giovedì 6 aprile 2017

In palude con SoFaKing

NOTE SINTETICHE ALL ASCOLTO DEL DISCO
GENERE garage indie rock
DOVE ASCOLTARLO Tutte le piattaforme digitali, per esempio qui
LABEL i dischi del minollo
CITTA' Lavagna (GE)
DATA DI USCITA 17/02/17

L'INTERVISTA

Come è nato questo vostro disco d’esordio?
Il disco è nato dall esigenza di registrare canzoni per il piacere di farlo e mi piaceva l'idea di provare a dedicarmi da solo ad ogni aspetto. Volevo che le canzoni suonassero molto sporche pur prediligendo melodie orecchiabili. In un secondo momento è entrato a far parte del progetto Nicola Sannino e ci siamo trovati molto compatibili sia a livello umano che musicale e ne è nata una collaborazione. L'apporto di Nicola in fase di produzione ha reso il disco molto più fruibile pur senza snaturare l'idea di partenza.
Perché nessun titolo, se non quello del nome della band stessa? Per dire, noi siamo le nostre canzoni?
Sì, e inoltre essendo anche il primo disco a questo nome ci sembrava fosse più di impatto utilizzare semplicemente il nome della band.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Ho cominciato a registrare in cameretta partendo da vecchie idee di canzoni scritte anni fa, solo che poi una volta trovatomi a suonare e a ricercare suoni che mi piacessero ne ho scritte di nuove. Molte canzoni quindi sono uscite di getto partendo da un giro di chitarra, un suono o un'idea di melodia con la voce e alla fine quando mi sono ritrovato con una quarantina di canzoni in mano ne ho scelte dieci e mi sono concentrato su di esse.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?
Quando Nicola mi ha convinto che era il caso di ri-registrare il tutto con una batteria vera e lasciar perdere le tracce di batteria registrate con la drum machine.
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse?
Se fosse un concept album credo l'avrei chiamato The adventures of a teenage puppet in wonderland.
C’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo del quale andate più fieri dell’intero primo album targato SoFaKing? … che vi piace di più fare live?
Dovessi scegliere una canzone direi Raging doll non tanto perchè la preferisca ad altre ma siccome è quella più contaminata da generi diversi. E' l'unica che ha un loop di synth per quasi tutto il pezzo e la parte di batteria è molto particolare. E' stata scritta per ultima ed anche messa alla fine del disco perchè credo che in futuro le parti di synth o di elettronica avranno maggiore spazio nella composizione dei pezzi. Dal vivo dipende anche dai posti dove suoniamo ma diciamo che nei posti dove c è maggiormente contatto con il pubblico The sour, perchè è il pezzo più incalzante, e Riding a Puppet ci sembra ci coinvolgano di più. Se suoniamo all' aperto direi invece pezzi più malinconici come An old record o Lavagna sleeps.
Pregiata produzione de I Dischi del Minollo. Come è avvenuto l’incontro con loro? Come avete lavorato insieme? Altri apporti in fase produttiva?
L'incontro con I dischi del Minollo è avvenuto appena ho avuto in mano le canzoni finite. Ho mandato loro un link via mail dove avevo caricato delle canzoni e Francesco de I dischi del Minollo si è mostrato subito interessato. Siamo molto contenti del lavoro che svolge l etichetta per supportarci.
Copertina molto particolare, colpisce molto: a prima vista sembra una cosa da cartoon, poi, se la guardi bene, c’è un lato macabro, anche se surreale, da allegro chirurgo. Come è nata? Di chi è opera?
Bravissimo è esattamente quello che ci sarebbe piaciuto trasmettere. Dell'artwork se ne è occupato Giovanni Montuori che è un amico e un grafico molto bravo.
Avevo visto un suo lavoro fatto con la plastilina e mi piaceva molto (quindi il tutto non è fatto a computer ma esiste davvero un omino di pongo fatto a pezzi e lo conserva gelosamente Giovanni). L'idea di fare a pezzi l'omino di pongo ci è piaciuta subito perchè ci sembrava trasmettesse sensazioni contrastanti e stati d'animo che si affiancano bene alle canzoni come preludio al sound del disco.
Come presentate dal vivo questo album?
Rock'n' roll sudato e voglia di divertirsi.

Etichette: , , , , , , , , , ,

11 Commenti:

Alle 6 aprile 2017 00:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuti in palude ai SoFaKing ... nome originale, copertina originalissima.

 
Alle 6 aprile 2017 00:30 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi tra le più oroginali dell'anno, tra un cartoon e il macabro surreale de L'Allegro chirurgo :)

 
Alle 6 aprile 2017 00:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Potremmo dire, con un termine abusato, vintage ...

 
Alle 6 aprile 2017 00:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Come vintage può essere, in un certo senso, la loro musica.

 
Alle 6 aprile 2017 00:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Questo lo si può dire ascoltado le loro canzoni, tipo “So Young”, brano ottimista e acido, con una bella chitarra che ti guida ...

 
Alle 6 aprile 2017 00:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Oppure “Again”, dall’andamento lento/malinconico e un buon ritmo, o la sussurrata “The Past Moon” con ancora la chitarra in primo piano ...

 
Alle 6 aprile 2017 00:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto interessanti anche "The Sour”, rock lisergico che manda la mia coda in pezzi e “Lavagna Sleeps”, romantica pop-song corale.

 
Alle 6 aprile 2017 00:40 , Blogger Alligatore ha detto...

In chiusura “Raging Doll”, che, come ci dice nell'intervista SoFaKing, ha una loop di synth che accompagna tutto il pezzo, è elettronica con un'anima rock, quindi mi piace :)

 
Alle 6 aprile 2017 00:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Come mi piace tutto il disco. E voi? Ascoltate e ditemi ...

 
Alle 6 aprile 2017 10:39 , Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Ehi è u n mio conterraneo (ligure)! Speriamo possa farsi spazio nel mondo musicale.

 
Alle 6 aprile 2017 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Speriamo per lui, sì!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page