mercoledì 31 maggio 2017

In palude con i Wyns


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE indie – rock alternative
DOVE ASCOLTARLO (in parte o tutto) spotify, deezer
LABEL Bassa Fedeltà
PARTICOLARITA’ molto bello
CITTA’ Luino
DATA DI USCITA 27/03/2017

L’INTERVISTA
Come è nato Life Happens?
È stato un lungo lavoro che ci ha tenuti impegnati in questi cinque anni. Dopo A Place Like This ci siamo rinchiusi in saletta a scrivere canzoni (ne avevamo un po'), ne abbiamo scelte dieci e così è nato Life Happens.
Perché questo titolo? Cosa vuol dire?
Sono dieci canzoni che ruotano su un tema esistenzialista e gli abbiamo dato questo titoli perché a volte, nella vita, le cose accadono senza un particolare motivo.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Avevamo una ventina di demo registrate in casa e con l'aiuto dell' amato Andrea Cajelli abbiamo scelto Martino Cuman come produttore artistico. Abbiamo lavorato insieme sulle canzoni e poi insieme siamo andati a registrarle al La Sauna Recording Studio.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Continuavamo a guardare il video della Vanoni e di Costanzo quando discutono del gess. Ogni volta che ci penso rido …
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
Ma in realtà lo è. O meglio non era voluto all'inizio ma poi ci siamo accorti alla fine che era così.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero album? … che vi piace di più fare live?
Onestamente ci piacciono tutte ma se devo scegliere ti direi Paris e Lazarus.
Come è stato a livello produttivo fare il cd? Bassa Fedeltà e chi altri dietro al disco?
Non me ne voglia male bassa fedeltà ma... nessuno, se non Martino e Andrea. Abbiamo voluto lavorare indipendentemente dall'inizio alla fine del processo e successivamente ci siamo proposti a Bassa Fedeltà. Siamo contenti di essere con loro perché la vediamo allo stesso modo su tante cose ☺
Copertina e progetto grafico molto interessanti, da concept-album anni ‘70. Come è nata? Di chi è opera?
Avevamo un paio di immagini come riferimento, tra cui quella di un orologio a cucù, e con l'aiuto di Sara Colantonio (bassa fedeltà) abbiamo mandato le nostre idee a Luca Poldemengo, di Old Skull Design, che le ha trasformate in realtà.
Come presentate dal vivo questo album?
Portiamo gli strumenti nel locale, montiamo tutto e poi suoniamo. Poi ci tocca smontare, che è l'unica rottura. Anche se Alessandro (cantante) ti direbbe che la vera rottura é il check ... Parlando seriamente siamo solo noi quattro, è tutto suonato live e siamo "un po' più rock" rispetto al disco.
Altro da dichiarare?
Venite a sentirci live, viviamo per quello ☺

Etichette: , , , , , , , , , , , , , ,

10 Commenti:

Alle 31 maggio 2017 00:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi è piaciuto subito questo disco, fin dal primo ascolto, per il rock divertente e fresco che esprime, oltre alla copertina, anche quella molto alternative-rock.

 
Alle 31 maggio 2017 00:25 , Blogger Alligatore ha detto...

I Wyns sono una giovane band scanzonata, che conosce i grandi classici del rock e ha saputo farli suoi, dai Doors agli Smiths, fino ai Franz Ferdinand ...

 
Alle 31 maggio 2017 00:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Dieci pezzi esistenzialisti, leggeri e ricchi di riferimenti. Tra i miei preferiti "The Dead Man Song", con una chitarra che incanta, la voce tenebrosa e un'atmosfera alternative dall'inizio alla fine.

 
Alle 31 maggio 2017 00:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stupendo il pezzo seguente, "Daily Dream Routine" dalle atmosfere filmiche. "Lazarus", indicata nell'intervista tra le preferite incanta per la vibra e il romanticismo molto Alex Kapranos, sì, lui ...

 
Alle 31 maggio 2017 00:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Come ricordano i Franz Ferdinand (ma anche Morryssey) nella ballatona indie-rock "The Dream You Made" (spesso la parola sogno nelle loro canzoni).

 
Alle 31 maggio 2017 00:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Gran finale con Spinning Around", che parte tranquillo, alzandosi in volo in modo irresistibile (impossibile tenere a bada la mia coda, per ritmo, cantato, buone vibrazioni).

 
Alle 31 maggio 2017 00:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ascoltatelo anche voi, e ditemi che ne pensate ...

 
Alle 31 maggio 2017 14:55 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Ho sentito DAily dream routine e Paris molto interessanti.

 
Alle 31 maggio 2017 15:00 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

La voce del solista ricorda vagamente quella del cantante dei Pearl Jam ed anche certe sonorità sembrano derivare da lì

 
Alle 1 giugno 2017 01:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Daniele, sempre molto attento e competente. Quello che scrivi mi sembra corretto.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page