domenica 7 ottobre 2012

Bestiolina anche in palude

Stavo scrivendo al pc ... STUND, un rumore secco, come qualcosa fosse stato lanciato dolcemente ma con decisione sui vetri della porta del mio terrazzo. Vado a vedere e ci trovo questa bestiolina, una cavalletta senza una zampa. 
Senza una zampa?... che strano! Forse è nata così, forse qualche vera bestia ha tentato di farla fuori durante l'estate, l'ha torturata vigliaccamente, ma lei ha resistito, ed è arrivata fino ad ottobre, per trovare riparo in palude, da cavalletta resistente. 
L'amputazione sembra si sia cicatrizzata da tempo, non come le ferite della Storia. E così, vado con la memoria alle stragi naziste impunite. Di questi giorni la notizia dell'archiviazione della magistratura tedesca per la strage di S.Anna di Stazzema. Il rigore tedesco vale solo in economia? O forse, rigore in economia e questa sentenza sono due facce della stessa medaglia? Qui un impeccabile articolo di Enzo Collotti.

Etichette: , , , , , , , , ,

17 Commenti:

Alle 7 ottobre 2012 18:27 , Blogger mr.Hyde ha detto...

Ho letto l'articolo.
Quegli assassini non possono passarla liscia..Si vergogni chi non vuole condannarli. Solo uno che è come loro puo' rifiutarsi di farlo! Non passerà mai abbastanza tempo per dimenticare gli orrori che hanno commesso..
E non ci sarà mai perdono.

 
Alle 7 ottobre 2012 18:30 , Blogger Alligatore ha detto...

"Non passerà mai abbastanza tempo per dimenticare gli orrori che hanno commesso...", questo credo sia fondamentale. Bisognerebbe farlo sapere a chi, a tenuto nascosti molti armadi della vergogna, da bravi gattopardi (un animale molto diffuso in Italia, pure troppo ...).

 
Alle 7 ottobre 2012 19:45 , Blogger Adriano Maini ha detto...

Per non dimenticare gli orrori del nazismo, occorre raccontarli più spesso di quanto non si faccia!

 
Alle 7 ottobre 2012 19:53 , Blogger Zio Scriba ha detto...

Consoliamoci pensando che se sono appena un po' uomini vivranno (stanno vivendo) torturati dai loro fantasmi... mentre se non lo sono, non meritano neppure i nostri sputi: sporcheremmo la nostra saliva.

 
Alle 7 ottobre 2012 20:04 , Blogger Alligatore ha detto...

@Adriano
Già, la memoria, si diceva una volta ... ultimamente l'hanno messa in soffitta, chiusa bene negli armadi.
@ZioScriba
Sì, è vero ... e poi la verità storica è un fatto, ed è spesso lontana dalle sentenze dei tribunali (a dimostrazione che invece di andare avanti andiamo indietro).

 
Alle 8 ottobre 2012 09:26 , Blogger Sole ha detto...

Orrori nascosti. E velatamente qualcosa ne esce a scuotere le coscienze. Le più scaltre coscienze. Perchè a me sembra che ci sia sempre più scarsa elasticità mentale per avere un'opinione in merito a quanto ci hai linkato (secondo link ;) ). c'è un appannamento mentale e riportare alla memoria fatti così importanti va a scuotere i più sensibili, diamocelo.
scuotere e ricordare deve essere il monito a non commettere quegli stessi errori; non posso condannare i giudici che si attengono ai fatti, sono pur certa che tra di loro di coscienziosi ce ne sono, afflitti e costretti a dover sentenziare contro la propria morale...

bestioline, invasi dalle bestioline ;)

 
Alle 8 ottobre 2012 10:11 , Blogger Eva ha detto...

Non leggo, non guardo e non commento. Ti saluto e basta. (Orrore!)

 
Alle 8 ottobre 2012 11:13 , Blogger Kylie ha detto...

Se alcuni nazisti non fossero già morti li ucciderei io. Ieri ero a Marzabotto.

Buona settimana!

 
Alle 8 ottobre 2012 12:02 , Blogger Adriana Riccomagno ha detto...

Bestiolina, sì!

 
Alle 8 ottobre 2012 12:39 , Blogger Elle ha detto...

Dottor Alli, come sta la bestiolina?
Brutte notizie dalla storia, vedo.. non ho capito cosa risulta: che il fatto non sussiste? o semplicemente che non ci sono prove che fosse una strage? bah..
In realtà basta essere un po' lontani dal luogo del delitto per non sapere o per dimenticare, per fortuna internet ha una divulgazione retroattiva o riesumativa!

 
Alle 8 ottobre 2012 16:26 , Blogger nonno enio ha detto...

la cavalletta bene o male se la caverà pure senza una gamba, ma quei poveretti trucidati senza colpe non avranno pace... i carnefici alla fine l'hanno fatta franca.

 
Alle 8 ottobre 2012 19:21 , Blogger Blackswan ha detto...

Una sentenza indegna che ha fatto carta straccia di quanto deciso in tre gradi di giudizio dai nostri tribunali.Dimenticavo : gli imputati erano quasi tutti rei confessi.

 
Alle 8 ottobre 2012 20:49 , Blogger Alligatore ha detto...

@Sole
Che dire? Non condanno i giudici, non ne ho potere e tantomeno le capacità. Mi disgusta una sentenza così, come le balle che ci raccontano da anni... eppure la Storia è lì.
@Eva
L'orrore più grande della Storia (... non certo la bestiolina sul vetro).
@Kylie
La memoria è importante, e l'hanno uccisa più volte. Con questa sentenza ancora.
@Adriana
Una sola? ;)
@Elle
Di sicuro qui la Storia non si dimentica, vicina o lontana che sia ...pare non ci siano prove sufficienti. Cosa volevano? Se ne parla
qui
@Nonno Enio
Già, la cavalletta può ancora volare, loro no ...
@Blackswan
Una cosa così evidente che mi viene da pensare se questo è un uomo ...

 
Alle 8 ottobre 2012 21:39 , Blogger Elle ha detto...

Grazie, Alli. Quindi hanno pure confessato.. speriamo che riescano a smuovere qualcosa tramite l'iniziativa del sindaco..

 
Alle 8 ottobre 2012 21:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, a volte sembra di aver raggiunto un minimo di verità e giustizia, ma poi tocca ricominciare da capo. Molto stressante, ma duri andiamo avanti ...

 
Alle 12 ottobre 2012 00:32 , Blogger Sara ha detto...

Mi ha fatto molto soffrire la sentenza su Stazzema, non sono mai andata, ma è un luogo che mi prometto di visitare.

 
Alle 12 ottobre 2012 00:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Hai ragione Sara, soffrire è il termine giusto, perchè quando si hanno delle certezze storiche, costruite in anni, e qualcuno, per chissà quale motivo, interesse, ignoranza, malafede, o qualsiasi altra cosa, le manda all'aria così, un vero essere umano soffre ... mai stato pure io, ma come tutti i luoghi di queste nere memorie, da visitare.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page