martedì 15 settembre 2009

Tex contro gli alligatori … o caimani?

Sono sempre in ritardo con le mie letture. In questi giorni mi sono letto il texone dello scorso anno (anche perché mi sono preso quello di quest’anno e la pila dei libri/giornali sul comodino si faceva pericolosa). Non sono un lettore abituale di Tex (il Dylan Dog di Sclavi è stata la mia lettura per anni, mentre sul versante western Ken Parker rimane insuperabile), ma da alcuni anni a questa parte non riesco a rinunciare all’albo gigante. Forse è proprio il formato che mi affascina, ma anche le storie, spesso fatte bene (meglio, lo devo ammettere, del Dylan Dog gigante), come questo Seminoles. I disegni, di Lucio Filippucci (tra l’altro, matita di Martin Mystère) sono fantastici: la natura selvaggia delle Everglades, le paludi della Florida infestate da alligatori (già, proprio quelli, e Tex ne uccide un bel po’…mi sono sentito male), il popolo fiero e pacifico dei seminoles, spostato dalla propria terra e rinchiuso da politicanti a caccia di voti. In questa storia, ne troviamo uno con dei baffetti stupidi e la faccia orribile, che accusa ingiustamente dei seminoles di un delitto e vorrebbe impiccarli per ottenere la poltrona di governatore del Texas (mi ricorda qualcuno). Ma aquila della notte, che dovrebbe catturarli, non ubbidisce, e assieme ad uno schiavo da poco libero, aiuta i due a fuggire. Darà quel che si merita al politicante, più pericoloso degli alligatori (forse un caimano).
Una storia poco tradizionale, con Kit Carson, abituale compagno d’avventure di Tex, che abbandona quasi all’inizio, perché ferito. L’ha scritta Gino D’Antonio, storico scrittore di personaggi avventurosi, poco prima di morire. Un bel testamento.

Etichette: , , , , , , , ,

11 Commenti:

Alle 16 settembre 2009 08:08 , Anonymous and ha detto...

io sono cresciuto a base di tex, mio nonno, mio padre e i miei zii ne erano innamorati insieme a zagor, poi ho conosciuto anche altri fumetti. crescendo mi ha un po' stancato perchè lo svolgimento delle sue avventure è più o meno sempre lo stesso ma se lo riprendo in mano o ne compro uno, alla fine lo leggo sempre. Ken Parker insuperabile, adesso io seguo continuamente Magico Vento, Nathan Never e il nuovo Caravan, che partito in sordina adesso mi ha conquistato.

 
Alle 16 settembre 2009 14:06 , Blogger Lucien ha detto...

Un texone che custodisco come una reliquia è quello di Magnus, la valle del terrore: 7 anni di lavorazione per un capolavoro.

 
Alle 16 settembre 2009 18:01 , Blogger Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

La storia sembrerebbe anche interessante, ma la quantità industriale di Tex che Ciccio ha sparso per casa oramai me lo fa odiare con tutta me stessa

 
Alle 16 settembre 2009 20:05 , Blogger Maurone ha detto...

La mia infanzia è sempre stata piena di Topolino e poco altro... col tempo ho scoperto qualche altro fumetto.. quando potevo divoravo linus in sala periodici della biblioteca... ultimamente mi sto interessando ad Animals, nuova pubblicazione con alcuni spunti interessanti...

 
Alle 16 settembre 2009 20:30 , Blogger Alligatore ha detto...

@And
Belle letture le tue. Io ho un passato di lettore di fumetti seriali: Dylan Dog, Ken Parker, Magico Vento ...ora Texone e Dylandogone e basta (di seriale).
@Lucien
Certo, certo, è un grande classico. Non si legge, si guarda e si respira, Mangus era un grande.
@JaneP.Cole
Tira le orecchie a Ciccio e leggi il Texone che consiglio, vedrai che lo amerai: un ranger che va contro gli assurdi ordini impartiti da politicanti a caccia di voti è un esempio da seguire ...
@Maurone
Il passaggio da Topolino a Linus è un classico...grandi mie letture del passato. Sì, Animals è un esperimento riuscito.

 
Alle 17 settembre 2009 09:06 , Blogger Pupottina ha detto...

di Tex anche io ne ho letti solo due o tre fumetti
anche io ho letto più spesso Dylan Dog ...

^_____________^ buon giovedì

 
Alle 17 settembre 2009 10:41 , Blogger Silvia ha detto...

Io di fumetti non è che me ne intenda molto oltre a Topolino :)

L'Eternauta e Persepolis mi sono piaciuti molto naturalmente...

Ciao Ally!

 
Alle 17 settembre 2009 16:24 , Blogger SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Sai che non ho mai letto quel tipo di cose?
E' grave?
Un caro saluto.

 
Alle 18 settembre 2009 01:00 , Blogger Alligatore ha detto...

@Pupottina
Forse è solo una questione generazionale? O forse no...
Buon venerdì.
@Silvia
In realtà pure io me ne intendo poco. Il fumetto è un argomento vasto, complesso...siamo partiti tutti da Topolino per arrivare alla Topolin. "Persepolis", film e fumetto, sono tra le migliori sorprese degli ultimi anni.
@SCHIAVI O LIBERI?
Ma ovviamente è gravissimo, devi recuperare assolutamente, il fumetto, Odb insegna (e non solo lui), è letteratura con dignità alta.

 
Alle 18 settembre 2009 16:44 , Blogger La Mente Persa ha detto...

Ero una fanatica di Dylan Dog.
I fumetti sono meravigliosi, ricordo tante ore di sonno perse per divertirmi con quelle pagine di carta :)

 
Alle 19 settembre 2009 00:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Brava Gio'...a divertirsi con le "nuvole parlanti" e ora ti diverti a farle parlare...con le mucche.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page