lunedì 9 dicembre 2013

Due parole con Deadburger Factory

Deadburger, anzi, Deadburger Factory questa sera per la prima volta in palude. Lo storico gruppo toscano sarà presto qui per presentare non un semplice album, ma un blocco di tre dischi (si presenta proprio come un blocchetto compatto, con i tre cd più un ghiotto libretto e un poster spaziale), nati come colonne sonore per il teatro. Nonostante questo il lavoro è godibile da solo, in quanto il materiale è stato rielaborato per essere semplicemente ascoltato. C’è un intreccio di arti da far paura, non solo musica e teatro, ma anche fumetto, letteratura, politica, sesso, gioia, rivoluzione e travolgenti passioni …difficili descriverle, molto più semplice sorbirle. Un oggettino di culto a partire dal progetto grafico ad opera di Paolo Bacilieri, fumettista versatile ed originale (vi ricordate Sweet Salgari?), che ha disegnato le copertine, da mettere una accanto all’altra per creare l’immagine del poster. Gulp!
Una confezione ricca, tanto ricca da sfiorare l’incoscienza commerciale. Il primo cd del pacco è Puro Nylon, ed è firmato in tre (Alessandro Casini, Vittorio Nistri e Tony Vivona), dove partiture cameristiche si alternano ad algida elettronica, Satie con Samuel Beckett e Giorgio Saviane. Il secondo cd, Microonde (di Nistri) e Vibroplettri (di Casini) è sperimentalismo puro, tra composizioni nate grazie ad un forno a microonde le prime, e un uso originale di dildos, anelli per la stimolazione sessuale maschile, e rotori per lecca lecca come plettri vibranti le seconde (William Burroghs, ispiratore del testo teatrale per il quale era previsto l’uso, ne sarebbe stato entusiasta). Il terzo, che ha dato il titolo all’intero pacco, La fisica delle nuvole, è firmato Deadburger, ed è acidissimo rock con una formazione che passa da cinque ad otto elementi (ma allungabile fino ad otto). Post Atomic Cafè il titolo della pièce, ispirata da Kurt Vonnegut, con citazioni, tra gli altri, di Nanni Balestrini, Douglas Coupland, Michel Houellebecq, Neil Gaiman e ancora Satie. Troppa roba? … meglio parlarne con i diretti responsabili. Pronti?  
PERCONOSCERLI MEGLIO

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

200 Commenti:

Alle 9 dicembre 2013 21:33 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

Primo!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Grande Alberto

 
Alle 9 dicembre 2013 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuto in palude...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:37 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

Non so quanto potrò essere utile. Vi dico che sto con portatile che non è il mio e quindi lo utilizzo con grande impaccio. Poi ho due cani che mi leccano e uno schermo gigante con il concerto di Celentano a tutto volume a 10 centimetri dell'orecchio destro. In più ho appena finito di mangiato 3 piatti di riso e una bisteccona al pepe verde e ho anche bevuto un litro di cannonau.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie mille, bentrovato!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:38 , Anonymous Vittorio ha detto...

Ci sono anch'io

 
Alle 9 dicembre 2013 21:38 , Anonymous Alessandro ha detto...

Eccomi!!!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ... prosit!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:38 , Blogger Elle ha detto...

Io spero di essere arrivata terza, in ogni caso.. troppa roba ghiotta!
Ciao a tutti.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:39 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

L'anonimo sono sempre io!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:39 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Ciao Alligatore

 
Alle 9 dicembre 2013 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Vittorio e ciao Alessandro, benvenuti in palude a voi...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Elle, ciao Simone... quanta bella gente, qui mi perdo ...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:40 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

Ciao a tutti. Vi amo!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, inizio con il botto e ammmore!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:43 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Un saluto ai miei fratelli Burghi

 
Alle 9 dicembre 2013 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

...e visto che ci siete tutti, vado con le domande, visto che uno dei cd è già partito ... nel senso che suona nel mio lettore.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:44 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Buonasera a tutti! Sono nuova qui in palude, ma qualcuno mi pare di (ri)conoscerlo, fra un bicchiere di buon rosso e un alligatore... Deadburger-s come state?

 
Alle 9 dicembre 2013 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Vado con le domande? ... siete pronti?

 
Alle 9 dicembre 2013 21:45 , Anonymous Alberto-snowdonia ha detto...

Io continuo a sentire Celentano sparato a 1000, però il disco lo so a memoria, sono preparatissimo.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Irene, benvenuta in palude ...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Alberto, sai a memoria il disco di Celentano? Quale? ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 21:46 , Blogger Elle ha detto...

Con così tanta gente non si noterà se la mia connessione è lenta da far pauura!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:47 , Blogger Alligatore ha detto...

A sì? ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 21:48 , Anonymous vittorio ha detto...

ho qualche problema di connessione ma dovrei esserci

 
Alle 9 dicembre 2013 21:48 , Anonymous Alberto-snowdonia ha detto...

Mi riferivo al disco dei Deadburger, però conosco a momoria anche quasi tutti i dischi di Celentano :-D

 
Alle 9 dicembre 2013 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora sei rock, e non lento...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Dai, lancio la prima domanda, vediamo chi la piglia ...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato La fisica delle nuvole? ... inteso come tutto il pacco.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:51 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Buona sera Ire' !!!tutto

 
Alle 9 dicembre 2013 21:52 , Anonymous vittorio ha detto...

Nel corso della nostra attività, ci è capitato più volte di collaborare con compagnie teatrali e performer. Ogni volta abbiamo cercato di inventare una diversa ambientazione sonora: siamo passati da un esperimento di “musica da camera psichedelica” a composizioni per solo forno a microonde o per sola chitarra suonata con vibratori. Per lo spettacolo più recente abbiamo messo su una piccola orchestra acustico/psichedelica di otto elementi.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:52 , Anonymous Alessandro ha detto...

...a un certo punto ci è venuto in mente di raccogliere in un unico cofanetto una selezione delle composizioni che abbiamo scritto per il teatro. Le abbiamo usate come spunti di partenza per nuove sperimentazioni (tutti i brani sono stati registrati ex novo per il box, e i “semi” iniziali sono stati sviluppati ed “espansi”) , ma rispettando le ambientazioni sonore originali.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:53 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Ok

 
Alle 9 dicembre 2013 21:53 , Anonymous vittorio ha detto...

I diversi mondi sonori hanno dato origine a dischi diversi. Questo non è un album triplo: sono proprio tre album indipendenti l’uno dagli altri, ciascuno con il suo titolo, la sua bella copertina digipak, e il suo suono. Però proposti contemporaneamente, all’interno di un unico cofanetto.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:53 , Anonymous Alessandro ha detto...

(ciao Irene!!)

 
Alle 9 dicembre 2013 21:54 , Anonymous Alessandro ha detto...

Perché i linguaggi sonori cambiano, ma “il cuore della musica”, il nucleo di emozioni e pensieri che cerchiamo di esprimere, rimane lo stesso. E’ un modo per ribadire che il contenuto conta più del contenitore.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:55 , Anonymous vittorio ha detto...

Per lo meno nella musica, il medium NON è il messaggio!

 
Alle 9 dicembre 2013 21:55 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

(Ciao a tutti!)

 
Alle 9 dicembre 2013 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Un vero e proprio intrecciarsi delle arti nel tempo e nello spazio ... ritornare musica,quello che è stato teatro, diventare fumetto e molto altro ...

 
Alle 9 dicembre 2013 21:55 , Anonymous vittorio ha detto...

Ciao Irene! Che tempo fa a Berlino?

 
Alle 9 dicembre 2013 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche Irene è a Berlino?

 
Alle 9 dicembre 2013 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

;)

 
Alle 9 dicembre 2013 21:58 , Anonymous vittorio ha detto...

Alligatore, prima di rispondere al tuo ultimo commento direi di fare qualche presentazione... Irene è il "flauto magico" del terzo album del box... Simone è il cantante e trombettista. Io sono il tastierista e elettronicista e Alessandro il chitarrista e vibroplettrista

 
Alle 9 dicembre 2013 21:58 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Per fortuna l'uragano è passato! E la neve per ora ancora non attecchisce.

 
Alle 9 dicembre 2013 21:59 , Anonymous vittorio ha detto...

e Alberto è The Man From Snowdonia himself!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:00 , Blogger Elle ha detto...

Avete suonato un forno a microonde? Non ho capito..

 
Alle 9 dicembre 2013 22:00 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

...ho recitato , ho cantato , ho suonato la tromba , ho lavorato sodo in questo disco !!! Manca poco ci muoio !!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:01 , Anonymous Alessandro ha detto...

Irene, è andata a vivere a Berlino, ma... prima o poi la raggiungeremo per qualche concerto!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, hai fatto bene a fare le presentazioni Vittorio ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:01 , Anonymous Alberto-snowdonia ha detto...

Se avete domande sui piatti tipici siciliani non esitate, eh...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

O magari voi andrete a suonare a Berlino, così Elle viene a sentirvi ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:02 , Anonymous vittorio ha detto...

Alligatore, parlavi di "intrecciarsi di arti"... è così, nel box non c'è solo musica.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:02 , Anonymous Alessandro ha detto...

Ricordo... degli speciali involtini di melanzana e mozzarella mangiati sul monte Erice...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:04 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Oltre al disco 3 , io adoro il disco 2 MICROONDE & VIBROPLETTRI

 
Alle 9 dicembre 2013 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo? … è il titolo di uno dei tre cd della confezione, quello più rappresentativo? Quello più vostro?

 
Alle 9 dicembre 2013 22:05 , Anonymous vittorio ha detto...

è che la musica non è mai stata per noi una "evasione" dalla realtà, ma una parte della realtà, e quindi... npuò benissimo intrecciarsi con altri aspettid ella realtà. Immagini, letetratura, politica...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:05 , Anonymous Alessandro ha detto...

Riguardo al titolo...
inevitabilmente, abbiamo un legame affettivo particolare con il terzo album, che vede i Deadburger all’opera come band e non come singoli membri (sebbene la distinzione non sia affatto netta: il primo album non è accreditato alla band, ma tutti i membri vi appaiono lo stesso).

 
Alle 9 dicembre 2013 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, non si evade tanto per evadere ... anzi,non si evade, punto.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:06 , Anonymous vittorio ha detto...

Ma, aspetti sentimentali a parte… nel box nessuno dei tre album è “più rappresentativo” degli altri. Sono stati tutti e tre realizzati con la medesima cura e passione, e tutti e tre hanno la stessa importanza nell’economia complessiva del progetto.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:07 , Blogger Elle ha detto...

Sì sì io al concerto ci vengo, ma prima voglio sentire del disco! ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:07 , Anonymous vittorio ha detto...

La realizzazione per cui il terzo album ha dato il titolo a tutto il box è che… “LA FISICA DELLE NUVOLE” ci sembra un titolo bellissimo.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche Puro Nylon non sarebbe stato male ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:08 , Anonymous alessandro ha detto...

poi, la “fisica delle nuvole” esiste davvero.
E’ una branca della fisica atmosferica, e studia i processi con cui le nubi si formano, crescono, e poi precipitano.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:08 , Anonymous vittorio ha detto...

Elle, per sentire i dischi basta andare sul Bandcamp di SNOWDONIA... ci sono tutti e tre :)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

100%

 
Alle 9 dicembre 2013 22:09 , Anonymous Alessandro ha detto...

...ma se anche non esistesse, questa branca della scienza, un nome del genere bisognerebbe inventarlo.
Io trovo bellissimo l’accosto di un termine scientifico e di un qualcosa, come le nuvole, che da sempre affascina poeti e innamorati, pittori e sognatori.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:09 , Anonymous vittorio ha detto...

Se ci pensi bene, la parola “FISICA” evoca la tecnica, mentre la parola “NUVOLE” evoca l’emozione.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:10 , Anonymous vittorio ha detto...

“La Fisica Delle Nuvole” è un’espressione che mette insieme mondi apparentemente antitetici.
La lucidità razionale e i moti irragionevolissimi del cuore.
La pesantezza del metallo dei laboratori e la leggerezza di acqua che vola.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, è un titolo che ìngloba l'umano, il poetico, con il tecnico, il tecnologico ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:11 , Anonymous vittorio ha detto...

Il pensiero e l’istinto.
Lo sguardo oggettivo e quello soggettivo.
E’ tutto quello che vorrebbero essere i Deadburger!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Una cosa da Uomo Nuovo ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:11 , Anonymous Alessandro ha detto...

Yeahhh!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:12 , Blogger Elle ha detto...

Grazie Vittorio!
Anche se per oggi lo metterò tra i preferiti e basta, perché ho una connessione che rema contro lo streaming musicale :(
(residui di uragano?)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:12 , Anonymous vittorio ha detto...

era un titolo che riassumeva un pò la nostra storia. Abbiamo sempre provato a mettere insieme ricerca e emozione

 
Alle 9 dicembre 2013 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Sturm und Drang.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:13 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

Non c'entra niente ma volevo dire che, come solido reazionario, sono fierissimo di aver pubblicato un lavoro del genere. Il lavoro più fuori dal tempo del più anacronistico dei gruppi italiani. Un cofanetto in un'epoca nella quale il supporto fisico non se lo fila più nessuno, pubblicato da un gruppo che fa della cura maniacale dei dettagli e della composizione la propria cifra stilistica. Proprio oggi, appunto, che la sciatteria e il dilettantismo sono valori fondanti dell'estetica. Pensiamo ai Cani. Canzoni abbozzate, cantate male, non prodotte, sciatteria ricercata maniacalmente. I Deadburger sono come i fantasmi a Roma dell'immortale capolavoro di Pietrangeli.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è stata la genesi del box, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

 
Alle 9 dicembre 2013 22:16 , Anonymous vittorio ha detto...

fin da quando abbiamo iniziato a lavorare su questo box (quasi cinque anni fa) eravamo perfettamente consapevoli che si trattava di una missione suicida

 
Alle 9 dicembre 2013 22:17 , Anonymous vittorio ha detto...

proporre un oceano di "musiche altre" in un momento in cui nessuno "ha più tempo" per sentire un disco per intero

 
Alle 9 dicembre 2013 22:18 , Anonymous vittorio ha detto...

proporre 24 brani nemmeno uno dei quali rispetta il format "strofa-ritornello"

 
Alle 9 dicembre 2013 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Una cosa rivoluzionaria, altro che...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

 
Alle 9 dicembre 2013 22:20 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Per quanto mi riguarda è stato un piacevole appuntamento negli anni, quello di andare in studio a più riprese anche lontane nel tempo per aggiungere, modificare, rivedere, smussare. Sempre con il sapiente sostegno e la guida di Vittorio.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:20 , Anonymous vittorio ha detto...

è stato un lavoro enorme, ma non solo per le dimensioni. Ci chiedi la genesi del box... potrei risponderti: nessuna regola. Brano per brano, siamo partiti da una traccia iniziale e abbiamo sperimentato un sacco di soluzioni diverse

 
Alle 9 dicembre 2013 22:21 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Cazzo non riesco a scrivere !!! Ma mi vedete ???
PERSONALMENTE TUTTI E TRE I DISCHI LI SENTO MIEI , certo il terzo e' 100% deadburger Jazz psichedelica voci pazze voci recitate voci dA Cantante ! Mi PIACE MOLTO IL MECCANISMO ( del disegno stesso ) DEADBURGER !!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:21 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Beh, rispondevo alla domanda precedente, scusate, sono un po' lenta. Gli aneddoti non sono il mio forte

 
Alle 9 dicembre 2013 22:21 , Anonymous vittorio ha detto...

abbiamo lasciato ai brani il tempo per "crescere", un poco per volta, come figlioli

 
Alle 9 dicembre 2013 22:22 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Non mi caga nessuno !!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:22 , Anonymous vittorio ha detto...

scusaci se siamo lenti a rispondere... è la prima blog-intervista. Ci chiedi episodi... ecco che arrivano...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:24 , Anonymous vittorio ha detto...

Comincio con gli episodi top. Al primo posto (per me): la faccia di mia moglie quando mi ha sorpreso alle sei di mattina in cucina, di fronte a registratore e microfono, mentre mi accanivo sul povero forno a microonde DeLonghi.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

State andando benissimo,vi leggo e sento tutti, ognuno con il suo tempo ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:25 , Anonymous vittorio ha detto...

Il primo concerto dell’ottetto acustico-psichedelico al Teatro Lux di Pisa. Era la prima volta che suonavamo acustici, e la prima che salivamo sul palco in otto, e avevamo provato pure poco… e inspiegabilmente, venne fuori una serata fantastica. Con un attore, Davide Grassilli, che fece un'ottima interpretazione dell'imbalsamatore di Lenin!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:25 , Anonymous alessandro ha detto...

episodio top

quando a forza di percuoterlo mi si è rotto il vibratore.
Nessuno credeva che si fosse rotto suonando una chitarra...
Ma dai... dicevano... a chi la vuoi raccontare...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:26 , Anonymous vittorio ha detto...

Il piacere di collaborare con alcuni dei nostri musicisti preferiti di sempre, come Paolo Benvegnù (grandissimo artista, e essere umano ancora migliore). O lo straordinario Enrico Gabrielli

 
Alle 9 dicembre 2013 22:27 , Anonymous Alessandro ha detto...

episodio top

il momento magico in cui, in studio di registrazione, a notte – proprio prima di spengere tutto e fare festa – il gruppo tirò fuori una improvvisazione vertiginosa, in stile Sun Ra, che è diventata il brano “Starburger”...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:27 , Anonymous vittorio ha detto...

Giulia Sarno degli UnePassante, che di solito canta in inglese… invitata a cantare sul brano conclusivo del box, si schermiva, dicendo che non sapeva se sarebbe stata in grado… e invece se ne venne fuori alla prima con una voce da colpo al cuore

 
Alle 9 dicembre 2013 22:28 , Anonymous vittorio ha detto...

La prima rappresentazione teatrale di “Puro Nylon”, al Teatro Comunale di Barberino. Entrammo sul palco a luci spente e io feci crollare fragorosamente le mie tastiere. Roba da Franchi e Ingrassia

 
Alle 9 dicembre 2013 22:28 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Ahahaahah non vado a tempo !!! Arrivo dopo !!!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Giulia, già passata qui due volte, è abituata a cose "sperimentali"... la ricordo nel suo primo disco a cantare sotto la doccia.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Episodi da scriverci un libro ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Magari a fumetti ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:30 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Bellissima esperienza

 
Alle 9 dicembre 2013 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Se La fisica delle nuvole fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 9 dicembre 2013 22:32 , Anonymous vittorio ha detto...

magari finiremo in una delle prossime "Canzoni in A4" di Paolo Bacilieri

 
Alle 9 dicembre 2013 22:32 , Anonymous alessandro ha detto...

siamo "elettroplasmi" nei cavi della rete, a volte troviami degli intoppi...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:33 , Anonymous vittorio ha detto...

....se fosse un concept album... sarebbe un "multi-concept". Perchè di idee guida ce n'è stata più d'una

 
Alle 9 dicembre 2013 22:34 , Anonymous vittorio ha detto...

Per esempio, una è il desiderio di decelerare...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:35 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Interessante !!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:37 , Blogger Elle ha detto...

Bellissimi episodi..
(povero vibratore, nemmeno lui tiene il ritmo a lungo..)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:37 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Altri tema: fare pulizia. Pulizia interiore.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:38 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

!!!!!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:38 , Anonymous vittorio ha detto...

Un'altra direzione è la ricerca di una nuova concezione di psichedelia, senza revivalismi. E potrei continuare per un pezzo. Ma la direzione più importante, secondo me...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:38 , Anonymous Alessandro ha detto...

Ricordate i concept album (long playng) al tempo del vinile?
Avevano spazio in abbondanza per la grafica ed i testi rispetto ai CD di adesso.
Per questo abbiamo assemblato un vero libro di 70 pagine a completamento del lavoro musicale con tutti i nostri pensieri e fonti di ispirazione.
La Fisica delle Nuvole" non nasce come un concept album, ma ne ha tutti i requisiti!

 
Alle 9 dicembre 2013 22:41 , Blogger Elle ha detto...

Io sono sempre più curiosa di vederlo fisicamente questo triplo album, più libro, più disegni.. perché tre è il numero perfetto, e perché dietro un lavoro ce ne sono sempre tanti altri, non di semplice contorno..

 
Alle 9 dicembre 2013 22:42 , Anonymous vittorio ha detto...

…la direzione più importante, per me, è (rubo l’espressione al Michele Serra d.o.c. di Cuore) una dichiarazione di “resistenza umana”.
Il nostro album precedente era cupo, imploso, una riflessione della merda in cui siamo immersi.
Questo box è la reazione. Come dice il testo di Vonnegut che abbiamo usato per la title track…. “cercare di togliere merda da ogni cosa”

 
Alle 9 dicembre 2013 22:43 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

E' un libretto meraviglioso.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:43 , Anonymous vittorio ha detto...

Non arrendersi alla bruttura dell’esistenza.
Questo spiega perché il terzo album del box è il lavoro più votato alla psichedelia tra tutti quelli che i Deadburger abbiano mai inciso.
La psichedelia che avevamo in mente non era di tipo escapista (“mi stono, e mi scordo per qualche ora di tutta la merda”), ma, appunto, di “resistenza umana”.
Cercare di aprire la mente… di riattivare le sinapsi addormentate, rincoglionite dall’inutilità obbligatoria… per poi affrontare l’Oceano di Merda con sguardo più licido. Con determinazione maggiore. Il contrario, direi, dell’escapismo.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:44 , Blogger Elle ha detto...

Ottima reazione, togliere la merda da ogni cosa..

 
Alle 9 dicembre 2013 22:44 , Anonymous vittorio ha detto...

lucido, non "licido" (sorry)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:44 , Anonymous vittorio ha detto...

lucido, non "licido" (sorry)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Lucidi, lucidi...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:46 , Anonymous vittorio ha detto...

Elle, ti suggerisco di leggere il brano di Vonnegut sul "togliere merda da quasi ogni cosa". Lo trovi sempre sul Bandcamp Snowdonia, insieme alla title track

 
Alle 9 dicembre 2013 22:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Alla fine dell'ascolto dei tre cd si è più lucidi, sì ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:47 , Anonymous vittorio ha detto...

La citazione completa è:
“Eccomi qua, a togliere merda da quasi ogni cosa. E: nessun dolore”.. Trovo in questa singola riga più saggezza che in ogni testo religioso o filosofico o politico nel quale mi sia mai imbattuto.
Pensa che meraviglia sarebbe un universo i cui abitanti si ponessero questi obiettivi.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

... e anche dopo la lettura del libretto interno.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri di tutta la raccolta? … che vi piace di più fare live?

 
Alle 9 dicembre 2013 22:49 , Anonymous vittorio ha detto...

credo, Alligatore, che il libretto interno... in particolare, il "POOR ROBOT'S ALMANACK"... sarebbe stato in sintonia con il mondo di FRIGIDAIRE

 
Alle 9 dicembre 2013 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

... certo, direi, lo è ;)
Magari ritorna ...

 
Alle 9 dicembre 2013 22:51 , Anonymous vittorio ha detto...

su brani cresciuti un pò per volta come figlioli... è difficile esprimere preferenze... tra figlioli non si fa! Comunque... se dovessi dire un brano che mis embra particolarmente rappresentativo, forse direi "Il Mare è scomparso"

 
Alle 9 dicembre 2013 22:53 , Anonymous vittorio ha detto...

"Il mare è scomparso" ha un intreccio classicheggiante di violino e flauto ma non suona minimamente "classicheggiante"; ha una parte di fiati alla Keith Tippett Group, ma non suona "jazz"... ha una bella parte di voci (grande Simone!), ma non suona come una "canzone". E' secondo me un esempio di musica che è impossibile "file under" qualche cazzo

 
Alle 9 dicembre 2013 22:54 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Lo so che è politically "scorrett", i figli sono tutti belli e si vuole loro bene in eguale misura, ma io non mi stancherei mai di ascoltare (e suonare su) "La Signorina Richmond" (P.S. Con pulizia interiore mi riferivo esattamente a quel verso: "togliere merda da quasi ogni cosa e nessun dolore." In cui per altro quel "nessun dolore" mi è sempre parso una provocazione, è impossibile non provare dolore, ma si tratta di catarsi e dunque dal dolore si arriverà a uno stadio più alto, una sorta di pathei mathos, conoscenza attraverso il dolore.)

 
Alle 9 dicembre 2013 22:55 , Anonymous Alessandro ha detto...

Secondo il locale dove suoneremo, abbiamo pronti due set.
Uno acustico (o quasi...) ed uno "power".
La settimana scorsa ho riascoltato i 3 CD tutti di seguito.
Non li risentivo da luglio scorso.
"Ogni scarafone" è bello a mamma sua" dicono a Napoli, ma effettivamente non saprei quale secgliere.
Azzardo... "cose che si rompono"

 
Alle 9 dicembre 2013 22:55 , Anonymous vittorio ha detto...

dal vivo mi diverte particolarmente "Amber", perchè ha un andamento d atrance ipnotica che si presta molto a venire dilatato in improvvisazioni

 
Alle 9 dicembre 2013 22:57 , Anonymous Alessandro ha detto...

Simone ci sei?

 
Alle 9 dicembre 2013 22:58 , Blogger Elle ha detto...

La citazione è bella, ma non so se sarebbe un mondo migliore, perché in fondo: la merda è relativa. Anche se fosse l'obiettivo di ognuno, non è detto che sarebbe un obiettivo comune.

 
Alle 9 dicembre 2013 22:58 , Anonymous vittorio ha detto...

tieni presente che i nostri brani sono un work in progress permanente. Ad ogni concerto cambiano veste e arrangiamenti. All'ultima prova, abbiamo messo su una bella versione di gruppo del "Dentista di Tangeri", che su cd è suonata solo da Alessandro. Abbiamo creato un nuovo arrangiamento tipo spy story in acido

 
Alle 9 dicembre 2013 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Difficile dire un titolo, ma Bruciando il piccolo padre è tosta ... e Arando i campi di vetro, Strategia del topo sperimentalismo puro ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:01 , Anonymous vittorio ha detto...

Elle, cerco di riportarti (a memoria, quindi perdonami se non è precisa l 100%) un’altra frase di Vonnegut, tratta dal suo “Cronosisma”:
“Ciò che rende la vita quasi degna di essere vissuta sono i santi che incontro”. (Nota: Vonnegut non è credente, come non lo sono io, quindi usava il termine “santi” in accezione non religiosa). “Per santo, intendo una persona che si comporta decentemente in una società indecente ”.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:01 , Anonymous Alessandro ha detto...

"Il dentista di Tangeri"
l'abbinamento della composizione con il titolo, mi mette i brividi ogni volta che la sunoniamo.
Brividi di terrore.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:03 , Anonymous vittorio ha detto...

Dal vivo "Bruciando il piccolo padre" viene una fucilata. Ma stiamo mettendo su anche una versione di gruppo di "Arando i campi di vetro". Sarà più difficile riuscire a fare live "Strategia del topo" (ci vorrebbe una strumentazione complessa per usare i microonde dal vivo), ma mai dire mai :)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Copertina, disegni interni, poster, tutto è curato nei minimi dettagli. Accanto a voi, nell’aspetto grafico, un grande del disegno, quale Paolo Bacilieri (ricordo Sweet Salgari, perché ne ho scritto sul mio blog), ma di lui potremmo dire molte cose: talento incredibile, tante cose fatte. Come l’avete scelto? Come avete lavorato insieme?

 
Alle 9 dicembre 2013 23:05 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Spero di si !!!! Io adoro "il mare e' scomparso " e la Signorina mi diverte interpretarla anche se mi faccio un culo enorme altro che MASTER CHEF o come cazzo si scrive

 
Alle 9 dicembre 2013 23:05 , Anonymous vittorio ha detto...

Bacilieri è un artista che sfugge ad ogni definizione. Uno che mantiene il proprio stile sia quando disegna albi
per ragazzi della Bonelli, sia quando si dedica a fumetti porno ultra-weird (il suo primissimo libro, “PHONX”, era la storia di una ragazza rapita che seduceva il suo carceriere… facendosi asciugare la passera col phon!).
Uno che ha pubblicato biografie a fumetti di due personaggi un tantinello diversi: Patty Pravo e… il pluriomicida
e parricida Pietro Maso (“SuperMaso attitude”).
Ma anche graphic novels di struggente malinconia, come “Sweet Salgari”, un capolavoro assoluto.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:05 , Blogger Elle ha detto...

Allora cambia tutto, hai ragione, se tutti avessero questo obiettivo il mondo sarebbe migliore (un po' noioso forse).

 
Alle 9 dicembre 2013 23:08 , Anonymous vittorio ha detto...

Abbiamo pensato a lui perchè, come i Deadburger, è un Giano Bifronte: ha una faccia "tecnologica" (la cura assoluta che mette nelle proporzioni, nelle prospettive, nei dettagli... pensa ai suoi incredibili edifici)e una faccia visionaria/emozionale

 
Alle 9 dicembre 2013 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Perfetto Bacilieri per voi, per questo box intergalattico ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove avete presentato/presenterete l’album? …

 
Alle 9 dicembre 2013 23:09 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

Io che di fumetti non so nulla non l'avevo mai sentito nominare. Imbarazzante.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:11 , Anonymous vittorio ha detto...

Elle, interpreto il "noioso" con la famosa battuta di Oscar Wilde: "preferisco il Paradiso per il clima e l'inferno per la compagnia". Ma, battute a parte, non è detto che chi cerca di comportarsi decentemente sia noioso. A me annoiano molto di più i trilioni di scorretti, ipocriti e teste di cazzo

 
Alle 9 dicembre 2013 23:11 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

CRISTO !!! Non vedo l'ora di suonAre dal vivo per vedere come vengono queste tracce

 
Alle 9 dicembre 2013 23:13 , Anonymous vittorio ha detto...

La prima presentazione dal vivo è stata a una galleria d'arte contemporanea di Firenze, lo Studio Rosai (in versione "musica da camera psichedelica"). Adesso stiamo mettendo su il nuovo set live ad alto volume. La prima data sarà a febbraio alla Centrale di Pisa

 
Alle 9 dicembre 2013 23:14 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Io non vedo l'ora di portarvi/ci tutti qui a Berlino a suonare!!! (Scusate la note personale-emotiva: "mi mancate ragazzi!!!!")

 
Alle 9 dicembre 2013 23:14 , Anonymous vittorio ha detto...

e ci saranno nuovi musicisti e nuovi arrangiamenti e brani che non abbiamo mai fatto prima dal vivo

 
Alle 9 dicembre 2013 23:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Saremo tutti berlinesi ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:15 , Anonymous Alessandro ha detto...

Irene, siamo pronti!
Dacci il via!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:15 , Anonymous vittorio ha detto...

Irene, facci un fischio, e io ho già le valigie pronte

 
Alle 9 dicembre 2013 23:17 , Anonymous vittorio ha detto...

sarei felice di suonare a Berlino anche perchè tra i miei musicisti preferiti ci sono un bel pò di tedesci (Can e Faust per primi)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:17 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Lo so lo so! Ci sto lavorando!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:18 , Blogger Elle ha detto...

No, io intendo che se tutti ci comportassimo decentemente saremmo annoiati, non noiosi. Non avremmo nulla contro cui lottare.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Ne parleremo a Berlino Elle ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:19 , Anonymous vittorio ha detto...

Elle, non ti preoccupare... non ci basterebbero duecento vite per avere un mondo in cui non ci siano più motivi di lottare...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Al concerto dei Deadburger ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:20 , Blogger Elle ha detto...

(no scusate io sono lentissima, siete già andati oltre)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:21 , Anonymous alberto-snowdonia ha detto...

In realtà quando Vittorio parla di comportarsi "decentemente" non credo proprio intenda l'essere bravi ragazzi politicamente corretti. Anzi, l'essere "teppisti" in determinati contesti fa parte del bagaglio decenza. Scusa Vittorio se mi permetto di interpretarti.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:21 , Anonymous vittorio ha detto...

se poi pensiamo che per molti il "cambiamento" (che è la prima forma di lotta) si esprime nella figura di Renzi...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:21 , Blogger Elle ha detto...

eh eh è vero Vittorio..
Sì anche io vi aspetto tutti a Berlino!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che su Renzi, possiamo metterci una bella pietra sopra ...intendo che stiamo finendo l'intevista ;)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:22 , Anonymous vittorio ha detto...

Alberto, interpretazione perfetta. I "bravi ragazzi" di facciata sono spesso l'acme dell'indecenza

 
Alle 9 dicembre 2013 23:22 , Anonymous Alessandro ha detto...

Vi saluto!
Grazie Alligatore, e grazie a tutti.
Allora... ci vediamo a Berlino!

alex

 
Alle 9 dicembre 2013 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Domandona finale ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Alexander Platz intendi?

 
Alle 9 dicembre 2013 23:23 , Anonymous vittorio ha detto...

non a caso, il brano che usiamo sempre in chiusura dei nostri live (tratto da un nostro vecchio album, ma sempre attuale)dice: "Lascia un colpo in canna, Luther, per quei bravi ragazzi"

 
Alle 9 dicembre 2013 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Alex ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:24 , Anonymous Alessandro ha detto...

Perchè no...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Luther Blisset Project ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non vi ho fatto, un appello, un saluto a qualcuno, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente … troppe cose?

 
Alle 9 dicembre 2013 23:25 , Anonymous vittorio ha detto...

grazie Alligatore, siamo stati bene nella palude

 
Alle 9 dicembre 2013 23:25 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Ragazzi grazie tante della bella chiacchierata! E grazie Alligatore per questa bella opportunità. A breve le date berlinesi ;-)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:25 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Berlino stiamo arrivando

 
Alle 9 dicembre 2013 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Deadburger live in Berlin, vedo il titolo del vostro prossimo disco (un tripo live).

 
Alle 9 dicembre 2013 23:27 , Blogger Alligatore ha detto...

...triplo :)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:27 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Un saluto all'home studio di Vittorio. Impagabile!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:27 , Anonymous vittorio ha detto...

salutiamo tutti i Deadburger passati e futuri (siamo una formazione supervariabile, ma ci fa sempre piacere tornare a incrociare i nostri strumenti), Irene per prima. Salutiamo Elle che ringraziamo pe rla partecipazione, Alberto (e Cinzia), e te Diego epr l'ospitalità. Alla prossima!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:28 , Blogger simone gualty tilli ha detto...

Arrivederci Alligatore !!!!

 
Alle 9 dicembre 2013 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Ragazzi, faccio fatica a salutarvi tutti, e allora dico grazie alla Deadburger Factory...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:29 , Blogger Elle ha detto...

Ciao ragazzi, grazie a voi. Ci vediamo nella palude berlinese allora ;)
Buonanotte.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:29 , Anonymous Alberto-snowdonia ha detto...

Grazie a tutti, saluti, baci e abbracci. Ora mi metto in auto per tornare a casa. Se dovessi morire questa intervista diventerebbe preziosissima.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:30 , Anonymous vittorio ha detto...

Buona notte a tutti, stacco e... vado a cena! (Microonde, arrivo)

 
Alle 9 dicembre 2013 23:30 , Blogger Irene Orrigo ha detto...

Alberto! Guida con prudenza! :-) Ciao a tutti

 
Alle 9 dicembre 2013 23:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Be' dai, questa intervista è già preziosa di suo ...guida piano.

 
Alle 9 dicembre 2013 23:31 , Anonymous Alessandro ha detto...

No Alberto! Meglio se per strada trovi un UFO che ti rapisce, poi torni a casa e scrivi un libro, poi diventi famoso, poi fai un film, poi...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:31 , Anonymous vittorio ha detto...

Alberto, cerca di non schiantarti. Tu sai (non lo abbiamo detto quasi a nessuno) che il box è la prima parte di un dittico. Se ti schianti, con chi lo pubblichiamo? Ciao a tutti (sul serio), microonde arrivo

 
Alle 9 dicembre 2013 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, e poi ti voglio in palude la prossima volta ...

 
Alle 9 dicembre 2013 23:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna alla Deadburger Factroy.

 
Alle 10 dicembre 2013 14:04 , OpenID Hol ha detto...

Adoro queste interviste! Complimenti ai Deadburger!
Bravissimo come sempre il Bac.

 
Alle 11 dicembre 2013 21:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Hol, lo so, lo so ...

 
Alle 12 dicembre 2013 18:22 , Blogger Elle ha detto...

Ecco, volevo dire anche qui, in ottemperanza alla tradizione (mia) di cercare la canzone preferita, che l'ho trovata, ora che finalmente sono riuscita ad ascoltare i tre album: è Bruciando il piccolo padre. Ma tutti e tre gli album mi piacciono :)

 
Alle 12 dicembre 2013 21:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma è la mia preferita, me la rubi? Be' dai, sarà la nostra canzone ;)*

 
Alle 12 dicembre 2013 21:36 , Blogger Elle ha detto...

Ma la tua non era quella del topo?
Ok, sarà nostra ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page