venerdì 21 maggio 2010

Intervista a The Child of a Creek

The Child of a Creek non è una band, non è un progetto, non è il titolo di un film con gli indiani, The Child of a Creek è un uomo solo al comando. Ovviamente mi riferisco alla musica, questa sera il ciclismo non c’entra e manco la politica.
The Child of a Creek è un uomo in giro per le montagne, tra la neve e il silenzio. Scatta foto e fissa su carta le sue emozioni. Le lascia decantare e poi si chiude nella sua taverna con una chitarra acustica 12 corde, chitarre acustiche di vario tipo e genere, chitarre elettriche, un vecchio zither tedesco degli anni ’70, un flauto, un piano elettrico, una piccola balalaika russa, sintetizzatori e percussioni, cibarie varie e del buon Chianti.
The Child of a Creek esce solo quando ha finito, ha capelli e barba lunghi e un cd di rara bellezza, Find A Shelter Along the Path, dato alle stampe per la Red Birds Rec/Seahorse, la stessa particolare label dei Clerville, su questi schermi martedì.
The Child of a Creek fa musica densa e stratificata, tipica di uno abituato a camminare in mezzo alla neve. Può ricordare certe belle stranezze alla Devendra Banhart o alla Jethro Tull, ma è l’ennesimo toscano (non ricevo finanziamenti dalla Regione Toscana, lo giuro) ad approdare sul blog. Dalla provincia di Livorno.
The Child of a Creek, pronto?
VAI AL SUO MYSPACE http://www.myspace.com/thechildofacreek

Etichette: , , , , , , , ,

121 Commenti:

Alle 21 maggio 2010 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Yuu-uuh...c'è nessuno?

 
Alle 21 maggio 2010 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ci sono, pronto

 
Alle 21 maggio 2010 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, come ti devo chiamare?

 
Alle 21 maggio 2010 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

The Child...

 
Alle 21 maggio 2010 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

ci sono

 
Alle 21 maggio 2010 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao a tutti

 
Alle 21 maggio 2010 21:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

sì, The Child, Lorenzo, come preferisci

 
Alle 21 maggio 2010 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, benvenuto nella palude.

 
Alle 21 maggio 2010 21:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

sì, The Child, Lorenzo, come preferisci

 
Alle 21 maggio 2010 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, chi è The Child of a Creek?

 
Alle 21 maggio 2010 21:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie, é un piacere essere qui

 
Alle 21 maggio 2010 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa: Lorenzo, chi è The Child of a Creek?

 
Alle 21 maggio 2010 21:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

The Child of A Creek nasce quando io avevo 11/12, davanti al camino, all'epoca nella quale mio padre amava imbracciare la sua chitarra folk per arpeggiare brani di Beatles, Pink Floyd.. ed é stata una folgorazione. Ho scritto il primo brano a 15 anni cosa della quale ho ancora oggi bei ricordi, poi la vita in una band per 8 interminabili anni..eppoi si arriva al 2005, quando ho registrato e prodotto il mio primo album "Once Upon a Time the Light through the Trees", nel 2006 con il mio secondo "Unicorns still make me feel Fine" pubblicato in Uk eppoi si arriva all'ultimo "Find A Shelter Along the Path"

 
Alle 21 maggio 2010 21:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

* 11/12 anni

 
Alle 21 maggio 2010 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Folgoato fin da bembino ...curiosità: come si chiamava la band?

 
Alle 21 maggio 2010 21:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

é un periodo che non mi appartiene più, non ne parlo volentieri

 
Alle 21 maggio 2010 21:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

é un periodo che non mi appartiene più, non ne parlo volentieri

 
Alle 21 maggio 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora andrò a fare ricerche dopo...proseguiamo con il presente: The Child of A Creek...

 
Alle 21 maggio 2010 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché un nome così curioso? ... quasi da indiano d’america...

 
Alle 21 maggio 2010 21:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

mi scuso per le ripetizioni, immagino sia una questione di abitudine

 
Alle 21 maggio 2010 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Nessun problema, poi le cancello...

 
Alle 21 maggio 2010 22:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

In effetti, sì. I Creek Indians erano comunità che abitavano in Geogia, Alabama, in Florida e Creek era anche il tipo di lingua, il dialetto che queste popolazioni parlavano. The Child of A Creek qui significherebbe "figlio" di quelle popolazioni, di quelle tradizioni, di quella gente.. Ho sempre amato cultura indiana

 
Alle 21 maggio 2010 22:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

* la cultura indiana

 
Alle 21 maggio 2010 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, la cultura indiana...d'america.

 
Alle 21 maggio 2010 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce un tuo pezzo?

 
Alle 21 maggio 2010 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

...è saltato il satellite?

 
Alle 21 maggio 2010 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Problemi tecnici, provo a porre la domanda: come nasce un tuo pezzo?

 
Alle 21 maggio 2010 22:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

Può nascere alla chitarra acustica, oppure soffiando dentro ad un flauto, oppure in treno, nel corso di un'escursione nel verde.. Non c'e' un momento preciso e non voglio avere abitudini precise

 
Alle 21 maggio 2010 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, abbiamo ripreso il collegamento...

 
Alle 21 maggio 2010 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate le canzoni di “Find A Shelter Along the Path”?

 
Alle 21 maggio 2010 22:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

altre volte magari é una frase insolita tra le pagine di un libro, un rumore che viene da fuori la finestra, un ricordo.. sicuramente che ritengo di dover fermare, quasi come un ferma immagine

 
Alle 21 maggio 2010 22:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

"Find A Shelter Along the Path" nasce la ritorno da un'escursione sulle montagne nell'inverno dello scorso anno. Una bella giornata, che mi ha dato molto. I brani del disco nascono nel freddo che ho avverito, nel paesaggio bianco meraviglioso che mi sono trovato davanti, dai suoni che ho avuoto di ascoltare..ed anche dall'aver fatto questa cosa, l'escursione, in completa solitudine

 
Alle 21 maggio 2010 22:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

*dal ritorno

 
Alle 21 maggio 2010 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Dal ritorno da un'escursione... da solo. Comprendo, comprendo ...

 
Alle 21 maggio 2010 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Ispirazione quindi...

 
Alle 21 maggio 2010 22:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

* che ho avuto modo di ascoltare..

 
Alle 21 maggio 2010 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Parliamo di ispirazione...

 
Alle 21 maggio 2010 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

In generale.

 
Alle 21 maggio 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovi l’ispirazione?

 
Alle 21 maggio 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 21 maggio 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato?

 
Alle 21 maggio 2010 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Giri con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 21 maggio 2010 22:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

sìcuramente, ispirazione scaturita da quella circostanza, ma vorrei dirti anche movimento interiore, percorso interiore, raccontato attraverso quel giorno trascorso tra le montagne

 
Alle 21 maggio 2010 22:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

D'accordissimo con Eddie Vedder.. Certo, capita. Sì, ho sempre con me un piccolo blocco sul quale annoto le cose che ritengo di dover annotare per poi magari tornarci su al momento oppotuno.. Sì, spesso ho con me anche un piccolo registratore a cassetta

 
Alle 21 maggio 2010 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone che rappresenta meglio il Thechildofacreek-sound?

 
Alle 21 maggio 2010 22:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

l'ispirazione é un qualcosa che sta nell'aria, che si muove attorno, lì pronta per essere catturata..chiaro però che sia momento e momento per l'ispirazione. Per come dicevo prima, può provenire da cose molto diverse da loro, da cose vive, da cose passate, da cose che saranno

 
Alle 21 maggio 2010 22:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Potrei dirti il secondo brani in scaletta del nuovo disco, "Where The Cold Wind Blows" ma anche un brano facente parte del disco precedente a "Find A Shelter..", ovvero "A Curious Girl called Josephine Goldenheart". Credo entrambi questi brani, nonostante la diversità, nonostante il loro umore, possano presentare quello che faccio piuttosto bene..eppoi, mi sento molto legato ad entrambi

 
Alle 21 maggio 2010 22:51 , Blogger Alligatore ha detto...

"Where The Cold Wind Blows" è molto particolare a partire dalla voce (sembrano 2) e il flauto, molto originale ...

 
Alle 21 maggio 2010 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

A me piace molto anche "Wolves are Good Friends"...

 
Alle 21 maggio 2010 22:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per quel brano ho registrato più tracce di voce, fino ad una sorta di "coro finale" un pò scomposto per far uscire fuori quelle sentivo di dover fare uscire nel momento. Per quanto riguarda il flauto, ho suonato e registrato due tracce di flauto in ogni ritornello del brano

 
Alle 21 maggio 2010 22:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ti Ringrazio.. "Wolves are Good Friends" parla del mio rapporto che si viene a creare con un branco di cuccioli di lupa, lungo il percorso tra la neve.. un affetto che ci costerà molto al momento dell'addio. E' un brano che una natura particolare, direi quasi religioso.. C'e' molta meoldia specie nel ritornello, ma anche molta tensione

 
Alle 21 maggio 2010 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, io ho sentito magia e poesia in quel pezzo. Cuccioli di lupa ... ma su che montagna sei stato?, se si può dire...

 
Alle 21 maggio 2010 23:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie. Certo che si può dire, sulle Apuane, qui in Toscana. Non ho incontrato cuccioli di lupa, ama la suggestione del paesaggio, la difficltà del percorso, al momento della stesura dei testi, sono riaffiorati davanti a me, anche se a distanza di un pò di tempo ed in certi frangenti ho voluto un pò esagerare le sensazioni ed avvalermi di "mezzi" (nel caso, di animali) per raccontare un mio sentire interiore. Sicuramente il tema della partenza ricorre nel disco

 
Alle 21 maggio 2010 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Niente, lasciamo il mistero ...

 
Alle 21 maggio 2010 23:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

mi scuso per la lentezza nel rispondere

 
Alle 21 maggio 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Niente, figuarti, è il bello della diretta sul blog, me lo dice sempre Gianni Minà.

 
Alle 21 maggio 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Le Apuane mi mancano ... interessante questo discorso, quindi si può parlare di realtà virtuale.

 
Alle 21 maggio 2010 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

A propodito, che rapporto hai con Internet da semplice utente?

 
Alle 21 maggio 2010 23:10 , Anonymous Anonimo ha detto...

Internet é un bel mezzo di scambio e sicuramente é un luogo abbastanza interessante. Il rapporto é buono ma posso dirti di preferire spesso a questa cosa una serata trascorsa tra vinili e strumenti

 
Alle 21 maggio 2010 23:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

oppure una bella escursione tra alberi e rumori

 
Alle 21 maggio 2010 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicante?

 
Alle 21 maggio 2010 23:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

nonostante io riconosca ed apprezzi l'utlilità nei aspetti della propria vita, ormai irrinuncibile

 
Alle 21 maggio 2010 23:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

da musicante posso dirti di ritenerlo un luogo dove si incontrano persone, quindi si fanno conoscenze, dove si parla e ci si racconta ma anche dove si fa promozione a se stessi

 
Alle 21 maggio 2010 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Per esempio myspace. Ti sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? Superato da Facebook?

 
Alle 21 maggio 2010 23:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Secondo me myspac funziona ancora ed ha funzionano benissimo fino a qualche tempo fa. Dicono (e sembra) che adesso facebook sia già molto più avanti e quindi abbia superato quello che myspace é stato stato. Non credo già parlare al passato di una cosa così recente

 
Alle 21 maggio 2010 23:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

* si possa già parlare

 
Alle 21 maggio 2010 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, hai ragione, ci possono essere dei ritorni di fiamma, e la velocità con la quale il web brucia le cose è un assurdo della nostra epoca. Un dato di fatto, ma assurdo.

 
Alle 21 maggio 2010 23:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sì, tutto avviene ad una velocità pazzesca.. si crea velocemente, si consuma velocemente: senza pause, senza soluzione di continuità

 
Alle 21 maggio 2010 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Tornando alla muscia, si parla di una scena “Oltre Firenze”, per raccontare quella miriade di gruppi toscani che produce un sacco di buona musica. Cosa c’è dietro. Perché la Toscana?, chiedo a te che sei della provincia di Livorno.

 
Alle 21 maggio 2010 23:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

in fin dei conti, credo che il web sia un pò lo specchio, esagerato, di ciò che avviene nella realtà..

 
Alle 21 maggio 2010 23:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sinceramente conosco poco o nulla di quello che avviene in Toscana.. Probabilmente ti stupirà saperlo, ma conosco davvero poco. Firenze é una splendida città con un sacco di buon fermento, da diversi punti di vista e spero ancora lungo. Credo che la Toscana sia una sorta di via di mezzo: ci sono città, ma anche tanto verde, vie di fuga, spazi per il relax e magari un pò di buona distensione.. probabilmente é il mix di queste cose che rende quelle che esce da qui un qualcosa di particolare, ma di più non saprei diti

 
Alle 21 maggio 2010 23:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

* e spero ancora lo sarà per lungo tempo

 
Alle 21 maggio 2010 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo speriamo tutti, a parte gli speculatori.

 
Alle 21 maggio 2010 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai contatti con altri gruppi della tua città o di altre? … anche oltre la Toscana

 
Alle 21 maggio 2010 23:36 , Blogger indierocker ha detto...

un saluto a tutti e due!

 
Alle 21 maggio 2010 23:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

Con gruppi direi di no, ma in generale, ho contatti fuori la mia regione. Sono capitati di recente contatti con Cesare Basile, artista che stimo molto e con il quale ho condiviso il palco qualche anno fa

 
Alle 21 maggio 2010 23:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie Indierocker, a te

 
Alle 21 maggio 2010 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo apprezzo molto...ciao Indierocker, come ti sembra l'intervista?

 
Alle 21 maggio 2010 23:39 , Blogger indierocker ha detto...

bella! veramente spaziate su tutto!!! buon lavoro!!!

 
Alle 21 maggio 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie, allora continuando ...più che un lavoro è un divertimento.

 
Alle 21 maggio 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

“Find A Shelter Along the Path” è uscito con la label indipendente Red Birds Rec/Seahorse Recordings, con il supporto promozionale di Promorama. Come vi siete incontrati? Come prosegue il rapporto con loro?

 
Alle 21 maggio 2010 23:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

In maniera molto semplice, in effetti. Conoscevo Paolo Messere sia per quanto riguarda i suoi Blessed Child Opera che per i lavori con Seahorse Recordings. Abbiamo poi avuto modo di conoscerci più di vicino sul finire della scorsa estate. Mi ha mostato sin da subito molto entusiasmo per i brani contenuti nel disco e da lì sono arrivata alla sua Red Birds. Stimo Molto il suo lavoro e stimo Paolo come persona

 
Alle 21 maggio 2010 23:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il rapporto prosegue benissimo: mi trovo molto bene con loro..Promorama sta facendo davvero un ottimo lavoro

 
Alle 21 maggio 2010 23:49 , Blogger Alligatore ha detto...

La copertina del cd ha una storia molto bella, come il cd del resto. Raccontiamola …

 
Alle 21 maggio 2010 23:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Certo. La copertina del disco é opera della mia cara amica Renée Vugs alla quale ho chiesto di riprodurre con il suo approccio all'illustrazione una foto che ho scattato di mio pugno durante quell'escursione sulle montagne lo scorso anno. Adoro il suo tratto, quel suo raffigurare oggetti e paesaggi nel modo intimo, codiale. Era esattamente questo che desideravo per la copertina del disco e credo racconti già piuttosto bene i contenuti

 
Alle 21 maggio 2010 23:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

*cordiale

 
Alle 21 maggio 2010 23:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, questo è certo.

 
Alle 21 maggio 2010 23:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Come presenti il disco dal vivo? Da solo o in gruppo?

 
Alle 21 maggio 2010 23:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per adesso da solo, per come ho sempre fatto fino ad oggi. Nelle date a Livorno (il 26/4) ed a Forlì (al Diagonal Loft Club il 28/04) mi sono esibito con la sola chitarra acustica ma per le prossime date mi esibirò con chitarra acustica, la nuova semiacustica, creerò loop nel momento per riproporre certi passaggi del disco e flauto. Vorrei in un futuro non troppo lontano portare sul palco un'altra persona in veste di violista/violoncellista e magari anche il laptop. Vedremo che succederà

 
Alle 21 maggio 2010 23:58 , Blogger Lindalov ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 21 maggio 2010 23:59 , Blogger Lindalov ha detto...

L'ho pensato anche io che aveva un che di Devendra Banhart.
(il commento precedente era mio, scusa)

 
Alle 22 maggio 2010 00:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Lindalov, spero allora troverai quel che faccio interessante, spero ti piacerà

 
Alle 22 maggio 2010 00:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao LindaLov, hai sempre ottimi ascolti.

 
Alle 22 maggio 2010 00:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Ieri sono stato ad un concerto di un gruppo americano, i Rising Appalachi, con violino e banjo e voci incantevoli. Due sorelle e un ragazzo. Le vedrei bene a suonare con te.

 
Alle 22 maggio 2010 00:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra i Jethro Tull e i Current 93, Devendra Banhart, Boduf Songs … questo a leggere alcune recensioni e a sentirti suonare. Sono solo le solite masturbazioni mentali della critica oppure qualche contatto lo senti? Altri, più nascosti e imprevedibili?

 
Alle 22 maggio 2010 00:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il banjo é uno strumento che mi affascina e sto pensando di procurarmene uno. Potrebbe essere interessante

 
Alle 22 maggio 2010 00:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse si è persa: tra i Jethro Tull e i Current 93, Devendra Banhart, Boduf Songs … questo a leggere alcune recensioni e a sentirti suonare. Sono solo le solite masturbazioni mentali della critica oppure qualche contatto lo senti? Altri, più nascosti e imprevedibili?

 
Alle 22 maggio 2010 00:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

Qualche contatto c'e'. I Jethro Tull fanno parte di me in un modo o nell'altro come del resto Pentangle, Incredible String Band, Donovan, Popol Vuh, Amon Duul, Klaus Schulze etc. Stimo Molto David Tibet ed i suoi Current 93 ma anche Pantaleimon, se parliamo di quel quel giro lì. Tra le cose più attuali, oltre al giro Current 93, ho molta stima e rispetto per il lavoro di artisti come Larkin Grimm, Laura Gibson, Carla Bozulich, Marissa Nadler con le quale ho condiviso il palco negli anni scorsi, ma anche James Blackshaw, Cian Nugent, Micah Blue Smalldone, Christina Carter..

 
Alle 22 maggio 2010 00:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Tanta bella gente ... e Devendra?

 
Alle 22 maggio 2010 00:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Devo dire apprezzare e di aver apprezzato il lavoro di Devendra Banhart fino a "Cripple Crow". Stima infinita, anche per aver creato un'etichetta com Gnomonsong

 
Alle 22 maggio 2010 00:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Pure io.

 
Alle 22 maggio 2010 00:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della tua vita? Quello acquistato intendo.

 
Alle 22 maggio 2010 00:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

credo, tuttavia, tra il mio lavoro ed il suo ad esempio, ci siano differenze

 
Alle 22 maggio 2010 00:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il primo disco che ho acquistato in vita mia é stata una coppia di dischi, di vinili in realtà: "The Piper Gates at Dawn" e "A Saurceful of Secrets" dei Pink Floyd

 
Alle 22 maggio 2010 00:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Una bella prima volta...

 
Alle 22 maggio 2010 00:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché fai musica? Per liberarti dai demoni interiori? Per essere amato? Perché ti piace?

 
Alle 22 maggio 2010 00:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sì, assolutamente.. "Interstallar Ovedrive" mi scosse assolutamente, avevo tipo 11/12 anni

 
Alle 22 maggio 2010 00:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Fare musica per me é come prendere una medicina dolicissima. E' sempre stato così per me: fare musica per me é curarmi, é un qualcosa di curativo ed olte a questo, é un mezzo meraviglioso per conoscere me stesso, per scendere anche a patti con me stesso

 
Alle 22 maggio 2010 00:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma anche per raccontare le cose che vedo e che vorrei vedere, le cose che sento e che vorrei sentire. E' come seguire un sentiero, per arrivare da qualche altra parte

 
Alle 22 maggio 2010 00:30 , Blogger Alligatore ha detto...

... e, giunti a quest'ora: una domanda che non ti ho fatto ... anche una risposta se vuoi ...

 
Alle 22 maggio 2010 00:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Una risposta che riguarda il mio vicino futuro. Oltre alle prossime date che renderò note alla pagina myspace www.myspace.com/thechildofacreek, c'e' in cantiere la composizione di un nuovo disco al quale mi sto già affezinando molto

 
Alle 22 maggio 2010 00:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Potresti suonarci qualcosa ...

 
Alle 22 maggio 2010 00:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Tu suonala e noi la immaginiamo ... realtà vortuale.

 
Alle 22 maggio 2010 00:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Lo farei volentieri, putroppo non posseggo webcam o cose simili per passare via web

 
Alle 22 maggio 2010 00:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ecco, Perfetto: l'immaginazione é una cosa molto forte, sì può fare praticamente tutto con l'immaginazione

 
Alle 22 maggio 2010 00:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Degna conclusione di questa lunga chiacchierata...

 
Alle 22 maggio 2010 00:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Lorenzo, e grazie anche a indierocker e Lindalov, che sono passati di qua...

 
Alle 22 maggio 2010 00:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie a Te, Grazie a Voi

 
Alle 22 maggio 2010 00:42 , Blogger Alligatore ha detto...

A te ...

 
Alle 22 maggio 2010 00:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna The Child of a Creek.

 
Alle 22 maggio 2010 00:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ti Ringrazio

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page