giovedì 3 marzo 2011

Intervista ai Synusonde


Questa sera sul blog dell’Alligatore arrivano i Synusonde, che ringrazio subito per aver anticipato di un giorno l’arrivo nella palude, per la loro musica, per l’impegno nella ricerca di qualcosa che vada un po’ più in là del semplice concetto di canzone. Sì, perché è questo che colpisce ascoltando il recente Yug, cd uscito per l’indipendente sofisticata Minus Habens Records: musica dinamica, pezzi unici, brani incredibili tra le avanguardie novecentesche e la più moderna elettronica.

I Synusonde nascono dall’incontro tra il compositore elettronico Paolo F. Bragaglia con il pianista di formazione classica Matteo Ramon Arevalos. Incontro/scontro tra classico e moderno, tra acustica ed elettronica, tra emozione e freddezza. Ti pare di vedere i suoni mentre escono dal lettore cd, come una magia strana. Saranno le ondes Martenot, raro strumento degli anni ’20, suonato in Motetus II da Bruno Perrault? Sarà che non siamo più abituati a cercare cose nuove, e appena arrivano restiamo stupiti? Saranno molte cose da dire e da sottolineare riguardo Yug. Lo faremo nell’intervista che va ad incominciare. Pronti Synusonde?

VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/synusonde

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , ,

180 Commenti:

Alle 3 marzo 2011 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci siete? ... percepisco la vostra presenza.

 
Alle 3 marzo 2011 21:33 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Pronti, eccoci nella palude!!

 
Alle 3 marzo 2011 21:34 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Ci sono! Ciao Diego!

 
Alle 3 marzo 2011 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuto Paolo, benvenuto Matteo ...

 
Alle 3 marzo 2011 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuti Synusonde

 
Alle 3 marzo 2011 21:35 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Come va? Grazie per le belle parole sul nostro lavoro..

 
Alle 3 marzo 2011 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che va bene ... ho in sottofondo "Yug".

 
Alle 3 marzo 2011 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora possiamo partire.

 
Alle 3 marzo 2011 21:37 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Porterà fortuna!

 
Alle 3 marzo 2011 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Dicono ...

 
Alle 3 marzo 2011 21:38 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Siamo pronti!

 
Alle 3 marzo 2011 21:39 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Pronti, da Ravenna con un po' di neve!

 
Alle 3 marzo 2011 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

L'ho vista in una foto di un'amica blogger la Ravenna sotto la neve ...

 
Alle 3 marzo 2011 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora ... chi sono i Synusonde?

 
Alle 3 marzo 2011 21:41 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

A MI solo tanta pioggia...

 
Alle 3 marzo 2011 21:42 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Un musicista/ compositore elettronico che ha iniziato ai tempi della new wave a "spippolare" sui synth ed un talentuoso pianista/compositore di formazione classica.

 
Alle 3 marzo 2011 21:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Un incontro fortunato o voluto/cercato?

 
Alle 3 marzo 2011 21:43 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

un pianista compositore, nato inizialmente come batterista passato poi alla musica classica - contemporanea - musica in genere

 
Alle 3 marzo 2011 21:45 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Incontro fortuito.

 
Alle 3 marzo 2011 21:45 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

un incontro fortunato, dopo un concerto nel 2007

 
Alle 3 marzo 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Quattro anni, dunque... e subito Synusonde.

 
Alle 3 marzo 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome?

 
Alle 3 marzo 2011 21:47 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Subito non direi, visto che ci abbiamo messo quattro anni a fare il primo CD.. : )

 
Alle 3 marzo 2011 21:48 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Subito, ma con un percorso travagliato. Primo concerto subito nel 2007 a Strasburgo, poi la nascita fino ad oggi di tutti i brani di Yug

 
Alle 3 marzo 2011 21:49 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Synusonde perché suona antico e moderno al tempo stesso, assomiglia alla parola sinusoide che è la forma d'onda che non si trova in natura, ed è quindi appannaggio della generazione sintetica del suono, c'è la parola " onde " che è francese e rimanda sempre al suono nei sui aspetti fisici elementari.
È anche il nome dell'ondes martenot, l'antico strumento elettronico degli anni '20 che è presente anche sul disco e, puff, pant, c'è anche la radice syn, che sta in synth, synthetic, etc...

 
Alle 3 marzo 2011 21:50 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

dopo il nostro primo concerto a Strasburgo, città di Bruno Perrault, durante il viaggio di ritorno in macchina verso l’Italia, Paolo aveva iniziato a parlare di Synusonde, onde sinusoidali.

 
Alle 3 marzo 2011 21:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Un nome che dice molto su di voi, quindi.

 
Alle 3 marzo 2011 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Stavate nascendo durante quel viaggio come Synusonde...

 
Alle 3 marzo 2011 21:51 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si direi che è uno dei casi in cui ci si può riconoscere nel nome in maniera quasi didascalica..

 
Alle 3 marzo 2011 21:52 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

si un connubio tra il "moderno" (elettronica) e l'"antico" (pianoforte)

 
Alle 3 marzo 2011 21:52 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Infatti è proprio durante quel viaggio che è nata l'idea del duo così come poi si è concretizzata..

 
Alle 3 marzo 2011 21:53 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

si, primo step!

 
Alle 3 marzo 2011 21:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce una vostra canzone?

 
Alle 3 marzo 2011 21:54 , Blogger Alligatore ha detto...

… anche se “canzone” non è il termine più esatto. Potremmo parlare di brani, pezzi, quadri …

 
Alle 3 marzo 2011 21:55 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

ogni volta in un modo diverso, da un’idea musicale di Paolo nasce la partitura pianistica e viceversa o per caso insieme passando ore in studio

 
Alle 3 marzo 2011 21:55 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Condivido pienamente, a Sanremo con queste "canzoni" non ci prenderebbero mai. : )

 
Alle 3 marzo 2011 21:56 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Davvero nascono nei modi più imprevisti e disparati : suggestioni visive, campioni andati a male, improvvisazioni sul piano, scrittura "old school"..no limits

 
Alle 3 marzo 2011 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai dire mai ... nel 2037 Synusonde primi a Sanremo

 
Alle 3 marzo 2011 21:58 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si, sarà un'Italia moolto diversa da quella che conosciamo... quasi quasi...

 
Alle 3 marzo 2011 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Vedremo, vedremo ...

 
Alle 3 marzo 2011 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nati i brani del vostro recente cd “Yug”?

 
Alle 3 marzo 2011 22:01 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

E’ stato un percorso bellissimo e lungo, sviluppatosi da fine 2007 ad oggi, tra Strasburgo, Ravenna, Montefano, Ancona, Mostar e Milano. Ogni brano è impregnato di una sua vita propria.

 
Alle 3 marzo 2011 22:02 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Davvero non mi ricordo di tutte, comunque ogni brano ha una storia diversa. Certo è che abbiamo scartato molto materiale, proprio perché volevamo mantenere un'atmosfera piuttosto compatta pur nella diversità delle soluzioni musicali.

 
Alle 3 marzo 2011 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche a Mostar.

 
Alle 3 marzo 2011 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione?

 
Alle 3 marzo 2011 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

…A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 3 marzo 2011 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 3 marzo 2011 22:05 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si l'idea per "Luv" è nata proprio durante le prove per il concerto in un centro culturale di Mostar, due anni fa..
Choccati dal fatto che nel cortile a fianco del locale non si poteva andare poichè c'erano ancora le bombe...

 
Alle 3 marzo 2011 22:06 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Si, abbiamo suonato ad Abrasevich, un centro culturale molto interessante. Il paesaggio e le case attorno ancora distrutte dalla guerra!

 
Alle 3 marzo 2011 22:07 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

L'ispirazione: uno dei grandi misteri. Bioritimi, illuminazione trascendentale, velocità dei neuroni boh..

 
Alle 3 marzo 2011 22:07 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

La cosidetta ispirazione arriva e può arrivare in qualsiasi momento, rimane e permane dentro e fuori, un suono, un motivo musicale, momenti da tradurre! Se sono vicino al pianoforte, inizio a scrivere se no questo suono rimane come un piacevole mantra che vive e che eventualmente prenderà forma.

 
Alle 3 marzo 2011 22:08 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Verissimo quello che dice il buon Vedder, è proprio per questo che, dopo aver perso tutte le migliori idee delle mia vita, adesso nell'iphone ho tutte le applicazioni che servono per registrare e prendere appunti musicali, fossero anche pattern di drum machine… devo dire che l'abuso della tecnologia non mi piace ma in questo caso...

 
Alle 3 marzo 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

...in questo caso facciamone pure abuso.

 
Alle 3 marzo 2011 22:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Una curiosità nata dalla precedente domanda. Il titolo Yug deriva dall'esperienza a Mostar?

 
Alle 3 marzo 2011 22:10 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Appunto!!

 
Alle 3 marzo 2011 22:11 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

E' una parola multiforme è come un saluto per chi ascolta

 
Alle 3 marzo 2011 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone, meglio, brano in particolare che rappresenta il synusonde-sound?

 
Alle 3 marzo 2011 22:13 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

No e si...Yug è una parola molto antica, indoeuropea da cui appunto viene anche Yugoslavia (unione degli stati slavi), ma anche giogo, significa l'unione di cose diverse. Nel nostro caso mi piaceva pensare ad un progetto che ci facesse fare a me e Matteo la stessa strada..

 
Alle 3 marzo 2011 22:14 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Direi che abbiamo cercato di comporre un percorso composito, un mosaico dove tutti i tasselli sono fondamentali

 
Alle 3 marzo 2011 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, se “Yug“ fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 3 marzo 2011 22:15 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

il mosaico che si collega all'arte musiva per eccellenza di Ravenna

 
Alle 3 marzo 2011 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

... forse lo è.

 
Alle 3 marzo 2011 22:16 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si, forse lo è, ma non ce ne siamo accorti : )

 
Alle 3 marzo 2011 22:16 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Direi un'impressione su questa terra di mezzo nella quale ci troviamo a vivere, questo tempo sospeso tra passato e futuro, per me dai confini abbastanza indecifrabili.

 
Alle 3 marzo 2011 22:17 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

12 tessere musicali

 
Alle 3 marzo 2011 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Dodici tessere di un puzzle...indecifrabile finchè non si è completato, e poi si disfa e riascolta facendo un altro puzzle.

 
Alle 3 marzo 2011 22:18 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Ottimo, mi piace, forte!!

 
Alle 3 marzo 2011 22:19 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Si, un puzzle con disegni sempre diversi

 
Alle 3 marzo 2011 22:19 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Scardinare l'impressione che tutto è definito.. felice che nel nostro lavoro ci possa essere una prospettiva così "liquida"

 
Alle 3 marzo 2011 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Magia della musica, moderna e antica allo stesso tempo.

 
Alle 3 marzo 2011 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito presso Minus Habens Records con il supporto promozionale di AbuzzSupreme. Come vi siete trovati? Come prosegue la collaborazione con loro?

 
Alle 3 marzo 2011 22:21 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

La musica, è un mistero, più vado avanti e più me ne convinco..

 
Alle 3 marzo 2011 22:21 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

La musica: un'architettura invisibile!

 
Alle 3 marzo 2011 22:22 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Molto bene, tutti gran professionisti e ottimi amici. Eppoi ci lega anche il fatto di appartenere alla stessa generazione, si parla la medesima lingua.

 
Alle 3 marzo 2011 22:23 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Eccezionalmente bene, è raro incontrare persone come Ivan Iusco (musicista e Minus Habens) e Andrea Sbaragli (AbuzzSupreme) che credono e sostengono veramente quello che fanno. Paolo li conosce già da tempo, per me è stata una vera e propria scoperta conoscerli.

 
Alle 3 marzo 2011 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Me ne parlano tutti bene di Andrea, deve essere vero (oppure li minaccia tutti).

 
Alle 3 marzo 2011 22:25 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si minaccia, ma con fare molto amichevole... : )

 
Alle 3 marzo 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

:)

 
Alle 3 marzo 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

La foto della cover e del libretto interno è molto in linea con il cd. È nato prima il cd o prima l’artowork? … o insieme?

 
Alle 3 marzo 2011 22:26 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

È nato prima il cd, e poi l'artwork, sviluppato da Nicola di Caprio che è un bravissimo artista visivo e musicista..Ha voluto che gli mandassi delle foto che ho scattato un po' in giro per l'Europa ed il risultato è quello che hai sotto mano. Credo davvero che sia in linea con lo spirito e le atmosfere del disco.

 
Alle 3 marzo 2011 22:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto da utenti?...

 
Alle 3 marzo 2011 22:29 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Un buon rapporto, ma non maniacale, lo stretto necessario!

 
Alle 3 marzo 2011 22:29 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Connesso dal 1996, entusiasta, da sempe.

 
Alle 3 marzo 2011 22:29 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Non a caso sono "l'elettronico" del gruppo.

 
Alle 3 marzo 2011 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Già!

 
Alle 3 marzo 2011 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicanti, il rapporto con la Rete delle Reti e le nuove tecnologie in genere?

 
Alle 3 marzo 2011 22:31 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Contraddittorio, come potrebbe essere altrimenti? Internet ha contribuito in maniera determinante a "demolire" il mondo nel quale siamo cresciuti. Nulla è più come prima (nemmeno il valore di quello che si fa livello musicale). Però se penso che 12 anni fa , dopo aver lavorato tutta la notte in studio nel Marche (da dove vengo) prendevo l'eurostar delle 5 ad Ancona per poter essere a Milano alle 9 soltanto per consegnare una cassetta DAT con un provino..E magari non andava bene… capisci che oggi guardo alla rete con un misto di gratitudine e commozione… : )

 
Alle 3 marzo 2011 22:32 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Non uso troppo le tecnologie, in musica mi ritengo un artigiano, il pianoforte per fortuna funziona anche senza corrente, per scrivere la musica utilizzo ancora carta e matita, utilizzo però Sibelius come programma di scrittura delle partiture, per ricopiare il lavoro finale soprattutto per organici strumentali più numerosi per ensembles o orchestra.

 
Alle 3 marzo 2011 22:33 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Eppoi non si potrebbe nemmeno fare un'intervista così, senza la rete!

 
Alle 3 marzo 2011 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Come non concordare con Paolo? ...su tutto. E che bello sapere che esiste ancora qualcosa che funziona anche senza corrente, come il Pianoforte di Matteo.

 
Alle 3 marzo 2011 22:36 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Giusto caro Alligatore, secondo me è sempre da cercare la sintesi nelle cose. Apocalittici & integrati.. ; )

 
Alle 3 marzo 2011 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Bianco e nero, come i tasti del piano, ma non quelli del pc, che sono uniformi (sarà un caso?).

 
Alle 3 marzo 2011 22:37 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Metafora quanto mai arguta..un autentico spunto di riflessione..

 
Alle 3 marzo 2011 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Myspace vi sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? ... superato da Facebook? Anche se ormai Facebook non è più la moda del momento …

 
Alle 3 marzo 2011 22:39 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Sono tutti dei buoni mezzi, è vero vanno a momenti, sono mode, preferisco comunque suonare o comunicare dal vivo e avere in generale un contatto diretto con le persone.

 
Alle 3 marzo 2011 22:40 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Myspace mi sembra un po' decotto: troppo lento, farraginoso, e tutto teso ad inseguire già altri social network su una strada che non è la sua…Ha perso quella linearità che lo contraddistingueva..

 
Alle 3 marzo 2011 22:41 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Facebook lo trovo un po' squalliduccio, ma onestamente devo dire che funziona alla grande..

 
Alle 3 marzo 2011 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Torniamo al territorio allora ...

 
Alle 3 marzo 2011 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Siete (ora) a Milano e Ravenna. Quanto ha influito nel vostro fare musica queste origini? Meglio nascere in una grande o piccola città per fare musica?

 
Alle 3 marzo 2011 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Ininfluente?

 
Alle 3 marzo 2011 22:43 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Myspace rimane comunque uno strumento molto comodo per far ascoltare il proprio lavoro, credo però che allo stato attuale non potrebbero nascere dei nuovi arctic monkeys.

 
Alle 3 marzo 2011 22:43 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Un posto forse vale l’altro, anche se vivendo in città piccole è più faticoso trovare materiali di lavoro musicale e non, libri, spartiti, ecc….. anche le possibilità di incontri con altri musicisti sono più facili nei grandi centri, meglio le grandi città, ma anche in quelle piccole, per brevi periodi, racchiudono in se molta poesia. Comunque sono spesso in movimento.

 
Alle 3 marzo 2011 22:45 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Io sono Marchigiano, della campagna di Recanati, trapiantato a Milano per lavorare ( nella musica)
Bella la provincia, dove ci si culla nei propri sogni, ma poi il confronto con realtà più grandi diventa abbastanza indispensabile.
Vero è che oggi tenere i contatti da lontano è immensamente più semplice rispetto ad una volta.

 
Alle 3 marzo 2011 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella la campagna di Recanati...poetica. Ma anche andare in giro può esserlo.

 
Alle 3 marzo 2011 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete rapporti con altre band e/o musicanti della vostra città? Di altre …

 
Alle 3 marzo 2011 22:48 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Adoro la mia terra, collline dolcissime e un po' dispettose. Quando ti guardano storto è ora di cambiare aria!

 
Alle 3 marzo 2011 22:50 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Nella “mia” città più che con musicisti sono in contatto con attori, registi, artisti visivi, attualmente con il pittore Roberto Pagnani, con lo scrittore Domenico Settevendemie e l’artista visiva Chiara Zenzani. All’estero collaboro musicisti-amici tra cui i musicisti di onde Martenot, dal 2003 con Bruno Perrault (Strasburgo) e recentemente con Nadia Ratsimandresy (Parigi) con cui ho pubblicato un cd per la ReR Megacorp

 
Alle 3 marzo 2011 22:51 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Diciamo che abbiamo rapporti con musicisti un po' ovunque, non su base strettamente territoriale (e non potrebbe essere altrimenti per quel che mi riguarda).
tanti anni fa si faceva comunella ( figurati che da giovanissimo dividevo il palco anche con band come i gang, delle mie parti, vecchi amici) ma poi si cambia ed ognuno cerca corrispondenze ed affinità un po' ovunque, anche a Ravenna..

 
Alle 3 marzo 2011 22:52 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Come Synusonde abbiamo in cantiere la collaborazione con musicisti all'estero.

 
Alle 3 marzo 2011 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Bella gente ...

 
Alle 3 marzo 2011 22:53 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si, davvero.

 
Alle 3 marzo 2011 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Com’è la vita del musicante indipendente?

 
Alle 3 marzo 2011 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Come si riesce “a fare l’artista” e nel contempo vivere una vita “borghese”, con lavori e menate varie?

 
Alle 3 marzo 2011 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Pochi, pochissimi, nell’alternative italico vivono di musica …

 
Alle 3 marzo 2011 22:56 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Io cerco di mantenermi con la musica da ormail 16 anni, ma siccome non si vive solo di Synusonde
(naturalmente) ho sempre fatto un po' di tutto, jingles, sonorizzazioni, tv etc

 
Alle 3 marzo 2011 22:56 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Si è difficile, ma sempre molto entusiasmante. Durante e dopo gli studi mi sono sempre dato da fare nel modo più costruttivo tra concerti, collaborazioni con compagnie teatrali, commissioni di composizioni musicali, organizzazione di concerti con gruppi di amici tra l’Italia e l’estero.

 
Alle 3 marzo 2011 22:57 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Certo è che speriamo di fare taanti concerti e campare di Synusonde, almeno per un po'.

 
Alle 3 marzo 2011 22:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita?...quello acquistato, intendo.

 
Alle 3 marzo 2011 22:59 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si eppoi ci si da da fare anche un po' nell'organizzazione, io faccio un festival di musica elettronica ad Ancona, Acusmatiq, tutte le estati.

 
Alle 3 marzo 2011 23:00 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

La prima cassetta fu la raccolta dei Beatles 67/70 quella azzurra, all'Upim, credo nel 78.

 
Alle 3 marzo 2011 23:00 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 3 marzo 2011 23:01 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Era una cassetta, la Wasser Musik di Händel.

 
Alle 3 marzo 2011 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Acusmatiq, segnaliamo, ad Ancona...

 
Alle 3 marzo 2011 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

... ed è vero il discorso di Matteo: "ma è un lavoro?" ... è una cosa che sento spesso. L'arte vista come perdita di tempo. Del resto i nostri governanti la pensano così, come chiedere altro all'uomo della strada?

 
Alle 3 marzo 2011 23:04 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Bel festivalino!! : )

 
Alle 3 marzo 2011 23:05 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

In Italia purtroppo si sente spesso quando ti chiedono cosa fai? Sono un musicista! La risposta: ma di lavoro?

 
Alle 3 marzo 2011 23:05 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

l'avevo cancellata per formularla meglio!

 
Alle 3 marzo 2011 23:05 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Il tuo discorso non fa una grinza, purtroppo è così e non mi meraviglio nemmeno più...

 
Alle 3 marzo 2011 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Gestisco un night, devi dire, così ci credono.

 
Alle 3 marzo 2011 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Domande e risposte che si intrecciano, si torcono e contorcono. Il bello della diretta.

 
Alle 3 marzo 2011 23:07 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Hai ragione Diego! Questa è una bellissima risposta!

 
Alle 3 marzo 2011 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Rimarranno a bocca aperta... con me funziona.

 
Alle 3 marzo 2011 23:07 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Appunto, un night e potrebbe essere un eufemismo... anche nella peggiore delle ipotesi il tuo grado di rispettabilità sociale sarebbe più alto di quello di un musicista....

 
Alle 3 marzo 2011 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, è frequetato dal bel mondo ;)

 
Alle 3 marzo 2011 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora, perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 3 marzo 2011 23:08 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Ritornando ad Acusmatiq, è un Festival unico nel suo genere!

 
Alle 3 marzo 2011 23:09 , Blogger Stefania248 ha detto...

Le interviste sul blog sono un tantino contorte. L'ho provato anche io nell'intervistare l'Alligatore: molto divertente!
Ciao ragasuoli, chi è di Ravenna?
:)

 
Alle 3 marzo 2011 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Stefania.

 
Alle 3 marzo 2011 23:09 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Spesso se mi chiedo un perché, mi fermo! Preferisco andare avanti e fare quello che sento! Nessun demone, si amare ed essere amati. Se mi piace fare musica? Non potrei fare altro!

 
Alle 3 marzo 2011 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

... è Matteo.

 
Alle 3 marzo 2011 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Stefania è la fotografa di Ravenna sotto la neve, e non solo.

 
Alle 3 marzo 2011 23:10 , Blogger Stefania248 ha detto...

Matteo, vai sul balcone che ti saluto!
:D

 
Alle 3 marzo 2011 23:11 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Ci piace che i demoni interiori ci diano un po' di quiete quando facciamo musica! : )

 
Alle 3 marzo 2011 23:12 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Non sono vicino ad un balcone! Chi sei?

 
Alle 3 marzo 2011 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

.. è un'amica dell'Alligatore delle parti di Ravenna.

 
Alle 3 marzo 2011 23:13 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Ciao Stefania!!

 
Alle 3 marzo 2011 23:14 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Scusami non avevo capito. è la prima volta che bloggo in diretta!

 
Alle 3 marzo 2011 23:14 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Forte comunqe l'intervista bloggata!

 
Alle 3 marzo 2011 23:14 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Ciao Stefania!

 
Alle 3 marzo 2011 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Te la sei cavata benissimo...

 
Alle 3 marzo 2011 23:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se sei la parte meno tecnologica dei Synusonde.

 
Alle 3 marzo 2011 23:15 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Alligatore, capiti spesso a Ravenna?

 
Alle 3 marzo 2011 23:16 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Ahaha, l'arcaico Matteo!!

 
Alle 3 marzo 2011 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

No, a Ravenna sono stato solo una volta. Stefy, come quasi tutti gli amici del blog, è un'amica, solo nel web ... e qui ci sarebbe da aprire una discussione, ma è tardi...

 
Alle 3 marzo 2011 23:18 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Si una discussione infinita...

 
Alle 3 marzo 2011 23:18 , Blogger Alligatore ha detto...

E per finire ...una domanda che non vi ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna …

 
Alle 3 marzo 2011 23:19 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

ok

 
Alle 3 marzo 2011 23:20 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Non vi manca l'energia del rock'n'roll, talvolta?

 
Alle 3 marzo 2011 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Domanda originale.

 
Alle 3 marzo 2011 23:21 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Talvolta..

 
Alle 3 marzo 2011 23:22 , Blogger Alligatore ha detto...

Pensavo rispondesse Matteo.

 
Alle 3 marzo 2011 23:22 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Anche se ti assicuro che dal vivo spesso pestiamo abbastanza, soprattutto quando suoniamo assieme il piano.. ma i ramones.....

 
Alle 3 marzo 2011 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma i ramones, ma i ramones no! (cantanta tipo Ma la notte no!).

 
Alle 3 marzo 2011 23:23 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

L'energia del rock'n'roll non la mastico molto, ma trovo quel tipo di energia anche nel genere a me più vicino.

 
Alle 3 marzo 2011 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Certo, penso che anche la classica possa essere rock...

 
Alle 3 marzo 2011 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Altro discorso lungo ...

 
Alle 3 marzo 2011 23:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Paolo, grazie Matteo Ramon...

 
Alle 3 marzo 2011 23:25 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Pienamente d'accordo

 
Alle 3 marzo 2011 23:26 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Si, la musica bella in tutti i generi è una sola!

 
Alle 3 marzo 2011 23:27 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Grazie a te Alligatore, un abbraccio a te e alla bellissima Riva Del Garda.

 
Alle 3 marzo 2011 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie, già, è un posto incantevole.

 
Alle 3 marzo 2011 23:28 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

Grazie mille a te caro Alligatore, per l'ospitalità ! È stata davvero una bella esperienza questa intervista, la prima volta che mi capita. A presto dunque verremo a farti visita nella palude..
E adesso, a nanna!
Ciao!

 
Alle 3 marzo 2011 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi...Synusonde.

 
Alle 3 marzo 2011 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Synusonde.

 
Alle 3 marzo 2011 23:29 , Blogger Synusonde/Paolo ha detto...

'notte!

 
Alle 3 marzo 2011 23:31 , Blogger Synusonde_Matteo Ramon ha detto...

Buonanotte, a presto dal vivo per un caffé tutti insieme.

 
Alle 4 marzo 2011 16:13 , Blogger Ernest ha detto...

applausi
:)

 
Alle 4 marzo 2011 17:11 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie and, anche e sopratutto a nome dei Synusonde.

 
Alle 4 marzo 2011 17:13 , Blogger petrolio ha detto...

uhm… non li conoscevo, ma ho rimediato saltando sul myspace! :)

 
Alle 4 marzo 2011 17:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Salta, salta ... con i Synusonde si salta con la testa.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page