venerdì 28 luglio 2017

In palude con Effenberg


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE : cantautorato/pop
DOVE ASCOLTARLO (in parte o tutto) : spotify, youtube , Itunes, cd
LABEL: AbuzzSupreme
PARTICOLARITA’ : zero bugie
FB
CITTA’: Lucca
DATA DI USCITA: 26.05.2017

L’INTERVISTA

Come è nato Elefanti per cena?
E’ nato un po’ casualmente, canzone dopo canzone. L’anno passato ho scritto molto e in primavera mi sono ritrovato ad avere molti provini nel mio hard disk. Da lì il passo è stato breve, oddio…breve si fa per dire, in realtà dall’idea alla realizzazione è passato circa un anno.
Perché questo titolo, … un titolo ironico, nonsense, forse …
E’ il titolo dell’ultimo brano che abbiamo registrato e inserito nel disco. Quando sogni la ragazza con cui stai, intenta a cucinarti un elefante per cena, è arrivato il momento di scrivere una canzone. Il testo, come il sogno per cui sono tutt’ora in cerca della chiave interpretativa che più mi si addica, parla di incomunicabilità, pesantezza del quotidiano e stravaganza cucinata con cura. Ho pensato che il titolo riuscisse a rappresentare bene anche il disco intero.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
La fase di registrazione è stata abbastanza rapida e stimolante. Volevo che il disco fosse un disco suonato, e così è stato in effetti. Ci siamo trovati in studio dal batterista e abbiamo cominciato a suonare provando di volta in volta varie soluzioni. Abbiamo avuto un approccio classico, è un lavoro nato in sala prove, come si faceva una volta. Completata la registrazione poi è partita la fase paranoia. Dove lo mixo? Il master? L’ufficio stampa? La stampa? La distribuzione? Per fortuna un giorno mi ha chiamato il corriere e mi ha detto che i dischi erano arrivati.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Non ci sono stati episodi eclatanti durante la registrazione, tranne quella volta che ho fatto uno scherzo telefonico al bassista, ma il disco era già finito. Una cosa che ricordo con affetto è la registrazione di Firenze Mare, in particolare la parte strumentale sulla coda del pezzo. Era notte e la luce al neon dello studio aveva dei cali di tensione e andava ad intermittenza, abbiamo rischiato una crisi epilettica. Non a caso la fine della traccia è venuta cosi acida.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
Mmm…difficile da dire, il filo conduttore è il  tempo. L’incapacità di costruire qualcosa,  la difficoltà di cambiare e un quotidiano tanto spensierato quanto inutile.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiero di Elefanti per cena? … che ti piace di più fare live?
Forse proprio Elefanti Per Cena, anche se non è quello che preferisco fare live. Nel live mi diverto molto quando suono Le vigne di Bergamo anche se  è un po’ impegnativa da fare.
Come è stato a livello produttivo fare il cd? Da chi i contributi maggiori?
E’ stato interessante e a volte stressante, soprattutto per quanto riguarda la parte burocratica. Ho comunque imparato cose di cui ignoravo l’esistenza, come i codici ISRC ad esempio. I contributi maggiori sono arrivati un po’ da tutta la band e dai ragazzi di AbuzzSupreme.
Copertina molto affascinante, con quella città, il lago (è un lago?), la montagna … Come è nata e chi l’ha fatta e/o pensata?
Si, è proprio un lago. Si tratta di Lugano. La foto è stata scattata da Filippo Brancoli Pantera, amico e fotografo che stimo. Fa parte di un lavoro più ampio sul paesaggio che ha svolto in questi anni. Mi piaceva l’idea di coinvolgere altre forme d’arte all’interno del disco.
Come presenti dal vivo questo album?
Dipende un po’ dalle esigenze dei locali, a volte in duo, a volte in trio e a volte al completo con tutta la band. Il mio problema però è che mi annoio facilmente quindi spesso nella scaletta presento anche i pezzi nuovi che  saranno probabilmente nel prossimo disco.
Altro da dichiarare?
Si, sei il primo che non mi chiede spiegazione sul nome e questo mi fa molto piacere.


Etichette: , , , , , , , , , ,

8 Commenti:

Alle 28 luglio 2017 16:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Un vero piacere ospitare in palude Effenberg, per l'ironia e l'intelligenza della sua musica.

 
Alle 28 luglio 2017 17:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Per la prima volta in palude presenta un disco che mi è piaciuto al primo ascolto, per le tematiche da cantautore anni doppio zero, e il modo di sviscerale.

 
Alle 28 luglio 2017 17:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante nei testi, come nelle soluzioni musicali, e questo in tutti i nove pezzi che lo compongono.

 
Alle 28 luglio 2017 17:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Il pezzo che mi piace di più è Le vigne di Bergamo, che definirei, con una formula perentroia, un Vasco Brondi con l'entusiamo di un Rino Gaetano.

 
Alle 28 luglio 2017 17:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Un pezzo che vibra, e non è difficile capire perché dica che dal vivo è quello che più lo entusiasma.

 
Alle 28 luglio 2017 17:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi piace molto anche la title-track, forse la traccia più romantica, minimalsita, dal suono rotondo ...bella metafora poi Elefanti per cena.

 
Alle 28 luglio 2017 17:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Aprile gode di una bella chitarrina coinvolgente (e sempre un testo da nuovo cantautore con una storia e tante cose dentro), Le badanti è un altro bel ritratto generazionale con tastiere e bel duetto finale con Ilaria Giannecchini.

 
Alle 28 luglio 2017 17:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma tutto, veramente tutto da citare (e ascoltare) questo disco ... fatelo e ditemi.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page