martedì 14 dicembre 2010

Intervista ai Love In Elevator

Oggi, 14 dicembre 2010, mi sembra la serata giusta per parlare con i Love In Elevator, nome emblematico della nostra scena rock, uscito sul finire di quest’anno con un nuovo cd, Il giorno dell’assenza, presso la E&F/Go Down Records. Il giorno dell’assenza. Niente metafore politiche, per carità (abbiamo già dato per ora), qui c’è il rock italico degli ultimi dieci anni e forse più, sapientemente miscelato, rigirato e tenuto in piedi da ritmiche possenti, una voce di donna tra la riot-grrrl e le migliori interpreti della canzone italiana, da staffilate chitarristiche non da poco.
Prodotto dal terzetto (la formazione è ora composta da Anna Carazzai, Christian Biscaro e Roberto Olivotto) insieme a Marco “Jennifer Gentle” Fasolo, con il quale l’hanno pure registrato e mixato in analogico presso l’Ectoplasmic Studio di Polesella (RO), luogo mitico quanto nebbioso. Si sente l’atmosfera acidula del padrone di casa, ben mischiata con una certa elettronica e del buon vecchio noise-rock … senza esagerare con nessuno di questi elementi però; equilibrio, sì, l’equilibrio, è il tratto distintivo di questo cd, il terzo della loro storia. Ma ho sbrodolato troppo, lascio la parola a loro: Love In Elevator. Salite a bordo …
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/amoreinascensore

Etichette: , , , , , , , , , , ,

111 Commenti:

Alle 14 dicembre 2010 21:33 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

hello! è abbastanza insolito fare un'intervista così comodamente da casa dopo aver cenato. son bei momenti.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

...è il bello della palude.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

...a proposito, benvenuti nella palude.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:35 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

grazie. gli altri due ascensori non sono presenti al momento, ma fingerò bene.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, Chris, lasciamo il dubbio fino alla fine ...

 
Alle 14 dicembre 2010 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

No, sono tradito, ho detto Chris :)

 
Alle 14 dicembre 2010 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, visto che sei comodo possiamo cominciare ...

 
Alle 14 dicembre 2010 21:39 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

prego...

 
Alle 14 dicembre 2010 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi sono i Love In Elevator?

 
Alle 14 dicembre 2010 21:43 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

allora, vediamo. sono tre persone che quasi per caso si sono trovate a suonare assieme dopo varie peripezie e che continuano a fare strani giochi di prestigio per continuare a fare le prove per esempio. viviamo tutti piuttosto distanti l'uno dall'altro e abbiamo la sala prove a metà strada (circa) per tutti.

direi che questo sono i love in elevator.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

... be', avete un bel mezzo di trasporto per incontrarvi.

 
Alle 14 dicembre 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Salite con quello?

 
Alle 14 dicembre 2010 21:46 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

hahaha, no purtroppo. niente di così pratico ed economico :)

 
Alle 14 dicembre 2010 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora perchè questo nome?

 
Alle 14 dicembre 2010 21:48 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

è la fusione dei nomi di due band: i Love e i 13th floor elevator

 
Alle 14 dicembre 2010 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Una bella fusione, che ha dato vita ad un nome molto suggestivo...

 
Alle 14 dicembre 2010 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce una vostra canzone?

 
Alle 14 dicembre 2010 21:52 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

spesso e volentieri ci scambiano per una cover band degli Aerosmith...

 
Alle 14 dicembre 2010 21:54 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: Generalmente da una melodia di voce accompagnata da un riff molto scarno di chitarra, poi assieme si cerca di focalizzare un'ipotetica direzione del pezzo e ci lavoriamo arrangiandolo. Sembra un processo breve, ma è lunghissimo, a volte ci vogliono mesi per chiudere un pezzo!

 
Alle 14 dicembre 2010 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate quelle del vostro recente cd “Il giorno dell’assenza”?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:01 , Blogger Andry ha detto...

Oh, ma c'è anche Anna?

Salve, sono un vostro fan, mi chiamo Andrea (ma va?), come già vi scrissi sulla bacheca di Facebook, non so se vi ricordate ancora di me, ma ci siamo conosciuti tempo fa al Traffic di Roma, io sono il ragazzo con gli occhiali che Anna abbracciò appassionatamente e a cui faceste la proposta di bere qualcosa insieme e io dovetti rifiutare per l'ora tarda (Ma la prossima volta giuro che accetterò senza indugi). Oltre a dirvi che siete bravissimi e che i pezzi nuovi spaccano (come voi, del resto), volevo sapere se potevo farvi anch'io qualche domanda. Magari non subito, tipo fra mezz'oretta quando ce le avrò tutte già pronte (così non faccio perdere tempo a nessuno).

Complimenti ancora, sia ai LIE che a questo blog (di cui avevo già seguito l'intervista coi Luminal). ;)

 
Alle 14 dicembre 2010 22:02 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: Negli ultimi due anni ho avuto molto tempo per stare in completa solitudine con un 4 piste analogico, piano, chitarra acustica...e ho abbozzato la maggior parte delle canzoni così. Abbiamo tenuto e sviluppato solo quelle che convincevano tutti e tre, il materiale che non ci convinceva è stato scartato un po' in sala prove e un po' in studio di registrazione. “Consigli d'un bruco” è nata scherzosamente da una jam schizofrenica su un riff di Roberto, mentre “Mancubus” e “Messalina” sono scaturite da idee e registrazioni home-made di Chris.

Chris: è un procedimento abbastanza complesso e laborioso, per via della distanza. abbiamo passato l'anno precedente alle registrazioni del disco, a mandarci brandelli di registrazioni fatte con qualsiasi supporto.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Andry, quando vuoi, fai pure le tue domande, penso che i LIE saranno lieti di rispondere ... Anna c'è e non c'è....

 
Alle 14 dicembre 2010 22:03 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

ciao Andrea!! certo che ci ricordiamo! :)

spara pure le domande!

 
Alle 14 dicembre 2010 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, intanto che Andry si prepara, continuo io ...

 
Alle 14 dicembre 2010 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Da quello che ho capito, importanti le nuove tecnologie per realizzare il cd ... ma ci arrivo dopo, ora ti chiedo dell'ispirazione.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione? …A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:07 , Blogger Andry ha detto...

Io ricordo soprattutto l'abbraccio, di cui mi vanterò nella mia futura auto-biografia. :D

Vado subito con quelle che servono a me e poi con quelle un pò più generali! :D

Io sarei un polistrumentista dilettante, ma principalmente sono un chitarrista e, come già vi dissi quella volta al Traffic, voi siete sia stilisticamente che musicalmente parlando il mio ideale di gruppo. Quindi, la mia domanda è: che strumentazione usate?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:07 , Blogger Andry ha detto...

(e per strumentazione intendo che basso, che chitarra, che pedali sia per basso che per chitarra... se lo sapete anche che batteria!) :D

 
Alle 14 dicembre 2010 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci siamo accavallati ... è il bello della diretta.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Andate pure con la domanda che preferite LIE ...

 
Alle 14 dicembre 2010 22:09 , Blogger Andry ha detto...

Già, già. Ma io non ho fretta, quindi, fate con calma. Mi scuso per l'accavallamento. Spero che comunque sia tutto abbastanza chiaro. :D

 
Alle 14 dicembre 2010 22:10 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

i pezzi de "il giorno dell'assenza" sono tutti abbastanza diversi fra loro. ognuno è stato composto e pensato per uno stato d'animo differente. poi, per carità, più di un tot non riusciamo a distaccarci da un certo atteggiamento un po "agrodolce" direi.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:12 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Alligatore

Anna: Ognuno di noi scrive e compone in separata sede, in questi anni ci siamo scambiati diversi file mp3 via mail, dato che non viviamo nella stessa città. Sappiamo però scegliere cosa portare in sala prove, sappiamo distinguere qual'è il materiale “Love in Elevator”, ed è in sala prove che lavoriamo alle canzoni. A volte mi è capitato di canticchiare delle melodie che reputavo particolarmente “geniali” camminando per strada...e averle dimenticate dieci minuti dopo. Per i riff invece siamo abbastanza veloci e attrezzati per registrarli con qualsiasi mezzo a disposizione (anche un cellulare) e non dimenticarli più.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:16 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Andry:

eh, mi fai proprio una domanda semplice :D

io uso un basso rickenbacker 4003, che entra in un sans amp para-driver, un big muff russo, un delay boss dd-3; testata sovtek, doppia cassa Ashdown 4x10 e 1x15.
ultimamente sto usando anche un precision bass fender per le canzoni con accordatura diversa.

anna usa: fender jaguar (o gibson les paul, dipende dall'accordatura) dentro un POG electro harmonix, un t-rex mudhoney, un rat, un delay ibanez DE7. ampli: fender bassman del 66

di batteria non ricordo cosa usi roby :P

 
Alle 14 dicembre 2010 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Vado con la mia, poi se vuoi vai con la tua Andry, alternadoci, se vuoi ...

 
Alle 14 dicembre 2010 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone in particolare che rappresenta il loveinelevator-sound?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:22 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: Non direi, ne abbiamo scritte ormai un bel po' in questi anni e tutte molto diverse fra loro, scritte e suonate con musicisti di volta in volta diversi, c'è molta varietà.. sicuramente c'è un filo conduttore sonoro grezzo e spontaneo che lega tutti le nostre canzoni dal 2004 ad oggi. E sicuramente ci sono brani ai quali siamo più affezionati, di questo disco io mi sento particolarmente legata a “Il Sesso delle Ciliegie”

Chris: non mi è mai piaciuta l'idea di suonare "un genere". anche con il mio vecchio gruppo o con le esperienze da solo, ho sempre cercato di fare cose diverse. poi "il marchio di fabbrica" deve vedercelo chi ci ascolta. è una cosa che richiede tempo per essere individuata. noi cerchiamo di suonare sinceramente quello che ci piace.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:23 , Blogger Andry ha detto...

A proposito di questo, come sono nati i Love In Elevator? e come siete finiti ad essere in questa formazione dopo tanti cambiamenti?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:26 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

i love in elevator sono nati verso fine 2001. la formazione era quasi tutta femminile. c'erano giulia alla voce, michela al basso, anna alla chitarra e tommaso alla batteria.
poi un po alla volta, disco per disco, la formazione è cambiata. io e roberto siamo entrati a luglio 2008 per portare in giro "repulsion" che non aveva ancora avuto delle vere e proprie date promozionali a causa della defezione di tutti gli elementi. anna è sempre stata l'elemento fisso.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Produzione artistica di Marco “Jennifer Gentle” Fasolo, registrazione e mixaggio completamente in analogico senza l'ausilio di alcun mezzo digitale presso l’Ectoplasmic Studio di Polesella (RO). Perché questa scelta. Come vi siete trovati con Marco.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho dimenticato i punti di domanda.... ?...?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:35 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

con marco ci conosciamo da diversi anni ormai e c'è venuto abbastanza spontaneo chiedergli di aiutarci a dare vita al disco, avendo noi grande stima della musica e del suo modo di concepire la musica e "il suono".

la scelta dell'analogico è stata in un certo senso "obbligata" per raggiungere un dato risultato.

anche i dischi precedenti erano stati registrato su nastro ma non totalmente. c'erano comunque stati interventi digitali.

per "il giorno dell'assenza" abbiamo deciso di misurarci con l'arduo compito di non poter lasciare nulla al caso. è stato un procedimento quasi maniacale in certi momenti. però siamo convinti che fosse l'unico modo per far risaltare tutte le sfumature dei pezzi nuovi, che non sono fatti di sola nevrosi sonora.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:35 , Blogger Andry ha detto...

Prima ho letto che voi siete di città diverse. Per le prove come fate?

(A proposito di quello che diceva Anna prima, io per non dimenticare le melodie che mi vengono in mente, di solito faccio finta di parlare al telefono e magari invece sto registrando con la voce la melodia della canzone che mi è venuta in mente per strada...) :D

 
Alle 14 dicembre 2010 22:38 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Adry: pure io faccio così col telefono! :D

siamo io di rovigo, anna di feltre, roberto di treviso e marco (mr. sakee sed, che ci segue dal vivo come polistrumentista) è di bergamo.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito presso E&F/Go Down Records. Come è avvenuto l’incontro con loro? Come prosegue?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:42 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: E&F aveva già collaborato con noi e Jestrai per la produzione di Re-Pulsion, questo nuovo disco segna la loro prima produzione discografica come etichetta indipendente. Francesco Marchiori di E&F è una persona disponibile e di rara bontà, un grandissimo lavoratore, ci sostiene da molti anni. Go Down ci ha proposto subito la distribuzione, e noi ovviamente abbiamo accettato, hanno distributori in tutta Europa molto efficienti e Audioglobe per l'Italia è davvero buona.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:44 , Blogger Andry ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto da utenti?...

 
Alle 14 dicembre 2010 22:45 , Blogger Andry ha detto...

Per ora non ho altre domande. Grazie per le risposte! :D

 
Alle 14 dicembre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Se te ne vengono in mente altre, non esistare, grazie a te Andry.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto da utenti?...

 
Alle 14 dicembre 2010 22:48 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: L'ho usato parecchio per il lavoro di traduzione, è importante avere internet perchè le informazioni si trovano più rapidamente che sui libri e nelle enciclopedie e nei dizionari..è divertente farsi dei giretti in google maps, posso parlare con mio fratello che sta in sud america con skype gratis. Poi però, ripensandoci, tutta questa velocità e comodità, non è nemmeno così indispensabile per le nostre vite e il nostro lavoro...anzi!

Chris: ho avuto in periodo in cui potrei dirti che "ho vissuto su internet". nel senso che passavo le giornate a scaricare musica, guardare video, cercare informazioni di ogni genere, quasi sempre legate alla musica.
sono una locusta di queste cose. lo sono ancora, nei limi del fatto che ora ho una vita sociale :)

 
Alle 14 dicembre 2010 22:49 , Blogger Andry ha detto...

Ah, comunque, non ho ben capito però come fate per le prove se siete tutti e 3 di città diverse.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicanti, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:51 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Andry:
scusami.
abbiamo la sala prove a marghera (venezia). proviamo una volta a settimana. facciamo un turno di fabbrica praticamente. 8 ore chiusi in una stanza a suonare.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa … e da musicanti, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 14 dicembre 2010 22:56 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: Non ho un buon rapporto con le tecnologie e lo sviluppo in genere, credo sia un po' un cane che si morde la coda. Mi piacerebbe poter tornare indietro e vivere in un romanzo di Thomas Hardy e respirare un po' di poesia. Le tecnologie rubano poesia e immaginazione alle nostre vite. Sono addirittura preoccupata per i figli che ancora non ho, perchè hanno il diritto all'immaginazione e sarà dura riuscire a garantirgliela in questo mondo. Da musicista, il rapporto con internet a volte è davvero imbarazzante, soprattutto per quanto riguarda la critica. I blog, facebook, etc..sono spazi nuovi dove tutti possono dire di tutto spesso in un mare di ignoranza e arroganza inquietante, spesso andando contro il fine giusto di diffondere contenuti. Troppe volte senza il rispetto umano. Sento profondamente la mancanza di una figura, quella del moderatore, perchè si sta diffondendo una critica narcisista e molto aggressiva che non ha nessun senso di esistere ed è totalmente incontrollata ed incontrollabile, spesso offensiva a volte addirittura violenta. Ci sono persone che vogliono a tutti i costi “esserci”, dire la propria su argomenti che probabilmente non appartengono loro. La critica deve avere la pazienza di argomentare e di spiegare, sennò non è critica, è solo immondizia, e non ne abbiamo bisogno, ne abbiamo abbastanza. Costanza e pazienza, ecco cosa ci serve.

Chris: in parte la vedo come anna. internet, e in fattispecie i siti dove la gente "socializza" per modo di dire, sono delle paludi di utenti anonimi che si riempiono la bocca di un sacco di cose inutili.
però d'altro canto, vedo internet come un importante mezzo di comunicazione. noi personalmente, cerchiamo di condividere più cose possibili con chi decide di seguirci o di interessarsi a noi. dal nostro myspace sono scaricabili tutti i nostri dischi, dal nostro sito è possibile ascoltare il nostro ultimo disco in free streaming, ecc...
tentiamo di evitare il resto per non lasciarci risucchiare da vortici comunicativi poco sani, com'è successo ad altre band che ci hanno provato.

 
Alle 14 dicembre 2010 22:59 , Blogger Andry ha detto...

Ma quindi, se vi voglio aggiungere, uno per uno, su Facebook, non vi trovo? Solo Roby ho trovato! :(

 
Alle 14 dicembre 2010 23:01 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Adry: anna non ha facebook. io ce l'ho, ma lo tengo giusto per i contatti "stretti", e per gestire i contenuti della pagina dei love in elevator.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è il bello e il limite della Rete ...pure io,che ci passo giornate intere, mi pongo delle domande come le vostre.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:04 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: Non so dire, so solo che sono ulteriori strumenti che ci tolgono poesia e immaginazione. Andrebbero presi per quello che sono, vetrinette appunto, ma invece nella ns società vengono presi molto seriamente, sono strumenti di omologazione volgare.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora torniamo al territorio ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Siete come me veneti, una zona dove girano o giravano i schei (i soldi, per chi non avesse capito). Tutto questo giro di schei ha portato qualche investimento in musica e/o cultura?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Domanda retorica? …o era meglio nascere da qualche altra parte per “fare gli artisti”?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:06 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

era meglio nascere altrove. ormai c'è rimasto ben poco del "nord est operoso" che tanto piace millantare ai polentoni. siamo messi possibilmente peggio di regioni che si pensa siano più svantaggiate.
non solo scarseggiano gli spazi, ma anche la voglia da parte delle persone di occuparli.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:07 , Blogger Andry ha detto...

Capisco che in effetti Facebook o MySpace possono essere dannosi per chi vive nella stessa città, ma per far connettere persone di diverse città può essere utile... o no? Voi che ne pensate?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:11 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

mah si, è un po come dire che il cellulare è utile.
poi ti trovi davanti a scene come due persone che si danno appuntamento in una piazza, sotto un monumento e si chiamano da una parte all'altra "ciao dove sei? anche io son qui! non ti vedo! aspetta, faccio il giro della statua, non ti muovere". ti cadono i coglioni.

unire è bene. mischiare un po meno.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, ci sono pro e contro, sarà banale dirlo ... io, nonostante tutto, sono ottimista: c'è sempre un uomo dietro il mezzo.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete rapporti con altre band e/o musicanti della vostra città? Di altre …

 
Alle 14 dicembre 2010 23:12 , Blogger Andry ha detto...

Non l'ho ben capita. Scusa, ma puoi ri-spiegare più dettagliamente? :D

 
Alle 14 dicembre 2010 23:13 , Blogger Andry ha detto...

(dettagliatamente)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Penso che sia un argomento immenso, Andry, ma se i LIE vgliono dettagliare ;)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:15 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

lascia stare, faccio fatica anch'io a capirmi a quest'ora :)

rapporti con altre band ne abbiamo si, ovviamente. come tutti.
i sakee sed prima di tutti, con cui condividiamo membri (marco suona con noi dal vivo, anna suona con loro). i cruels, i casanovas, i lucertulas...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Bei nomi, qualcuno è passato già da queste parti...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del giovane musicante indipendente? Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica …voi?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:18 , Blogger Stefania248 ha detto...

Love e 13Th floor sono stati colonna sonora dei miei 20 anni!
Un saluto a tutti.
:)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Stefy.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:20 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Anna: E' bellissimo essere giovani musicisti. E' un orgoglio essere indipendenti, quindi liberi. E' bellissimo avere la possibilità di fare tanti concerti e di conoscere persone stimolanti ed interessanti, simili a noi. Bisogna sapere vivere all'interno di questo mondo, ci vuole coraggio ed un tipo di energia che non tutti hanno: sapersi sdoganare da tutti i principi della vita borghese. Ovviamente dobbiamo fare lavori extra e sacrifici in più, ma guadagnarsi da vivere non significa essere borghesi. Ho capito che è l'atteggiamento borghese nei confronti della vita e che mi fa ammalare, cerco dunque di starne lontana. Ho smesso di soffrire se la maggior parte della gente che ci circonda si domanda come mai delle persone laureate come noi sono ancora in giro per l'Italia in un pulmino sgangherato a “suonare il rock”, invece di aprire un mutuo con il proprio compagno/a (laureato/a) e avere uno stipendio fisso. Come se fosse disdicevole! Ho smesso di dar peso ai giudizi in generale.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Brava Anna ...ti sposerei :)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:22 , Blogger Andry ha detto...

Per guadagnarvi da vivere, oltre alla musica, che lavoretti extra fate?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:25 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

io ho lavorato come barista/cuoco in un pub fino al mese scorso. anna come cameriera qua e la. roby fa mercato coi suoi.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita?...quello acquistato, intendo.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:26 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Chris: "Homework" dei Daft Punk
Anna: Suede “Coming up”

 
Alle 14 dicembre 2010 23:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:33 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

Per dare parola ad angeli e demoni interiori. Perchè ne abbiamo le palle piene di tante cose, e finchè avremo fiato, faremo musica per contrastare tutte le finzioni di questo mondo. Perchè abbiamo la sicurezza che quello che facciamo è vero. :)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Il fiato non vi manca, per fortuna griderete ancora a lungo ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi è la più grande truffa del rock’n’roll?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:36 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

anna dice vasco rossi :D
io dico i sex pistols

 
Alle 14 dicembre 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Fatevi una domanda, datevi una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:39 , Blogger Andry ha detto...

Ma a Roma quando ce venite?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:41 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

eehhh, chi è ca sa!

 
Alle 14 dicembre 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, vedo alcune date interessanti nei prossimi giorni ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:42 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

@ Andry: a roma, spero in primavera, che è un'ottima stagione per suonare lì. tipo verso marzo o aprile sarebbe bello!
speriamo :)

 
Alle 14 dicembre 2010 23:43 , Blogger Andry ha detto...

Si, ma non una volta sola, eh? Dovete venì tante volte! :D

 
Alle 14 dicembre 2010 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

La bella primavera romana ...arriverà?

 
Alle 14 dicembre 2010 23:45 , Blogger Andry ha detto...

L'Importante è che a Roma arrivino i LIE. U.U

 
Alle 14 dicembre 2010 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Volete aggiungere qualcisa LIE? ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:46 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

staremo a vedere...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora vi dico grazie ...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Love In Elevator...

 
Alle 14 dicembre 2010 23:49 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

grazie a te alligatore, e a te andrea!
buonanotte a todos!

 
Alle 14 dicembre 2010 23:50 , Blogger Andry ha detto...

Io vi saluto. Devo dire che è stata un'intervista veramente molto interessante ed educativa. Buonanotte a tutti. Grazie all'Alligatore e ai LIE per la disponibilità e complimenti ad entrambi per ciò che fate. ;)

A presto!

 
Alle 14 dicembre 2010 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi, e grazie ad Andry, per la partecipazione attiva e a Stefy per il passaggio.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Love In Elevator.

 
Alle 14 dicembre 2010 23:54 , Anonymous Love in Elevator ha detto...

buona fortuna a te per questo blog!
yoooo!!!

 
Alle 15 dicembre 2010 14:24 , Blogger Stefania248 ha detto...

OT: scusami, da me c'è il giveaway.
:)

 
Alle 15 dicembre 2010 17:10 , Blogger Ernest ha detto...

:)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page