martedì 15 novembre 2011

Due parole con Fabrizio Cammarata & The Second Grace

Fabrizio Cammarata & The Second Grace questa sera in diretta per la prima volta sul blog, una cosa che mi fa immensamente piacere: uno, perché tra i mille impegni Fabrizio ha trovato un momento per un salto in palude, due, perché il disco che sta portando in giro è veramente notevole. Si tratta di Rooms, uscito magicamente in data 11.11.11, con la bella label Via Audio Records, prodotto dal mitico JD Foster, registrato tra la sua Sicilia, New York, Portland, Tucson, Kingston. Insomma, un disco internazionale, che ha tra gli ospiti, solo per fare un nome, Joey Burns dei Calexico. Nonostante questa presentazione mainstream, Rooms ha la bellezza delle cose intime, della buona musica veramente indipendente.
Ascoltandolo, in certi momenti mi ha ricordato Nick Drake; forse per gli arrangiamenti, forse per la voce, forse perché il nome della band nasce dai versi di una sua canzone (Fly, molti amici del blog conosceranno di certo). Questo per dire della forza intima di questo disco. A tratti colorato e surreale, come la copertina con al centro Fabrizio, e dietro a lui tante storie. Rooms, per dirla con una battuta, è un disco che pensa globalmente, ma agisce localmente. Insomma mi piace e non vedo l’ora di parlarne con chi l’ha fatto: Fabrizio Cammarata & The Second Grace. Sì, proprio Grace. Pronti?

VAI AL LORO SITO thesecondgrace.com

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

82 Commenti:

Alle 15 novembre 2011 21:33 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

io ci sono...

 
Alle 15 novembre 2011 21:33 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

io ci sono...

 
Alle 15 novembre 2011 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Benvenuto nella palude Fabrizio.

 
Alle 15 novembre 2011 21:35 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

bentrovati!

 
Alle 15 novembre 2011 21:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Fatto buon viaggio?

 
Alle 15 novembre 2011 21:38 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Sono ancora in Brianza, appena reduce dalla presentazione ufficiale de disco qui in Italia e da un po' di promo.

 
Alle 15 novembre 2011 21:39 , Blogger Alligatore ha detto...

Lo so, stai girando parecchio, per questo ti ringrazio di essere passato di qua, e se sei pronto parto con la prima domanda...

 
Alle 15 novembre 2011 21:40 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

vai

 
Alle 15 novembre 2011 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora, partito il cd e...parliamo di "Rooms" ...

 
Alle 15 novembre 2011 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato questo disco?

 
Alle 15 novembre 2011 21:43 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

È nato durante tantissimi viaggi, fatti principalmente per musica e tour nell'arco dei 3 anni che hanno seguito l'uscita del primo disco, quando ancora eravamo una band e ci chiamavamo semplicemente The Second Grace, per la prima volta ho fatto un disco che fosse l'analogo discografico del "road movie" nel cinema. Dentro ci sono mie memorie dall'Avana a NYC, da Berlino a Parigi ad Amburgo al Messico.

 
Alle 15 novembre 2011 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Kerouac sarà contento.

 
Alle 15 novembre 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Domanda forse superflua ...

 
Alle 15 novembre 2011 21:46 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

on the road. Always. È la mia vita, errare, in tutti i sensi.

 
Alle 15 novembre 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo titolo?

 
Alle 15 novembre 2011 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Tutte le Rooms dei tuoi viaggi ...

 
Alle 15 novembre 2011 21:48 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Stanze d'albergo e bettole? Anche. Ma principalmente con questo lavoro vi invito a fare un giro nelle stanze di casa mia. In questo caso casa mia è la mia anima, scandagliata per benino.

 
Alle 15 novembre 2011 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi anche un viaggio interno, intimo, mentale...

 
Alle 15 novembre 2011 21:51 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

sì, come non avevo mai fatto. Mi vergogno anche un po' perché mi sono denudato parecchio

 
Alle 15 novembre 2011 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è qualche pezzo che preferisci?

 
Alle 15 novembre 2011 21:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche pezzo del quale sei più fiero?

 
Alle 15 novembre 2011 21:53 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Alone And Alive, sicuramente. Ma più di tutti forse Myriam perché mi piace così tanto che neanche mi sembra di averla scritta io.

 
Alle 15 novembre 2011 21:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero, sono due gran bei pezzi, sembrano dei classici.

 
Alle 15 novembre 2011 21:57 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

che complimentone! grazie!

 
Alle 15 novembre 2011 21:57 , Blogger Alligatore ha detto...

A me piacciono un sacco anche "Misery" e "Down Down".

 
Alle 15 novembre 2011 21:59 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

anche a me, in verità non c'è un pezzo del disco che non adoro, la lavorazione è stata lunga e dolorosa, sono tutti figli cresciti con sacrifici e amore

 
Alle 15 novembre 2011 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Bell'immagine, che capisco ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Bell'immagine, che capisco ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

... è sicuramente un disco compatto, pur essendo pieno di suoni, cose, immagini.

 
Alle 15 novembre 2011 22:01 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

era questo l'intento, decisamente

 
Alle 15 novembre 2011 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Potremmo parlare di concept-album allora?

 
Alle 15 novembre 2011 22:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Se fosse un concept-album su cosa sarebbe?

 
Alle 15 novembre 2011 22:05 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

sì, ma l'ho scoperto ex-post. Che era un album sulla solitudine, esaminata in tutte le facce che può assumere. Quelle tristi, come la solitudine imposta, la solitudine per amore, e quelle volute, ricercate. Io per esempio sono uno che la solitudine la cerca continuamente, periodicamente mi aiuta.

 
Alle 15 novembre 2011 22:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Vale anche per me ... forse per questo "Rooms" mi prende bene.

 
Alle 15 novembre 2011 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Però il cd non è starto fatto in solitudine.

 
Alle 15 novembre 2011 22:08 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

siamo un popolo, i solitari!

 
Alle 15 novembre 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, tanti solitari.

 
Alle 15 novembre 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Registrato tra la Sicilia, New York City, Portland (Oregon-USA), Tucson (Arizona- USA) e Kingston (Jamaica).

 
Alle 15 novembre 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Tanti nomi importanti tra i collaboratori, in piccoli o grandi ruoli.

 
Alle 15 novembre 2011 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sei riuscito a tenere insieme tutto? Qualche episodio?

 
Alle 15 novembre 2011 22:09 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

sì il disco è stato fatto da una grande squadra

 
Alle 15 novembre 2011 22:12 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Durante la lavorazione del disco è semplicemente successo di tutto. Sembrava mi avessero buttato il malocchio. Credo di essere però un buon catalizzatore per tutto ciò che riguarda il mettere insieme le persone e fare team. Questo mi ha salvato.

 
Alle 15 novembre 2011 22:13 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Durante la lavorazione del disco è semplicemente successo di tutto. Sembrava mi avessero buttato il malocchio. Credo di essere però un buon catalizzatore per tutto ciò che riguarda il mettere insieme le persone e fare team. Questo mi ha salvato.

 
Alle 15 novembre 2011 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Rieccomi, scusa probeli tecnici ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

...parlando del malocchio.

 
Alle 15 novembre 2011 22:24 , Blogger Alligatore ha detto...

Continunado ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:24 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

hahahaha

 
Alle 15 novembre 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Produttore è il mitico JD Foster (Calexico, Marc Ribot, Vinicio Capossela)...

 
Alle 15 novembre 2011 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Come mai questa scelta? Come è stato lavorare con lui a questo cd?

 
Alle 15 novembre 2011 22:26 , Blogger Alligatore ha detto...

(Momento veramente terribile, ma alla fine tutto risolto, ci possiamo ridere sopra).

 
Alle 15 novembre 2011 22:26 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Quando si trattava di cominciare a lavorare al disco, ho preso tutti i dischi recenti e non che mi piacevano, e ho visto chi li aveva prodotti.

 
Alle 15 novembre 2011 22:26 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Da una decina di nomi poi il cerchio si stretto attorno a JD, ed è stata una scelta fortunatissima, un sodalizio di quelli rari in musica, fra me e lui.

 
Alle 15 novembre 2011 22:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Il cd è uscito con la label Via Audio Records. Come è avvenuto l’incontro con loro? Come hai collaborato e continuerai a farlo?

 
Alle 15 novembre 2011 22:31 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Sono amici da parecchio tempo, e credono tantissimo nella mia musica. Sto licenziando il disco nei vari Paesi con label diverse, loro si occupano dell'Italia. Per il resto ogni disco ha una sua storia, la produzione esecutiva dei dischi è sempre stata mia, quindi mi riservo di volta in volta di sceglierne il destino.

 
Alle 15 novembre 2011 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Ne parli come un vero prodotto artigianale, a km zero come si dice oggi. Molto bello questo.

 
Alle 15 novembre 2011 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Particolare la copertina con delle coppie dietro a te in atteggiamenti strani, molto diversi: chi litiga, grida, si bacia, simpatizza … sembrano personaggi di un racconto, di canzoni.

 
Alle 15 novembre 2011 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Di chi è opera? È nata prima la copertina o prima il cd?

 
Alle 15 novembre 2011 22:35 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

in qualche modo lo è. Per il resto penso sia un disco fatto "all'antica", pensando al prodotto discografico in sé e non a quanto può farti girare in tour facendo il "buzz" su un argomento più o meno attuale. Nessuno oggi ha la pretesa di entrare nella storia della musica. Secondo me averla è una cosa giusta, ovviamente io non ci entrerò mai, ma lavoro per questo, e grandi obiettivi è più facile che generino buoni risultati. Mai volare basso.

 
Alle 15 novembre 2011 22:35 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

La copertina è l'ultima cosa che ho fatto. Il concept è mio, volevo una cover che già apparisse come un classico, e volevo una composizione pittorica, con degli atteggiamenti enfatizzati tipo quadro del '700. infatti la foto l'ha fatta un grande pittore nonché mio carissimo amico, Igor Scalisi Palminteri.

 
Alle 15 novembre 2011 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi segno questo nome, veramente un bel lavoro. Non una semplice foto.

 
Alle 15 novembre 2011 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

E un altro grande nome compare sulla copertina, in parte, sul lato sinistro ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Sul lato sinistro della copertina c'è una frase di Ada Merini: “Non sanno che io piango, che ho una solitudine bambina.” …

 
Alle 15 novembre 2011 22:39 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

È una delle mie poetesse preferite, e questa frase descrive benissimo il concept che - a posteriori - ho ritrovato come fil rouge nel disco. La mia è una solitudine bambina.

 
Alle 15 novembre 2011 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Fantastico, il cerchio sembra chiudersi ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterai “Rooms”? Qualche data ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:44 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

il disco in tialia è stato presentato al Tambourine di Seregno, adesso iniziano un po' di giri per il Paese intervallati da festival all'estero, Belgio e Olanda. Primavera chissà....

 
Alle 15 novembre 2011 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domande che non ti ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche se è presto (abbiamo detto tutto in breve tempo).

 
Alle 15 novembre 2011 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

La domanda marzulla è la più difficile, lo so ...

 
Alle 15 novembre 2011 22:51 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

"Quanta Palermo c'è nel tuo lavoro?"
"Più di quanto non sembri"
"E quanta America?"
"Meno di quanto non sembri"

 
Alle 15 novembre 2011 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Infatti, è quello che pensavo pure io: sei partito per un grande viaggio, per ritrovare te stesso, e, sembra, almeno per lo spazio di queste 10 canzoni, ci sei riuscito.

 
Alle 15 novembre 2011 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Fabrizio.

 
Alle 15 novembre 2011 22:55 , Anonymous Fabrizio Cammarata ha detto...

Grazie a te Alligatore, è stato più che un piacere.

 
Alle 15 novembre 2011 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Piacere mio.

 
Alle 15 novembre 2011 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna a Fabrizio Cammarata & The Second Grace.

 
Alle 15 novembre 2011 23:50 , Blogger Marta ha detto...

splendida musica....davvero.

blog e corda fanno sentire il proprio corpo in due differenti modi...non rinuncerei a nessuno dei due per percepirmi.

 
Alle 16 novembre 2011 00:05 , Blogger Alligatore ha detto...

@Marta
Concordo, e non è una battuta ;) Benvenuta nella palude.

 
Alle 16 novembre 2011 01:40 , Blogger Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Letto tutta l'intervista..le stanze di Cammarata sono senza dubbio da visitare..
Come chi sono, oh?
Sono The FIRST Grace IO :P

 
Alle 16 novembre 2011 01:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah,impossibile non pensare a te, Grace, che poi hai colto il senso della chiacchierata: cercare the second Grace, e farla dialogare con la first. Questo il senso.

 
Alle 16 novembre 2011 12:12 , Blogger Bruja ha detto...

accidenti...leggendo quello che scrivi si resta incuriositi e non si può non ascoltare il disco...:-)

 
Alle 16 novembre 2011 19:43 , Blogger Blackswan ha detto...

L'intervista e la tua presentazione mi hanno incuriosito molto.Parto alla scoperta dell'artista :)

 
Alle 16 novembre 2011 23:39 , Blogger Alligatore ha detto...

@Bruja
Grazie.
@Blackswan
Sempre molto attento, grazie anche a te.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page