lunedì 29 ottobre 2012

Due parole con i King of the Opera



Con la voce rotta dall’emozione annuncio l’arrivo in palude dei King of the Opera, nuovo progetto musicale partorito dalla mente geniale di Alberto Mariotti (già due volte in palude sotto forma di Samuel Katarro, ora, dice, defunto), Wassilij Kropotkin (anche lui già ospite su questi schermi) e Simone Vassallo. Un trio che spaccherà, con una delle uscite più attese di fine anno, questo disco ben rappresentato da quel fumo viola che copre la faccia sulla sua copertina: Nothing Outstanding, prodotto da La Famosa Etichetta Trovarobato, fantastica label dei Mariposa, edizione AbuzzSupreme.
Un album spiazzante e difficilmente incasellabile, come sono sempre stati i katarrodischi, un album dove prevale la psichedelia, però con un modo di procedere più rigoroso del solito. Nove canzoni di rock acido, con ironia e disincanto, esplosioni di rabbia, salite tortuose… sì, salite. Suonato solamente dai tre, senza basso, senza innesti di elettronica, per presentarsi il più possibile vicini alla forma live. E sono in partenza, il prossimo mese, proprio i concerti, dove i tre non risparmiano in energia. Questa sera è un grande onore averli live in palude… pronti?  
PERCONOSCERLI MEGLIO CLICCA QUI

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

117 Commenti:

Alle 29 ottobre 2012 21:32 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Ehilà, ci siamo!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuti in palude ragazzi ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Da dieci!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Come da dieci?

 
Alle 29 ottobre 2012 21:35 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Nel senso che piglia da dieci essere qua!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:35 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

(eravamo noi anche prima, ora ci prendiamo la mano!)

 
Alle 29 ottobre 2012 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Vi dividete in tani personaggi, geniale ;)

 
Alle 29 ottobre 2012 21:36 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Sì, per ora siamo equamente divisi nel Mariotti e nel Kropotkin.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, bene...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Per me è da dieci ospitarvi qui ... ma mi fermo qua con le sviolinate, e se siete pronti, faccio partire il cd e vado con le domande ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:38 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Che ci racconti?

 
Alle 29 ottobre 2012 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Niente, oggi in auto mi sono ascoltato Live at the Place, un bootleg di un certo Samuel Katarro ... sapete se è ancora in giro?

 
Alle 29 ottobre 2012 21:40 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Lo stiamo ancora cercando. Contiamo di ritrovarlo al più presto.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Perchè, dopo la sua scomparsa (avete provato a Chi l'ha visto?), è nato questo vostro progetto, King of the Opera ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Curiosa coincidenza ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:42 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Mah, in realtà la nascita è stata quasi concomitante alla scomparsa, è stato più un caso che altro...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:42 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

esatto!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

... e poi è nato questo cd.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Nothing Outstanding ... mi dite come è nato?

 
Alle 29 ottobre 2012 21:44 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Mah, in realtà è nato, esattamente come quelli di Samuel Katarro, da una selezione di materiale che Alberto aveva già composto in precedenza.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:45 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Per dire, alcuni brani risalgono addirittura ad alcuni anni fa

 
Alle 29 ottobre 2012 21:46 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

ad esempio l’iniziale “Fabriciborio” appartiene ad un periodo nel quale Alberto suonava con Fabrizio Marchetti e Alessio Ciborio Gioffredi (ai quali, infatti, la canzone è dedicata) e la finale “The Halfduck Misery”, come puoi intuire, è un pezzo che non ha trovato spazio nel quasi omonimo album.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatt, mi pareva ci fosse qualche accenno ...insomma , ci sono molti contatti con il recente passato, della scena toscana, se possiamo, dire ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Firenze ed oltre ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:48 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

infatti Montale è oltre!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Montale, come poeta, e come paese toscano, che ha dato i natali ad alcuni di voi.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:50 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

comunque sì, diciamo che di contatti col passato ce ne sono, visto che siamo sempre noi tre a suonare, diciamo addirittura che ci sono contatti col presente e col futuro

 
Alle 29 ottobre 2012 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma ditemi del disco ...“Nothing Outstanding”? Perchè questo titolo

 
Alle 29 ottobre 2012 21:51 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Il Mariotti infatti è montalese, seppur onorario, mentre gli altri due sono fiorentini. guelfi e ghibellini.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:52 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Il titolo deriva dal fatto che ci eravamo posti dei vincoli nel registrarlo, cercando di non "spettacolarizzarlo" e di renderlo il più diretto e naturale possibile. Da qui questa sorta di "constatazione".

 
Alle 29 ottobre 2012 21:53 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Inoltre, l'ossimoro col nome "altisonante" del gruppo ci piaceva molto.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

... e ci siete riusciti, lo sto ascoltando ora, e date l'impressione di improvvisare al momento. Una magia che non riesce sempre ...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:55 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Guarda, in realtà di improvvisato c'è veramente il giusto, abbiamo sì suonato in presa diretta ma ecco, tutto è risultato più ponderato e pensato rispetto al passato.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, c'è poi questa contraddizione in termini tra nome del gruppo e nome del disco...

 
Alle 29 ottobre 2012 21:56 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Casomai dal vivo abbiamo ancora questa fissazione di voler "rischiare" sempre un po' più del dovuto!

 
Alle 29 ottobre 2012 21:57 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Beh, a noi i contrasti piacciono. Siamo contrastanti persino fra noi stessi (e contrastati in noi stessi)! E in tutto il disco si sente questa dicotomia fortissima, soprattutto fra il "lato A" e il "lato B", diremmo.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, come dicevo nell'intro, c'è una bella organizzaione nei pezzi, come sono messi, come è strutturato il cd ... questo però non fa perdere in freschezza... e sul live, infatti, vorrei vedervi.

 
Alle 29 ottobre 2012 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma come è nato? Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 29 ottobre 2012 21:59 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Sei graditissimo ospite quando vuoi, ovvio! Quello che ci interessava era proprio riuscire a rendere sul disco l'impatto emotivo delle esibizioni dal vivo, adottando soluzioni sonore che comunque saremmo riusciti a ricreare sul palco.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:00 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

L'idea portante in realtà è venuta via via che provavamo i pezzi e ci siamo in realtà lasciati trascinare dalle idee musicali e dal flusso compositivo che i pezzi stessi richiedevano. Abbiamo molto rispetto verso i pezzi!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Siete sempre sul pezzo, per dirla in termine giornalistico ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:03 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Citiamo "Penna a sfera" di Venditti a 'sto punto?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah,ah, ah ...no, lasciamo Venditti e il suo mondo.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Ditemi invece qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:05 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

No, buuuh!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:06 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Beh, i momenti finali delle registrazioni sono sempre i più emozionanti! Eravamo a registrare “Pure Ash Dream” e, tanto per fare un esempio, Alberto non ha mai riascoltato il cantato della prima parte perché dovevamo sbrigarci a registrare i corali stile mantra del finale. Alle 20.45 di quel giorno si giocava il derby di Milano e Marco Olivi, colui che ha registrato e coprodotto con noi il disco, è un accanito milanista, si decideva lo scudetto, ecco... dovevamo finire per forza!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

... e qualcuno di voi, è interista, se non ricordo male.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:08 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Nononono, interisti sono solo i nostri manager di A Buzz Supreme!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

A sì ;) ... non sapevo.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Insomma, il calcio è entrato, volenti o nolenti, nella realizzazione del cd ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

... che fosse un concept-album, su cosa sarebbe? … forse lo è.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho dimenticato un se: se questo vostro cd fosse un concept-album, su cosa sarebbe?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:12 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Solo per quest'episodio, dai... Alla fine abbiamo registrato tutto in sette giorni e mezzo, non ci siamo quasi resi conto di quanto materiale sonoro abbiamo immesso nel disco. E' questo che ci ha sorpreso di più riascoltandolo, il fatto che alla fine ci sia "tanta musica", come ci ha detto poi il buon Orvieti.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:12 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Ci fa piacere che venga il risalto questo lato del concept perché in effetti, col passare del tempo, il disco è venuto fuori come tale. Io lo vedo come un’opera sul disorientamento dell’individuo, della condizione umana, che passa da un iniziale benessere e stato di quiete attraverso smarrimenti che colpiscono vari aspetti dell’esistenza. C’è quello fisico, quello psicologico, quello morale, persino quello metafisico. Ed è coerente con tutto ciò il fatto che alla fine vi sia un risveglio amaro e lucidissimo come “Halfduck Misery”.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi tutto molto attuale ...premesso che l'individuo è in crisi, sempre, da che pensa, oggi, lo è in modo forte, quasi irreversibile.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi un concept, con una tematica molto attuale ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:17 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Lo è davvero, ma diremmo che non ci interessava tanto mettere in risalto il profilo sociale quanto quello esistenziale. Nei testi di Alberto c'è sempre questa tendenza (o tentativo, se vuoi) di rendere universale, invece che "attuale", una condizione interiore, intima, personale. E' meglio suggerire piuttosto che esplicitare troppo, pensiamo.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, a volte le cose dette in maniera "meno diretta" restano di più, altrimenti era meglio fare sociologia ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di “Nothing Outstanding”?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:20 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Rimane il timore che se rimani legato troppo al tuo tempo invecchi, e anche in fretta.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:21 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Proprio "The Halfduck Misery" è un pezzo che amiamo particolarmente: dal punto di vista armonico e melodico e per le scelte di arrangiamento ha, diremmo, una marcia in più. In due minuti e mezzo riunisce moltissimi elementi eppure risulta essenziale. Ma è stato interessante vedere l’evoluzione di pezzi quali “Nine-Legged Spider” o “Pure Ash Dream” (da 1’40” è diventata di 8’50”!!) o la stessa “Heart of Town” dalle prime versioni a quelle poi incise. E’ stato come reimparare a suonarli da zero!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Sto ascoltando propio ora The Halfduck Misery .... quanta roba in due minuti e rotti ...Michele aveva ragione.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:25 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

E il tuo pezzo preferito qual è?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

La title-track sicuramente, poi Heart of Town e The Halfduck Misery ... tutti pezzo del lato B ... anche se, contraddizione in termini, mi piace, nel complesso più il lato A. Sapete dirmi il perchè? Oppure è troppo difficile entrare nel cervello di un alligatore? Anche pericoloso ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:30 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Beh, bella domanda. Forse perché nel complesso il lato A ti bendispone, ti accomoda. Poi invece arrivano, singolarmente, una serie di mazzate nello stomaco. Singole, ma ben assestate, no?!?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che è così ... arriva la sveglia, dopo aver sognato.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma non voglio fare paragoni con la realtà, sarebbero pericolsi, oltre ad essere fuorvianti, veramente, qui si vola alto.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:32 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

E' una sveglia che suona alle 5.20, per dire. Il dormiveglia di "Pure Ash Dream", per esempio, doveva deflagrare nel più assordante dei risvegli. Quella, forse, è la vera chiave di volta del disco.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che è un pezzo che si discosta dal cd, o, meglio, sì, "deflagra nel più assordante dei risvegli" ... mi piace e me la segno.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

A produrre il cd La Famosa Etichetta Trovarobato, con il sostegno di AbuzzSupreme. Bella gente, che abbiamo già citato prima. Come l’avete incontrata? Come si lavora con loro?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

… in realtà, io che vi seguo da anni, so che siete stati, quasi sempre con loro. Domanda con risposta incorporata ;)

 
Alle 29 ottobre 2012 22:37 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Con AbuzzSupreme è una collaborazione che dura da sempre, dagli albori di Samuel Katarro, con Trovarobato la collaborazione è nata dal lato booking per poi allargarsi a quello dell’etichetta. Con tutti loro la libertà artistica è sempre stata assoluta e questo è senz’altro l’aspetto che ci fa maggiormente piacere.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina molto psichedelica, come del resto tutta la confezione e pure quello che c’è dentro. Con i testi che sembrano quasi muoversi ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Di chi è opera? È nata prima la copertina o prima il cd? …o insieme?

 
Alle 29 ottobre 2012 22:39 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

La copertina è stato il più classico dei colpacci di fortuna, è uno scatto realizzato da Ilaria Magliocchetti Lombi durante il set di foto promozionali. Rappresenta alla perfezione la dualità del disco (e se guardi dentro il booklet quest’aspetto è ancor più accentuato) ma ancor meglio ne suggerisce l’atmosfera, solare e positiva ma in seguito anche cupa ed orrifica.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Ilaria è sempre bravissima ... e sull'atmosfera del libretto interno è vero ... i titoli e i testi, sono sempre meno in equilibrio. Psicheledia pura ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:42 , Blogger Marco Olivi ha detto...

Di passaggio solo per un saluto, io che la sveglia sta mattina l'ho avuta alle 4:30, altro che 5:20!
Pronto a coricarmi sulle note di nothing oustanding di cui deterrò per sempre il record mondiale di ascolti!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Marco, benenuto in palude ... cokme va il Milan? ;)

 
Alle 29 ottobre 2012 22:44 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Pura non sapremmo, in realtà è sempre presente il gioco di contaminazione che già c'era in Katarro, sebbene ora sia più sottile. Quello che ci piace dire è che queste siano "canzoni di genere mascherate", sebbene la componente psichedelica è stata molto inseguita negli arrangiamenti.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:45 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Marchinoooooo! <3

 
Alle 29 ottobre 2012 22:45 , Blogger Marco Olivi ha detto...

Non vivo più in italia, non mi interessa più il calcio

 
Alle 29 ottobre 2012 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah... brutta malattia italica allora.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Oppure battuta...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:46 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Vien via cretino, è perché quest'anno fate schifo alla merda!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:47 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Siamo 5 punti sopra, CIAO

 
Alle 29 ottobre 2012 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, metafora molto esplicita.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Noi, tre sotto, se propio devo fare outing ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:49 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Dai, passiamo ad altro, però teniamo ad abbracciare Marco, seppur virtualmente, seppur con una Manica di mezzo!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:50 , Blogger Marco Olivi ha detto...

Ok, ok, guardo tutte le partite e facciamo schifo al cazzo, ma qui si stava parlando di un disco no?
Lasciamo stronzolivo e bonera ai loro problemi..

 
Alle 29 ottobre 2012 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, passiamo ad altro, se Marco non vuol dire qualcosa sul disco del quale detiene il record di ascolti (per ora).

 
Alle 29 ottobre 2012 22:51 , Blogger Sfera Cubica ha detto...

ciao!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, Sfera Cubica, benvenuta in palude ... che già conosci.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:53 , Blogger Sfera Cubica ha detto...

... nella palude, io mi sento a mio agio. la sfera cubica non rotola ma galleggia :)

 
Alle 29 ottobre 2012 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

La vedo, la vedo ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:54 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Ciao, capi!

 
Alle 29 ottobre 2012 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

In coda stanno arrivando personaggi che, prima o dopo, hanno girato intorno a Nothing Oustanding ...

 
Alle 29 ottobre 2012 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Rotolando come una sfera cubica ... anche questa è psichedelia.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete il cd? … che uscirà ufficialmente a novembre.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:58 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Certo, sono tutti i personaggi che hanno sostenuto questo progetto, con tutti i rischi che comportava. Il nome nuovo e tutto il resto, il cambio di stile, è stato come ripartire da zero per tutti, in primis per noi. Abbiamo affrontato "generi" che non avevamo mai sperimentato e ci sentiamo accresciuti tantissimo, artisticamente soprattutto.

 
Alle 29 ottobre 2012 22:59 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

A questo giro abbiamo il tour mondano, faremo date promozionali come quella del 12 novembre (data dell’uscita) a Moby Dick su Radio 2 alla Festa del Cinema di Roma o quella del 16 novembre all’Ariston in occasione del Premio Tenco. Nel mezzo avremo occasione di girare le maggiori FNAC italiane, eventi che sicuramente sono importanti sotto l’aspetto della visibilità. Ma già in Germania hanno avuto il gusto della vera anteprima!

 
Alle 29 ottobre 2012 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

... è vero, siete stati in Germany. C'è un bootleg anche live in Germany?

 
Alle 29 ottobre 2012 23:03 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Potrebbe. Gira un video sul Tubo di un pezzo registrato ad Hannover, una serata che per noi è stata più che esaltante. Ma abbiamo anche tutta la registrazione del concerto, per cui non si sa mai!

 
Alle 29 ottobre 2012 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Ovviamente non si può dire ...

 
Alle 29 ottobre 2012 23:03 , Blogger Marco Olivi ha detto...

Sono troppo stanco per poter dire qualcosa di sensato sul disco...quindi vi saluto e vi abbraccio!
Spero di vedervi presto in giro da queste parti!

 
Alle 29 ottobre 2012 23:04 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Eh, sì, Marchino, guarda, stiamo stappando la quarta Tennent's per te!!

 
Alle 29 ottobre 2012 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Marco, del tuo intervento dall'estero ...e se ti viene in mente qualche racconto sul disco, ripassa pure in palude a raccontarcelo.

 
Alle 29 ottobre 2012 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, una appello, un saluto, una cosa da dire assolutamente, un tazebao … quello che volete.

 
Alle 29 ottobre 2012 23:09 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Guarda, una cosa da dire è che dovremmo tornare tutti a "suonare" ma per davvero. Troppe volte si è parlato d'altro di recente ma mai del piacere di andare su un palco e cercare di comunicare qualcosa a chi magari ti sta ascoltando. Noi cerchiamo di fare questo, il disco l'abbiamo inteso come qualcosa di comunicativo ed è certamente l'obiettivo primario che ci prefiggiamo.

 
Alle 29 ottobre 2012 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi sembra la cosa migliore ... vi lascio ai vostri strumenti ... grazie King of the Opera.

 
Alle 29 ottobre 2012 23:12 , Anonymous kingoftheopera ha detto...

Grazie a te! Buonanotte a tutti!

 
Alle 29 ottobre 2012 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi, grazie a Marco Olivi, e grazie a Sfera Cubica per essere rotolata in palude ...

 
Alle 29 ottobre 2012 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a King of the Opera.

 
Alle 30 ottobre 2012 10:19 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Ehm. Perdona il parziale off topic. E' che rimango sempre impressionata da come sai usare i colori nei caratteri del testo rendendolo bello e non pacchiano. :-)

 
Alle 30 ottobre 2012 16:58 , Blogger @enio ha detto...

bellissimo sound, son convinto anc'io che questo loro album sarà un successone

 
Alle 30 ottobre 2012 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

@Adri
Grazie... il segreto è: improvvisare all'ultimo momento, di corsa, prima che inizi l'intervista, il più trafelato possibile ;)
@Enio
Concordo sul "bellissimo sound ..." Sul successone, lo spero, perchè il bello trionfi nella società (una volta tanto...).

 
Alle 2 novembre 2012 14:43 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Ah, ah, bene, prenderò spunto... :-)
Per intanto ho deciso di citarti come esempio di questo nel corso su social network e blog che tengo ad Alba in queste settimane...

 
Alle 2 novembre 2012 14:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Fantastico, grazie Adri ... e dopo il corso, tagliatelle con tartufo e Barbera senza sosta ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page