co fondatore Leziero Rescigno un paio di anni fa. Io e Giovanni Calella, co fondatore anche lui, abbiamo svillupato i nuovi brani con Mauro che ha messo la sua, facendo evolvere il nostro sound. Il disco è un po piu elettronica del primo Around the Edges ma sempre fedele al rock, post punk e alt. Country.

 
Alle 23 settembre 2013 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Italiano perfetto, si capisce bene cosa vuoi dire ...

 
Alle 23 settembre 2013 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo?

 
Alle 23 settembre 2013 21:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

meno male...'mulch' che significa 'pacciame' in Italiano è una parola che appare alla fine del spoken word/brano intitolato Wetutanka, il penultimo del album, e trovo che il concetto racchiude molto bene un po tutto che c'è nel disco: strati su strati di ricordi, dei resi dei conti e il ciclo della vita che lega noi ai nostri avi e a tutto quello che c'è in mezzo; the good, the bad and the ugly!

 
Alle 23 settembre 2013 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, ieri facendo l'intro mi sono imbattuto in questo termine, che non conoscevo (vedi, mi fai conoscere la mia lingua), ed in effetti mi ha fatto riflettere...

 
Alle 23 settembre 2013 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

3. Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 23 settembre 2013 21:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il processo è stato abbastanza rilassante. Io scrivo sempre, i pensieri, riflessioni e sogni e avevo una precisa visione dall'inizio cosi scrivevo man mano i testi e le melodie alla tastieria a casa poi andavo da Giovanni al suo studio Diabolicus Studio e ci buttavamo giù uno scheletro con la chitarra e voce su cui lui potesse costruire la musica più elaborata e Mauro potesse lavorare sulla batteria e percussioni. Le cose, come in un dipinto, si rivelino da sole col tempo ed era palese che questo album aveva a che fare con l'esistenza e in parte con la mia famiglia che hanno dato spunto ad alcuni personaggi al interno del disco ma anche luoghi e sapori della mia vita li in America prima di venire in Italia più di 22 anni fa. Il tutto fu registrato e mixato già l'inizio del 2012 in un momento anche critico e significativo per me; tutto si fermo' perché era mancato il mio padre in Aprile dell'anno scorso ed ero corsa a casa a Minneapolis dove rimasi per un mese e mezzo con la mia madre e 4 sorelle. Al mio rientro ho deciso di fare un crowdfunding con Musicraiser per tirare su fondi per fare 2 mesi di radio promo negli Stati Uniti e per fare un video. Missione compiuta; abbiamo fatto i 2 mesi con i college radio e avuto un ottimo feedback, utile per il futuro per quando facciamo delle date li, almeno questo è l'obbiettivo visto che il progetto è tutto in Inglese. Poi ho avuto il grande piacere di conoscere Marco Balletti vive a Stoccolma, amico di Mauro e grafico, artista e video maker. Fa parte anche lui del processo di Mulch; Con lui ho creato l'arte del disco fisico e poi co-scritto lo storyboard per il video di Hank's Hour girato da lui in Svezia a Marzo di quest'anno, il video è uscita 2 settimane fa. Ed eccoci ora con l'uscita del disco l'8 Ottobre, pronti e felici di poter condividerlo finalmente.

 
Alle 23 settembre 2013 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Adoro il video, con calda sorpresa finale, per questo l'ho messo tra i miei preferit sul tube, e continuo a rivederlo ...bravi, veramente. Mai una Stoccolma così calda ;)

 
Alle 23 settembre 2013 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Per il resto che hai detto, si sente che è un disco che ha dentro molte cose, intime ...diverso dal primo.

 
Alle 23 settembre 2013 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottimo anche il discorso Musicraiser, che spero abbia un seguito anche negli imminenti live.

 
Alle 23 settembre 2013 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

... tornando al dico: qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 23 settembre 2013 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

fa paicere che il video piace-posso assicurare che abbiamp patito un freddo glaciale-meno 20 gradi girando di giorno e la notte. un'esperienza fantastica e Marco Balletti bravissimo nel dirigerci ed ospitarci. si' è un disco pittosto personale e siamo cresciuti attraverso il processo

 
Alle 23 settembre 2013 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

... wow, meno 20 gradi. Anche nella scena finale, dove Hank si rivela essere una donna?

 
Alle 23 settembre 2013 22:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

e gia...come si direbbe in un dialogo alla Fargo, film dai miei co cittadini i fratelli Coen "ya sure ya betcha!" abbiamo tenuto una bottiglia di whisky vicina per dopo quella scena

 
Alle 23 settembre 2013 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ha, fantastica ... e fantastico pure quel film dei fratelloni Coen (uno dei loro migliori).

 
Alle 23 settembre 2013 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco? ... forse proprio il video.

 
Alle 23 settembre 2013 22:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

la mia sorella viveva vicino al bar di nome King of Clubs dove hanno girato l'esterno per il film e io e lei abitavamo anni prima dietro il bar Liquor Lyle's che ha spirato uno dei brani di Mulch

 
Alle 23 settembre 2013 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nel precedente album, ci sono rimandi a miti del passato culturale,più o meno recente ... bellissimo questo.

 
Alle 23 settembre 2013 22:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma ora che ci penso...devo dire che la neve è stata una costante! Stavo da un'amica a Milano durante la registrazione del disco (vivo in provincia di Lecce da 2 anni) e la sua casa si trova vicino allo studio di Giovanni. Durante la registrazione del disco c'era una tempesta di neve e cosi mi trovai la meravigliosa sensazione di essere quasi a casa nel fare quel tragitto a piedi ogni giorno nel bianco e su strade ghiacciate! E' anche la seconda volta che tornai su a Milano poco dopo, boom! Di nuovo una bella nevicata! Ma anche girare il video a Stoccolma mi ha fatto ricordare l'inverno della mia infanzia, il gelo totale ma anche una luce spettacolare con il cielo cristallino e il riflesso della neve ovunque.

 
Alle 23 settembre 2013 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Sicuramente la neve è un elemento molto suggestivo ... che entra alla perfezione nel vostro disco, e nel giro dei ricordi ... ecco chi ha fatto nevicare così tanto lo scorso anno dalle nostre parti, eri tu, e i tuoi ricordi, ora abbiamo capito ;)

 
Alle 23 settembre 2013 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo vostro cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 23 settembre 2013 22:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

infatti tutti mi hanno dato la colpa per la neve!

 
Alle 23 settembre 2013 22:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

buona domanda...difficile rispondere. Forse è un po un concept album, per le varie caratteristiche che possiede; l'importanza dell'artwork, dell'atmosfera che rispecchia i testi. Delle volte il passato appare come un velo che ci separa da quello che abbiamo fatto prima e le storie nel disco evocano mondi che non ci sono più, o mondi assurdi ed ironici che ci circondino in quest'epoca mediatica e superficiale. Per me il 'concetto' ha proprio a che fare con il tempo che non si puo' afferrare, tempo che vedi passare, con i genitori che invecchino, noi stessi pure, sempre in evoluzione e i tempi che cambiano quasi senza che ci accorgessimo mentre 'viviamo' in mezzo di un sacco di stronzate, distrazioni, stress per sopravivere e cose superflue. Per fortuna c'è la poesia ogni tanto.

 
Alle 23 settembre 2013 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

La poesia della neve ...grazie per avercela portata.

 
Alle 23 settembre 2013 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di Mulch? … che vi piace di più fare live?

 
Alle 23 settembre 2013 22:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io amo Murky Stuff come messaggio ma anche come vibe. No Need è un brano che riesce ad esprimere molto bene quello che io avevo in mente musicalmente parlando, quasi dipingendo il scenario piu vivo del vivo. E' difficile scegliere perché ogni brano è un mondo a se e mi sono affezionata a tutti. Dal vivo iniziamo il 18 Ottobre con dei brani nuovi dal Mulch al Cox18 a Milano, poi ti dirò'!

 
Alle 23 settembre 2013 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

A me piacciono molto Liquor Lyle's, No Need, Hank's Hour, Fifth Daughter ... e poi sono molto incuriosito dal suono di Pea Green Sky, sento come delle catene, cosa sono?

 
Alle 23 settembre 2013 22:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pea Green Sky è davvero qualcosa di speciale-Io non c'ero quando l'hanno 'partorito' ma posso solo dire che Mauro & Giovanni sono stati bravissimi nel loro laboratorio di esperimenti con tutti suonini e aggeggi. chissa magari ci sono anche le catene! ho solo dato il titolo: il colore verde pisello che c'è nel cielo in Minnesota poco prima che arriva un tornado. e non c'è un uccellino che canta in quel momento

 
Alle 23 settembre 2013 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Che atmosfera, adesso capisco il perché di questa atmosfera cupa, pesante ... rendono bene l'idea. Il vostro disco è un gran lavoro di squadra ...

 
Alle 23 settembre 2013 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Mitico Cox ... poi arrivermo a parlare anche dei live, sì ...sempre molto sorprendenti i vostri live (non vi ho mai sentiti, ma visto le foto).

 
Alle 23 settembre 2013 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Irma Records, brillante e sofisticata label di Bologna. Come il primo disco… ormai, possiamo dire, è la vostra label. O no?

 
Alle 23 settembre 2013 22:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

grazie, siamo curiosi di sapere cosa capta la gente come sensazioni ascoltando il disco e sei uno dei primi a darci un feedback dettagliato. siamo felici di tornare sul palco dopo un bel periodo senza-devi venire a vederci primo poi

 
Alle 23 settembre 2013 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Sarà un piacere ... seguirò sul web il vostro tour, e chissà ceh non salti fuori l'occasione buona.

 
Alle 23 settembre 2013 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Irma Records, brillante e sofisticata label di Bologna. Come il primo disco… ormai, possiamo dire, è la vostra label. O no?

 
Alle 23 settembre 2013 22:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Direi proprio di si. Eravamo a Bologna l'altro ieri dove siamo stati invitati a fare un concerto a Senza Filtro per la serata Some Prefer Cake del Lesbian Film Festval e abbiamo fatto un salto ai nuovi uffici della Irma Records, ora nel centro della città. Sono un buon team di lavoro e molto organizzati, con anni di esperienza in Italia e al estero

 
Alle 23 settembre 2013 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, fantastici, una bella realtà ... e bella la vostra contaminazione con il cinema.

 
Alle 23 settembre 2013 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Immagine di copertina molto suggestiva, molto adatta alla musica suonata in “Mulch”. Come è stata scelta e chi è l’autore?

 
Alle 23 settembre 2013 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

È nata appositamente per il cd? … o esisteva già?

 
Alle 23 settembre 2013 22:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

La foto fu scattata dal mio padre intorno al 1974 mentre io e la mia sorella costruivamo per terra una città fatta di pezzi di muschio alla casa estiva della mia nonna in Wisconsin. Noi passavamo le estati li in questo contesto davvero wild e isolato, in un fitto bosco sul lago. Ho voluto Io quest'immagine in quanto rappresenta la sensazione di come siamo incontaminati e della curiosità grande che si ha da bambini, una cosa da conservare per tutta la vita se possibile.

 
Alle 23 settembre 2013 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti ti si riconosce, secondo me sei quella a sinistra nella foto ...

 
Alle 23 settembre 2013 22:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

invece no, sono quella a destra ma quella a sinistra è sempre stata la mia musa

 
Alle 23 settembre 2013 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

... così musa, che poi sei finita per assomigliarle ;)

 
Alle 23 settembre 2013 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

E sulla curiosità, da conservare sempre concordo ...

 
Alle 23 settembre 2013 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Curiosità mia: ho cercato in Rete cose su Minneapolis, e ho visto molte foto con la neve, ma anche molte con un cucchiaio e una grande ciliegia. Mi sembra... perché? La grande ciliegia è il simbolo di Minneapolis?

 
Alle 23 settembre 2013 23:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

è la scultura fontana Spoonbridge and Cherry di Claes Oldenburg situata nel giardino delle sculture di fronte al Walker Art Center, un museo bellissimo d'arte contemporaneo nel downtown della città, e si, è diventato il simbolo

 
Alle 23 settembre 2013 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Fantastico ...

 
Alle 23 settembre 2013 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete l’album?

 
Alle 23 settembre 2013 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

... abbiamo detto del Senza Filtro per la serata Some Prefer Cake del Lesbian Film Festval abbiamo detto del Cox …poi? Sorprese?

 
Alle 23 settembre 2013 23:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Diciamo che ha già avuto la sua anteprima per le radio Americane in circa 200 college radio questa primavera. Ci sarà una presentazione/showcase a Milano in un luogo ancora da annunciare, e poi c'è in concerto al Cox18 il 18 Ottobre, un luogo caro a me, Giovanni e Mauro.

 
Alle 23 settembre 2013 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Wow, che bel lancio ... e quanto al Coxm18 un luogo caro a chi ama la musica e l'impegno. Bravissimi.

 
Alle 23 settembre 2013 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 23 settembre 2013 23:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

a noi piace tanto suonare nei club percui si spera di fare tanti concerti quest'inverno di sicuro e anche al'estero possibilmente poi per le 'sorprese' vediamo!

 
Alle 23 settembre 2013 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Staremo attenti ai vostri spazi web ...

 
Alle 23 settembre 2013 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Altro da aggiungere?

 
Alle 23 settembre 2013 23:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

direi che va bene cosi ma mi piace ricordare la scena florida che Minneapolis ha vissuto ancora prima del grunge famoso di Seattle e che c'è tutt'ora-ci sono stati i Husker Du, The Replacements, Soul Asylum, The Jayhawks, The Suburbs e tanti altri-con tutta quella neve si va 'underground' e si suona di brutto e di bello!

 
Alle 23 settembre 2013 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, grandi nomi, da ricordare, e fai bene a farli alla fine di questa nostra lunga chiacchierata, durante la quale abbiamo detto molto di Mulch e di Minneapolis...

 
Alle 23 settembre 2013 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Georgeanne, sei stata come sempre gentilissima a stare in palude fino a quest'ora, ed impeccabile nel rispondere per iscritto in italiano.

 
Alle 23 settembre 2013 23:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

grazie a te, sempre un piacere-buon tutto e ci vediamo a qualche concerto -all the best-
Georgeanne & Kalweit and the Spokes

 
Alle 23 settembre 2013 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo spero ...

 
Alle 23 settembre 2013 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Kalweit and the Spokes.

 
Alle 23 settembre 2013 23:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Thanks so much, notte

 
Alle 24 settembre 2013 15:35 , Blogger Ernest ha detto...

:-)

 
Alle 24 settembre 2013 20:07 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è molta poesia anche qui Ernest ;)

 
Alle 25 settembre 2013 10:36 , Blogger Nella Crosiglia ha detto...

Sempre grandi scoperte Alli caro...
E' un disco da godere in sottofondo, un po' annebbiati secondo me...
I video e le copertine sono semplicemente favolosi..
Grazie ancora una volta per quello che ci proponi..
Bacio enorme!

 
Alle 25 settembre 2013 14:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te per l'apprezzamento, sì, copertine e video favolosi, come tutto il loro progetto.
Bacio enorme!

 
Alle 26 settembre 2013 22:31 , Blogger Elle ha detto...

Volevo vedere il famoso video, ma il tuo canale mi dà problemi, e ora che ho trovato il video in Germania la Gema lo blocca.. mi rimane la curiositààà!
Però le canzoni mi piacciono :)

 
Alle 26 settembre 2013 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi dispiace Elle, spero il mio canale si sblocchi e riesca a vedere tutto ... gran disco, già.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page