venerdì 28 settembre 2012

Due parole con Johnnie Selfish & the Worried Men


Gran ritorno in palude per Johnnie Selfish e the Worried Men, band di Lambrate al terzo disco, Kauntri Muzik, ambizioso prodotto di culto a partire dalla copertina, che sembra l’inizio di un film dei fratelli Coen. Come i mitici fratelli del cinema, i Johnnie Selfish & the Worried Men, hanno il gusto per la citazione e l’amore per il meglio del passato. Per questo loro nuovo album sono andati alle radici della nostra musica più amata, a Nashville, Tennessee, dove sotto la guida di John Wheeler, leader degli Hayseed Dixie, lo hanno registrato, con ospiti di tutto riguardo, quali Hank Williams Jr e Mike Daly.
Quattordici tracce che profumano folk-combat-country-rock, passione per la Storia, la politica e un sacco di riferimenti alti (ma anche bassi, perché no?), tra i quali spicca la citazione diretta di Woody Guthrie nella splendida This Machine Kills Fascists, la cover di Letter to the Censors dei Mano Negra e un classico tirato a lucido come Buffalo Skinners. Salti musicali nel tempo, una strumentazione classica, dal banjo all’ukulele, washboard, armonica, chitarre acustiche e chitarre elettriche, per far sentire questa palude ancora più palude. Un gran bel disco, che uscirà in ottobre, ma sta già ottenendo un sacco di critiche positive. Un vero onore averli qui … pronti?   

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

71 Commenti:

Alle 28 settembre 2012 21:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao ci sono

 
Alle 28 settembre 2012 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, benvenuti in palude ...

 
Alle 28 settembre 2012 21:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

grazie

 
Alle 28 settembre 2012 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Come va? siete tutti? Uno, due, tre?

 
Alle 28 settembre 2012 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

siamo in due: johnnie e luca (guitarist)

 
Alle 28 settembre 2012 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene Johnnie e Luca ... il cd è partito, perchè lo trovo irresistibile, è già partita la storia di Bengasi .... e se siete pronti vado con le domande.

 
Alle 28 settembre 2012 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

stiamo ascoltando 'setting the woods on fire' di hank williams...

 
Alle 28 settembre 2012 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

vaaai

 
Alle 28 settembre 2012 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora grande musica da voi come da me ;)

 
Alle 28 settembre 2012 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato “Kauntri Muzik”? Come è nato il disco che sto ascoltando ... ora "Western Civilization" ...

 
Alle 28 settembre 2012 21:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Abbiamo deciso di registrare un disco con una serie di canzoni che avevamo suonato live in giro per l'Italia. In più abbiamo inciso una seconda versione di 2 pezzi vecchi, tra cui appunto Western Civilization e This machine kills fascists. Ovviamente questo era lo schema prima di decidere di andare a produrlo a Nashville...

 
Alle 28 settembre 2012 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi un disco nato in buona parte sui palchi, ma poi ...

 
Alle 28 settembre 2012 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

... ma poi, ci arriviamo poi, scusate il bisticcio di parole.

 
Alle 28 settembre 2012 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Alla fine del 2011 abbiamo suonato al Bloom di Mezzago con gli Hayseed Dixie, gruppo rockgrass di Nashville, e abbiamo conosciuto il cantante John Wheeler. Appena lo abbiamo incrociato, abbiamo subito capito che avremmo dovuto fare un disco con lui. Dopo alcuni mesi, siamo riusciti a contattarlo e ad organizzare il nostro viaggio in Tennessee.

 
Alle 28 settembre 2012 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora raccontatemi come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 28 settembre 2012 21:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

sì, siamo sempre stati affascinati dal roots americano e della musica country che, come ha detto hank williams, rappresenta i sogni, le speranze e le preghiere della gente che lavora. con l'uscita di "committed" nel 2010, però, ci siamo sentiti un po' confinati in questo genere, come se farlo fosse un mero esercizio di stile. Abbiamo quindi deciso di far virare la nostra musica verso altre influenze, ed è qui che l'aiuto di John come produttore si è rivelato fondamentale: ha saputo appianare le differenze tra le varie canzoni e dare uno stile inconfondibilmente roots all'album.

 
Alle 28 settembre 2012 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

In realtà ascoltandolo si sente una cosa nuova per l'Italia, per oggi, e nonostante non ci sia un genere solo toccato dai 14 pezzi, sento un disco con una compatezza decisa ...

 
Alle 28 settembre 2012 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma perchè questo titolo "Kauntri Muzik"

 
Alle 28 settembre 2012 22:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

"Kauntri muzik" è una storpiatura "europeizzata" di "country music". Il titolo cerca di simboleggiare il nostro amore per la country music e al tempo stesso la nostra volontà di apportare dei cambiamenti a questo genere, che per troppo tempo è rimasto ancorato agli stereotipi di un'America provinciale e bigotta.

 
Alle 28 settembre 2012 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, questo è un ottimo proposito ... direi riuscitissimo (non a caso sto ascoltando "Machine Kills Fascists").

 
Alle 28 settembre 2012 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

grazie amico

 
Alle 28 settembre 2012 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Compagno ;)

 
Alle 28 settembre 2012 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete registrato questo disco a Nashville, Tennessee nello studio di John Wheeler, leader della bluegrass band più spericolata d’America, gli Hayseed Dixie. Come avete lavorato con lui ...

 
Alle 28 settembre 2012 22:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Abbiamo passato una settimana nel suo studio (in realtà era praticamente casa sua) lavorando alacremente. Durante i primi 3 giorni abbiamo registrato tutte le backing tracks (chitarra, basso e banjo/ukulele), poi nei giorni successivi ci siamo dedicati a chitarra elettrica, voci e percussioni varie. Abbiamo sfruttato il polistrumentismo di John che si è sbizzarrito suonando maracas, piano, violino, batteria e contribuendo anche alla stesura definitiva dei testi. E' stata una settimana di fuoco.

 
Alle 28 settembre 2012 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Quasi la settimana più indimenticabile della vostra vita ;)

 
Alle 28 settembre 2012 22:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

One of the best... :)

 
Alle 28 settembre 2012 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di “Kauntri Musik”? Di questa settimana di fuoco ...

 
Alle 28 settembre 2012 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Una delle migliori della vostra vita ...

 
Alle 28 settembre 2012 22:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Quando abbiamo registrato "Buffalo Skinners": stavamo suonando dalla mattina e ormai era mezzanotte, ma John voleva ancora registrare la batteria. Ha fatto un paio di prove, ma non ci convinceva. La canzone non si prestava per la batteria, quindi ci siamo messi a cercare dappertutto delle pentole, pezzi di metallo o qualsiasi altra cosa per ottenere un effetto tamburo tribale. Alla fine John ha tirato fuori un set di due tamburi e ha iniziato a suonarlo come un pazzo. Quando ha finito, ha detto: "Penso che abbiamo trovato quello che ci voleva. Ora andiamo a prendere delle birre!" In effetti, è una delle nostre canzoni preferite del disco.

 
Alle 28 settembre 2012 22:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per non parlare di quando John ci ha portato a sparare nei boschi con una calibro 44 ....

 
Alle 28 settembre 2012 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Sembrano episodi da film dei frateli Coen ... veramente. Ah, ah, ah ...tra mito, umorismo e poesia.

 
Alle 28 settembre 2012 22:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tipo 'Fargo' ambientato più a Sud

 
Alle 28 settembre 2012 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo vostro cd fosse un concept-album, su cosa sarebbe?

 
Alle 28 settembre 2012 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Già "Fargo" ... mitico quel film epocale.

 
Alle 28 settembre 2012 22:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Be', in effetti è stato come vivere nel "Mucchio Selvaggio" per due settimane...Johnnie è Ernst Borgnine, Luca è William Holden

 
Alle 28 settembre 2012 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Un cinema crepuscolare ...

 
Alle 28 settembre 2012 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Se questo vostro cd fosse un concept-album, su cosa sarebbe? ... la ripeto perchè forse si è persa.

 
Alle 28 settembre 2012 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

... è il bello della diretta, direbbe Gianni Minà ;)

 
Alle 28 settembre 2012 22:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sarebbe un album che torna a trattare di un grande tema completamente dimenticato dalla musica italiana alternativa attuale (per non parlare del mainstream...): quello della morte. La musica country ha sempre trattato la morte come un ospite di riguardo: in molte canzoni di hank williams, guthrie o cash il tema della morte è trattato a volte con ironia e leggerezza, a volte con una sincerità quasi commuovente. Nel nostro album ci sono diversi riferimenti espliciti: da "The funeral" (che nonostatnte il titolo è un pezzo decisamente allegro), a "Uprising" che denuncia i crimini sanguinosi del dittatore siriano Bashar al-Assad. La morte è un argomento difficile da trattare se non devi averci a che fare tutti i giorni, per questo nella triste scena contemporanea sono in pochi ad affrontarlo. La title del track del disco, ad esempio, parla di un soldato russo sul fronte della seconda guerra mondiale che, diventato cieco e abbandonato da tutti, prega il Signore di poter ricevere una morte rapida, unica via di uscita per chi vive nella disperazione.

 
Alle 28 settembre 2012 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Tematica decisamente forte, trattata da pochi, in effetti ... ma parliamo allora delle canzoni.

 
Alle 28 settembre 2012 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di “Kauntri Muzik”?

 
Alle 28 settembre 2012 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Oltre al già, da voi citato "Buffalo Skinners", a me piacciono un sacco (ma faccio fatica a scegliere tra tutte), “Western Civilization” (chi è la voce all’inizio?), “Tender Heart”, “This Machine Kills Fascists”, “The Funeral” “Radioactivity” …

 
Alle 28 settembre 2012 22:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

"Buffalo skinners" per il tema trattato (il capitalismo) e per la radicalità con cui è trattato: il testo parla di un gruppo di bianchi che alla fine dell'800 vengono mandati ad Ovest ad uccidere i bufali, fonte di sostentamento degli indiani; durante il viaggio decidono invece di uccidere e scuoiare il loro "datore di lavoro". Poi "Zaporozhe" perché rappresenta bene il passaggio da musica country a musica folk in generale (parla di una banda di cosacchi impegnati a sbronzarsi e a fare guerra a chiunque abiti vicino a loro). Infine, "Nothing to sing about" e "Tender Heart" per le splendide melodie di steel guitar, suonata da Mike Daly, già membro della banda di Hank Williams Jr.

 
Alle 28 settembre 2012 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Di chi è la voce recitante all'inzio di “Western Civilization”?

 
Alle 28 settembre 2012 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

... io intanto sono quasi alla fine del secondo ascolto, ho appena concluso di ascoltare "Zaporozhe", ed effettivamene si sente quello che avete appena scritto.

 
Alle 28 settembre 2012 22:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ah, grande che l'hai notato. E' un monologo di Malcolm X, che dice sostanzialmente: "L'uomo bianco vive nel senso di colpa per la condizione in cui ha ridotto il negro, per la violenza brutale che ha usato, finché i neri non si sveglieranno."

 
Alle 28 settembre 2012 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Grande, mi pareva una voce conosciuta ;)

 
Alle 28 settembre 2012 22:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

Anche questo rientra nel tema generale del disco: la violenza e la morte che oscurano la vita dell'uomo. La musica è l'unica vera catarsi, l'unica possibilità di salvezza.

 
Alle 28 settembre 2012 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi viene in mente che questi, spesso sono pure temi dei film dei Coen ... ecco che ritorna la copertina...

 
Alle 28 settembre 2012 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina molto in linea con la vostra musica direi...

 
Alle 28 settembre 2012 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata pensata? È nata prima o dopo il cd? … o durante?

 
Alle 28 settembre 2012 22:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Già. Be' la copertina non è stata pensata da noi, è stato un nostro fido collaboratore, il grafico Riccardo de Franceschi, a trovare questa foto scattata chissà dove e a farcela vedere. Quando l'ho vista, ho pensato: "E' lui, è il protagonista di Kauntri muzik". E poi mi piaceva molto il fatto di mettere un uomo sulla copertina e una macchina sul retro. Questo binomio uomo/macchina sarebbe piaciuto molto ai Kraftwerk...

 
Alle 28 settembre 2012 22:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

L'idea della grafica ovviamente è del tutto successiva alla realizzazione dell'album.

 
Alle 28 settembre 2012 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

... a proposito, quel cavallo di legno all'interno, da dove viene? ... e quelmacchianrio strano? Anche qui umano e macchina, in un certo senso ...

 
Alle 28 settembre 2012 23:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

Abbiamo visionato un archivio di foto di un fotografo italiano; abbiamo scelto le più significative, fra cui quella del cavallo di Troia. Non sappiamo assolutamente dove e quando sia stata scattata...

 
Alle 28 settembre 2012 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Pensavo fossero foto fatte nei dintorni della casa di John Wheeler.

 
Alle 28 settembre 2012 23:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ahahaha, no assolutamente. Penso che se John vedesse qualcosa del genere fuori da casa sua utilizzerebbe tutta la sua potenza di fuoco per eliminarla!!!

 
Alle 28 settembre 2012 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Che cinema! Ah, ah, ah ...

 
Alle 28 settembre 2012 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterete l’album? …

 
Alle 28 settembre 2012 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Che uscirà ufficialmente ad ottobre, giusto?

 
Alle 28 settembre 2012 23:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sì, il 19 OTTOBRE al BLOOM di MEZZAGO. Ecco il link appena sfornato della serata, che vedrà presenti oltre a noi anche JOHN WHEELER con il suo nuovo progetto solista, e due special guests d'eccezione: il REVERENDO MAURO FERRARESE e l'ottimo DIEGO DEAD MAN POTRON. Tutti insieme per rappresentare la buona musica italiana.

http://www.bloomnet.org/musica/eventi/1-600-venerd-19-ottobre-kauntri-muzik-release-party-johnnie-selfish-twmb-john-wheeler-from-hayseed-dixie.html

 
Alle 28 settembre 2012 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Seratona, come questa in palude, che sta per chiudersi ... ma prima...

 
Alle 28 settembre 2012 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Prima, fatevi una domanda, datevi una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 28 settembre 2012 23:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Qual'è il luogo in cui vi piacerebbe maggiormente suonare? il GRAND OLE OPRY degli anni 50..

Qual'è il luogo che più vi rappresenta? LAMBRATE

 
Alle 28 settembre 2012 23:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

E con questa cazzata direi che abbiamo concluso. Grazie mille Alligatore

 
Alle 28 settembre 2012 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, non è una cazzata ... grazie a voi.

 
Alle 28 settembre 2012 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho appena concluso l'ascolto di "Duna River Blues" ... terzo ascolto del cd. Avrò molto da scrivere ;)

 
Alle 28 settembre 2012 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, buonanotte e buonafortuna ai Johnnie Selfish e the Worried Men.

 
Alle 28 settembre 2012 23:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie, caro. Un saluto a tutti i nostri fan, ma soprattutto alle nostrE fan!!!! Ciao!

 
Alle 29 settembre 2012 14:03 , Blogger de franceschi ha detto...

le foto sono opera del talentuoso fotografo Alberto Sinigaglia (http://www.albertosinigaglia.net/), e sono state scattate in varie realta' rurali in giro per il Vecchio Continente

 
Alle 29 settembre 2012 14:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie di questa nota Riccardo ... come dico spesso, la blog-intervista è sempre viva. Ora vado a vedermi il sito di Sinigaglia.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page