domenica 1 dicembre 2013

AIDS, esiste ancora?

Oggi si celebra la giornata mondiale di lotta all'AIDS, malattia sottovalutata, in particolare negli ultimi anni, in particolare in Italia. Poco se ne parla, rispetto agli anni '80, quando scoppiò in tutta la sua drammaticità. Io ero ragazzino, mi ricordo appelli, film, articoli, programmi tv, spinti anche da morti eccellenti. Ora tutto tace, tanto che pensavo, nella mi ignoranza, questa malattia fosse stata debellata. Se ne parla una volta all'anno, come una ricorrenza da fare per obblighi istituzionali, e la gente continua ad ammalarsi e morire nel silenzio. Sbagliato, perché, per una malattia come questa, l'informazione, la prevenzione, è la prima cosa da fare. E allora, se fate sesso, fatelo protetti ... 
... e per saperene di più: 
QUALCHE DOMANDA SCOMODA ...cliccate qui

Etichette: , , , , , , ,

33 Commenti:

Alle 1 dicembre 2013 09:00 , Blogger m4ry ha detto...

Credo che sia fondamentale usare il preservativo..ogni volta che ci si ritrova ad esplorare "nuovi territori". E' un gesto di amore e di rispetto per se stessi, e anche per chi verrà dopo..e magari per chi già c'era, per chi già c'è, ma era ignaro che il suo compagno/a si fosse concesso una "nuova esplorazione". Credo sia da stupidi fare sesso non protetto. Oltre all'AIDS, esistono tantissime altre malattie...
Buona domenica Alli ! Qui è una giornata buia e tempestosa..

 
Alle 1 dicembre 2013 12:35 , Blogger Elle ha detto...

In realtà in Italia siamo molto avanti: qui il problema è fare sesso, protetto o no. Anzi "sesso protetto" significa spesso che nessuno è venuto a saperlo. Prima l'argomento dovrà smettere di essere tabù, perché parlare delle scappatelle altrui è gossip, non è informazione - e non significa che fare sesso sia considerata parte integrante della vita di ognuno, una parte di cui non si parla perché è una parte normale, e non perché è da nascondere. Avevo un ricordo vago di questa ricorrenza, ma è vero che non se ne sente mai parlare, nonostante gli ultimi scandali siano terreno utile per riaffrontare l'argomento. Sembra che i malati (e i morti) di AIDS siano considerati alla stregua di minoranze - o meno, altrimenti se ne parlerebbe almeno in campagna elettorale.

 
Alle 1 dicembre 2013 13:16 , Blogger Alligatore ha detto...

@M4ry
Condivido quello che scrivi, provo rabbia e disgusto per chi vuole provare l'ebrezza del farlo senza ... e pure per chi dice che è peccato. Peccato, è farlo senza.
@Elle
Sui morti di aids, credo sia calato il silenzio perché sono minoranze, sia a livello etnico, sia a livello economico, e, se non sbaglio, celebrità morte di aids non ne vedo da anno. Normale è quello che uno si sente e vuole fare, in ogni luogo e ogni epoca. Sono sulla tua stessa lunghezza d'onda ... cavalchiamola insieme ;)

 
Alle 1 dicembre 2013 13:36 , Blogger Silvia Pareschi ha detto...

Anch'io credevo che fosse stato debellato, almeno nei paesi ricchi, e che lo avessimo regalato tutto agli africani. Invece ce n'è ancora un bel po' anche qui, solo che non se ne parla.

 
Alle 1 dicembre 2013 13:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, è la mia stessa sensazione. In ufficio, parlando con colleghi, io avevo detto quello che dici tu "ormai, chi si vuoi si ammali? Basta stare attenti ... in Africa, dove conoscono poco i condom, è una vera strage, ma da noi..."
Invece anche da noi, magari con numeri diversi, si muore ancora di aids (magari, facendolo passare per altre malattie da esso legate).

 
Alle 1 dicembre 2013 16:01 , Blogger Felinità ha detto...

Mai abbassare la guardia e seguire tabù assurdi. Miaoooùùùùù

 
Alle 1 dicembre 2013 17:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Sottoscrivo ... vedo che gli amiche che passano in palude sono avanti. Miaoooùùùùù...

 
Alle 1 dicembre 2013 17:28 , Blogger Iride ha detto...

Addirittura io credevo di aver sentito da qualche parte che si era trovata una cura definitiva... altro non so perchè in effetti si è smesso di parlarne.

 
Alle 1 dicembre 2013 17:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Bel simbolo colorato Iride ... in effetti si parlava di una cura definiva, ma sembra sia stata una truffaldina illusione. Ne parlano nel link che ho messo sotto il post. Prova a leggere qui

 
Alle 1 dicembre 2013 17:44 , Blogger Sole ha detto...

Alli, il tabù è legato perchè si tratta di una malattia che si trasmette principalmente sessualmente, e si sa che accade: si nasconde tutto ciò che è sesso e godimento! Se ne potessimo parlare più liberamente il sesso protetto sarebbe una cosa ..."automatica" da dire e fare.

Ricordiamo anche che un contagio di HIV può avvenire attraverso una trasfusione, un tatoo fatto con aghi infetti, un'operazione "clandestina", un soccorso stradale fatto senza pensarci,una pulizia dentale con strumenti non disinfettati, entrando in contatto con siringhe infette, etc..etc...
Io sfiderei a domandare cosa sia l'AIDS e ad avere risposte concrete e reali. Si sa per esempio che l'evoluzione porta alla morte, ma si sa meno che la seriopositività può permettere una vita discreta e sociale senza problemi e che i medicinali dati a questo stadio possono permettere dignitosa vita.
Bacio!

 
Alle 1 dicembre 2013 17:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo sul fatto che sia dovuto ad un tabù sessuale (e quante colpe ha la chiesa in questo, specie nei paesi del sud del mondo). Bene fai a ricordare le altre possibili cause del contagio, e anche a chiederti come si vive da sieropositivo (perché in effetti, si può vivere).
Wow, solo donne in palude per questo argomento. I maschietti, con argomenti così si bloccano ... si sentono responsabili?

 
Alle 1 dicembre 2013 18:00 , Blogger Sole ha detto...

mi sa che ai maschietti farlo "con" è imbarazzante, problematico, insinua un possibile problema e non sentono come vorrebbero. Diciamocelo!

 
Alle 1 dicembre 2013 18:12 , Blogger Iride ha detto...

Sì ho letto, infatti mi rendo conto che non era vero. Gli argomenti di discussione sono in balia delle mode come tutto il resto, e questo argomento è passato di moda, purtroppo. Non so se c'entri davvero la questione del tabù sessuale, in quanto a suo tempo - tempo passato e quindi più restio a parlare di certe cose - l'informazione c'è stata, l'aids è stata lo spauracchio di un decennio. Credo sia più una mera questione di palinsesto mediatico. Adesso è il tempo del tumore. Sta di fatto che una delle malattie che miete più vittime al mondo è l'influenza.

 
Alle 1 dicembre 2013 18:15 , Blogger Iride ha detto...

Grazie per il complimento all'avatar ;)

 
Alle 1 dicembre 2013 18:20 , Blogger Alligatore ha detto...

@Sole
Certo, c'è poi, a volte, il problema di chi tradisce, si ammala, e poi porta in casa la malattia ... ma metterselo, o meglio, farselo mettere, può essere un bel giochetto.
@Iride
Forse anni fa, eravamo più avanti di adesso, in fatto di tabù sessuale... è solo un'ipotesi. Vero che l'AIDS non è più malattia "di moda", non ricordo quale sia stato l'ultimo nome famoso morto così ...

 
Alle 1 dicembre 2013 20:33 , Blogger Cri ha detto...

La questione è, come dice Agnoletto, che se nessuno si ammalasse più qualcuno perderebbe qualche cliente...E comunque sì, è scandaloso che bigottamente, nelle scuole, non si faccia nessuna educazione sessuale; così come non si parla di droga, e se lo si fa, lo si fa su piani totalmente avulsi dalla realtà.

 
Alle 1 dicembre 2013 20:44 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Ci sono ancora troppi bigotti schifosi per i quali il vero significato di quelle iniziali è Auspicato Intervento Divino Sanzionatore...
Preservativo sempre!!!!

 
Alle 1 dicembre 2013 20:54 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cri
Vero, c'è una tale ipocrisia che è criminale ...
@Zio Scriba
Ben detto, non la sapevo questa ... c'è sempre da imparare ;)

 
Alle 1 dicembre 2013 20:59 , Blogger Elle ha detto...

La maggior parte dei maschietti la domenica non fa sesso perché va allo stadio, Alli, commenteranno domani, tranquillo ;)

 
Alle 1 dicembre 2013 21:02 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah, infatti Zio Scriba è arrivato adesso, dopo il post-partita ;)

 
Alle 1 dicembre 2013 22:07 , Blogger redcats ha detto...

Il problema è , al di là delle considerazioni sui tabù, che l'aver trovato terapie relativamente efficaci ha favorito la falsa credenza che la malattia è quasi debellata se non addirittura curabile definitivamente,e di conseguenza ha fatto venir meno tutta la prudenza legata alla paura e riportato a comportamenti superficiali e incoscienti nella convinzione di non correre rischi irrimediabili.
Bisogna tornare a parlarne molto di più.

 
Alle 1 dicembre 2013 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo, e sui metodi relativamente efficaci, linko ancora l'articolo di Agnoletto, molto interessante da questo punto di vista. Per chi non l'ha visto è
qui

 
Alle 2 dicembre 2013 08:52 , Blogger Boh ha detto...

Sono "cresciuto" con l'ormai famoso alone viola....
Ed effettivamente spesso mi son chiesto come mai non si parlasse più tanto di AIDS, passata la "moda"?
Boh, forse CONVIENE di più parlare di influenze killer varie, li i vaccini ci sono subito, quasi quasi te li portano a casa se vuoi... ed i soldi son più immediati e facili.

 
Alle 2 dicembre 2013 11:05 , Blogger Chiaretta ha detto...

Anch'io, nella mia ignoranza, pensavo che la malattia fosse stata sconfitta, e invece, semplicemente, non se ne parla più.
Ricordo ancora quella pubblicità inquietante, per me piccolina, con l'alone viola intorno alle persone...
Insomma, come dici tu, la prevenzione è l'unica via!

 
Alle 2 dicembre 2013 14:10 , Anonymous MyP ha detto...

Il problema sai qual è?
Che adesso a causa dell'AIDS non si muore più tanto quanto prima. E' una malattia che ora la medicina controlla di più.Non guarisci dall'aids ma non muori più.
E quindi questo vuol dire che non fa più notizia.
Che tristezza!

 
Alle 2 dicembre 2013 17:16 , Blogger @enio ha detto...

in Italia sono tante le cose di cui non si parla, per l'HIV applicano la legge del menga!

 
Alle 2 dicembre 2013 18:34 , Blogger Enrico Teodorani ha detto...

Certo che dal terrorismo psicologico dagli anni '80 al silenzio di adesso c'è una bella differenza!

 
Alle 2 dicembre 2013 21:32 , Blogger Alligatore ha detto...

@Boh
Sai che mi ero scordato pure dell'alone viola? (la mia vecchiaia avanza eh, eh, eh...), ma sono cresciuto pure io con tale cosa. Probabilmente è una banale/criminale questione di soldi, e chi ci rimette siamo sempre noi poveri c... e le multinazionali del farmaco ci godono.
@Chiaretta
Prevenire è meglio che curare, diceva un'altra pubblicità del periodo. Quella sì, diceva bene ... sull'alone viola, ho già detto tutto all'amico prima di te :)
@MyP
Sul fatto che non si muoia più, avrei i miei dubbi: nei paesi del sud del mondo si muore, eccome, in alcuni contesti di degrado in Italia/Eu/Usa, si muore eccome ... poi, dicono, certe morti, che apparentemente non sono di AIDS, lo sono... per il resto concordo: che tristezza!
@Enio
Oh my god! ... non solo per l'AIDS.
@Enrico Teodorani
Credo siano le due facce della stessa medaglia, un misto di falso perbenismo e interessi di bottega.

 
Alle 2 dicembre 2013 23:53 , Blogger Serena S. Madhouse ha detto...

e invece esiste ancora ed è ancora più diffusa...

 
Alle 3 dicembre 2013 07:33 , Blogger Kylie ha detto...

C'è ancora ma se ne parla poco.

Un abbraccio

 
Alle 3 dicembre 2013 11:41 , OpenID Hol ha detto...

E' verissimo quello che dici! L'AIDS pare relegata dai media a malattia nota, debellata, di serie B.
Ricordo ancora lo spot televisivo con i ragazzi circondati dall'alone viola: terrificante ma chiara.
Perchè è così che questa malattia dev'essere presentata.

 
Alle 3 dicembre 2013 22:49 , Blogger Alligatore ha detto...

@Serena
Verità nascosta...
@Kyl
... e allora parliamone.
@Hol
Bentornato in palude Hol ... è così, ecco un altro che si ricorda dell'alone viola (mi ero dimenticato pure quello).

 
Alle 4 dicembre 2013 09:43 , OpenID Hol ha detto...

Grazie Alli! Mi sono preso un periodo di disintossicazione da blog ;P
Rieccomi attivo in palude.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page