martedì 27 aprile 2010

Intervista a TheTransisters

Questa sera ho l’onore di avere sul blog i veneti Transisters, appena tornati da un tour in Germania e pronti a far uscire il loro secondo cd: How To Irritate People. Sarà ufficialmente fuori la settimana prossima, ma io l'ho già ascoltato parecchio e la coda mi batte bene. Sì, perché sono 9 pezzi per venticinque e rotti minuti di musica autenticamente sbatticoda, dove non si tira mai il respiro. Sembra quasi siano davanti a te a suonare, a divertire, a divertirsi … a pensarci bene, sembrano pure più di quattro (almeno sei), tanto e tale è la varietà di suoni e voci prodotte.
Le influenze dichiarate sono varie e molto importanti: dai Joy Division ai Gang of Four, dai Wire ai Pere Ubu, ma il piatto forte sono i Monty Python, ispiratori dei titoli e dei testi delle loro canzoni. E poi ci sono i Velvet Underground (quelli di White Light - White Heat, in particolare), W.S. Burroughs, i Sonic Youth…insomma tanta buona gente per dar vita a tanta altra buona musica. Non a caso a produrre c’è la label indipendente ScrivereMale, da sempre accanto a band vive.
I Transisters vivi lo sono di sicuro. Il disco è stato registrato e mixato con sola strumentazione analogica (e si sente). Lo ascolto in questo momento per la ventesima volta e non vorrei interrompermi, ma l'intervista deve iniziare (rimarranno in sottofondo). Ci siete?
VAI AL LORO MYSPACE http://www.myspace.com/thetransisters

Etichette: , , , , , , ,

100 Commenti:

Alle 27 aprile 2010 22:05 , Anonymous thetransisters ha detto...

the transisters in the house

 
Alle 27 aprile 2010 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Ragazzi, scusate il ritardo, questa sera sono successe tutte...

 
Alle 27 aprile 2010 22:07 , Anonymous Pecorella Scompiglio ha detto...

Ciao Ally!
Ciao ragazzi!
Io ci sono: ero in pausa cioccolata =)

 
Alle 27 aprile 2010 22:08 , Anonymous thetransisters ha detto...

no problem...
spara la domanda

 
Alle 27 aprile 2010 22:08 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora possiamo cominciare ...

 
Alle 27 aprile 2010 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

La più difficile: chi sono i Transisters?
Ciao Pecorella.

 
Alle 27 aprile 2010 22:10 , Anonymous thetransisters ha detto...

The Transisters sono una band da Treviso che suona post-punk new-wave.

 
Alle 27 aprile 2010 22:12 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché questo nome?

 
Alle 27 aprile 2010 22:13 , Anonymous thetransisters ha detto...

Per non prendersi troppo sul serio, siamo discepoli dei Monty Python. In realtà quando abbiamo iniziato a suonare eravamo delle ragazze..

 
Alle 27 aprile 2010 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Avete cambiato sesso allora...io pensavo di intervistare dei ragazzi di venezia e mi ritrovo con delle rgazze di Treviso...forse per me è meglio così...

 
Alle 27 aprile 2010 22:16 , Anonymous de la squeva ha detto...

ciao ally, ciao pecorella, ciao transorelle!

 
Alle 27 aprile 2010 22:16 , Blogger Alligatore ha detto...

Ci vuole un po' di situazionismo punk.

 
Alle 27 aprile 2010 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao de la squeva, già ti conosco...

 
Alle 27 aprile 2010 22:18 , Anonymous thetransisters ha detto...

ciao momy!

 
Alle 27 aprile 2010 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Come nasce un vostra canzone? Prima le parole o prima la musica? ...ispirate direttamente dal genio dei Monthy Python, dicevamo ...

 
Alle 27 aprile 2010 22:20 , Anonymous thetransisters ha detto...

Le canzoni nascono da sole, noi siamo più che altro degli spettatori del nostro subconscio. Ma le parole vengono suggerite dal Monty Python’s Flying Circus, e da William Borroughs

 
Alle 27 aprile 2010 22:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Una specie di pasto nudo.

 
Alle 27 aprile 2010 22:22 , Anonymous thetransisters ha detto...

più che altro una soft machine

 
Alle 27 aprile 2010 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

A proposito di Monty Python, alcuni anni fa i Mosquitos dedicarono a Brian di Nazareth un mini-album di cover.

 
Alle 27 aprile 2010 22:25 , Blogger Alligatore ha detto...

Non so se l’avete mai sentito…voi quale film dei Monthy Python omaggereste? E con quali cover?

 
Alle 27 aprile 2010 22:28 , Anonymous thetransisters ha detto...

Bhè sicuramente “The meaning of life”. E’ il loro film migliore, forse il loro apice, è filosofia trascendentale, è Kant che vomita in un secchiello. Il disco si potrebbe chiamare “The Transmeaning of life” e le cover si potrebbero scegliere tra le molte canzoni dei Python, tipo “Every sperm is sacred”, “Never be rude to an arab”, “Sit on my face” e “Decomposing Composer”.

 
Alle 27 aprile 2010 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Concordo sul film, veramente un cult assoluto (come ogni loro film del resto). Bella l'idea e bello il titolo.

 
Alle 27 aprile 2010 22:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Come sono nate le canzoni di “How To Irritate People”, questo vostro secondo album?

 
Alle 27 aprile 2010 22:33 , Anonymous thetransisters ha detto...

Jhon Cleese insegna

 
Alle 27 aprile 2010 22:34 , Anonymous thetransisters ha detto...

Le canzoni nascono da un intenso periodo di composizione, molti pezzi sono stati studiati appositamente per la fase di registrazione. Volevamo fare un disco che suonasse diverso da come siamo nel live, nei concerti tendiamo ad essere più punk come attitudine. Volevamo lavorare di più in studio, per divertirci un pò e non fare una sessione prettamente live. Abbiamo lavorato molto sul mix, sugli effetti, per esempio abbiamo usato 8 canali solo per gli effeti sulla voce, cosa per cui chiunque fonico ti darebbe del pazzo

 
Alle 27 aprile 2010 22:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Il disco è stato registrato e mixato in analogico. Una cosa che fa notizia.

 
Alle 27 aprile 2010 22:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Perché?

 
Alle 27 aprile 2010 22:38 , Anonymous thetransisters ha detto...

Sì, abbiamo registrato all’”Inside Outside studio” di Montebelluna, casa dei Mojomatic, con Nene, fonico di altissimo livello ma anche musicista, suona con i “Movie Star Junkie” e con i “ Vermillion Sand”, due gruppi eccezionali. Ci siamo trovati splendidamente con lui, primo perché ha un talento infinito, poi perché è sempre entusiasta a provare metodi di registrazione e mixaggio sperimentali, per non dire assurdi. La registrazione analogica non ha niente a che vedere con il digitale. A parte il suono, che nell’analogico è molto più caldo e pastoso, la differenza sta anche nel fatto che in uno studio digitale hai uno schermo di un computer con le tracce, e la musica la vedi, mentre in analogico hai solo il nastro, e la musica la ascolti. Questo cambia notevolmente l’approccio nel mix. E poi il mixaggio è live, cioè non puoi salvarlo, e se va bene va bene se va male devi rifarlo da capo. Il che è molto emozionante

 
Alle 27 aprile 2010 22:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Già, è molto più vivo e reale, senti il precipizio davanti...lo senti nel disco.

 
Alle 27 aprile 2010 22:42 , Anonymous thetransisters ha detto...

sì esatto, il nostro precipizio interiore

 
Alle 27 aprile 2010 22:42 , Blogger Alligatore ha detto...

Se “How To Irritate People” fosse un concept su cosa sarebbe?

 
Alle 27 aprile 2010 22:44 , Anonymous thetransisters ha detto...

L’inquisizione spagnola in un autobus

 
Alle 27 aprile 2010 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi fate incazzare il pastore tedesco.

 
Alle 27 aprile 2010 22:49 , Anonymous thetransisters ha detto...

chi? ratzinger?

 
Alle 27 aprile 2010 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

No, il mio gatto... crede di essere un pastore tedesco e nega sia mai esistita l'inquisizione spagnola.

 
Alle 27 aprile 2010 22:51 , Anonymous thetransisters ha detto...

superratzinger

 
Alle 27 aprile 2010 22:51 , Anonymous de la squeva ha detto...

esiste davvero un "coso" con quel nome buffo?
e magari suona pure post rock?

 
Alle 27 aprile 2010 22:52 , Anonymous thetransisters ha detto...

the transratzinger

 
Alle 27 aprile 2010 22:54 , Blogger Alligatore ha detto...

Si sente che siete stati in Cermania...

 
Alle 27 aprile 2010 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Ispirazione.

 
Alle 27 aprile 2010 22:55 , Anonymous thetransisters ha detto...

ja very wunderbar

 
Alle 27 aprile 2010 22:55 , Blogger Alligatore ha detto...

Dove trovate l’ispirazione?

 
Alle 27 aprile 2010 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

... a proposito di scrittura e ispirazione, mi piace citare Eddie Vedder: le idee migliori vengono nei momenti più inopportuni, quando non hai la possibilità di buttarle giù. Poi le dimentichi, e ti rimane il vago ricordo di una cosa grandissima....che rabbia.

 
Alle 27 aprile 2010 22:56 , Blogger Alligatore ha detto...

Mai capitato? Girate con un quadernetto o un registratore?

 
Alle 27 aprile 2010 22:57 , Anonymous thetransisters ha detto...

Sì abbiamo un quaderno dove scriviamo le cose per non dimenticarcele, ma non ci ricordiamo più dove lo abbiamo messo

 
Alle 27 aprile 2010 22:58 , Anonymous de la squeva ha detto...

the transratzinger
l'ennesima band transorella?
:D

 
Alle 27 aprile 2010 23:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Potrebbe pensarci ...

 
Alle 27 aprile 2010 23:01 , Anonymous thetransisters ha detto...

ormai siamo in tanti...

 
Alle 27 aprile 2010 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

C’è una canzone che rappresenta meglio il vostro sound?

 
Alle 27 aprile 2010 23:04 , Blogger Alligatore ha detto...

Il transorelle-sound.

 
Alle 27 aprile 2010 23:05 , Anonymous thetransisters ha detto...

intendevo noi trans...

 
Alle 27 aprile 2010 23:06 , Anonymous thetransisters ha detto...

Forse “Walking on a Blackhole” è il pezzo a cui siamo più affezionati, perché è uno dei primi che abbiamo scritto e abbiamo deciso di registrarlo di nuovo. Compare anche nel primo disco, “UnderControl”, e venne registrato da Geoff Turner, membro dei New Wet Kojac, side project dei Girls against Boys. Fu lui il nostro primo produttore/fonico, Geoff viene direttamente da Washington Dc, dalla scena punk della Dischord records, vedi Fugazi. Forse anche per questo “Walking on a Blackhole” è un nostro classico, è un pezzo pieno di esperienze e di ricordi

 
Alle 27 aprile 2010 23:10 , Blogger Alligatore ha detto...

Gira ora sul mio lettore cd...molto denso, rombante e libero. Un perfetto sbatticoda per me.

 
Alle 27 aprile 2010 23:11 , Blogger Alligatore ha detto...

“How To Irritate People” esce con la label indipendente veneta ScrivereMale. Come vi siete incontrati? Come prosegue il rapporto con loro?

 
Alle 27 aprile 2010 23:12 , Anonymous thetransisters ha detto...

felice di accontentarti allygator

 
Alle 27 aprile 2010 23:13 , Anonymous thetransisters ha detto...

Con la ScrivereMale ci troviamo molto bene, sono ragazzi in gamba e speriamo di proseguire la collaborazione per un lungo periodo. Ci siamo conosciuti durante un’intervista per il corriere della sera, per un articolo che parlava della scena musicale in veneto. Schiele ed Elettrofandango fanno parte della scuderia

 
Alle 27 aprile 2010 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Conosco, conosco, gli Elettrofandango sono già passati di qui.

 
Alle 27 aprile 2010 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

Dopo aver suonato molto in sud Italia, siete stati in tour in Germania. Come mai questa scelta? Come siete stati accolti dai tedeschi? Sorpresi di non trovare la solita musica italiana? …o il rock italico è ormai accettato e conosciuto?

 
Alle 27 aprile 2010 23:20 , Anonymous thetransisters ha detto...

In Germania ci siamo trovati benissimo. Lì ci trattano da rockstar e sanno bene come organizzare un concerto. Tutti i locali in cui abbiamo suonato sono fantastici, sempre pieni di gente completamente folle che mentre suoni ti spacca le casse spia da quanto si spinge. Siamo appena tornati da un tour di 8 date in giro per la Germania, ed è stata una delle esperienze migliori della nostra vita. Per quanto riguarda il rock italico, noi siamo poco italici, siamo più post-punk

 
Alle 27 aprile 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora passiamo al web...

 
Alle 27 aprile 2010 23:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Con Internet che rapporto avete da utenti?

 
Alle 27 aprile 2010 23:25 , Anonymous thetransisters ha detto...

Direi che Internet è un ottimo mezzo per divulgare la propria musica e per trovare agganci in giro per il mondo. Ora è molto più facile suonare in giro e mantenere i contatti con le persone. Una volta era impensabile una cosa del genere

 
Alle 27 aprile 2010 23:26 , Blogger Alligatore ha detto...

Quindi voi lo usate molto per la vostra attività di muscanti?

 
Alle 27 aprile 2010 23:27 , Anonymous thetransisters ha detto...

Myspace è stato importante per la nostra band, ci ha aiutato a farci conoscere in giro, anche facebook non è male. E’ bello suonare in giro e il giorno dopo avere messaggi di complimenti da persone sconosciute

 
Alle 27 aprile 2010 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Siete come me veneti, una zona dove girano o giravano i schei (i soldi, per chi non avesse capito). Tutto questo giro di schei ha portato qualche investimento in musica e/o cultura? Domanda retorica? …o era meglio nascere da qualche altra parte per “fare gli artisti”?

 
Alle 27 aprile 2010 23:29 , Anonymous thetransisters ha detto...

Ogni posto è buono per fare gli artisti. L’ispirazione la puoi trovare ovunque, soprattutto in una bottiglia di cabernet

 
Alle 27 aprile 2010 23:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora più cabernet, meno internet...

 
Alle 27 aprile 2010 23:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Il primo disco/cassetta della vostra vita? Quello acquistato intendo.

 
Alle 27 aprile 2010 23:33 , Anonymous thetransisters ha detto...

concordo

 
Alle 27 aprile 2010 23:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Almeno uno, per tutti, che rappresenti tutti, anche se è difficile...

 
Alle 27 aprile 2010 23:35 , Anonymous thetransisters ha detto...

La colonna sonora di Rambo. Primo disco acquistato, in vinile

 
Alle 27 aprile 2010 23:35 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi riferivo alla domanda che forse si è persa: il primo disco/cassetta della vostra vita? Quello acquistato intendo.

 
Alle 27 aprile 2010 23:36 , Blogger Alligatore ha detto...

Non me la ricordo...

 
Alle 27 aprile 2010 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto originale...

 
Alle 27 aprile 2010 23:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Del resto il primo lo è sempre, o quasi....

 
Alle 27 aprile 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Tra Joy Division e The Fall, tra Pere Ubu e The Clash, Stooges, … questo a leggere alcune recensioni e a sentirvi suonare.

 
Alle 27 aprile 2010 23:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Sono solo le solite masturbazioni mentali della critica oppure qualche contatto lo sentite? Altri, più nascosti e imprevedibili?

 
Alle 27 aprile 2010 23:39 , Anonymous thetransisters ha detto...

Te la consiglio. Anche se adesso preferisco quella di 1997 Fuga da New York di Jhon Carpenter

 
Alle 27 aprile 2010 23:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', Carpenter, quella me la ricordo (l'ha scritta lui stesso, se non sbaglio).

 
Alle 27 aprile 2010 23:40 , Anonymous thetransisters ha detto...

Per quanto riguarda le influenze i Fall e i Joy Division sono i nostri genitori, gli altri sono per lo più conoscenti. Comunque nominerei anche i Sonic Youth, un classico

 
Alle 27 aprile 2010 23:41 , Blogger Alligatore ha detto...

E i Velvet Underground...

 
Alle 27 aprile 2010 23:42 , Anonymous thetransisters ha detto...

Sì Carpenter scriveva sempre le sue colonne sonore, musica elettronica minimale horror

 
Alle 27 aprile 2010 23:43 , Anonymous thetransisters ha detto...

Bhè i Velvet Underground non li ho detti perchè erano scontati

 
Alle 27 aprile 2010 23:44 , Blogger Alligatore ha detto...

E allora: perché fate musica? Per liberarvi dai demoni interiori? Per essere amati? Perché vi piace?

 
Alle 27 aprile 2010 23:44 , Anonymous thetransisters ha detto...

Il secondo album "White Light/White Heat" è supremo

 
Alle 27 aprile 2010 23:45 , Blogger Alligatore ha detto...

Un buon motivo per fare musica.

 
Alle 27 aprile 2010 23:46 , Anonymous thetransisters ha detto...

Noi facciamo musica perché non abbiamo voglia di lavorare, credo

 
Alle 27 aprile 2010 23:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Il famoso: sempre meglio che lavorare... fantastico, propongo un brindisi.

 
Alle 27 aprile 2010 23:48 , Anonymous thetransisters ha detto...

cheers!

 
Alle 27 aprile 2010 23:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Marzullata finale: una domanda che non vi ho fatto, una risposta e poi tutti a nanna ...

 
Alle 27 aprile 2010 23:49 , Anonymous thetransisters ha detto...

Domanda: Cosa vi aspettate per il futuro?
Risposta: Nobody expect the Spanish Inquisition!

 
Alle 27 aprile 2010 23:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Mi sembra al passo con i tempi.

 
Alle 27 aprile 2010 23:51 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Transisters, è stato un vero onore.

 
Alle 27 aprile 2010 23:52 , Anonymous thetransisters ha detto...

grazie ally
alla prossima!

 
Alle 27 aprile 2010 23:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a voi e grazie anche a Pacorella Scompiglio (come farei senza di lei e senza il Teroldego?) e all'amico de la squeva ...

 
Alle 27 aprile 2010 23:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Buonanotte e buonafortuna Transisters...

 
Alle 27 aprile 2010 23:58 , Anonymous thetransisters ha detto...

Buonanotte a tutti
un grazie dai Transisters

 
Alle 29 aprile 2010 10:11 , Blogger drunkenbutterfly ha detto...

un due tre, prova...

 
Alle 2 maggio 2010 16:15 , Anonymous iggy ha detto...

vengo dall'ascoltarli su myspace e, in tutta franquezza, debbo dire che mi piacciono ;-)
thanks ally

 
Alle 2 maggio 2010 16:41 , Blogger Alligatore ha detto...

@drunkenbutterfly
Mi sembra avete capito tutto...prova funzionante.
@iggy
Meno male, altrimenti cancellavo il tuo messaggio ;-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page