martedì 18 gennaio 2011

Intervista agli Ovlov

Paura dell’Alligatore? Perché mai? Non avete nulla da temere, apprezzo la buona musica e ho dimestichezza con i gruppi bresciani, vicini di casa della mia palude. Sì, perché gli Ovlov, sono l’ennesimo gruppo bresciano sul blog. E non solo, Brescia, in questi ultimi anni, è il centro nevralgico del nuovo rock italico (e non solo) con tutti quei gruppi, quelle realtà associative in campo musicale (e non solo), quei locali… Gli Ovlov rappresentano uno dei punti più alti. Il loro recente cd, Margareth, Frank And The Bear, uscito per Casa Molloy sul finire dello scorso anno, mi ha conquistato sia come etica che come estetica.

Nove pezzi di indie-rock diretti e piacevoli, classico voce, chitarra, basso e batteria, rispettivamente Luisa Pangrazio (Lù Pangra), Luigi Ancellotti e Michele Marelli. I primi due, insieme dal 2001 come Black Eyed Susan, hanno incontrato il terzo di recente, dando vita agli Ovlov e al primo loro album. Un cartonato bello da vedere, con un orso bianco in copertina e nel libretto interno: porta via i vestiti alla band lasciando i tre in mutande legati ad un albero, pensate. E allora perché temete l’Alligatore? Nella palude non c’è freddo come al polo. Calmatevi e incominciamo. Se volete ho la camomilla equa e solidale …

Etichette: , , , , , , , , , , ,

121 Commenti:

Alle 18 gennaio 2011 21:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Yuu-uuh... c'è nessuno?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:33 , Anonymous Lù ovlv ha detto...

eccomi qui Lù

 
Alle 18 gennaio 2011 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Lù, benvenuta nella palude...

 
Alle 18 gennaio 2011 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Sarai tu a rappresentare il gruppo, o ci sarà qualche altro Ovlov in giro per la Rete?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:37 , Anonymous  ha detto...

Grazie!

 
Alle 18 gennaio 2011 21:38 , Anonymous  ha detto...

Credo ceh sarò solo io, i miei musici stasera sono alle prese con vari impegni

 
Alle 18 gennaio 2011 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, ora che ti sei calmata, accendo il cd e parto con le domande ...

 
Alle 18 gennaio 2011 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi sono gli Ovlov?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:41 , Blogger LùOvlov ha detto...

va bene

 
Alle 18 gennaio 2011 21:42 , Blogger LùOvlov ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 18 gennaio 2011 21:43 , Blogger LùOvlov ha detto...

ahahahh! quando scrivo mi si confondono sempre le dita!

 
Alle 18 gennaio 2011 21:44 , Blogger LùOvlov ha detto...

Ovlov sono Lù (io), Gigi(basso) e Michele (batteria)

 
Alle 18 gennaio 2011 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

... è il bello della diretta Lù.

 
Alle 18 gennaio 2011 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:47 , Blogger LùOvlov ha detto...

Era appena finito il progetto BLACK EYED SUSAN nel quale suonavamo io e Gigi e Michele aveva iniziato a suonare con noi da poco.
Stavamo appunto decidendo come chiamarci e siamo passati davanti a una concessionaria della Volvo. Ovlov ci è piaciuto.

 
Alle 18 gennaio 2011 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Un modo molto semplice e diretto, come le vostre canzoni ...

 
Alle 18 gennaio 2011 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, come nasce una vostra canzone?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:50 , Blogger LùOvlov ha detto...

eheheh si, poi ci piace anche come suona, noi lo pronunciamo con 'accento sulla prima O, ma molti lo fanno cadere sulla seconda e suona un po' come OF lOVE

 
Alle 18 gennaio 2011 21:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Pure io l'accento lo metto sulla prima O

 
Alle 18 gennaio 2011 21:52 , Blogger LùOvlov ha detto...

Di solito improvvisiamo in sala prove, io ci canticchio un po' sopra e poi scrivo il testo a casa.

 
Alle 18 gennaio 2011 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate quelle del vostro recente cd ...

 
Alle 18 gennaio 2011 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

...?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Margareth, Frank And The Bear

 
Alle 18 gennaio 2011 21:57 , Blogger LùOvlov ha detto...

Le domande si caricano con un po' di ritardo!!!

I brani del disco sono nati in sala prove, tranne Startup che è la rielaborazione fatta in studio di un nostro brano che era più sporco e più grezzo.

 
Alle 18 gennaio 2011 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono io che vado piano, per trattenerti più a lungo nella palude ;)

 
Alle 18 gennaio 2011 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione? …A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia. Mai capitato?

 
Alle 18 gennaio 2011 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:00 , Blogger LùOvlov ha detto...

L'ispirazione nasce dai nostri ascolti: spesso dopo aver sentito uin concerto entriamo in sala prove e ci mettiamo asuonare, lo troviamo molto stimolante.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:02 , Blogger LùOvlov ha detto...

Fortunatamente non mi è mai capitato di non riuscire a buttare giù delle idee...In realtà ci è successo di improvvisare un pezzo, trovarlo bellissimo, e di dimenticarlo la prova dopo!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella cosa, non l'aveva mai detta nessuna ... dopo un concerto, che vi carica, provate ...del resto, essendo di Brescia, locali con concerti ne avrete un sacco.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:04 , Blogger LùOvlov ha detto...

Si, a Brescia abbiamo un sacco di locali dove sentire e fare musica!!!

Ultimamente per ovviare al problema della memoria, porto il computer in sala prove e registriamo tutte le nuove idee...l'età si fa sentire e la memoria non è più la stessa!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta l’ovlov-sound?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:05 , Blogger LùOvlov ha detto...

Non saprei. Il disco credo che racchiuda un po' tutte le nostre influenze, anche se i pezzi più desertici e più stoner sono quelli che escono con più facilità (2+2, Frank a mistake)

 
Alle 18 gennaio 2011 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è un disco molto fresco e diretto, difficile fare un nome...ora ascolto "We Like Dancing" ... fantastica e scatenata coda.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito presso “Casa Molloy”, giovane label bresciana …

 
Alle 18 gennaio 2011 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Come vi siete trovati? Come prosegue la collaborazione?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:10 , Blogger LùOvlov ha detto...

We like dancing è uno dei primi brani che abbiamo fatto come Ovlov. Alcuni amici che fanno i dj ci continuavano a dire che dovevamo fare un pezzo per far ballare, così abbiamo pensato a We like dancing

 
Alle 18 gennaio 2011 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Ottimo per la discoteca più alternativa d'Europa...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:11 , Blogger LùOvlov ha detto...

Casa Molloy è una piccola etichetta che ha creduto nel nostro progetto e hanno deciso di co- finanziare il disco.
Ci siamo trovati bene, sono ragazzi che amano la musica e ci credono molto.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Come del resto chi l'ha prodotto ...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

L’album è stato registrato al TUP studio di Brescia con la produzione artistica di Pier Luigi Ballarin (The Record's, già graditi ospiti qui nella palude) e Stefano Moretti (Pink Holidays).

 
Alle 18 gennaio 2011 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stato lavorare con loro? … qualche episodio…

 
Alle 18 gennaio 2011 22:14 , Blogger LùOvlov ha detto...

Ci è piaciuto molto lavorare con loro. Quando crei i pezzi in sala prove, segui il tuo istinto ed è poi difficile riprenderli o cambiarli. Loro hanno curato la produzione artistica del disco, dandoci molte dritte su come suonare in modo più fresco e forse anche più "pop".

 
Alle 18 gennaio 2011 22:15 , Blogger LùOvlov ha detto...

Hanno partecipato anche attivamente con cori . Startup è nata proprio in studio: prima era un pezzo molto più grezzo: lo abbiamo scomposto mantenendo la linea vocale e il risultato ci è piaciuto molto di più.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

"Startup" suona perfetto nel mio lettore ora ... senti tutto al posto giusto.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto da utenti?...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:18 , Blogger LùOvlov ha detto...

Pier ha anche fatto i synth del disco, perchè Ovlov in realtà sono solo basso chitarra e batteria.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:19 , Blogger LùOvlov ha detto...

Le aggiunte di strumenti sono nate in fase di post registrazione e non hanno cambiato l'effeto live dei brani.
Tutto è stato fatto con un ottimo equilibiro. Bravi i ragazzi del T.U.P studio!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:20 , Blogger LùOvlov ha detto...

Con Internet il nostro rapporto è buono...eh

 
Alle 18 gennaio 2011 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sente.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Ritornando alla registrazione, Sì, sento questi interventi, ma dire "solo" voce, chitarra, basso e batteria è riduttivo ... c'è una chitarra molto "the edge" ... e una voce che non ti dimentichi. Basso e batteria a fare lo sporco lavoro più che degnamente poi ...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:22 , Blogger Alligatore ha detto...

... e da musicanti, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:23 , Blogger LùOvlov ha detto...

Beh, certo non intendevo sminuire il nostro lavoro, anzi! Intendevo proprio che i brani in trio funzionano e filano!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:24 , Blogger LùOvlov ha detto...

Da musicanti direi che internet ha aperto molte possibilità per farsi sentire e consocere in modo più diretto. Ultimamente credo che siamo in una fase di intasamento musicale nella rete.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Già... i socialnetwork.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook? Anche se ormai Facebook non è più la moda del momento …

 
Alle 18 gennaio 2011 22:27 , Blogger Stefania248 ha detto...

Lù, bella voce!
Ma perché urlate?
:D
Ciao Ally, era un pochino che non passavo, mi mancavi.
:)

 
Alle 18 gennaio 2011 22:28 , Blogger LùOvlov ha detto...

Credo che myspace sia una vetrina per farsi sentire, ma non per comunicare. E' come avere un sito internet dove raccogliere informazioni, senza pagare!
Ma non è un mondo per la comunicazione. Anche se non è più di moda, facebook è ancora un canale per promozione e contatti.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:29 , Blogger LùOvlov ha detto...

@ Stefania: Grazie!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Stefy, grande intenditrice di rock...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Venite da Brescia, città con un fermento musicale come poche in questo periodo... tra gruppi, locali e gente che si muove.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Come si spiega questa cosa? Vi sentite privilegiati in questo vostro fare musica?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:32 , Blogger LùOvlov ha detto...

Guarda, questa è una cosa che chiedono spesso. Brescia è un fermento, ci sono molti gruppi che fanno bene la musica... per me è una piccola Seattle (piccola dai!).

 
Alle 18 gennaio 2011 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella definizione ... del resto rapportato all'Italia. Del resto, come a Settle allora, succedono cose non solo in campo musicale.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:33 , Blogger LùOvlov ha detto...

Credo sia perchè abbiamo molti posti dove fare musica e ascoltarla (come ti dicevo prima).

 
Alle 18 gennaio 2011 22:34 , Blogger LùOvlov ha detto...

E molte persone che ci credono e hanno permesso ai musicisti di potersi esprimere

 
Alle 18 gennaio 2011 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, questo è importante, e per molti musicanti un notevole aiuto quello di avere mdiversi luoghi dove suonare.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete rapporti con altre band e/o musicanti della vostra città? Di altre ...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:37 , Blogger LùOvlov ha detto...

Si, con i musicisti bresciani abbiamo ottimi rapporti. Ci conosciamo quasi tutti, quando si riesce facciamo anche delle belle suonate insieme.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ne passano spesso di qui e ne passeranno presto altri ... è inevitabile (non per la vicinanza geografica).

 
Alle 18 gennaio 2011 22:39 , Blogger LùOvlov ha detto...

Di altre città anche: poi io curo la programmazione di un locale a Brescia e quindi sto conoscendo molti gruppi italiani.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del giovane musicante indipendente?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Quale locale? ... si può dire?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:41 , Blogger LùOvlov ha detto...

Quando ero ventenne bella e divertente!!!!!
Beh, con la musica solo una ristretta nicchia riesce a mantenersi.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:42 , Blogger LùOvlov ha detto...

Quindi si lavora e nei ritagli di tempo si fa la musica: sarebbe molto meglio il contrario!

 
Alle 18 gennaio 2011 22:42 , Blogger LùOvlov ha detto...

Certo! Il locale si chiama Circolo arci LE TITS

 
Alle 18 gennaio 2011 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Uno dei locali di Brescia più nominati...bello.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Tornando al cd...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina e libretto interno glaciali e da cartoon… veramente bello e originale È nata prima la copertina e l’artwork o prima le canzoni dell’album?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:47 , Blogger LùOvlov ha detto...

E' nato prima l'orso! Il nostro simbolo; poi sono venute le canzoni, poi la copertina e l'artwork. Ha curato tutto BIRO un artista bresciano.
Abbiamo visto un suo quadro, l'orso appunto, e ci siamo appropriati di quell'immagine come nostra immagine.
Biro ha poi ascoltato il disco credo 200 volte mentre lavorava all'artwork e ha ottenuto un risultato per me bellissimo.
Ha proprio colto l'essenza e del disco: semplice e diretto.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Cocnordo, mi rigiro tra le mani questo gioiellino e concordo.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita?...quello acquistato, intendo.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Il tuo almeno …e anche quello degli altri, se lo sai.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:51 , Blogger LùOvlov ha detto...

Io mi sono comprata NEVERMIND dei Nirvana

 
Alle 18 gennaio 2011 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Guarda te ;)

 
Alle 18 gennaio 2011 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella come prima volta.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Gli altri lo diranno se passano di qui ... anche nei prossimi giorni.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 18 gennaio 2011 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile ...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:57 , Blogger LùOvlov ha detto...

Perchè siamo convinti che è la strada per il successo!!!!
EHEHHEHE!

Io ho iniziato a suonare a nove anni, facevo musica classica, poi a 16 ho iniziato a fare Blues, e non ho mai smesso di suonare (tranne per la tendinite ma non era mia volontà). Mi completa,mi fa stare bene.

 
Alle 18 gennaio 2011 22:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sente...

 
Alle 18 gennaio 2011 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Una domanda che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna anche se è presto

 
Alle 18 gennaio 2011 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

...meglio, tutti nella Brescia indie-rock.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:00 , Blogger LùOvlov ha detto...

Infatti oltre che con Ovlov io suono anche con Mulu (Musica elettronica in un certo senso) e collaboro/suono/simpatizzo con OrchestraFottente

 
Alle 18 gennaio 2011 23:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, Mulu, bel disco ... per un caso non siete venute sul blog, circa un anno fa.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:03 , Blogger LùOvlov ha detto...

Una domanda che non mi hai fatto...non è facile...

 
Alle 18 gennaio 2011 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo so, la domanda a piacere è sempre difficile ...

 
Alle 18 gennaio 2011 23:04 , Blogger LùOvlov ha detto...

fammi una domanda che non mi hai fatto

 
Alle 18 gennaio 2011 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

A scuola un vero incubo ... in particolare se non avevi studiato ;)

 
Alle 18 gennaio 2011 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi rifersico alla domanda a piacere...

 
Alle 18 gennaio 2011 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', parlami dei prossimi concerti, come presentate il cd? Voi tre? Ci sono ospiti?

 
Alle 18 gennaio 2011 23:09 , Blogger LùOvlov ha detto...

Prossimi concerti: Giovedi 20 Old way club a Recanati e venerdi 21 Loop a Osimo.
Di solita proviamo una scaletta in sala prove per vedere come incastrare i pezzi (non mi piacciono gli spazi vuoti durante i concerti).
Il cd lo presentiamo come "un bellissimo oggetto anche da mostrare, non solo da ascoltare".
Quando suoniamo a Brescia spesso suona con noi Pier Luigi Ballarin con i Synth.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:10 , Blogger LùOvlov ha detto...

E cerchiamo di passare il messaggio: comprate i cd se vi piace quello che facciamo, così possiamo continuare a farlo!

 
Alle 18 gennaio 2011 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, mi pare perfetto, abbiamo detto tutto Lù.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:12 , Blogger LùOvlov ha detto...

Mi pare di sì.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Lù …

 
Alle 18 gennaio 2011 23:14 , Blogger LùOvlov ha detto...

Grazie a te.
A ri-sentirci!

 
Alle 18 gennaio 2011 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te e a Stefy, che è passata di qui.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Ovlov.

 
Alle 18 gennaio 2011 23:33 , Blogger federica ha detto...

CONCORDO CON LA STEFY BELLA VOCEEE!!!!!!!!!!!
CIAOOO ALLIGGGGATOREEEE!!!!!!!!
:)

 
Alle 18 gennaio 2011 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Federica. Sì, avete preso uno degli elementi forti degli Ovlov, la voce, che ti colpisce e sembra diversa in ogni pezzo.
BRAVEEEE!

 
Alle 19 gennaio 2011 09:28 , Blogger Manina Futura ha detto...

Premesso che mi piace il genere indie e che ultimamente ascolto quasi soltanto più questo, ma se sono di Brescia perchè non cantano in italiano? Forse per il fatto di poter accedere a un pubblico più vasto?

 
Alle 19 gennaio 2011 11:10 , Blogger Manina Futura ha detto...

Comunque mi piacciono, lei ha una bella voce.

 
Alle 19 gennaio 2011 12:17 , Blogger Ross ha detto...

Li ho ascoltati per la prima volta su Radio Onda d'Urto, durante una notte di diretta no stop dal presidio della gru a Brescia. Mi pare proprio il giorno dopo la manifestazione di cui ho raccontato anche sul mio blog.
Insieme ad altri artisti della città quella sera hanno portato un po' di compagnia e di conforto a quei ragazzi sospesi... e anche a chi resisteva sotto di loro, per loro e per tutti noi.
Bravi Ovlov. E bravo Alligatore.

 
Alle 19 gennaio 2011 12:42 , Blogger Ernest ha detto...

Applausi!
:)

 
Alle 19 gennaio 2011 13:51 , Blogger TuristadiMestiere ha detto...

forte! E mi piace pure la "casualità" nella scelta del nome e il fatto che pronunciandolo con l'accento sulla seconda "o" souni cone of love. :)

 
Alle 19 gennaio 2011 16:02 , Blogger Alligatore ha detto...

@Manina Futura
Si, questa è una domanda interessante, che però non pongo più da un sacco. Credo che gli Ovlov e molti altri della scena bresciana (ma anche di altre città italiane), non cantino in inglese per poter accedere ad un pubblico più vasto, ma per mille altre motivazioni: il rock viene meglio in questa lingua, i classici di questa musica sono inglesi o americani. Certo, si può fare rock anche in italiano (e c'è chi lo fa bene), ma in inglese è più naturale. Dei prossimi 6 gruppi sul blog, 5 cantano in inglese, 1 in italiano (e tanti di quelli passati sul blog preferiscono l'inglese). In Italia abbiamo assistito a periodi con gruppi prevalentemente con il cantato in italiano e a periodi con il cantato in inglese. A naso, in questi anni, prevale il cantato in inglese. Bisognerebbe fare una bella ricerca e di sicuro sarà una delle domande, grazie.
@Manina Futura 2
Sì, la voce di Lù colpisce alla grande.
@Ross
Brava anche Ross. Non lo sapevo, e hai fatto bene a segnalarlo.
@Ernest
A scena aperta ... ma anche chiusa.
@Turistadi Mestiere
Sì, ho notato pure io la piacevole casualità. Mi sono chiesto se invece di stare davanti alla concessionaria della Volvo, si fossero trovati di fronte ad una diversa marca automobilistica. Avrei intervistato i taif? ... meglio i negawsklov
Sì, bello il discorso sull'accento libero. A me viene naturale mettere l'accento sulla prima O, ma ora che abbiamo scoperto questo segreto, lo sposto sulla seconda: of love ...

 
Alle 19 gennaio 2011 23:26 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Applausi alla geniale provincia. Li ascoltai: mi piacquero. Danke, Alligatore.

 
Alle 20 gennaio 2011 00:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Adriano anche tu ora Ovloviano ...

 
Alle 20 gennaio 2011 09:46 , Anonymous and ha detto...

Interessano anche a me Ally, ho bisogno di un po' di musica italiana.
ciao

 
Alle 20 gennaio 2011 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Per festeggiare i centocinquant'anni And? ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page