venerdì 11 febbraio 2011

Intervista ai Leitmotiv

Difficile immaginare i Leitmotiv fermi e rilassati, vista la quantità di concerti in Italia e in Europa e la forza fisica della loro musica, ma questa sera si sono seduti su quella panchina per l’intervista sul blog e niente e nessuno riuscirà a schiodarli. Da una bella piazza mediterranea nella mitica Puglia risponderanno alle mie domande a molti chilometri di distanza. Una magia tecnologica come è magica la loro musica, difficilmente classificabile o paragonabile con altri gruppi: i Leitmotiv sono i Leitmotiv.
In questi giorni il loro Psychobabele (le città dimenticate), uscito per Pelagonia Dischi, ha accompagnato i miei viaggi in auto. Non riuscivo a toglierlo perché affascinato dai giochi di parole dentro complessi giochi sonori. Del resto il titolo dice molto, con citazione calviniana (da Italo) e anche il produttore artistico con il quale hanno collaborato, Amerigo Verardi, può indicare molto sulla loro musica. Si potrebbe parlare d’incontro tra rock e canzone d’autore, ma sarebbe solo un’etichetta. I Leitmotiv sono molte cose. Alcune cercherò di scoprirle questa sera. Pronti?

VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/leitmotivonline

Etichette: , , , , , , , , , , , , ,

163 Commenti:

Alle 11 febbraio 2011 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

C'è qualcuno su quella panchina?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:36 , Anonymous Giovanni ha detto...

Allora :) eccoci qui.. è permesso?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Giovanni.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuto nella palude.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:39 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

ciao ragazzi, salve alligatore

 
Alle 11 febbraio 2011 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Pelagonia ...infatti, ho pensato molto a quella canzone.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:40 , Anonymous Giovanni ha detto...

Sono sempre io :) Ho confuso un po' le carte in tavola ;)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Fortezzafigitale ... ah, ah,ah ... infatti, stavo dicendo: quanta gente!

 
Alle 11 febbraio 2011 21:41 , Anonymous Giovanni ha detto...

Come dicevo, abbiamo scritto una canzone chiamata paludosa... quindi casa tua è casa nostra :) già prima del tuo invito!

 
Alle 11 febbraio 2011 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Che lapus, volevo scrivere Fortezzadigitale ...;)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, "Paludosa" ... c'è sintonia tra di noi.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:42 , Anonymous Giovanni ha detto...

dicono tutti così :)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:42 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

scusate, ma per leggere i nuovi messaggi devo aggiornare ogni volta la pagina?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:43 , Anonymous Raf ha detto...

Hey Gio c'est RAF ! Je ne comprends pas l'italien alors c'est un peu dur pour moi mais je suis de tout coeur avec vous !
French Leitmotiv Fan Club.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, devi uscire e rientrare, fare refresh, dicono i tecnici.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:44 , Anonymous Giovanni ha detto...

Voilà :) Salut raf! :D E buongiorno a te fortezza digitale..

Alligatore, ho invitato un po' di gente - forse casa tua è stata un po' invasa :)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Fa paiacere invece, rende l'intervista viva ...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:46 , Anonymous Gianni ha detto...

Buona sera a tutti! Grandi Leitmotiv...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Piacere, volevo scrivere... questa sera scrivo troppo veloce ...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:47 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

peccato perchè cosi si perde l'immediatezza della chat...
cmq l'importante è esserci :)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Gianni.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, se ci siamo tutti, possiamo cominciare.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Faccio partire il disco e vado con la prima domanda ...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

Eccoci qui :)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

buona seraaa...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao anonimo...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:50 , Anonymous Daniela ha detto...

ciao!!

 
Alle 11 febbraio 2011 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Per capirci, del gruppo c'è Giovanni? .... qualche altro?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Daniela, benvenuta nella palude.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:52 , Anonymous Giovanni ha detto...

Alligatore, ci dovrei essere solo io.. in parte perché sono il più smanettone.. e hanno delegato a me questo compito :)

 
Alle 11 febbraio 2011 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora vado con la prima: chi sono i Leitmotiv?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:55 , Anonymous Giovanni ha detto...

I Leitmotiv sono cinque musicisti, vengono della provincia di Taranto (Sava per la precisione, terra di Primitivo) e Taranto città e praticamente sono cresciuti insieme (dal lontano ’97 il primissimo nucleo, nel 2001 con questo nome).

 
Alle 11 febbraio 2011 21:56 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

posso permettermi di proporre una chat gratuita in tempo reale?
http://it.tinychat.com/NOMECHAT
cosi si capisce meglio

 
Alle 11 febbraio 2011 21:56 , Anonymous Giovanni ha detto...

Cinque teste calde :) che hanno riversato le loro personalità forti e tante energie nella costruzione di un progetto artistico.

 
Alle 11 febbraio 2011 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Leitmotiv

 
Alle 11 febbraio 2011 21:57 , Anonymous Giovanni ha detto...

I nomi non sono mai facili da trovare! Agli inizi della nostra avventura ne abbiamo cambiati diversi (alcuni impresentabili, altri così così), fino a giungere a questo che ci ha trovato tutti d’accordo...

 
Alle 11 febbraio 2011 21:58 , Blogger Lorenzo ha detto...

risuonerete più "I funerali del Pollo"?

 
Alle 11 febbraio 2011 21:58 , Anonymous Giovanni ha detto...

Il Leitmotiv in musica classica è il "motivo conduttore", il tema di un’opera. Il nostro primo Leitmotiv era evidente: “suonare”.. aldilà delle diverse strade che all'epoca ognuno di noi stava percorrendo in giro per l’Italia e per l’Europa, questo è stato punto d’incontro e di creazione concreti pur nei brevi tempi che all’epoca riuscivamo a trovare..

 
Alle 11 febbraio 2011 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

@fortezzadigitale
Grazie per la proposta, ma questa sera mi sono organizzato così ... vedrai che ti piacerà. Libera e in tempo reale anche questa chat.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

"I funerali del Pollo"? ...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce una vostra canzone?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:02 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh :) già cominciamo a essere messi in difficoltà! Sì Lorenzo, quando sarà il tempo i Funerali del Pollo tornerà.. e tornerà insieme ad altre nuove canzoni :)

Forse, oggi non è il momento di ridere dei "polli"..

 
Alle 11 febbraio 2011 22:03 , Anonymous Giovanni ha detto...

Allora, tornando a noi, Alligatore.. Ogni canzone è una storia a sé. Generalmente da un riff di chitarra, basso o un tema al piano.. poi in sala prove si lavora sull’evoluzione e la struttura del brano. In parallelo, con testo già esistente o no, si cerca una parte melodica. Insomma, ogni volta è una nuova volta!

 
Alle 11 febbraio 2011 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Messaggio chiaro...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Riferito al pollo ...;)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate quelle del vostro recente cd “Psycobabele”?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:06 , Anonymous Giovanni ha detto...

Proprio così come ti ho descritto :) Dopo un paio di mesi di pausa dal precedente tour (100 date in un anno non sono state poche...), a Gennaio dello scorso anno ci siamo chiusi in saletta per tre mesi. Raccolto le idee che già giravano nell’aria, scritte di nuove, finalizzato i testi e le parti melodiche. Seguiti dal capitano Amerigo Verardi, già produttore del nostro primo album, “l’Audace Bianco Sporca il Resto”. Alcuni testi sono stati scritti in quei giorni, altri durante la precedente tournée. Di certo il disco in questo caso ha preso corpo proprio nelle settimane a ridosso della registrazione...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

…A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:10 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh, sia io che Giorgio abbiamo entrambi un registratorino, ma soprattutto un sacco di quadernetti con tanti scarabocchi!!

 
Alle 11 febbraio 2011 22:11 , Anonymous Giovanni ha detto...

in ogni modo, la forma scrittura resta fondamentale per raccogliere uno stato d’animo, un istante, un’idea e sintetizzarla.. Però è innegabile che nella stesura musicale è molto più importante la nostra sala prove, che abbiamo allestito per poterci registrare dal vivo e in cui tutti noi ci cimentiamo a buttare idee, riff, suoni per cominciare a concretizzare.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

La sala prove è centrale nella vostra produzione. Momento creativo e attivo...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:14 , Anonymous Giovanni ha detto...

Sì.. anche se entrambe le componenti sono fondamentali in pari modo. Una senza l'altra non chiuderebbe il cerchio.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta il leitmotiv-sound?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:17 , Anonymous Giovanni ha detto...

Di certo, la componente fisica del "suonare" ha avuto via via alla musica dei leitmotiv una componente più forte. Ci piace talvolta pensarlo come una sorta di risposta al mood creativo "da cameretta" così presente in questi giorni. La vibrazione, per essere movimento, deve diventare collettiva.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:18 , Anonymous Giovanni ha detto...

Scusami, ero indietro ;)
Allora, riguardo a una canzone più "Leitmotiv" delle altre... :)
Non credo. Tutte sono tra loro diverse, ma tutte in qualche modo, a quanto ci conferma il resto del mondo, suonano Leitmotiv. Forse in quest’ultimo album abbiamo fatto un lavoro mirato alla costruzione di un suono d’impatto, più omogeneo rispetto al primo album, e quindi questo sound oggi rappresenta i Leitmotiv. Però nulla vieta che il prossimo lavoro abbia tutt’altre intenzioni.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:19 , Blogger Lorenzo ha detto...

(non ho capito se tutti possono fare domande e se sono bene accette, nel caso non vada bene scusatemi e la smetto :D)

Ci sono dei gruppi o cantanti che sentite vi hanno influenzato particolarmente nella vostra formazione musicale?
E come considerate il paragone che alcuni avevano fatto fra i vostri primi lavori e quelli dei primi Litfiba?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Lorenzo, le domande sono bene accette, inttìerrompi quando vuoi ... Giovanni, se vuoi rispondere, fai pure.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:22 , Anonymous Giovanni ha detto...

Ciao Lorenzo.. posso risponderti... poi spero l'alligatore non mi mangerà ;)

Di certo ci sono dei musicisti che hanno influenzato ognuno di noi 5, e che ancora influenzano, come tutti siamo influenzati dal presente, guai se fosse il contrario.. Il problema è che veramente difficile fare dei nomi essendo 5 persone piuttosto diverse. :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:23 , Anonymous Giovanni ha detto...

Credo l'Alligatore avrà in serbo una domanda del genere più avanti.. magari continuerò dopo a parlare delle influenze...

per quanto riguarda i Litfiba...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:24 , Anonymous Giovanni ha detto...

Abbiamo deciso che al prossimo riferimento in una recensione ai Litfiba... avremmo rivelato...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:25 , Anonymous Giovanni ha detto...

(in questo prendo la tua come una "recensione"...)... stavo dicendo... rivelato che...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Avreste rivelato? ... lasciamo in sospeso?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:26 , Anonymous Giovanni ha detto...

Noi siamo i Litfiba!!!!!!!!!!!!!!!

 
Alle 11 febbraio 2011 22:26 , Anonymous Giovanni ha detto...

ehehehe ovviamente sto scherzando :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, molto spesso i paragoni della critica nascono dal vissuto musicale di chi scrive. Ai Litifa, che ho ascoltato molto da giovane, ho pensato pure io ...lo confesso.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma anche a tanti alti .... e quando è così

 
Alle 11 febbraio 2011 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Quando è così dico che i Leitmotiv sono i Leitmotiv...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:28 , Anonymous Giovanni ha detto...

Tornando a essere serio... nessuno di noi ha mai ascoltato i Litfiba, se non come ascoltatori casuali... nessuno di noi ha nessuno o un solo loro disco a casa, ma comunque non facente parte dei nostri ascolti..

 
Alle 11 febbraio 2011 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Se “Psycobabele “ fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:30 , Blogger Lorenzo ha detto...

Non è che io voglia insinuare che ci siano dei plagi o quant'altro, visto che amo tanto sia voi che i Litfiba, ma avevo notato che in molte recensioni soprattutto avevano fatto questo paragone e volevo solo sapere come vi ponevate rispetto a questo...

Devo ammettere che anche io ascoltandovi la prima volta dal vivo avevo fatto un pensiero ai Litfiba, limitatamente all'idea di cercare di unire sonorità indie-rock inglesi con quelle mediterranee, il tutto però in una chiave molto personale :).

 
Alle 11 febbraio 2011 22:30 , Anonymous Giovanni ha detto...

"nessuno di noi ha più di un solo loro disco a casa" ...

vabbé copia incolla sbagliato...
volevo solo dire che l'accostamente viene facile... cantato in italiano, frontman, struttura ritmica presente, chitarre che fraseggiano..

a un primo ascolto ci sono punti di contatto "strutturali"

 
Alle 11 febbraio 2011 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, è chiaro il concetto Piero ;)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Continuando... se “Psycobabele “ fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:33 , Anonymous Giovanni ha detto...

però questo accade anche perché abbiamo in realtà pochi paragoni di riferimento "differenti"

gruppi rock italiani che sono entrati nell'immaginario?

i nomi sono pochi, molto pochi, paragonati a quelli di derivazione anglofona. Certo Marlene, Afterhours negli anni '90... ma i Litfiba restano il gruppo che è andato sicuramente per la maggiore...

e nonostante non ci piacciano particolarmente, abbiamo deciso di prendere questo in qualche modo come un punto di forza.

torno da te Alligatore!

 
Alle 11 febbraio 2011 22:35 , Anonymous Giovanni ha detto...

Parlerebbe di città “dimenticate” (è il sottotitolo dell'album) e Psychobabele sarebbe il luogo, la regione che in qualche modo le contiene.

Delle città che, per quanto si tenti di nasconderlo, sono ancora piene delle vite (e dei racconti) dei loro abitanti...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, una narrazione che si vuole nascondere, ma che c'è...

 
Alle 11 febbraio 2011 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con Pelagonia Dischi e il sostegno promozionale di A Buzz Supreme. Come vi siete trovati? Come prosegue la collaborazione con loro?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:39 , Anonymous Giovanni ha detto...

Certo. E ci saranno sempre finché ovunque ci siano degli uomini, ovvero una comunità (che si percepisca o no come tale)..

 
Alle 11 febbraio 2011 22:40 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

è molto bella l'idea di narrare delle città dimenticate...e napoli minor è una delle mie preferite :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:41 , Anonymous Giovanni ha detto...

Certo. E ci saranno sempre ovunque ci siano degli uomini, ovvero una comunità (che si percepisca o no come tale)..

(senza finché... altra correzione sbagliata... vado troppo veloce! scusami alligatore, non mangiarmi :P)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, Napoli minor è uno dei miei preferiti, assieme a Paludosa e Roma Beirut.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

... è il bello della diretta.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:42 , Anonymous Giovanni ha detto...

@fortezzadigitale grazie :) sono diversi a dirci che Napoli è la loro preferita... sicuramente è molto attuale!

 
Alle 11 febbraio 2011 22:43 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

anche i miei Alligatore...
anche se ultimamente sto rivalutando delle tracce che a primo impatto non mi avevano colpito particolarmente...oggi per esempio ho avuto in mente tutto il giorno Galileo :)
è un album che non mi stanco mai di ascoltare, ce l'ho fisso in macchina :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:45 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh, allora visto che stiamo... parliamo di città dimenticate.. Napoli Minor... il titolo (e il testo) parte da Taranto, conosciuta anche come piccola Napoli.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:45 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

@Giovanni: di Napoli Minor mi piacerebbe sapere il testo delle parole sussurrate da Giorgio nell'intro... io ho capito solo "chiangaredd" :D

 
Alle 11 febbraio 2011 22:46 , Anonymous Giovanni ha detto...

eheh tra poco lanciamo il sondaggio. :) però questa cosa non dovrebbe più riguardare me... io dovrei occuparmi di scrivere nuove canzoni e di suonarvele al meglio... tutte! :P

 
Alle 11 febbraio 2011 22:48 , Anonymous Giovanni ha detto...

@fortezzadigitale.. beh, bisogna sempre disseminare il disco di segreti :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai dire tutto ....

 
Alle 11 febbraio 2011 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Continuando... il cd è uscito con Pelagonia Dischi e il sostegno promozionale di A Buzz Supreme. Come vi siete trovati? Come prosegue la collaborazione con loro?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:50 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh… E’ qui c’è una sorpresa! Pelagonia siamo noi e un nostro carissimo amico, Alfonso Fanizza, giornalista musicale. Per velocizzare tutte le tappe che portano alla pubblicazione abbiamo deciso di creare la nostra etichetta.. Quindi con noi ci troviamo piuttosto bene, continueremo sicuramente la collaborazione con noi stessi (come fare altrimenti :D), anche se saremmo felici di avere al nostro fianco altri interlocutori.

Viviamo questo come un momento di transizione, come a dire, fin qui, abbiamo l’esperienza per gestire le cose, però stiamo cercando con ogni forza di arrivare più in là.. perché non ci troviamo in una situazione di equilibrio.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Sospettavo questa cosa ... ah, ah, ah e con ABuzz e la Trovarobato?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:53 , Anonymous Giovanni ha detto...

Per quanto riguarda la promozione e l’ufficio stampa abbiamo iniziato questo percorso con A Buzz Supreme in joint venture con Trb promozioni.. ci stanno seguendo passo passo e finora si sono sempre mostrati disponibili e attenti alle nostre esigenze. :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

L’album è prodotto da voi con Amerigo Verardi. Come vi siete incontrati? Come è stato lavorare con lui? … qualche episodio…

 
Alle 11 febbraio 2011 22:55 , Anonymous Giovanni ha detto...

Amerigo Verardi era già un nome culto quando eravamo adolescenti. Tre di noi frequentavano le scuole superiori in provincia di Brindisi e in quel tempo (ere fa) c’era uno scambio fecondo di cassettine, tra di esse spiccavano i Lula, uno dei progetti di Amerigo.

 
Alle 11 febbraio 2011 22:56 , Blogger Lorenzo ha detto...

Nelle vostre canzoni l'italiano si alterna con il dialetto e le lingue straniere... In base a cosa scegliete la lingua della canzone?

 
Alle 11 febbraio 2011 22:56 , Anonymous Giovanni ha detto...

Quando più di tre anni fa decidemmo di produrre il nostro primo disco, decidemmo anche che avevamo bisogno di un interlocutore adatto, che avesse l’esperienza e le carte in tavola per farci crescere.. Amerigo era tornato da poco a Brindisi, e fu un’occasione irripetibile. Da allora ci ha accompagnato non solo nella produzione, ma è diventata una presenza importante nel nostro percorso artistico e non solo..

Episodi ce ne sono a non finire.. :)

 
Alle 11 febbraio 2011 22:59 , Anonymous Giovanni ha detto...

Allora, in questo album in realtà le cose sono molto più semplici. A parte qualche breve incursione, è tutto in italiano.

Comunque abbiamo seguito tutto con naturalezza. E' il sound e il piglio di una canzone che richiede una certa lingua "naturalmente"...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto da utenti?...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Il tuo sembra ottimo.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:04 , Anonymous Giovanni ha detto...

Lo usiamo, come tutti. Tra noi ci sono “utenti” nerd (eh sì, mi hai beccato) e altri che probabilmente avrebbero preferito non avere a che fare così a lungo con degli schermi.. Però oggi gran parte della comunicazione (in senso largo) avviene, nel bene e nel male, attraverso questi strumenti, quindi sono imprescindibili.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:04 , Blogger Lorenzo ha detto...

Purtroppo non sono ancora in possesso del vostro nuovo album, che sono riuscito a sentire solo dal vivo all'Arterìa, dove l'acustica è quella che è :)
Appena troverò il disco me lo procurerò :P... per ora posso solo dire che dal vivo ha un gran bel tiro ;)!

Per questo motivo in effetti forse le mie domande sono più calate su quello che avevate fatto prima...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

... è un bel disco Lorenzo, se apprezzi i Leitmotiv live, apprezzerai molto il cd. Sembra di averli lì, a due passi.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicanti, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 11 febbraio 2011 23:08 , Anonymous Giovanni ha detto...

@Lorenzo.. non preoccuparti per le domande, figurati :)
il disco dovrebbe uscire a pochissimo in distribuzione nazionale e digitale... se hai qualche problema scrivici pure una mail! qualche anteprima è su bandcamp..

 
Alle 11 febbraio 2011 23:08 , Blogger Lorenzo ha detto...

Eheheh non ho dubbi su questo :D

 
Alle 11 febbraio 2011 23:09 , Anonymous Giovanni ha detto...

Stessa risposta. Siamo stati sempre tra le prime band ad essere iscritte nei vari portali, Myspace, Facebook, e ancora Last.Fm, Reverbnation, Bandcamp, Twitter. Molto prima del grande pubblico in Italia. Così come guardiamo con molta attenzione realtà come Spotify/Deezer che altrove stanno diventando la prima maniera di usufruire musica via internet.

Forse non siamo così contenti della trasformazione della musica da prodotto a servizio... perché sminuisce i prodotti più originali e li rende in competizione con la musica di genere, però è innegabile che questa è la tendenza ed è importante essere presenti.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:10 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

qual è la data ufficiale di lancio del nuovo album?
sono previsti passaggi in radio?
state pensado di fare qualche videoclip?

 
Alle 11 febbraio 2011 23:11 , Anonymous Giovanni ha detto...

Come musicisti... siamo stati sempre e siamo ancora attratti dalla naturalezza e dal calore del suono.. quindi non vedo investigazioni elettroniche nel nostro futuro prossimo.. però tutto può succedere :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:13 , Anonymous Giovanni ha detto...

@fortezzadigitale

per la distribuzione dovrebbe essere veramente questione di giorni. purtroppo il marasma organizzativo non permette di dare una data "definitiva"..

per il videoclip stiamo già lavorando da un po'..

e già diverse radio stanno trasmettendo nostre canzoni.. infatti per la prima volta siamo entrati nella classifica indie music like... voi continuate a richiederci :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook? Anche se ormai Facebook non è più la moda del momento …

 
Alle 11 febbraio 2011 23:17 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

ottimo Giovanni, quindi anche noi possiamo dare il nostro contributo...
facendo una richiesta via mail alle varie radio... :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:17 , Anonymous Giovanni ha detto...

Difficilmente lo strumento ha una valenza in sé positiva o negativa, è sempre l’uso (o l’abuso) a darla. Le newsletter, myspace, facebook etc sono stati e sono strumenti con cui si cerca di mantenere alta l’attenzione di chi ci ha conosciuto o ci sta appena conoscendo.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:17 , Anonymous Giovanni ha detto...

Certo non possiamo non notare la disaffezione che un uso indiscriminato di questi strumenti produce negli utenti.. Si corre spesso il rischio di fare la fine della pubblicità dei supermercati che intasa la buca delle lettere.

E questo è l’effetto che sta vivendo proprio in questi giorni Facebook. D’altro canto, non ci sono altri strumenti..

 
Alle 11 febbraio 2011 23:17 , Anonymous Giovanni ha detto...

Se rinunciassimo a tutto questo, saremmo invisibili, più di quanto già lo siamo per i “grandi numeri”, ovvero la gran parte del pubblico. C’è chi dice che nascondere è la prima tecnica per essere desiderati. A volte è vero, però in questo caso crediamo le cose siano un po’ più complicate.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:19 , Anonymous Giovanni ha detto...

@fortezzadigitale :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Torniamo al territorio allora ...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Voi siete pugliesi, regione lontana dai grandi centri, ma che ha dato alcuni nomi in campo musicale e anche cinematografico mitici…per non parlare della politica. Questo essere pugliesi vi ha aiutato in quello che fate?...insomma, è meglio essere vicini o lontani al grande centro?

 
Alle 11 febbraio 2011 23:22 , Anonymous Giovanni ha detto...

Portiamo moltissimo della nostra terra nelle nostre canzoni, nello spettacolo, nella nostra maniera di vivere, di conoscere, dialogare le persone. Il progetto si è fatto carico di questo, parlare, il vibrare nelle forme d’oggi con quelle che sono sonorità, modalità e un approccio diverso da quelle anglofono. E questo è stato apprezzato ancora di più all’estero, tanto in Macedonia, che in Spagna o in Austria.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:23 , Anonymous Giovanni ha detto...

E’ vero, stiamo sognando di non essere una periferia in cui l’onda arriva con anni di ritardo e si rifrange in modo più o meno "interessante" (come in senso largo può essere vista tutta l’Italia), ma un luogo in cui si cerca di creare una nuova onda.

E in questo, qui, in questa regione.. c’è tutto un fermento che si muove nella stessa direzione.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:23 , Anonymous Giovanni ha detto...

Però aldilà della percezione esterna di questa “primavera pugliese”, gli stessi problemi forti continuano a pesare nella nostra quotidiana "battaglia".

 
Alle 11 febbraio 2011 23:23 , Anonymous Giovanni ha detto...

Non esiste al momento un qualche tipo di tessuto produttivo in grado di sostenere e accogliere i progetti artistici. Non esiste una vera e propria scena, e un pubblico che affianchi e supporti continuativamente la scena. Non dimentichiamo che gran parte dei giovani pugliesi studiano e lavorano fuori. E lo diciamo per esperienza diretta, vivendo in piena provincia e lontani dai grandi centri, siamo tra i pochissimi della nostra età nella nostra zona in inverno.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, la primavera deve essere continua ...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, avete rapporti con altre band e/o musicanti della vostra città? Di altre …

 
Alle 11 febbraio 2011 23:26 , Anonymous Giovanni ha detto...

I diversi gruppi che stanno affrontando un percorso simile al nostro sono purtroppo tutti dispersi nelle varie province.. e per questo è difficile frequentarci in maniera assidua. Però quando è possibile, in tour o giù in puglia, non esitiamo a goderci la compagnia dei nostri compagni di viaggio, siano essi pugliesi o no. Forse è vero che in qualche modo stiamo costruendo una famiglia in cui ci si conosce bene o male tutti. E si cerca di motivarsi a vicenda.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Due/tre sono passati di qui ...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del musicante indipendente? Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie? Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica …

 
Alle 11 febbraio 2011 23:29 , Anonymous Giovanni ha detto...

anche tu ormai fai parte di questo nostro viaggio, Alligatore :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:29 , Anonymous Giovanni ha detto...

Ne “La Flute Magique” cantiamo “Vivre d’art est difficile, déjà de vivre est difficile”.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:30 , Anonymous Giovanni ha detto...

Siamo dei folli.

e non solo noi, anche tutti quelli lanciati in questa avventura.

Noi non riusciamo ad avere una vita “borghese”, o meglio, abbiamo deciso di osare il tutto per tutto, mettendo da parte queste priorità “normali” – questo non è un mestiere che si può fare part-time, se vuoi farlo veramente..

a maggior ragione se tocca a te occuparti di mille aspetti non propriamente musicali. Noi, come tutti, finché ne avremo la forza, andremo avanti.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

... è un grande onore essere nel viaggio dei Leitmotiv. E mi piace questa voglia di fare musica come esperienza totalizzante.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci vuole coraggio ma ci vuole ...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita?...quello acquistato, intendo.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:35 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh, ho girato questa domanda a ognuno di noi... e le risposte possono dare qualche indicazione sommaria sulle nostre influenze. :)

io un disco live dei Police
giorgio Innuendo - Queen
giuseppe un disco di Bob Marley
dino Germi - Afterhours
natty Appetite for Destruction - Guns&Roses

 
Alle 11 febbraio 2011 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Ricco e vario ... non solo Litfiba ;)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 11 febbraio 2011 23:38 , Anonymous Giovanni ha detto...

però parliamo di ere fa.. quindi occhio a non tirare conclusioni affrettate :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:40 , Anonymous Giovanni ha detto...

Beh, ognuno di noi ha il suo perché, conscio o inconscio...

Preferiamo non investigarci troppo e concentrarci completamente su quello che si fa, e su quello che trasmette ciò che si è fatto..

 
Alle 11 febbraio 2011 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, sul discorso del primo disco, è solo un fatto inziale, le cose poi spesso e volentieri cambiano...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:43 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, una domanda che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 11 febbraio 2011 23:44 , Anonymous Giovanni ha detto...

finché cambiano, c'è fiamma vitale :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai fossilizzarsi negli ascolti, e non solo in quelli ... vai con la domanda a piacere.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:46 , Anonymous Giovanni ha detto...

mamma che brutta parola che ho scritto... suona malissimo!
volevo dire.. il cambiamento è comunque segno che qualcosa accade dentro.. quindi, non è (quasi) mai negativo, spesso "necessario" :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:47 , Anonymous Giovanni ha detto...

i ragazzi mi hanno suggerito ben due domande risposte...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:48 , Anonymous Giovanni ha detto...

Cosa faremo in futuro?
Continueremo a navigare

Che tempo farà domani?
Un tempo migliore di oggi

 
Alle 11 febbraio 2011 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora brinderemo con il Primitivo ... ;)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Leitmotiv ...

 
Alle 11 febbraio 2011 23:50 , Anonymous Giovanni ha detto...

sempre! :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:51 , Anonymous Giovanni ha detto...

Grazie a te, Alligator :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:52 , Anonymous Giovanni ha detto...

e a tutti voi internauti di oggi e domani :)

 
Alle 11 febbraio 2011 23:53 , Blogger Alligatore ha detto...

... e grazia particolarmente a te Giovanni, che hai pazientemente risposto a nome del gruppo.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie anche a Fortezzadigitale, Raf, Gianni, Daniela, Lorenzo e a tutti quelli passati che dimentico e che passeranno …

 
Alle 11 febbraio 2011 23:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Leitmotiv.

 
Alle 11 febbraio 2011 23:58 , Anonymous Giovanni ha detto...

Buonanotte Alligatore :)
ti metto in link "canzone paludosa".. sigla finale!
http://leitmotiv.bandcamp.com/track/paludosa

 
Alle 12 febbraio 2011 00:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Perfetto. Ne consiglio l'ascolto a tutti, potrebbe diventare l'inno del blog: http://leitmotiv.bandcamp.com/track/paludosa

 
Alle 12 febbraio 2011 00:03 , Blogger fortezzadigitale ha detto...

ciao ragazzi, buona notte!!!

 
Alle 14 febbraio 2011 13:22 , Blogger Ernest ha detto...

:)

 
Alle 14 febbraio 2011 20:11 , Blogger Hol ha detto...

Ally queste tue interviste sono fantastiche. Hai mai pensato di metterle su carta (disegnata?) o semplicemente di riformattarle e crearne post?


Bravi i Leitmotiv, mi hanno sempre affascinato.

 
Alle 14 febbraio 2011 20:46 , Blogger Alligatore ha detto...

@Ernest
:;))))))))))))))))
@Hol
Grazie per le idee e i complimenti a me e al gruppo. La prima intervista della serie l'avevo rimontata e riproposta sul sito di Smemoranda, ma era stata una bella fatica e il risultato deludente (almeno per me). Farne dei fumetti sarebbe bello, ci potrei pensare. Il problema è che sono più di 200, se non ho fatto male i conti, e ci sarebbe molto da tagliare ... pensiamoci. ;)
p.s. un bel post riformattato l'ha fatto il detentore del record dell'intervista più lunga, il trentino Felix Lalù (andammo avanti fino alle 2 o 3 di notte, sforando su tutto con non ricordo più quanti commenti, da record mondiale). Qualche giorno dopo, sul suo bel blog, un surreale riassunto dell'intervista. Grande Felix.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page