giovedì 2 luglio 2009

Intervista ai Dilaila

I Dilaila, il gruppo milanese presente questa sera sul blog, ha un disco in pre-produzione che è una bomba e ringrazio Paola, voce della band, occhi della foto, per avermelo fatto sentire. Scusate, lo dovevo dire subito: non ha ancora un titolo (o, almeno, non uno definitivo), ma è contraddistinto da una decina di canzoni trascinanti, di forte impatto. Appena l’ho sentito mi sono venute in mente le grandi voci della canzone italiana anni ‘60/’70, con in più la sapienza tecnica e musicale dei nostri giorni. Un disco da boom, il disco che serve per risollevarci tutti. Un pezzo s’intitola Ally, proprio così: Ally; quando ascolto i primi versi “Ally come stai? Mi hanno detto che ti muove lentamente…” mi viene un brivido dietro la schiena. Dovreste sentirla, dovreste vedermi…
Ma ritornando ai Dilaila, devo dire che io li seguo da parecchio. Il loro precedente cd, Musica per Robot, mi era già piaciuto un sacco. C’era un uso intelligente dell’elettronica, cioè senza strafare, dei testi curati, con ossessioni novecentesche sulla psiche, dei rimandi ai Radiohead con una grande voce di donna. In questi giorni l’ho ripassato molte volte in auto. Andare al lavoro è stato più leggero del solito. Il nuovo cd invece, dopo i primi esaltanti ascolti, l’ho lasciato da parte e ripreso solo ora, in sottofondo. Il fascino è rimasto intatto. Se avessi un’etichetta non me lo lascerei sfuggire. Credete a me. Credete a questi occhi. Occhi che parlano. E allora lasciamoli parlare. Ci siete Dilaila? Uno, due, tre …sei?
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/musicaperrobot

Etichette: , , , , , , , , , ,

122 Commenti:

Alle 2 luglio 2009 21:38 , Blogger dilaila ha detto...

eccomi!

 
Alle 2 luglio 2009 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Dilaila, siete pronti?

 
Alle 2 luglio 2009 21:39 , Blogger dilaila ha detto...

solo 8 minuti di ritardo, per essere una donna non è neanche male...

 
Alle 2 luglio 2009 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

...è la suspence prima dell'intervista. Una bella entrata in scena da star...

 
Alle 2 luglio 2009 21:40 , Anonymous enver ha detto...

scusa Ciotti sono Ameri... ;P

 
Alle 2 luglio 2009 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Enver, che bella sorpresa...

 
Alle 2 luglio 2009 21:42 , Blogger dilaila ha detto...

bzz bzz sento un ronzio... ciao Enver! ciao Ally!

 
Alle 2 luglio 2009 21:42 , Anonymous enver ha detto...

sto poco perché sono in fase di scrittura pesa poi devo uscire, ma mi ricollego da un'altra parte... solo per confermare e amplificare il tuo post. Saluto la più bella voce femminile della musica italiana, non solo di quella indipendente

 
Alle 2 luglio 2009 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

...già, non solo. Belli questi collegamenti volanti. Allora parto con la prima?

 
Alle 2 luglio 2009 21:45 , Blogger dilaila ha detto...

parti parti. bel post lusinghiero, grazie.

 
Alle 2 luglio 2009 21:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Chi sono i Dilaila?

 
Alle 2 luglio 2009 21:46 , Blogger dilaila ha detto...

Essenzialmente sono persone che da tanti anni quando si trovano nella stessa stanza a fare musica stanno bene. Questo è alla base di tutto, poi il resto viene di conseguenza.

 
Alle 2 luglio 2009 21:47 , Blogger dilaila ha detto...

Siamo in 6, gli stessi dal 1998: Paola (voce), Claudio (chitarra), Alessandro (chitarra), Luca (piano e tastiere), Simone (basso) e Riccardo (batteria). Abbiamo pubblicato 2 dischi (“Amore E Psiche” e “Musica Per Robot”) e siamo in procinto di mandare alle stampe il terzo.

 
Alle 2 luglio 2009 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

LO sto ascoltando in sottofondo ...sono alla traccia numero 6. C'è un bel piano.

 
Alle 2 luglio 2009 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome? Dilaila...

 
Alle 2 luglio 2009 21:50 , Blogger dilaila ha detto...

aspetta devo fare mente locale su qual è la traccia numero 6 :)

 
Alle 2 luglio 2009 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Il dormiglione...

 
Alle 2 luglio 2009 21:53 , Blogger dilaila ha detto...

ok ci sono...in realtà anche la tracklist non è definitiva e nemmeno i titoli dei brani lo sono. siamo già fuori fase di una domanda!
Il nome è stata una scelta abbastanza semplice (se non addirittura casuale) di molti anni fa. Mi piaceva il suono del nome anglosassone “Delilah”, che poi è la traduzione del nostro “Dalila”.

 
Alle 2 luglio 2009 21:53 , Blogger dilaila ha detto...

Ma scritto così mi diceva poco, puzzava di estremismo esterofilo e, diciamocelo, pochi da Bolzano a Palermo avrebbero azzeccato la pronuncia esatta. Perciò, in un guizzo autarchico, italianizzammo la grafia pur conservando quel suono che ci piaceva tanto. Potrei raccontarti che sono state le canzoni dei Queen o di Tom Jones a ispirarmi… o la figura mitica e simbolica della donna fatale che seduce Sansone e nel sonno gli taglia i capelli privandolo della sua forza smisurata… ma a costo di deluderti ti dirò che non è niente di tutto ciò :)

 
Alle 2 luglio 2009 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Evviva la sincerità... Effettivamente ha un bel suono, ed è suggestivo, musicale.

 
Alle 2 luglio 2009 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce una vostra canzone? Prima la musica o prima le parole?

 
Alle 2 luglio 2009 21:57 , Blogger dilaila ha detto...

possibile che in qualche intervista passata abbia raccontato qualcosa d'altro... ma la verità vera è questa: puro giudizio estetico sulla bellezza del suono di quel nome!

 
Alle 2 luglio 2009 21:58 , Blogger dilaila ha detto...

Uhm, di solito prima la musica. Per lo più si tratta di qualcosa di già strutturato, non esattamente embrionale. L’autore del brano (di solito Claudio, oppure Luca) arriva in saletta con un’idea più o meno compiuta sulla quale poi ogni musicista lavora aggiungendo il suo contributo. La stesura del testo, di solito ad opera mia o di Claudio, avviene quasi sempre successivamente, anche se ogni brano ha una storia a sè e a volte capita che testo e musica nascano insieme – però finora non è mai capitato che il processo creativo si invertisse completamente.

 
Alle 2 luglio 2009 21:58 , Blogger Alligatore ha detto...

Ne consoco di band che s'inventano significati del loro nome dopo averlo deciso...

 
Alle 2 luglio 2009 21:59 , Blogger dilaila ha detto...

anch'io, ma non farò nomi.

 
Alle 2 luglio 2009 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, manteniamo il segreto.

 
Alle 2 luglio 2009 22:01 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate le canzoni del cd che state preparando?

 
Alle 2 luglio 2009 22:01 , Blogger dilaila ha detto...

noi per esempio ci inventiamo il significato di un disco dopo che il disco è già finito :)

 
Alle 2 luglio 2009 22:01 , Blogger òrso. ha detto...

*cough, cough*

 
Alle 2 luglio 2009 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Aiuto un òrso!

 
Alle 2 luglio 2009 22:02 , Blogger dilaila ha detto...

sssshhhhhh! zitto tu!

 
Alle 2 luglio 2009 22:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Nella palude...

 
Alle 2 luglio 2009 22:03 , Blogger dilaila ha detto...

dichiaro aperta la stagione della caccia!

 
Alle 2 luglio 2009 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

L'ho già visto da queste parti. Ciao òrso, è una serata piena di sorprese.

 
Alle 2 luglio 2009 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove eravamo rimasti?... sì, come sono nate le canzoni del cd che state preparando?

 
Alle 2 luglio 2009 22:06 , Blogger dilaila ha detto...

giusto bravo torniamo all'intervista eheh!
Alcune canzoni sono nate nella fase immediatamente successiva all’uscita di “Musica Per Robot” (e risentono quindi delle atmosfere di quel disco), ma la maggior parte è stata scritta durante un lungo periodo in cui si sono intrecciate crisi personali e di identità di gruppo.

 
Alle 2 luglio 2009 22:07 , Blogger dilaila ha detto...

Sembrerà un cliché del r’n’r, ma possiamo dire che questo nuovo disco scaturisce da un travaglio J. In questo periodo, liberi da impegni promozionali, abbiamo affrontato di petto la necessità di trovare un linguaggio che superasse quello di "Musica Per Robot”, ma che ci riflettesse e soddisfacesse pienamente così come quel disco aveva fatto in precedenza.

 
Alle 2 luglio 2009 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti si parla di una terza fase per voi… Ci sono differenze, sul piano della scrittura, dalle canzoni di “Musica Per Robot” e le nuove canzoni?

 
Alle 2 luglio 2009 22:12 , Anonymous un cacciatore di frodo ha detto...

poom!

 
Alle 2 luglio 2009 22:12 , Blogger dilaila ha detto...

in fondo si tratta sempre di musica pop declinata magari in modo diversi nel corso degli anni.
“Musica Per Robot” era un disco dalle atmosfere psichedeliche, dall’atteggiamento anglosassone. La mia voce faceva suono insieme al resto. Le nuove canzoni invece hanno nostalgia della bella musica italiana. La forma-canzone è quasi sempre molto riconoscibile, la voce è in primo piano per dare più visibilità ai testi, gli strati di chitarre hanno lasciato più spazio ai ricami del piano. Se non fossimo una band si potrebbe dire che abbiamo un approccio più cantautorale.

 
Alle 2 luglio 2009 22:13 , Blogger dilaila ha detto...

Anche gli immaginari creati dai testi sono cambiati. Certo, il pessimismo di fondo che ci contraddistingue anche come persone è rimasto, ma mentre in “Musica Per Robot” era il senso di alienazione il filo rosso che legava i pezzi l’uno all’altro (suggerendo quasi automaticamente arrangiamenti psichedelici ed eterei), in questo nuovo disco aleggia un’atmosfera decadente, come se su ogni canzone gravasse il peso di qualcosa di definitivamente perduto, quindi si sente anche una maggiore fisicità.

 
Alle 2 luglio 2009 22:14 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, direi che concordo. Magari pure il cacciatore, che non so cosa abbia preso, concorda...

 
Alle 2 luglio 2009 22:15 , Blogger dilaila ha detto...

avrà preso una quaglia!

 
Alle 2 luglio 2009 22:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Forse voleva farmi le scarpe...non penso volesse la pelle d'òrso (con questo caldo).

 
Alle 2 luglio 2009 22:18 , Blogger dilaila ha detto...

forse voleva farsi le scarpe di cocc... ehm... di alligatore.

 
Alle 2 luglio 2009 22:19 , Anonymous enver the hunter ha detto...

temo una quaglia, sì. Beh io ho avuto la possibilità di ascoltare prima cinque brani, e ultimamente gli altri, e ho trovato conferma di notevoli qualità compositive oltre che di interpretazione. Dischi così sono rari e senza tempo, c'è Vinicio e c'è il beat, c'è Flavio Giurato e Cammariere... Per il resto, la sua autrice senza dubbio coglie il punto più di quanto possa farlo io...

 
Alle 2 luglio 2009 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora continuiamo ad interrogarla. Se hai qualche domanda, hunter, spara pure quando vuoi...

 
Alle 2 luglio 2009 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone che rappresenta meglio il Dilaila-sound?

 
Alle 2 luglio 2009 22:23 , Blogger dilaila ha detto...

sì ma ti rispondo solo se mi punti una luce in faccia :D

 
Alle 2 luglio 2009 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Va bene, intervista alla "famolo strano"...ecco la luce.

 
Alle 2 luglio 2009 22:25 , Anonymous italian embassy ha detto...

sono sempre stato negato con le interviste, checché se ne dica... (se ne dice qualcosa?). Leggo volentieri dove la vuoi portare, nell'attesa che la mia bici percorra il lungolaguna verso una stazione che costei conosce, dove magari in autunno troverà modo di esibirsi live. Ecco un'esperienza che mi manca dal vivo, organizzai il live dei Dilaila al Banale di Padova la scorsa primavera ma furono in edizione ridotta, ciononostante emerse un chiaro segno di cosa possono essere le nuove canzoni, adatte ad un pubblico adulto se non nostalgico, non immediate ma certo nemmeno astruse, costruite sull'aggiungere suggestioni, elementi, idee... l'unica questione che mi viene da far uscire ora è: se potessero, da chi si farebbero artisticamente produrre? c'è qualcuno in Italia e fuori che interpreta i suoni nella maniera ove vorrebbero indi(e)rizzarsi? domanda del menga, me ne rendo conto ;)

 
Alle 2 luglio 2009 22:27 , Blogger dilaila ha detto...

ecco, così mi sento molto più a mio agio.
Il Dilaila-sound, come già abbiamo accennato prima, si è evoluto. Possiamo dire che per ogni fase attraversata ci sono dei brani che meglio la rappresentano. In questa ultima fase credo che una canzone come “Settembre” sia sintomatica del cambiamento che ti ho descritto, sia a livello di suono, che di scrittura, che di interpretazione, che di attenzione al testo. Ma poi ci sarebbero anche “Sapore Di Sangue” e “Pensiero”… ogni scarrafone… eheh.

 
Alle 2 luglio 2009 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

No, no, domanda pertinente...ciao italian e.

 
Alle 2 luglio 2009 22:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci vuoi anticipare qualcosa del nuovo disco? Come saprete io l’ho già ascoltato e mi ha subito conquistato. L’ho trovato di una forza totale, fin dal primo ascolto. “Ally” per esempio è grandissima; non lo dico per il titolo simpatico … ma tutte sono molto ispirate. “Pensiero”, “Sapore di sangue”, “Sto bene, sto male”…non so se i titoli sono rimasti quelli. Qualche curiosità sui pezzi che ho detto…su altri.

 
Alle 2 luglio 2009 22:32 , Blogger dilaila ha detto...

Sapevo che quel titolo ti avrebbe fatto un certo effetto J.
Il testo di “Ally” ha una genesi piuttosto buffa, in effetti. Stanco di abbozzare le melodie dei nuovi brani in quel gramelot “finto inglese” (che fa tanto figo all’inizio, ma poi ti si abitua l’orecchio e sembra che il testo definitivo in italiano non “suoni” mai), per questo pezzo Claudio ha usato un “finto italiano”, buttando lì la frase: “Ally, come stai, mi hanno detto che ti muovi lentamente”. Mi colpì talmente tanto che decisi di costruirci attorno una storia, e così nacque “Ally”.
Personalmente ho “scavato” nella mia voce, trovando profondità e registri che forse non pensavo nemmeno di avere. Ho cercato nuove modalità espressive lavorando sul timbro, allontanandomi da certe derive filo-anglosassoni ed avvicinandomi invece a una vocalità più profonda e "teatrale" forse più tipica della tradizione italiana.

 
Alle 2 luglio 2009 22:32 , Anonymous the man from Chioggia ha detto...

anche per me "Ally" e "Settembre", poi "Sapore di sangue", ma so che Paola ha un debole per "Il trono"... ;)

 
Alle 2 luglio 2009 22:34 , Blogger dilaila ha detto...

enver tu sei schizofrenico!

 
Alle 2 luglio 2009 22:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Ha molte personalità....

 
Alle 2 luglio 2009 22:36 , Blogger dilaila ha detto...

però ha ragione: "Il Trono" ogni volta mi spezza il cuore.

 
Alle 2 luglio 2009 22:36 , Anonymous enver ha detto...

e non espongo le peggiori, solo in privato ;)

 
Alle 2 luglio 2009 22:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Continuando ....Dove trovate l’ispirazione? A proposito di scrittura e ispirazione, mi ricordo quello che diceva Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia. Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 2 luglio 2009 22:40 , Blogger dilaila ha detto...

A me capita sempre. Sono assolutamente, completamente, inguaribilmente disordinata e pigra nella gestione dei testi che scrivo. La beffa è che le idee non mi vengono solo nei momenti inopportuni, ma anche in quelli opportuni, quando sono tranquilla e mi basterebbe allungare un mano per appuntare un pensiero e “fermarlo” per sempre. Ma mi dico “dopo lo scrivo”. Passano quei 5 minuti fatidici e PUF! l’idea è sparita, il quadernetto rimane immacolato. Così mi trovo a dover fare delle full immersion estenuanti (e spesso poco produttive) per portare a termine il lavoro. Solo durante i viaggi in treno riesco a superare questa pigrizia, a lasciar fluire le idee e a sporcare un po’ il quadernetto.
Claudio, autore della maggior parte delle musiche, è certamente più metodico e organizzato, ma ha anche il vantaggio di vivere proprio sopra alla nostra sala-studio, per cui gli basta aprire una porta e registrare al volo quello che gli passa per la testa.

 
Alle 2 luglio 2009 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Che rapporto hai con Internet da utente? Mi sembra che te la cavi molto bene ...

 
Alle 2 luglio 2009 22:43 , Anonymous enver ha detto...

"Pianzè butei che la mama ve daga i schei": sono costretto ad abbandonarvi. Se riesco vi leggo da Chioggialab, altrimenti recupero domattina e vi linko un po' qua un po' là :)
Grazie alligatore, baci Paola

 
Alle 2 luglio 2009 22:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te Enver. A dopo... o a domani.

 
Alle 2 luglio 2009 22:47 , Blogger dilaila ha detto...

ciao Enver, buona serata e grazie delle simpatiche interferenze.
tornando alla domanda su internet... Siamo tutti utenti abbastanza assidui ma senza grosse dipendenze. Nel mio caso specifico, dato che due anni e mezzo fa mi sono trasferita dalla provincia di Milano a Padova, la rete mi è servita soprattutto a mantenere i contatti con tutte quelle persone che per forza di cose avrei visto meno frequentemente.

 
Alle 2 luglio 2009 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

… e da musicanti?

 
Alle 2 luglio 2009 22:51 , Blogger dilaila ha detto...

Anche in questo senso la rete è stata provvidenziale. Oltre a vivere in città diverse, i Dilala sono persone con diversi impegni, lavorativi e non. Questo limita la frequenza con cui riusciamo a vederci tutti insieme. Perciò usiamo giornalmente la posta elettronica per discutere dei nostri progetti ognuno dalla propria casa o dall’ufficio, lasciando invece alla musica suonata quasi tutti i momenti “plenari” in saletta.

 
Alle 2 luglio 2009 22:52 , Blogger dilaila ha detto...

in 6 bisogna cercare di razionalizzare :P

 
Alle 2 luglio 2009 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Poi in città diverse, con gli impegni di tutti i giorni ...

 
Alle 2 luglio 2009 22:56 , Blogger dilaila ha detto...

è un vero macello. Però sono sacrifici e fatiche che facciamo volentieri.

 
Alle 2 luglio 2009 22:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Internet lo usate tanto per comunicare, quindi, ma dei social network cosa mi dici… il tanto citato myspace, per esempio? Ti sembra una cosa buona o solo una vetrinetta? Superato da Facebook?

 
Alle 2 luglio 2009 23:00 , Blogger dilaila ha detto...

Sia Myspace che Facebook mi sembrano potenzialmente degli ottimi strumenti, spesso male utilizzati. Credo che per gli artisti siano entrambi un buon modo di proporre i loro progetti… in fondo è questa la funzione dei social forum che a me e ai Dilaila interessa. Se vogliamo entrare nel dettaglio ho l’impressione che Myspace sia più focalizzato sul mondo musicale, ma forse dispersivo perchè poco selettivo. FB ti permette di “scegliere” più accuratamente i tuoi contatti, ma poi rimani incastrato lì in mezzo. Il pericolo è in entrambi i casi quello di concedere loro troppo del nostro tempo, fino ad arrivare a sprecarlo.

 
Alle 2 luglio 2009 23:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, questo è un loro "limite", ma c'è anche di peggio. Per esempio, classica domanda del blog, cosa ne pensi di quello che ha scritto Aldo Nove su Facebook? “…su FB non si pensa. Su FB non si inventa. Su FB si fa esattamente quello che sotterraneamente ti viene detto di fare, nell’illusione che sia tu a sceglierlo.” Insomma, una democrazia assoluta “di facciata”. Perfetta metafora della società attuale, aggiungo io …

 
Alle 2 luglio 2009 23:03 , Blogger dilaila ha detto...

Sarebbe un discorso da laurea in sociologia (e figurati se qualche stronzo non ci ha già pensato J). FB ti somministra tutto già cotto e masticato, se vuoi. Poi tu ci appicichi il tuo nome e la tua foto e credi di avere in mano un tassello della tua “identità”. Credo che il grosso degli utenti di FB lo interpreti in questo modo oppure come modo per evadere dal lavoro in ufficio. In pochi sanno uscire dal solco già scavato.

 
Alle 2 luglio 2009 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora torniamo al reale...

 
Alle 2 luglio 2009 23:06 , Blogger dilaila ha detto...

poi FB è un enorme e deleterio propulsore di aberrazioni linguistiche, e questo non lo sopporto.

 
Alle 2 luglio 2009 23:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Troniamo al reale: venite da Milano (almeno come base di partenza), un tempo la capitale morale d’Italia, dicevano. Un tempo, si diceva, l’unica metropoli italiana. Paroloni? È più facile fare l’artista a Milano rispetto ad un'altra città italiana?

 
Alle 2 luglio 2009 23:10 , Blogger dilaila ha detto...

Caspita, ci abbiamo quasi scritto un intero disco su Milano. E’ la città dell’alienazione, della gente tutta uguale, degli aperitivi, dei locali in cui devi andare se no sei uno sfigato, delle persone che devi conoscere, della musica che devi ascoltare. Anche questo mi ha indotto a scappare. E il mondo della musica non si sottrae a queste regole. La proposta musicale è enorme, varia e per lo più valida a Milano, ma assolutamente sproporzionata rispetto agli spazi angusti attraverso i quali bisogna cercare di passare. Una specie di effetto “collo di bottiglia”…

 
Alle 2 luglio 2009 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, i musicanti che ho sentito, provenienti dalla tua città, hanno sempre buttato fuori una buona dose di "veleno" proveniente dal loro ventre, dalla loro città.

 
Alle 2 luglio 2009 23:14 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito, hai/avete contatti con altri musicanti della tua/vostra città? Di altre ...

 
Alle 2 luglio 2009 23:15 , Blogger dilaila ha detto...

siamo come le piante, in fondo. la salute dei nostri frutti dipende da quello che le nostre radici succhiano.

 
Alle 2 luglio 2009 23:16 , Blogger dilaila ha detto...

Sì, anche se non facciamo parte di nessuna “scena” vera e propria. I Dilaila sono sempre stati un’entità piuttosto a sè stante, nel bene e nel male. Ora il mio trasferimento a Padova ha aperto nuove porte e creato nuovi contatti anche nel nord-est.

 
Alle 2 luglio 2009 23:17 , Blogger Alligatore ha detto...

Gli Afterhours, tornando a Milano, vanno a Sanremo e poi fanno un cd con molti nomi dell’underground. Qualche grosso giornale scopre l’acqua calda, il sottobosco indipendente. Wow! Dove sono stati in questi ultimi quindici/venti anni? Cosa ne pensi di tutto questo?

 
Alle 2 luglio 2009 23:19 , Blogger dilaila ha detto...

I giornali non hanno tutte le colpe. Il mondo cosiddetto “indie” (sulla definizione del quale ci sarebbe da scrivere un trattato, senza poi giungere ad alcun risultato) ha peccato di snobismo, si era chiuso in sè. Gli After hanno il merito di avere aperto alla gente la finestra su quella realtà. Ma in fondo negli ultimi anni le carte fra mondo indie e major si sono così tanto mescolate che forse è inutile stare ancora qui a fare distinzioni.

 
Alle 2 luglio 2009 23:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Effettivamente è vero, dal Consorzio suonatori indipendenti in poi è tutto un mescolare e rimescolare, forse privo di senso...

 
Alle 2 luglio 2009 23:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Beatles o Rolling Stones? Se le mie fonti non sbagliano, Paola, tu sei nata lo stesso giorno di John Lennon (di molti anni dopo).

 
Alle 2 luglio 2009 23:25 , Blogger dilaila ha detto...

soprattutto non è più possibile assegnare al mondo indie e al mondo major delle connotazioni musicali precise, mentre fino a qualche tempo fa la distinzione era anche "di genere". Oggi i migliori rampolli del cosiddetto mondo indie potrebbero andare a Sanremo domattina, per quel che mi riguarda.

 
Alle 2 luglio 2009 23:27 , Blogger dilaila ha detto...

Beatles, senza nemmeno pensarci. Le loro canzoni hanno una quantità di livelli di lettura da fare spavento alla Commedia dantesca. Hanno tutto, il colto e il popolare, il basso e l'alto.

 
Alle 2 luglio 2009 23:28 , Blogger dilaila ha detto...

9 ottobre. Dello stesso anno, ma li porto benino.

 
Alle 2 luglio 2009 23:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Complimenti.

 
Alle 2 luglio 2009 23:30 , Blogger dilaila ha detto...

Nel '78 ci siamo anche scambiati gli auguri di compleanno via sms... ops!

 
Alle 2 luglio 2009 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Belli questi viaggi nel tempo. Quindi, non ti chiedo, Lennon o Mc?

 
Alle 2 luglio 2009 23:32 , Blogger dilaila ha detto...

sì, chiedimelo, perchè la risposta non è scontata.

 
Alle 2 luglio 2009 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Lennon o McCartney?

 
Alle 2 luglio 2009 23:38 , Blogger dilaila ha detto...

Paul, Paul e ancora Paul. John in fondo, compensati da un enorme talento e da una gran faccia da schiaffi, aveva dei grossi limiti. Paul è più completo, eclettico e musicalmente preparato. Non me ne vogliano i sostenitori di Lennon...

 
Alle 2 luglio 2009 23:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Va bene, ti perdono.

 
Alle 2 luglio 2009 23:39 , Blogger òrso. ha detto...

clap.

 
Alle 2 luglio 2009 23:40 , Blogger dilaila ha detto...

è uscito dal letargo! sparate! :P

 
Alle 2 luglio 2009 23:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono circondato da paulisti...

 
Alle 2 luglio 2009 23:41 , Blogger dilaila ha detto...

sembra una marca di caffè...

 
Alle 2 luglio 2009 23:42 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito di nomi, il titolo dell’album, l’abbiamo trovato?

 
Alle 2 luglio 2009 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

...mistero!

 
Alle 2 luglio 2009 23:45 , Blogger dilaila ha detto...

bandirei un concorso. Alla luce delle cose dette nell'intervista chi propone il miglior titolo vince una copia del disco.

 
Alle 2 luglio 2009 23:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Interessante e creativo. Vediamo cosa viene fuori...

 
Alle 2 luglio 2009 23:47 , Blogger Alligatore ha detto...

La penultima: perché fai musica? Per liberarti dai demoni interiori? Per essere amata? Perché ti piace? Perché sei nata il 9 ottobre?...

 
Alle 2 luglio 2009 23:52 , Blogger dilaila ha detto...

in uno scritto di qualche anno fa mi ero quasi convinta che fosse la mia data di nascita ad aver influenzato il mio percorso. Ma ora lo so: sono i demoni a guidarmi. Giro sempre col numero dell'esorcista nel cellulare. Non si sa mai.
A parte gli scherzi, credo che si tratti un po' di tutte le cose che hai detto. Esibizionismo, bisogno d'amore, edonismo, catarsi. Bisogno di piacersi.

 
Alle 2 luglio 2009 23:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Comprendo, comprendo. Pensa che il mio stesso giorno è nato, oltre al buon Jack, pure D'Annunzio e Mattia Pascal (quello di Pirandello). Ma torniamo a noi, torniamo ai Dilaila.

 
Alle 2 luglio 2009 23:57 , Blogger Alligatore ha detto...

Una domanda a piacere, una risposta e poi tutti a nanna...

 
Alle 2 luglio 2009 23:58 , Blogger dilaila ha detto...

uhmmmmm... vediamo...

 
Alle 3 luglio 2009 00:00 , Blogger dilaila ha detto...

domanda: qual è il prossimo concerto che vedrai?

 
Alle 3 luglio 2009 00:00 , Blogger dilaila ha detto...

risposta: Afterhours. Può bastare?

 
Alle 3 luglio 2009 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Pensavo un altro... ma può bastare. Che ne dici?

 
Alle 3 luglio 2009 00:05 , Blogger dilaila ha detto...

dico che l'ideale sarebbero stati i Blur in formazione originale a Hide Park, ma tant'è...
Buona notte Ally e buona notte anche a tutti gli animali, vegetali, minerali, cacciatori e ambasciatori che ci sono venuti a trovare stasera.
Ciao!

 
Alle 3 luglio 2009 00:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao e grazie Dilaila… grazie eun saluto ad enver e alle sue personalità multiple, all’òrso, che spero stia bene e non sia stato colpito da qualche fucilata. Buonanotte e buona fortuna.
Una notte perfetta.

 
Alle 3 luglio 2009 09:38 , Anonymous Pecorella Scompiglio ha detto...

Ciao Ally! Mannaggia ieri non ero a casa... uffa! E c'era pure Enver: siamo compagni di merende a base di cioccolato =)
Baci e abbracci

 
Alle 3 luglio 2009 15:46 , Anonymous Manina Effe ha detto...

Avete organizzato una cosa bellissima, peccato non esser stato presente.

 
Alle 3 luglio 2009 19:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bella cosa e belle le canzoni dei Dilaila. Spero esca presto il loro cd.
M....

 
Alle 3 luglio 2009 20:59 , Blogger Alligatore ha detto...

@Pecorella Scompiglio
Così impari ad andare con il gregge e star lontana dalla palude... non sapevo di questa passione per il cioccolato di Enver. Spero sia equo e solidale.
@Manina Effe
Benvenuto MF e grazie. Mi fai venire in mente una frase di Truffaut, ma la citazione non l'ha ricordo perfettamente e allora la lascio cadere. Torna...
@Anonimo M....
Grazie... e sul myspace ci sono solo alcune canzoni del nuovo album, dovresti sentire le altre (a partire da "Ally").

 
Alle 4 luglio 2009 12:35 , Blogger Vale ha detto...

Che bei occhi...

 
Alle 5 luglio 2009 01:16 , Blogger La Mente Persa ha detto...

BEllo il video di "musica per robot"!

 
Alle 5 luglio 2009 21:22 , Blogger Alligatore ha detto...

@Vale
... e dovresti sentirli cantare.
@LaMentePersa
Hai ragione da vendere, un bel video sulle catastrofi future (o anche presenti, visto come va ...). Mi hai dato un'idea.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page