mercoledì 19 agosto 2009

Addio alla Pivano, anzi, arrivederci …

Ho letto solo ora della scomparsa di Fernanda Pivano, e mi è subito venuto in mente quel grande libro di Hem, per me, forse, il capolavoro letterario del secolo scorso: Addio alle armi. È di Hem, ma è anche di Fernanda, tanta era la sua passione, la sua conoscenza dello scrittore che traduceva, il suo pacifismo (leggete l’intro di http://www.fernandapivano.it/).
Avrei potuto citare l’amato Buk, o Kerouac, Pavese o De André, Dylan, Edgar Lee Masters… e voi, i vostri preferiti. Tutto il Novecento rock è stato toccato dalla Pivano e tutto il Novecento rock ha toccato la Pivano. Chissà quanti libri suoi non abbiamo ancora letto. Ecco perché, più che un addio, il nostro è un arrivederci…

Etichette: , , , , , , , ,

4 Commenti:

Alle 20 agosto 2009 13:51 , Anonymous and ha detto...

ricollegandomi al mio post, su quello che hai scritto tu, hai perfettamente ragione. senza di lei non avrei conosciuto un sacco di autori.

su hemingway, io non lo amo molto ma per me rimane uno dei migliori dal punto di vista delle descrizioni, ha pochi eguali e ha creato qualcosa di nuovo. il suo libro che amo di più rimane Fiesta e alcuni dei suoi racconti.

 
Alle 20 agosto 2009 14:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, di Hem, tra i miei autori preferiti nonostante la sua passione per caccia e corride, dopo "Addio alle armi" trovo imperdibili i suoi racconto. "Fiesta" credo di non averlo ancora letto...

 
Alle 20 agosto 2009 17:32 , Anonymous Manfredi ha detto...

La Pivano ha avuto il grande merito di sprovincializzare il circolino degli intellettuali in Italia. Grande persona

 
Alle 21 agosto 2009 01:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, ha sprovincializzato alla grande (anche perchè il lavoro dafare, dopo i ventennio, era grande). Ora servirebbe un'altra Pivano, per i nostro giorni tristi. Anche per questo ci manca già molto ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page