giovedì 15 novembre 2012

Due parole con Leaves & Stone



Una copertina calda e soffice, come la  musica dell’esordio di Leaves and Stone, one man band ideata da Giacomo Manfredi, questa sera per la prima volta in palude. Un progetto nato solista nel 2011, attorno al quale si sono poi avvicinati altri musicisti, per fare insieme The Dancer, ep dato alle stampe da qualche settimana per Treehouse Lab. Altri suonatori si sono poi aggiunti per i live, che si annunciano molto suggestivi, a partire dalla calda voce di Giacomo, calda come un maglione blu, al violoncello di Daniele Fiammetti, al piano di Ruggero Frasson
Solo sei pezzi purtroppo, i quali però sono sufficienti per mostrare le doti di questo giovane musicante, tra il pop internazionale e la malinconia più intimista, il nu jazz e atmosfere cinema. Non a caso cita tra i suoi esempi gente come Damien Rice, Coldplay, Sigur Rós, The Cinematic Orchestra, e ascoltandolo bene tali influenze si possono sentire. Questo però non ha impedito a Leaves and Stonedi trovare la sua strada, per proporre con stile la nostra musica più amata. Sì, direi proprio che stile e idee non mancano. Serve solo che si faccia conoscere. Quale occasione migliore della palude? Pronti?
PERCONOSCERLO MEGLIO CLICCA QUI

Etichette: , , , , , , , , , ,

122 Commenti:

Alle 15 novembre 2012 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Sento che c'è qualcuno ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:38 , Anonymous Giacomo L&S ha detto...

Ciao a tutti!
si sta bene nella palude

 
Alle 15 novembre 2012 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, bene, e benvenuto in palude Giacomo ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:39 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ho anche capito come si riesce a postare, sono soddisfatto di me ;)

 
Alle 15 novembre 2012 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Un passo alla volta ;)

 
Alle 15 novembre 2012 21:39 , Anonymous leaves and stone ha detto...

grazie dell'invito Diego

 
Alle 15 novembre 2012 21:40 , Anonymous Pecorella ha detto...

Ciao! Bella e calda la "copertina" dell'ep... Copertina in tutti i sensi!

 
Alle 15 novembre 2012 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Pecorella, benritrovata in palude ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:41 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ahahah grazie Pecorella!
eh sì, arriva l'inverno e bisogna scaldare corpo e spirito.

 
Alle 15 novembre 2012 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te di aver accettato Giacomo ...l'intervista comincia con i migliori auspici, c'è pecorella, ed era da molto che non interveniva.

 
Alle 15 novembre 2012 21:42 , Anonymous leaves and stone ha detto...

beh allora mi ritengo onorato!

 
Alle 15 novembre 2012 21:42 , Anonymous leaves and stone ha detto...

spero resti con noi ;)

 
Alle 15 novembre 2012 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che è un vero onore averla qui, ed è un onore ospitarti per il tuo primo disco ... del quale, se sei pronto, cominciamo a parlare ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:43 , Anonymous leaves and stone ha detto...

son prontissimo

 
Alle 15 novembre 2012 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, allora faccio partire The Dancer e vado con le domande ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:45 , Anonymous leaves and stone ha detto...

bene :)
e grazie per le belle parole di presentazione.

 
Alle 15 novembre 2012 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Partito ... e io ti chiedo: come è nato?

 
Alle 15 novembre 2012 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato “The Dancer”?

 
Alle 15 novembre 2012 21:48 , Anonymous leaves and stone ha detto...

la genesi di The Dancer parte da lontano.
Ho sempre cantato in band rock e metal, la mia gavetta è stata quella.

 
Alle 15 novembre 2012 21:49 , Anonymous leaves and stone ha detto...

crescendo e man mano che la mia voce si evolveva faceva lo stesso il mio gusto artistico.
Sono un pigro di natura ;)
Quando andavo a lezione di pianoforte dal mio Maestro Enzo Fornione, anzichè far quello che lui mi dava da studiare, portavo dei miei brani, per "sviarlo" dal fatto che non studiavo ;)

 
Alle 15 novembre 2012 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Metal ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:51 , Anonymous leaves and stone ha detto...

beh, più andavamo avanti e più lui apprezzava il mio lavoro, e più mi accorgevo di avere un mano qualcosa di valido.
Lui mi ha dato una immensa mano, ha suonato nel disco, ne ha fatto gli arrangiamenti di 4 brani, ma soprattutto mi ha dato la spinta nel produrre il mio disco.
E ne sono pienamente soddisfatto.
Direi che se parliamo di nascita, questa sia la storia ;)

 
Alle 15 novembre 2012 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Una storia bella, diretta, musica dalla musica allora ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo?

 
Alle 15 novembre 2012 21:54 , Anonymous leaves and stone ha detto...

direi di sì.
avevo già in mente il progetto, ma poi si è formato così..quasi senza che me ne accorgessi.
quasi per caso.
ma nulla in fondo accade per caso..

 
Alle 15 novembre 2012 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa: perché questo titolo? The Dancer ...

 
Alle 15 novembre 2012 21:57 , Anonymous leaves and stone ha detto...

parlando di titolo..
la mia vita è la musica.
sia spiritualmente che lavorativamente.
ho la fortuna di vivere cantando ed insegnando canto.
quindi di essere a contatto anche con altri artisti quali, musicisti, registi e anche..ballerini/e.
Beh, la titletrack è nata una sera guardando una lezione di danza.
Mi sembrava giusto dare un tributo alla canzone che ha "iniziato" tutto regalandole il titolo del mio primo lavoro.

 
Alle 15 novembre 2012 21:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao a tutti.... chiedo una cosa a Leaves & stone se possibile

 
Alle 15 novembre 2012 21:59 , Anonymous leaves and stone ha detto...

prego :)

 
Alle 15 novembre 2012 21:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

cosa ne pensi della scena underground italiana e, visto che canti in inglese, se stai pensando ad un tour estero

 
Alle 15 novembre 2012 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao anonimo/a certo, chiedi quello che vuoi ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:01 , Anonymous leaves and stone ha detto...

rispondo prima alla seconda domanda.
sì, sto progettando un tour estero, è l'obiettivo del 2013.
paradossalmente è più semplice fare date fuori dallo stivale piuttosto che qui in Italia.
In questo mi sta aiutando Antonella Lavini dell'ufficio stampa BlackPois Promotion.
Una ragazza professionale che si sta "sbattendo" per me. :)

 
Alle 15 novembre 2012 22:02 , Anonymous leaves and stone ha detto...

sulla scena italiana..

 
Alle 15 novembre 2012 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Sulla scena italica?

 
Alle 15 novembre 2012 22:04 , Anonymous leaves and stone ha detto...

apprezzo molto i nostri cantautori si attuali che storici.
Dalla, De Andrè, Fabi, Angelini..e chi ne ha più ne metta.
Abbiamo un patrimonio di musica meravigliosa che a volte manco ce ne rendiamo conto.
Sulle cose nuove..non sempre mi colpiscono.
A volte mi sembra che conti di più la forma piuttosto che la sostanza..non è cattiveria, è che un artista mi deve emozionare, ed ultimamente mi capita di rado ascoltando un disco italiano.
L'ultimo di Niccolò Fabi è mervaiglioso.

 
Alle 15 novembre 2012 22:06 , Anonymous leaves and stone ha detto...

detto ciò ammetto anche una mia ignoranza sulla totalità dalla scena italiana attuale.
Ascolto molta più musica anglofona.
Comunque adoro Bungaro, cantante e autore incredibile, Diego Mancino e una band romana sottovalutatissima.
I Klimt 1918..consigliatissimi.

 
Alle 15 novembre 2012 22:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

ottima risposta ad una domanda che è piuttosto spinosa ultimamente... ma sulla scena live? Hai detto tu stesso che è più facile per assurdo trovare all'estero.... che cosa non funziona in Italia sec te, che all'estero invece funziona?

 
Alle 15 novembre 2012 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Domanda delle cento pistole ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:08 , Anonymous leaves and stone ha detto...

mi vien da dire la mentalità, sia come ascolto che come organizzazione.
Saran frasi fatte ma è così.
Son pochi i locali che dan spazio alla musica "nuova" e anche chi lo da bisogna vedere con che dinamiche.

 
Alle 15 novembre 2012 22:08 , Anonymous leaves and stone ha detto...

non credo che non abbiam voglia di ascoltare.
ma ci siamo accomodati su cose più facili..varie cover band ecc.

 
Alle 15 novembre 2012 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, questo è un bel problema ... e tornando al tuo cd, come è stata la sua genesi, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale? ... più in dettaglio, se puoi/vuoi ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:10 , Anonymous Anonimo ha detto...

finito le munizioni ;) potete proseguire .... cmq sono dell'idea che un progetto come tuo all'estero avrebbe ottenuto le scene mainstream (ma magari è solo una mia opinione :P) e grazie all'alligatore che è sempre così attento a queste novità ;)!

 
Alle 15 novembre 2012 22:10 , Anonymous leaves and stone ha detto...

a Londra ad esempio.
si ascolta, dopo il concerto di parla con gli artisti, come vecchi amici che han condiviso qualcosa di importante assieme.
E i locali hanno l'acustica giusta e impianti come si deve.
Qui basta avere un mixer che ci si spaccia per fonici.

 
Alle 15 novembre 2012 22:11 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ti ringrazio di cuore

 
Alle 15 novembre 2012 22:12 , Anonymous leaves and stone ha detto...

rispondo all'Alligatore ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie anonimo/a ...quando vuoi, intervieni.

 
Alle 15 novembre 2012 22:16 , Anonymous leaves and stone ha detto...

l'idea iniziale era quella di includere più arti all'interno di questo disco.
e più musicisti, come un collettivo.
certo i brani sono i miei, ma non sono l'unico che ha realizzato il disco.
l'idea partiva da un bisogno di indipendenza che sentivo dopo anni di "dipendenza" in bands.
per quello ho iniziato a scrivere Leaves and Stone, come una sorta di liberazione.
Il percorso è stato semplice, c'era un onda positiva che toccava tutti coloro che partecipavano al disco.

Il piano è stato registrato in una chiesa sconsacrata di Fossano concessami gratuitamente dall'Istituto Musicale Baravalle di Fossano (scuola di musica pazzesca!!!).
Enzo Fornione ha suonato per me con entusiasmo e passione.
I musicisti e le cantanti che han suonato in Summer Sky l'han fatto con la stessa passione.
Treehouse Lab mi ha dato una forte mano..tutto ciò ti fa riflettere.
Forse basta avere un obiettivo e mettersi in moto per far si che qualcosa di buono succeda.

 
Alle 15 novembre 2012 22:17 , Anonymous leaves and stone ha detto...

parlavo di più arti..
la danza, la fotografia, la recitazione ed il filmmaking si sono poi manifestati nei video di The Dancer e That World.

 
Alle 15 novembre 2012 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, l'obiettivo è fondamentale ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

... e anche il mescolamento delle arti.

 
Alle 15 novembre 2012 22:19 , Anonymous leaves and stone ha detto...

anche la caparbietà

 
Alle 15 novembre 2012 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora, qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di questo ep?

 
Alle 15 novembre 2012 22:20 , Anonymous leaves and stone ha detto...

(Pecorella dove seiiiii) ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:23 , Anonymous leaves and stone ha detto...

a me è rimasta impressa l'onda che si è messa in moto nel momento stesso in cui ho deciso di incidere.
Il tutto è accaduto con una facilità disarmante.
Mi ha travolto.

 
Alle 15 novembre 2012 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Pecorella c'è anche se non si vede ... ho cominicato con lei a fare blog-interviste. Una grande amica di musica.

 
Alle 15 novembre 2012 22:23 , Anonymous leaves and stone ha detto...

minchia come son filosofico stasera

 
Alle 15 novembre 2012 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

L'onda che ti ha travolto ...dunque.

 
Alle 15 novembre 2012 22:24 , Anonymous leaves and stone ha detto...

si può dire minchia sul blog?

 
Alle 15 novembre 2012 22:25 , Anonymous leaves and stone ha detto...

torno serio ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Si è detto pure di peggio, su questo blog ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:27 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ahahha meno male!
che poi..uno fa il serio, ma in fondo i musicisti son tutti dei gran burloni ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Se“The Dancer” fosse un concept-album, su cosa sarebbe?

 
Alle 15 novembre 2012 22:31 , Anonymous leaves and stone ha detto...

azz..bella domanda.
me l'ha mai fatta nessuno ed ancora non lo sa nessuno.
Sarebbe sul mio modo di vedere il femminile, su come sento ed ho sentito in quel periodo me con l'altro sesso.
a volte lucente, epico, travolgente.
altre volte introspettivo, cupo, inintelliggibile.
in contrasto ed una continua contraddizione.
adoro i contrasti, le varie sfaccettature della stessa vicenda.

in fondo si scrive per amore o per protesta.(credo)

 
Alle 15 novembre 2012 22:32 , Anonymous leaves and stone ha detto...

(sto ascoltando Piers Faccini, consiglio vivamente)

 
Alle 15 novembre 2012 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Io sto acoltodando Leaves & Stone, consiglio pure questo...

 
Alle 15 novembre 2012 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Un concept-album anche a posteriori, se vuoi, pensi possa essere...

 
Alle 15 novembre 2012 22:37 , Anonymous leaves and stone ha detto...

beh direi! ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:39 , Anonymous leaves and stone ha detto...

un concept è una storia, una fotografia, una sceneggiatura.
Un qualcosa con un inizio e una fine.(?)

 
Alle 15 novembre 2012 22:40 , Anonymous leaves and stone ha detto...

da adolescente ascoltavo i Savatage..loro ne sanno di concept.
Ma anche i The Who!

 
Alle 15 novembre 2012 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che The Who sono dei veri esperti di concept ... ma forse al primo ep non è certo quello che si pensa.

 
Alle 15 novembre 2012 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero del disco?

 
Alle 15 novembre 2012 22:44 , Anonymous leaves and stone ha detto...

direi di no.
il primo per me è stato inconsciamente come un esperimento.
Una prova per capire sempre più che sono un cantautore ed un cantante.
Per prender forza ed ovviamente per farsi conoscere.
Per essere intervistato dall'Alligatore.(leccaculo)
Pensi più di getto, sei meno analitico forse.
Forse un disco di 10-11 brani sarà più ragionato..senza perdere comunque la spontaneità.

 
Alle 15 novembre 2012 22:45 , Anonymous leaves and stone ha detto...

scusa il disordine nelle risposte ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Nessun problema, succede in palude ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:47 , Anonymous leaves and stone ha detto...

vado fiero di tutti.
The Dancer è la più impetuosa, la più potente.
Summer Sky la più rock, That World la più emotiva.
Vado a momenti, ma ascoltare Untitled mi emoziona sempre molto.
E' quella strutturalmente più complessa, mi inorgoglisce aver scritto un brano così..
e poi suono io in quel pezzo ;)

 
Alle 15 novembre 2012 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Pure a me piacciono molto quelle citate, in particolare "Summer sky" ... ma anche "I'm burining"

 
Alle 15 novembre 2012 22:52 , Anonymous leaves and stone ha detto...

I'm Burning è scritta a 4 mani.
La suonavamo col mio vecchio gruppo alternative-rock, gli H.o.l.d..
L'ho chiaramente riarrangiata e resa più soft

 
Alle 15 novembre 2012 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Ha una bella melodia, direi magica ...

 
Alle 15 novembre 2012 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

E di Piers Faccini che ascolti? The Wilderness?

 
Alle 15 novembre 2012 22:55 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ti ringrazio :)
girerò il complimento anche all'altro autore.
il ritornello è molto coinvolgente e adoro la melodia iniziale del piano.

 
Alle 15 novembre 2012 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

"My Wilderness" ....

 
Alle 15 novembre 2012 22:56 , Anonymous leaves and stone ha detto...

Two Grains of Sand.
The Wilderness non l'ho ancora importato.
Te l'ho detto che son pigro! ;)

Ora son passato a Josh T. Pearson.

 
Alle 15 novembre 2012 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Bei nomi ... e tornando a bomba: a produrre il cd Treehouse Lab. Chi sono? Come si lavora con loro?

 
Alle 15 novembre 2012 22:57 , Anonymous leaves and stone ha detto...

uno che già dalla barba capisci che non scherza.
poi apre bocca e non scherzi più manco tu.

 
Alle 15 novembre 2012 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa: a produrre il cd Treehouse Lab. Chi sono? Come si lavora con loro?

 
Alle 15 novembre 2012 23:01 , Anonymous leaves and stone ha detto...

Treehouse Lab sono Daniele Valentini, Lorenzo Bragalini(coautore di Burning) e Massimo Manzoni.
Hanno un bellissimo studio a Lodi.
Son tutti miei grandi amici.
Brutti eh, ma amici. ;)

In particolare Daniele ha lavorato a The Dancer.
Il suo apporto sia tecnico che artistico è stato molto importante.
E' molto molto molto pignolo e mi ha bacchettato più e più volte..ci vuole!
Io lascio passare le cose se no.
A parte la chiesa sconsacrata, abbiam registrato tutto a Treehouse.
Mastering compreso.
Beh, il risultato mi soddisfa al 100%.
Abbiamo gli stessi gusti musicali ed ha colto appieno i colori che volevo dare al mio primo "bambino".
Quindi direi..sì, si lavora bene con loro!
Daniele tifa Bari..vabbè, nessuno è perfetto.(ahaha si incazzerà tantissimo)

 
Alle 15 novembre 2012 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho la barba pure io, non come la sua, ma abbastanza seria ;)

 
Alle 15 novembre 2012 23:03 , Anonymous leaves and stone ha detto...

cazzo ti invidio!!!
io ho la barba "a sprazzi".

 
Alle 15 novembre 2012 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina semplice e calda come la trama di un maglione. Direi perfetta per la stagione fredda, perfetta per l’uscita del cd. Perché questa copertina? Di chi è opera e come è nata?

 
Alle 15 novembre 2012 23:08 , Anonymous leaves and stone ha detto...

l'idea è mia.
volevo qualcosa che desse un'idea calda, avvolgente.
Per la grafica, consigliato da Luca Pancini e Viole Merli, mi sono rivolto a un personaggio straordinario:
Jacopo Lietti.
Lui oltre a essere un grafico coi controcazzi, canta in una band storica coi contromegacazzi.
I Fine Before You Came..per chi non li conoscesse..pentitevi e andate ad ascoltarli.
A parte le mail deliranti che ci mandavamo, lui ha ricavato questa trama grezza di un maglione ed ha creato l'artwork, dalle scritte all'impaginazione del booklet.

 
Alle 15 novembre 2012 23:10 , Anonymous leaves and stone ha detto...

il risultato è elegante ed evocativo.
mi piace

 
Alle 15 novembre 2012 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Conosco i Fine Before You Came ... intervistati pure loro, nei miei 10 anni da alligatore ... quando intervistavo tramite email. Confermo, band con i controfiocchi.

 
Alle 15 novembre 2012 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, bel lavoro elegante...

 
Alle 15 novembre 2012 23:13 , Anonymous leaves and stone ha detto...

yes!
sono gente di cuore, e si sente.

 
Alle 15 novembre 2012 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterai il cd?

 
Alle 15 novembre 2012 23:16 , Anonymous leaves and stone ha detto...

allora:
i prossimi appuntamenti sono

il 14 dicembre all'auditorium BNL di Lodi.
il 22 Dicembre in un concerto per pochi intimi da Treehouse Lab.
il 12 gennaio a Il Bopo in provincia di Bergamo.
stiamo trattando anche col teatro di Crema, teatro meraviglioso.
poi ci si lancia oltreconfine e vediamo cosa succede..

 
Alle 15 novembre 2012 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

... oltreconfine? Hai già in mente dove?

 
Alle 15 novembre 2012 23:17 , Blogger Giorgia Percosasiamonati ha detto...

Alligatore, straordinario con questo botta e risposta. Davvero originale, mi hai conquistata :)

 
Alle 15 novembre 2012 23:18 , Anonymous leaves and stone ha detto...

essendo un trio, piano voce e cello, è anche difficile trovare i posti adatti.
Sai, non si può andar nel pub classico dove sono abituati a musica ad alto volume.
Ci vuole qualcosa di più intimo.
Sono anche alla ricerca di una buona agenzia booking..ricerca non semplice ;)

 
Alle 15 novembre 2012 23:19 , Anonymous leaves and stone ha detto...

oltreconfine mi affascina la Francia.
Non so perchè, sento che lì c'è territorio per Leaves and Stone. :)

 
Alle 15 novembre 2012 23:21 , Anonymous leaves and stone ha detto...

poi chiaro..
Uk, Germania, Scandinavia..ovunque ci vogliano!!!

 
Alle 15 novembre 2012 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

In Francia, magari prima di Piers Faccini ;)

 
Alle 15 novembre 2012 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Giorgia, grazie ... e benvenuta in palude.

 
Alle 15 novembre 2012 23:22 , Anonymous leaves and stone ha detto...

cazzo prima di Piers godrei tantissimo!!
lanciamogli un appello stile Carramba!!!ahahha

 
Alle 15 novembre 2012 23:23 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ciao Giorgia!

 
Alle 15 novembre 2012 23:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Piers
Giacomo, contattami, troveremo un accordo, ti voglio in Francia e anche i Gran Bretagna...

 
Alle 15 novembre 2012 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 15 novembre 2012 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Che non ti ho fatto ;)
Ciao Piers ...

 
Alle 15 novembre 2012 23:27 , Anonymous leaves and stone ha detto...

se sei Piers scrivimi in privato!!!
ahahha non sarai mai Piers ;)

allora:
Giacomo, cosa avresti fatto se non avessi fatto il cantante?
(cazzo che domanda)

avrei fatto l'artista di circo..vita romantica, da film.
liberi, un giorno qui, domani chissà
(senza animali però eh)

 
Alle 15 novembre 2012 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Che aggiungere? ... mi sembra che abbiamo detto tutto. Grazie Giacomo.

 
Alle 15 novembre 2012 23:30 , Anonymous leaves and stone ha detto...

ti ringrazio Alligatore.
Dai spazio e credibilità a noi artisti emergenti.
Fa la differenza.
Mi son sentito come a casa a parlare con un vecchio amico.

 
Alle 15 novembre 2012 23:30 , Anonymous leaves and stone ha detto...

(marketta)
guardate the dancer e that world su youtube!!

Piers scrivimiiiiiiii ahahaha

 
Alle 15 novembre 2012 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Fa piacere quello che dici ... grazie a te, e a tutti quelli che hanno partecipato, dalla pecorella, all'anonimo, Giorgia, Piers ...grazie a tutti.

 
Alle 15 novembre 2012 23:32 , Anonymous leaves and stone ha detto...

a presto!

 
Alle 15 novembre 2012 23:34 , Anonymous leaves and stone ha detto...

e grazie a tutti

 
Alle 15 novembre 2012 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Leaves and Stone.

 
Alle 16 novembre 2012 06:55 , Anonymous elisabetta pendola ha detto...

buongiorno alligator!

 
Alle 16 novembre 2012 16:55 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Ringrazio per la suadente presentazione!

 
Alle 17 novembre 2012 00:38 , Blogger Alligatore ha detto...

@Elisabetta Pendola
Buonanotte Elisa ... e benvenuta in palude.
@Adri
Grazie per le belle parole...

 
Alle 18 novembre 2012 10:23 , Anonymous Alex Snipers ha detto...

Ciao,prova generale alex snipers

 
Alle 18 novembre 2012 14:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Prova riuscita ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page