lunedì 26 aprile 2010

Alex Zanotelli e la Liberazione acquatica

“…l’acqua, secondo noi, dev’essere dichiarata diritto fondamentale e gestita dalle comunità locali al minor costo possibile senza essere quotata in borse, senza nessuna ingerenza dei privati …"
Alex Zanotelli,
intervistato da Cecchino Antonini su http://www.liberazione.it/ sabato 24/4, all'apertura della campagna referendaria L’acqua non si vende.
Per informarsi, firmare e far firmare:
http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/index.php

Etichette: , , , ,

4 Commenti:

Alle 26 aprile 2010 19:03 , Blogger Ross ha detto...

Parla davvero bene padre Zanotelli. Viene da esperienze di peso come la direzione di Nigrizia e la Rete Lilliput, ed è uno dei nomi più attivi del movimento per l'acqua bene comune in Italia. Non si può non concordare con lui e non sostenere a dovere la campagna.

 
Alle 26 aprile 2010 19:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, concordo con quello che dici e invito a visitare tutti il tuo blog molto più informato e tecnico del mio riguardo la campagna "Liberiamo l'acqua - Acqua bene comune"... andate sul blog di Ross.

 
Alle 27 aprile 2010 00:00 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Per voler privatizzare l'Acqua bisogna essere ben merde nell'anima. Quello che successe in Bolivia non ha insegnato niente?

 
Alle 27 aprile 2010 00:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Probabilmente la Bolivia non sanno manco dove sia. Troppo distante dal loro portafoglio.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page