mercoledì 11 ottobre 2017

In palude con gli Etruschi From Lakota


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE Rock
DOVE ASCOLTARLO su SOUNDCLOUD
LABEL Phonarchia Dischi
PARTICOLARITA’ Contemporaneo
FB

CITTA’: Montecastelli Pisano (PI)
DATA DI USCITA: 13-10-2017

L’INTERVISTA
Come è nato Giù la testa?
“Giù la testa” è nato dopo un percorso lungo di ricerca.
Avevamo bisogno di uscire dai nostri territori, dalla nostra campagna, per andare ad abbracciare delle tematiche più attuali, più contemporanee.

Perché questo titolo? … omaggio dichiarato a quel capolavoro di Sergio Leone.
Volevamo continuare ad utilizzare la scia cinematografica perché rispecchia uno stile che secondo noi valorizza tutte le canzoni.
“Giù la testa” è un film che parla dell'amore verso il proprio paese ma anche della paura nel metterlo in pratica. Forse Leone voleva suggerire le basi su cui costruire una rivoluzione partendo appunto dai sentimenti semplici ovvero quelli che legano un popolo.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Ci siamo guardati intorno, dentro il web, abbiamo sentito e ascoltato opinioni diverse e alla fine abbiamo scelto una serie di canzoni che guardassero la realtà in faccia ed abbiamo trovato due sentimenti: la paura e l'amore.
Abbiamo collaborato con diversi autori, alla ricerca di una visione più ampia e più simile alle idee comuni che avevamo.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Durante le registrazioni abbiamo avuto l'onore di conoscere Thomas Newton, un armonicista di Cuneo fenomenale. Da quei giorni è nata una collaborazione ed ora è entrato a tutti gli effetti nella band.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
L'album è un insieme di canzoni, tra di loro ci deve essere un legame. Mano nella mano le canzoni prendono forza e imparano a comunicare.
E' un concept album che venera l'amore in opposizione all'odio.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero album? … che vi piace di più fare live?
Ogni canzone parla da sé, ma “Giù la testa” (la quarta del disco) è sicuramente il lavoro più riuscito.
Come è stato a livello produttivo fare il cd? Vedo schierate le stesse, o quasi, belle realtà produttive del vostro disco precedente, a partire da Phonarchia Dischi …
Abbiamo continuato a collaborare con Phonarchia Dischi e Nicola Baronti per le idee che ci aveva proposto e per il metodo “vintage” che impone. Ne nasce un rapporto di “amore e odio” che ha alimentato tutto il disco.
Se non ci fosse stato questo metodo di produzione: questo disco non avrebbe mai visto la luce.
Copertina originale, come tutto il progetto grafico. Come è nata e di chi è opera?
La copertina è stato il lavoro più difficile.
Abbiamo cambiato una serie di grafici, abbiamo per questo fatto uscire il disco più in là di quando realmente doveva vedere le stampe.
Le idee erano tante ma praticamente tutte difficilmente realizzabili, a quel punto abbiamo dato carta bianca ad un giovane e talentuoso artista che vive a Torino, si chiama Stefano Allisiardi (https://www.facebook.com/allisiardiarte/) che con molta pazienza e tanta china, ha trasformato un foglio bianco nella copertina di “Giù la testa”.
Come presentate dal vivo questo album?
Un gran LIVE distruttivo il 13 ottobre al Deposito Pontecorvo di Pisa e un tour organizzato da Ronzinante Booking ( https://www.facebook.com/ronzinantebooking/ ) in tutta Italia.
Altro da dichiarare?
"La rivoluzione non è un pranzo di gala, non è un opera letteraria, un disegno, un ricamo. La rivoluzione è un’insurrezione, è un atto di violenza con il quale una classe ne rovescia un’altra." (Mao Zedong)
GIU LA TESTA! Coglione!

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

12 Commenti:

Alle 11 ottobre 2017 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran ritorno in palude degli Etruschi From Lakota, con questo disco che rende esplicito omaggio al film di Sergio Leone.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Un omaggio etico quanto estetico, dalla copertina con i diseredati della terra in primo piano e l’artwork vintage, con cd rosso, arancio, giallo, il titolo scritto a caratteri giganti all'interno del cartonato e la celebre frase di Mao Tse Tung sulla rivoluzione (la stessa che apriva il film di Sergio Leone) nell'ultima pagina del libretto (che è pure rosso, ma anche arancio e giallo, per dirla tutta).

 
Alle 11 ottobre 2017 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

E poi le canzoni: nove pezzi spacca-coda, una più divertente e scatenta dell'altra.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Eurocirco apre in modo forte: un rock che spacca, fatto di chitarre elettriche, un gran ritmo e parole di fuoco sul’Europa dei “prestigiatori dell’economia”, tra "vecchi valori e il nuovo che avanza" e un "camion contromano, che fa irruzione dentro l'Eurocirco" ... dura, durissima.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Giochi di parole e gran ritmo che proseguono con Bibidi Bobidi Bu, pezzo dinamico e coinvolgente e con Stivale, entusiastico rock di contestazione con l’Italia in primo piano.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Giù la testa diventa attuale, tra citazioni morriconiane e suoni strani da autentico rock-spaghetti.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Da citare assolutamente Quando vedo te, pezzo psichedelico e sexy come solo loro sanno fare, Coito Ergo Sum, esplicito blues sporco (in tutti i sensi) dal gran ritmo e Jimi, geniale e sarcastico omaggio a Jimi Hendrix.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Viva l’amore, pazza ballatona folk-rock, chiude con ironia e ottimismo coinvolgenti: l’amore può battere la paura e l’odio di questi giorni infami.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Un messaggio da ascoltare, come tutto il disco. A volume altissimo, mi raccomando.

 
Alle 11 ottobre 2017 00:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Giù la testa, su il volume!

 
Alle 17 ottobre 2017 21:39 , Blogger Elle ha detto...

Volume al massimo anche per me. Con calma arrivo a dire le mie, sto perdendo colpi, Alli! Mi piacciono tutte, ma estraggo come preferite Eurocirco, un'ottima apertura del disco, Stivale andante calpestante, Giù la testa che mi coinvolge e trascina via, Quando vedo te sensuale e.. bo, Viva l'amore rommanticca che mi esce di testa viva l'amoree!
Bentornati Etruschi!

 
Alle 17 ottobre 2017 22:52 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, ero, vero Viva l'amore, resta più di tutte, ma tutto il disco è da ascoltare a partire da quelle che hai citato tu.
... viva l'amoreee!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page